Se sei un familiare o un amico........

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
Rispondi
linetta
Membro
Messaggi: 1892
Iscritto il: mar 15 mag 2012, 23:41

Messaggio da linetta » mar 31 lug 2012, 12:51

Marshall, lo so, è dolorosissimo e crudele, ma cerca di non richiuderti in te stesso, quello fa malissimo e non rende giustizia a quello che hai fatto per lei, anche le "bugie" sono state solo amore, secondo me. Te lo dico perchè anche io ho fatto altrettanto.

Un abbraccio, Marshall, mi spiace per la disoccupazione, è un periodo terribile ma non farti schiacciare se puoi, ti ripeto e raccomando di non stare solo...

Un grande grande abbraccio

Linetta


giulia1978
Membro
Messaggi: 102
Iscritto il: lun 27 feb 2012, 16:40

Messaggio da giulia1978 » mar 31 lug 2012, 14:30

Marshall... la vita diventa un attimo quando penso che per rivederla dovrò attendere quel momento. E tutto sembra svanire... perde consistenza e la certezza che avevo nella vita non c'è più. Prima credevo che per tutti sarebbe arrivata la vecchiaia, che le cose brutte capitavano solo agli altri e mi facevano pena, gli altri. Oggi penso di più a me, ai miei figli che non debbano passare ciò che ho passato io...
Un abbraccio


saretta271079
Membro
Messaggi: 103
Iscritto il: gio 5 mag 2011, 2:55

Messaggio da saretta271079 » mar 31 lug 2012, 17:53

Ciao Marshall

ti posso assicurare che il dolore che hai dentro nn svanirà mai,

ma dal mio punto di vista sbagli a scappare come senti parlare di cancro e a nn affrontare il tuo dolore, nn ti farà stare meglio ma serve a conviverci meglio.

Io per esperienza personale ho trovato molta più forza così..

poi io ho la "fortuna " di avere amiche che hanno e stanno passando la stessa cosa mia e anzi se posso aiutarle in qaulsiasi cosa anche solo stare in silenzio ma avere vicino una persona che sa e ci è passata serve.

è una doppia terapia per loro e per me.

Pensa che sono diventata anche volontaria in croce verde dopo la morte di mia madre e nn sai che soddisfazione immensa vedere chi ha bisogno che si affida a te perchè c'è l'empatia, perchè tu capisci e li tratti in modo diverso da come fanno i miei colleghi .

Sto anche affrontando da sola i test genetici.. a ottobre dovrei sapere se ho il gene..

visto che la vita è troppo breve e noi lo capiamo benissimo bisogna viverla al meglio e con il motto tutto subito..la vita dopo questa batosta cambia.. sta a noi renderla più sopportabile .


Monny
Membro
Messaggi: 161
Iscritto il: gio 12 lug 2012, 2:07

Messaggio da Monny » mar 31 lug 2012, 19:21

Ciao Saretta,sono d'accordo con te purtroppo ho perso mia mamma una settimana fa e non e' facile perché cambia tutto pero' cerco di non scappare dai problemi,a volte vorrei anch'io solo piangere ma non lo faccio perché mi rendo conto di farmi solo del male,preferisco stare in compagnia di amici piuttosto che piangermi addosso tutto il giorno anche perché so che lei mio vorrebbe vedermi così,visto che durante gli anni della malattia non l'ho mai fatto,ho la consapevolezza che lei ha sofferto talmente tanto pero' non ci ha mai fatto pesare la sua sofferenza e io devo prendere esempio da lei trovando in me la stessa forza per andare avanti!!Non dobbiamo aver paura di chiedere aiuto se non ce la facciamo ma dobbiamo reagire come hanno fatto loro combattendo questa terribile malattia!!!La loro forza ora dev'essere la nostra!!

@ Marshall ci vuole coraggio per andare avanti!!!


saretta271079
Membro
Messaggi: 103
Iscritto il: gio 5 mag 2011, 2:55

Messaggio da saretta271079 » mer 1 ago 2012, 17:01

cara monny

piangere fa bene.. serve a liberarsi .

io dopo 16 mesi piango ancora come una bambina... nn me ne vergogno, è un modo come un altro per scaricare un pò di nervoso...

hai ragione le nostre mamme nn vorrebbero vederci così ma sono fatta di emozioni e sentimenti e reprimerli nn serve...il corpo si nutre di queste cose e di ammalarmi ancora di più non ne ho voglia.

quindi sono per lo sfogo libero ogni tanto.

Stare insieme agli amici serve ma la testa finisce sempre lì per quello che mi riguarda.

con il tempo forse le cose cambieranno.. oer ora si va avanti .

Un abbraccio immenso


Monny
Membro
Messaggi: 161
Iscritto il: gio 12 lug 2012, 2:07

Messaggio da Monny » mer 1 ago 2012, 18:30

Ti assicuro che non sto reprimendo niente, e' che ho pianto talmente tanto quando lei era in ospedale,sopratutto gli ultimi giorni quando ormai era alla fine!Certo se vedo una sua foto mi vengono le lacrime pensando a lei che non c'è piu' pero' quandoo faccio mi rendo conto di stare peggio e non di sfogarmi,allora preferisco evitarlo ma se sono in compagnia parlo sempre di lei e per me e' quello il mio sfogo e il modo migliore per ricordarla,non faccio la forte apposta sono sempre stata cosi di carattere,figurati che 15 anni fa quando lei ha saputo d'avere un tumore al seno io l'ho sempre sostenuta senza mai piangere,mi sono sfogata solo il giorno della sua operazione perché ero sola in casa!Negli ultimi 6 anni ne ha passate di cotte e di crude,non solo per il tumore e non ha mai ceduto a rabbia o quant'altro ha sempre sopportato tutto con un sorriso e questo e' quello che sto facendo io,poi ci saranno momenti di sfogo o di sconforto ma non devono essere quelli a farli da padrone!Comunque scrivere in questo forum mi permette di sfogarmi e per me questo e' gia' molto importante!!Ti mando un abbraccio!!


valentina06
Membro
Messaggi: 49
Iscritto il: mar 7 feb 2012, 20:13

Messaggio da valentina06 » mer 1 ago 2012, 19:20

ciao a tutti, vi seguo sempre, ma non riesco a scrivere quanto vorrei per questioni di tempo.

ho letto i vostri ultimi post e quando ho letto quello di Monny qui sopra ... bè, mi sembrava di essere stata io a scriverlo!

Monny, sostengo in pieno tutto quello che hai scritto e che pensi, dalla prima all'ultima riga. L'iter di mia mamma non è stato così lungo, anzi, è stato molto, molto breve, però mi sento di sottoscrivere ogni parola.

Anche io ho pianto talmente tanto quando era in vita (sembra assurdo ...) che ora non mi viene da piangere. sembra assurdo davvero ....

Ovvio, anche io ho i miei momenti di sconforto e quando la vado a trovare al cimitero piango ogni santa volta, non ne salto una, però, come dice Monny, non devono essere i momenti di sconforto a impadronirsi della nostra vita.

Anche lei nella sua vita ha affrontato tanti problemi, ma nemmeno io l'ho mai vista farlo con rabbia o tristezza e anche lei ha perso il suo papà quando aveva 30 anni e aspettava me. quindi io VOGLIO vivere serenamente, ricordandola SEMPRE E COMUNQUE e parlando di lei con gli amici.

Io sono contenta di dove lei è adesso, mi manca, manca a tutti noi, questo è chiarissimo, però io la so serena e felice e quindi non posso non essere felice per lei. Certo, avrebbe voluto viverla ancora per tanto questa vita, ma la morte è purtroppo una cosa naturale. Non la sto accettando passivamente, la sto accettando con serenità.

Linetta, Mariasole, è sicuramente diverso perdere un compagno con il quale di progettava una vita insieme, non voglio assolutamente giudicare nessuno, ci mancherebbe altro, volevo solamente dire la mia .....

un abbraccio a tutti voi


linetta
Membro
Messaggi: 1892
Iscritto il: mar 15 mag 2012, 23:41

Messaggio da linetta » mer 1 ago 2012, 19:48

Ciao Valentina, ciao Monny,

non c'e' un modo standard di vivere il dolore, e' un'esperienza talmente intima che non va giudicata mai ma accolta e basta.

Il vostro modo di vivere quest'esperienza mi sembra molto costruttivo per voi, segno di gran riconoscimento per le vostre mamme.

Non tutti riescono a gestire l'assenza come voi, c'è chi si dispera e si chiude in un rabbioso silenzio, chi cerca gli altri ed esterna pensieri ed emozioni..

A me piace parlare di Dani, non c'è un momento della giornata in cui lui non sia nelle cose che faccio. Parlo di lui quando posso, quando sento il bisogno di pronunciare quel nome, raccontare le sue cose. Poi a volte mi sento svuotata, e' emozionante parlarne ma e' tutto stridente, alla fine, con la sua assenza..

Ognuno fa come può e sa a seconda dei momenti..

Mie care, siete bravissime e lo e' anche Saretta che si sfoga piangendo, perché il dolore e' importante venga fuori e non si depositi nella nostra anima.

Abbiamo queste assenze piene d'amore con le quali convivere, noi siamo rimasti e a noi e' rimasta la faccia più beffarda del cancro con cui fare i conti..

Vi abbraccio fortissimo fortissimo


saretta271079
Membro
Messaggi: 103
Iscritto il: gio 5 mag 2011, 2:55

Messaggio da saretta271079 » mer 1 ago 2012, 19:50

Brava Monny ,

ti capisco in pieno il mio calvario con mia mamma è durato ben 16 anni.

e anche io non ho mai ceduto, solo quando mi hanno detto che erano rimasti sei mesi e poi è stato un mese solo.

E come te ne ho passate di tutti i colori oltre alla malattia di mia madre , ma a 360 gradi e nell'ultimo anno di vita di mia mamma cercavano il cancro a me per dei problemi di salute..ti lascio capire quanta forza ho..

parlo sempre anche io di lei con i miei amici è come averla in vita...MAGARI !!

Qui si ti sfoghi davvero tanto e anche se sembra assurdo trovi anche degli amici/che , e sai qual 'è la cosa bella ??che nessuno ti regala delle parole tanto per... tutte sincere...

Valentina06 anche la mia mamma nn ha avuto una vita facile è rimasta orfana a 16 anni ed ha sempre affrontato tutto con un sorriso come ha cercato di insegnare a me...

vi abbraccio ragazze


Monny
Membro
Messaggi: 161
Iscritto il: gio 12 lug 2012, 2:07

Messaggio da Monny » mer 1 ago 2012, 19:52

Io a differenza tua non riesco ancora ad andare al cimitero e come ho detto prima faccio fatica a vedere una sua foto ma dentro di me penso sempre a quanto a sofferto,due anni fa ha avuto una broncopolmonite e prima del ricovero io non riuscivo a dormire perché ero terrorizzata che potesse avere un arresto cardiaco durante la notte e in casa!Comunque so che se voglio sfogarmi ho la mia amica che l'ultimo giorno di vita di mia mamma lei e' venuta in ospedale per stare con me e per sostenermi,poi al pomeriggio sono stata a casa sua cin mia mamma c'era sua zia che l'ha cresciuta e quando ho ricevuto la terribile chiamata lei mi e' stata vicino!io sono consapevole che lei non c'è piu' perché quelle parole mi ritornano spesso in testa ma come ho detto lei non ha mai fatto pesare le sue sofferenze agli altri e chi l'ha conosciuta ha visto la sua forza ed e' a quella che io voglio aggrapparmi con tutte le mie forze!!Ti ringrazio per le tue parole,ciascuno di noi reagisce alle situazioni in modo diverso ma il confrontarci e confortarci aiuta a sopportare le situazioni in modo meno pesante!!!Un abbraccio!!
@ Linetta ben tornata tra noi con il tuo modo sempre positivo di sostenerci!!!Un grandissimo abbraccio!!!


 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Raccontiamoci”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: jeanjean, Yahoo [Bot] e 4 ospiti