Se sei un familiare o un amico........

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
mariasole
Membro
Messaggi: 82
Iscritto il: sab 23 apr 2011, 20:58

Messaggioda mariasole » ven 3 ago 2012, 2:29

.....stesso mio terrore...ora che non c'è più il suo papà lei ha bisogno di me....sono terrorizzata che possa accadere qualcosa anche a me....

Un abbraccio.


linetta
Membro
Messaggi: 1892
Iscritto il: mar 15 mag 2012, 23:41

Messaggioda linetta » ven 3 ago 2012, 3:13

Lo immagino, penso spesso che chi vive un'esperienza così profonda ed ha la responsabilità di accudire dei figli, piccoli o grandi che siano, non possa non avere questa paura. Deve essere intollerabile l'idea che chi amate così tanto possa vivere le angosce e la disperazione che avete vissuto voi.

Vi abbraccio forte, ciao a tutte


linetta
Membro
Messaggi: 1892
Iscritto il: mar 15 mag 2012, 23:41

Messaggioda linetta » ven 3 ago 2012, 4:22

Buona notte miei cari amici, a chi scrive spesso e a chi scrive poco, a chi legge soltanto ma c'è sempre...

Vi abbraccio forte, è una notte molto calda ed invasa dalle zanzare...o forse dovrei dire che è una notte, come al solito, invasa da una profonda nostalgia..

Buona notte a tutti, ciao Giulia se stai leggendo e ciao carissimo Giuseppe..

Un bacione a tutte le mie care compagne di viaggio..Mariasole, Monny, Camaluda, Saretta, GIORNOPERGIORNO, Crinick, Luglio64, Frollina, tutte voi...

ciao, Linetta


GIUSEPPE
Membro
Messaggi: 734
Iscritto il: gio 14 ott 2010, 20:26

Messaggioda GIUSEPPE » ven 3 ago 2012, 12:48

Grazie Linetta, abbiamo "uno sfasamento temporale", leggo al mattino (sono le 7.20)quello tu scrivi la sera;auguro a te e alle persone da te citate di trascorrere una buona giornata.

Comprendo la paura di Mariasole, Giulia,Valentina. Ricordo che da bambino, siamo negli anni cinquanta, povertà e miseria del dopo guerra, vivevo nel terrore di perdere i miei genitori. ........Nel 1977 nasce mia figlia, lavoro intensamente, ho paura di stare male e di lasciare soli mia moglie e mia figlia.......Oggi, oggi, a volte ho paura che mi possa ritornare il cancro. E' proprio la mia diretta esperienza tumorale che mi stimola ad avere meno paura: in qualunque stagione al mattino prima di fare colazione guardo fuori e penso è una bella giornata anche quando piove, o la nebbia non mi consente di vedere oltre il balcone......

In buona sostanza viviamo la giornata, con le nostre paure ma anche apprezzando i frammenti di vita bella relazionandoci con i figli, con gli amiciecc.


luglio 64
Membro
Messaggi: 43
Iscritto il: gio 21 giu 2012, 1:54

Messaggioda luglio 64 » ven 3 ago 2012, 12:57

Grazie Linetta. Io sono tra quelle persone che leggono sempre ma scrivono poco. Quando si hanno dei figli si vivono sentimenti contrastanti almeno per quanto mi riguarda. Da una parte c'è il terrore che capiti qualcosa anche a me dall'altra il più completo disinteresse per la vita. Non c'è momento della giornata che io non mi chieda perchè sono dovuta sopravvivere a lui. Sono ormai passati quasi sette mesi (già sette mesi!) ma il dolore e lo smarrimento non sono mutati in niente ogni mattina spero che aprendo gli occhi mi accordo che ho fatto solo un brutto sogno ma poi la realtà mi investe e sprofondo nella più cupa disperazione che mi accompagna in ogni momento. Purtroppo mi trovo ancora a dover ascoltare tante frasi di incoraggiamento che per me non hanno senso e che vorrei tanto che le persone si risparmiassero soprattutto quando vengono da chi non conosce questo atroce dolore. Un caro saluto a tutti.


linetta
Membro
Messaggi: 1892
Iscritto il: mar 15 mag 2012, 23:41

Messaggioda linetta » ven 3 ago 2012, 15:48

Grazie Giuseppe per le tue parole dalle quali traspare sempre amore e profondo rispetto per la vita. Si e' vero, siamo un po' sfasati con i tempi di risposta..

Luglio64, davvero ci chiediamo perché siamo sopravvissute, anche loro lo farebbero al nostro posto.. E' umano pensarlo quando la disperazione e' così tenace.

Ti capisco bene, non ci sono frasi di conforto possibili ( forse mettono la coscienza a posto di chi le rivolge), la quotidianità ha un alto prezzo da pagare. Le tue figlie saranno partecipi a questo stato di cose, vanno anche protette e immagino che questa dia una fatica in più che stride con il tuo attuale disinteresse per tutto.. Cosa dirti mia carissima, la soluzione non c'è, resta solo l'andare avanti seppur con qualche caduta, vivere ogni giorno ripromettendosi di dedicare un gesto d'amore a chi sarebbe orgoglioso di noi.. Dare un abbraccio alle tue figlie, preparare loro qualcosa di buono.. Costa fatica lo so ma precipitare nell'abisso non rende giustizia.

Ecco, vedi, ci sono cascata anche io a darti consigli.. Spero tu li accolga leggendo l'affetto che sento per te..


mariasole
Membro
Messaggi: 82
Iscritto il: sab 23 apr 2011, 20:58

Messaggioda mariasole » ven 3 ago 2012, 18:44

Buongiorno Linetta, Luglio64, Giuseppe, Camaluda, Monny Paola e tutti......oggi sono invasa da un'ansia allucinante....non so perchè....forse perchè domani parto per la Calabria con mia figlia...e lascio per la prima volta sola mia suocera....come starà sola per due settimane???.....da quando si è ammalato Denis ci siamo trasferiti da lei...e da allora pur avendo casa siamo rimaste da lei....lei è vedova e Denis era il suo unico figlio....non ha nessuno se non noi....mi sembrava giusto staccare un pò....ma mi sento così in colpa che mi sento male! Che strana la vita....per me non è una suocera ma una mamma....nutro sentimenti così profondi per lei....a volte penso che Denis abbia trasferito a me i sentimenti che lui provava per sua mamma....! Scusate lo sfogo...ma oggi il pensiero di lei sola, e quest'ansia mi soffoca!


linetta
Membro
Messaggi: 1892
Iscritto il: mar 15 mag 2012, 23:41

Messaggioda linetta » ven 3 ago 2012, 20:36

Mariasole mia cara, sai credo che un po' staccare faccia bene ad entrambe, a te e a questa tua mamma acquisita, perché forse e' anche giusto restiate da sole con quello che provate per Denis.. Istintivamente hai fatto la cosa giusta nel decidere per questa piccola vacanza.. Poi forse anche la tua bambina ha bisogno di stare un po' sola con te..

Capisco la tua ansia prima della partenza, ma vedrai che non accadrà nulla di temibile, come vedi il tempo passa e ritornerai a casa con qualcosa di nuovo da raccontarle..

Anche io metto radici profonde nei sentimenti, ma spesso mi sono resa conto che e' più una mia percezione, quella di non allontanarmi, che una reale necessita da parte degli altri, quelli nei quali mi sono "radicata" ( diciamo così).

Ti penserò domani, sarò con te col cuore, aspetto di leggerti da li o al tuo ritorno..

Mariasole cara, ma tanto cara, e' difficile ogni cosa, hai ragione.

Un grande abbraccio a te ed alle donne di casa..

Linetta


GIUSEPPE
Membro
Messaggi: 734
Iscritto il: gio 14 ott 2010, 20:26

Messaggioda GIUSEPPE » ven 3 ago 2012, 20:36

Mariasole Cara,

parti pure, abbandona l'ansia, trascorri un periodo il più possibile riposante; sono certo che il tuo caro Denis vorrebbe il tuo viaggio in Calabria. Apprezzo quello che fai per tua suocera, veramente un nobile sentimento. Proprio così, "Denis ti ha trasferito i sentimenti che lui provava per sua mamma"; per converso tua suocera proietta su di te i pensieri e le parole che avrebbe continuato a dedicare al figlio.

Porgo a te e a tua figlia un caro saluto e l'augurio a che il soggiorno in Calabria possa esservi di aiuto fisicamente e soprattutto psicologicamente.

Giuseppe


linetta
Membro
Messaggi: 1892
Iscritto il: mar 15 mag 2012, 23:41

Messaggioda linetta » sab 4 ago 2012, 3:33

Allora...un bacione a Mariasole!! Ti penso moltissimo.

Linetta



 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Torna a “Raccontiamoci”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 7 ospiti