Se sei un familiare o un amico........

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
Rispondi
Monica
Membro
Messaggi: 19
Iscritto il: dom 20 giu 2010, 20:34

Messaggio da Monica » dom 1 ago 2010, 4:16

E' cosi'strano come in questo forum si leggano frasi e pensieri che senti ti appartengono. Cara figlia980 hai scritto cio' che sento anche io. Mi sembra di fare x mia madre molto meno di quanto lei abbia fatto x me in tutti questi anni. Ma questo forse e'il destino di noi genitori che diamo tutto il possibile ai nostri cuccioli. Pero' siamo in tempo per recuperare; tanto o poco ke sia il tempo che ci viene dato, dobbiamo cercare di renderlo il piu' sereno possibile. Anch'io vivo nella paura che la situazione di mia madre migliori sempre piu'. Vorrei averla con me per tanto tempo. Ma poi penso che non vorrei vederla soffrire troppo sarebbe egoismo puro. Sempre contradizioni...


alessandra
Membro
Messaggi: 39
Iscritto il: mar 1 giu 2010, 18:23

Messaggio da alessandra » lun 2 ago 2010, 3:31

Cara figlia e Cara Monica... le vostre parole sono il mio pensiero..

Mia mamma mi sta abbandonando e anche se sono mamma mi sento ancora troppo figlia..

Mi sento sola , mi sento vuota ma soprattutto mi sento impotente davanti alla sua sofferenza..

Un abbraccio..

Ale


figlia980
Membro
Messaggi: 11
Iscritto il: dom 18 lug 2010, 4:15

Messaggio da figlia980 » lun 2 ago 2010, 5:26

purtroppo cara monica e alessandra io sono solo figlia ora,non riesco a capire molti degli atteggiammenti che i miei hanno adottato con me e mio fratello da quando mia madre ha scoperto un'anno fa il tumore,loro ci hanno lasciato fuori,e quindi noi oggi ci ritroviamo improvvisamente catapultati nella dura realtà...prima eravamo partecipi ma indirettamente ora è diverso!quello che stò odiando ora è mio padre,ha rinunciato a tutto,per lui nn esiste una speranza,io sono consapevole che mia madre non guarirà,ma desidero che la sua qualità di vita migliori,che il tempo che le rimane lo passi come una persona normale...e invece stà solo soffrendo,peggiora il dolore,lei non stà più mangiando,si stà abbattendo e io stò li che tento a fare ciò che mi è possibile,ma niente....non so più cosa fare,e mi sento sola nell'affrontare tutto questo...mio padre si è chiuso,mio fratello tenta,e peggio ancora mia madre stà allontanando tutte le sue sorelle e piano piano stà allontanando anke noi...me...sono disperata


alessandra
Membro
Messaggi: 39
Iscritto il: mar 1 giu 2010, 18:23

Messaggio da alessandra » mar 3 ago 2010, 1:27

Cara figlia.. io la vivo da 12 anni la malattia di mia madre.. pensa che oggi sono stata con lei e ha parlato con me del suo funerale...

Mi dice che non arriverà all'inverno e io la guardo senza sapere cosa risponderle..

Ormai vive solo con attacchi di panico e depressione... passa la giornata a letto e mia mamma era una tosta davvero !!

Mio padre e i miei fratelli hanno sempre vissuto la malattia in seconda persona perchè avanti c'ero io.. ora mi guardano come per chiedermi di aiutarla ma purtroppo non c'è piu' nulla da fare..

Pensa che non riesco piu' nemmeno a piangere e mi sento in colpa pure per questo... Io non ne posso piu'... la MIA VITA è un INCUBO... !!
Un abbraccio a tutti

Ale


Monica
Membro
Messaggi: 19
Iscritto il: dom 20 giu 2010, 20:34

Messaggio da Monica » mar 3 ago 2010, 3:45

Cara figlia980 e Cara Alessandra noi saremo figlie anche a 80 anni! Credo che ognuno affronta la malattia in modo diverso. Mia madre dopo un primo momento di dolore incertezza e depressione sta reagendo. Sta affrontando la terapia con coraggio. Ho sempre pensato che la mia mamma fosse questa e non quella depressa e piangente in ospedale. Io mi son molto arrabbiata con mio padre perche' quando mia madre ha iniziato a star male ha sottovalutato la situazione. Quando abbiamo scoperto l'origine della malattia l'ho visto cosi' tantodistrutto che non me la son sentita di infierire. D'altro canto, il fatto che io fossi impegnata con il lavoro e i miei bimbi ha fatto si che si occupasse in prima persona delle necessita' di mamma come lavarle la biancheria etc. Almeno lo teneva occupato. Era comunque mio l'onere di parlare con i medici e prendere di volta in volta colpi allo stomacco. Mio fratello invece era piu' distante. Non dico certo che non fosse preoccupato o provato, solo sapeva che comunque c'ero io a preoccuparmi di tutto. L'ho rimproverato aspramente quando non ha fatto visita a mia madre per qualche giorno. Lui ha reagito senza sembrare particolarmente preoccupato. Anche mia mamma mi ha parlato del suo funerale a partire dal vestito e finendo con la foto da usare. Io non le ho dato troppo peso perche' mi ha spiegato che quando sei malatta pensi a queste cose. Ho capito che dirmi quelle cose l'ha resa piu' Serena e allora va bene cosi'. Vorrei evitarle ogni sofferenza ma so che non e' in mio potere posso solo cercare di godere il piu' possibile della sua compagnia, farle vedere crescere i suoi nipoti e cercare di imparare ancora tante cose. Io ho tanto bisogno di lei per questo le ho chiaro di lottare e di essere forte. Cerco di essere forte ma in fondo sono molto debole. Non voglio farle capire quanto sono spaventata. Perche' quando ha saputo della malattia lei si e' preoccupata per noi. Mi fa bene leggere di storie come la mia e capire che i sentimenti sono gli stessi. Vi abbraccio. Monica


figlia980
Membro
Messaggi: 11
Iscritto il: dom 18 lug 2010, 4:15

Messaggio da figlia980 » mar 3 ago 2010, 19:11

le mie speranze sono completamente sparite,mio padre è andato a milano a parlare con un'oncologo,ma lui...come altri dottori non ci hanno dato speranze,non si può più fare nulla...ora io vorrei slo che tornasse a casa perchè saperla dentro l'ospedale che continua ad abbattersi mi fa solo star male...lei,il periodo che gli rimarrà lo deve passare a casa con noi...anke se non potrò mai accettare che lei se ne stia andando e mi lascia sola...


Monica
Membro
Messaggi: 19
Iscritto il: dom 20 giu 2010, 20:34

Messaggio da Monica » mar 3 ago 2010, 20:40

Cara figlia980, non sai quanto mi rattrista leggere queste parole. Valuta con i tuoi famigliari cosa è meglio fare per la tua mamma, ma soprattutto parla con lei per capire cosa lei vorrebbe. Probabilmente preferirà stare con voi a casa che non in una struttura ospedaliera. Non accetterai mai il fatto che una persona estremamente importante nella tua vita ti stia lasciando. Si possono dire tante parole, tante belle frasi, ma resteranno solo questo, .. belle frasi. Dirti che lei sarà sempre con te mom ti farà stare bene perchè quello che noi vogliamo è avere vicino la persona alla quale vogliamo bene allungare la mano per stringere la sua... Saprai reagire e dopo il pianto troverai un pò di serenità. Ti abbraccio e non so cos'altro dire se non che mi dispiace moltissimo. Bacio


alessandra
Membro
Messaggi: 39
Iscritto il: mar 1 giu 2010, 18:23

Messaggio da alessandra » mer 4 ago 2010, 1:36

Anche stasera sono qua.. Rientrata da una giornata di lavoro infernale e sola..

Ho mandato la mia bimba e mio marito al mare perchè anche loro hanno diritto a svagarsi un pò ed io al momento non sono la persona guista per far trascorrere alla mia famiglia giornate allegre e spensierate..

Anche per la mia mamma non c'è piu' nulla da fare e quindi cara FIGLIA ti capisco benissimo.. Ho smesso di dormire di notte e quando mi sveglio sono bagnata di lacrime..

Oggi ho strascorso due ore nella pausa pranzo com mia mamma e provavo ad immaginare la casa senza di lei .. mi sentivo morire !!!

Settimana prossima andrò da uno psichiatra per chiedere aiuto perchè davvero dopo 12 anni non ho più forze... Ho bisogno di una mano e non so dove sbattere la testa.

Ovunque mi giro mi sento senza via d'uscita e a volte mi manca davvero l'ossigeno per respirare...

Ho una figlia che AMO DA MORIRE ma nonostante questo nemmeno in lei trovo la forza per andare avanti ( INCREDIBILE !!)

Sto davvero a pezzi !!

Un abbraccio a tutti, Ale


Monica
Membro
Messaggi: 19
Iscritto il: dom 20 giu 2010, 20:34

Messaggio da Monica » gio 5 ago 2010, 13:40

Alessandra sono convinta che riuscirai a superare questo stato, e che tu lo creda o no, sarà la tua bambina a darti la forza di andare avanti. Quando mia mamma è stata male, davanti a lei cercavo di essere forte e sorridente, mentre a casa erano lunghi pianti disperati, anche perchè non ho avuto l'appoggio della persona che mi avrebbe dovuto sostenere (ma questo è tutto un altro discorso!). Solo quando i miei bimbi un giorno si son avvicinati a me chiedendo il perchè del pianto e mi hanno abbracciato dicendomi che mi vogliono bene ho capito che loro non dovevano subire tutta la tensione e la tristezza. Sono la mia ancora di salvezza e tutta la mia vita! Cerca di essere forte. Ti abbraccio.


mi
Membro
Messaggi: 15
Iscritto il: mer 21 lug 2010, 5:18

Messaggio da mi » gio 5 ago 2010, 19:24

Salve, io non so se riuscite a leggere quello che scrivo oppure lo saltate perchè non mi conoscete.

Ad ogni modo ho bisogno di aiuto.

Mia mamma dopo 1 anno di chemio e tanto mazzo adesso ha una metastasi all'osso sacro e non vuole ne sapere ne far sapere piu nulla sulle sue condizioni di salute.

Io non so come aiutarla e come farle capire che piu cose sappiamo piu possiamo continuare a cercare ed a sperare...Vi prego di aiutarmi a capire come posso riuscire a convincerla a parlare di questa cosa o con me o con uno psicologo...Apparentemente si mostra come la persona piu serena del mondo...io sono nel pieno del panico...


 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Raccontiamoci”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 10 ospiti