sono triste

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
Rispondi
Avatar utente
Monik
Membro
Messaggi: 720
Iscritto il: ven 2 dic 2011, 17:48
Località: Lignano Sabbiadoro (Ud) Friuli Venezia Giulia
Contatta:

Messaggio da Monik » ven 2 dic 2011, 18:23

Mi sento triste x le "cose negative" che accadono tutti i giorni....ad ognuno di noi. Ho visto e sentito morire _1 anno fa_ mio fratello Vittorio di carcinoma gastrico.

Non eravamo legati da chissà quale affetto o amore, ma sapevamo di esistere reciprocamente e, di non essere soli.


Monik

Avatar utente
Monik
Membro
Messaggi: 720
Iscritto il: ven 2 dic 2011, 17:48
Località: Lignano Sabbiadoro (Ud) Friuli Venezia Giulia
Contatta:

Messaggio da Monik » gio 25 ott 2012, 16:13

Tutti sappiamo scrivere.

Non è detto però, che tutti sappiano mettere nero su bianco.

Ognuno racconta, condivide, descrive, rivive il trascorso "disumano" dei propri cari...
Perchè invece chi scrive l'essenza di ciò che vorrebbe esprimere, senza entrare nel vissuto, non è degno di conforto?


Monik

paolo60
Membro
Messaggi: 242
Iscritto il: ven 5 ott 2012, 16:34

Messaggio da paolo60 » gio 25 ott 2012, 16:27

Cara Monik quello che posso dirti è di pensare a quello che tuo fratello ti ha lasciato. Hai il suo stesso sangue, il tuo stesso dna e sopratutto ti porti sicuramente un po di lui anche nel carattere. Vivilo come un ricordo presente e non al passato e questo ti aiuterà parecchio. Poi per tante cose brutte che la vita da ci sono anche tante cose belle e quindi vivile più che puoi. Ciao


angiame
Membro
Messaggi: 2785
Iscritto il: lun 11 giu 2012, 21:21

Messaggio da angiame » gio 25 ott 2012, 16:38

Ciao monik

Vorrei poterti dire la mia...

so che magari ti potrà sembrare strano ma per quanto mi riguarda non ho tanti amici (ho due figlie piccole e quindi non posso molto fermarmi a chiacchierare perché i miei occhi sono sempre su di loro) gli altri hanno visto questo mio modo come un non voglio parlare con voi e non che non posso. Eppure sono genitori anche loro... purtroppo so che non tutti sono così ma la gente vede il marcio ovunque... e per quanto riguarda i nostri casi solo se l'altra tiene a te si preoccupa se no ti dice mi spiace... ora magari esco dal discorso ma ti voglio raccontare cosa mi è successo un paio di giorni fa dal panettiere. C'era una signora che stava parlando di eutanasia lei non accettava questa scelta e ho voluto dire la mia in breve... la mia mamma ha una bestia metastatica in fase terminale e gli ho detto nel momento in cui mia mamma non sarà più una persona in grado di capire cosa gli sta succedendo cioè niente più dolore niente più sentimenti niente più gioia niente più rabbia ... insomma quando vedrò spenta la vita di mia mamma allora gli ho detto si se si potesse fare lo fare... non ti dico cosa ha risposto perché non saprei cosa dirti visto che le mie orecchie si erano chiuse... l'ho guardata e gli ho detto si vede che lei non ha mai provato un dolore così forte... io preferirei non vederla più che vederla star male così... sai che nei suoi occhi ho capito che aveva capito... solo chi prova sa... è vero purtroppo! Scusami se mi sono dilungata.

ti abbraccio forte

Ambra


Avatar utente
Monik
Membro
Messaggi: 720
Iscritto il: ven 2 dic 2011, 17:48
Località: Lignano Sabbiadoro (Ud) Friuli Venezia Giulia
Contatta:

Messaggio da Monik » mar 30 ott 2012, 17:44

Grazie ad entrambi.

Vittorio quando mi ha vista entrare nella stanza mi ha detto: la malattia è stata più forte...

io sono realista e davanti alla realtà non mi nascondo

L'oncologa ha detto: è giovane preparatevi ad accompagnarLo perchè ci vorrà del tempo prima che gli organi vitali lo abbandonino.

Siccome sono realista, ho chiesto all'oncologa nei dettagli come fa un corpo con questa malattia a finire di vivere/soffrire

siccome era giovane ed il suo cuore ed i suoi polmoni pure, ci ha impiegato 4 giorni, 4 giorni devastanti per Lui (e per il mio sasso)

Faccio fatica ad addormentarmi, perchè lo rivedo sofferente.

Perchè ci capitano le malattie?

Sono veramente triste

Il tempo scappa e la vita non aspetta


Monik

angiame
Membro
Messaggi: 2785
Iscritto il: lun 11 giu 2012, 21:21

Messaggio da angiame » mar 30 ott 2012, 17:57

Cara Monik

4 giorni? Non ci voglio pensare... a tutti piace sperare ma con i piedi per terra... loro vanno e non ci pensano più... per noi che restiamo... è il problema... come uscirne? Boh? Magari il tempo... magari gli impegni... magari basta solo pensare alla proprio quotidianità... boh! Ma quando lo scopri CONDIVIDI

e magari cerca di vivere anche per lui... anche re non eravate legati... il sangue non mente... e neanche la famiglia che eravate.

Un bacio grande

Ambra


frollina
Membro
Messaggi: 75
Iscritto il: sab 14 lug 2012, 18:02
Contatta:

Messaggio da frollina » sab 3 nov 2012, 14:00

Cara è normale che tu sia rimasta scioccata da questa terribile situazione. Vivere la sofferenza indirettamnte, accompagnando una persona che se ne va, è forse ben peggiore di vivere la sofferenza direttamente. Per quella che è stata la mia esperienza, purtroppo ciò che è stato non si può cancellare. Però possiamo trasformare le vicende negative, qualunque esse siano state, in forza positiva. Con il tempo riuscirai a farlo, ti accorgerai dei segni che la vita ci invia e imparerai a sfruttarli a tuo favore.
http://lamiavitadopote.blogspot.it


linetta
Membro
Messaggi: 1892
Iscritto il: mar 15 mag 2012, 23:41

Messaggio da linetta » dom 4 nov 2012, 3:41

Ciao Monik, anche Dani e' morto per un carcinoma gastrico. Anche Dani era giovane ed e' morto velocemente...troppo velocemente. Comunque, sarebbe stato sempre troppo veloce per me..

Monik, non so dire perché accadano certe malattie, forse e' una domanda senza risposta.

Rimanere senza di loro, rimanere col ricordo degli ultimi giorni, e' un dolore senza sconti.

Ti capisco, Monik.

Come dice Ambra, ci si attacca a quello che si può, si cerca una strada...per sopravvivere..sperando di tornare a vivere, a "sentire" le emozioni, soprattutto quelle gradevoli, come prima.

Mi dispiace tanto per tuo fratello, mi dispiace moltissimo per te che, come me, come tutti noi, sei rimasta qui con questo peso nel cuore e queste domande che sono delle trappole per la mente.

Auguro a te, a tutti noi, che possa arrivare un giorno in cui serenamente li penseremo.

Un abbraccio,

Linetta


Avatar utente
Monik
Membro
Messaggi: 720
Iscritto il: ven 2 dic 2011, 17:48
Località: Lignano Sabbiadoro (Ud) Friuli Venezia Giulia
Contatta:

Messaggio da Monik » mer 7 nov 2012, 15:24

Ciao, chiedo scusa a tutti se così ho fatto capire.

4 devastanti giorni intendo: post trauma dall'operazione dell'asportazione totale dello stomaco, con conseguente ricanalizzazione esofago/Intestino con l'iter chemio, radio, tac, risonanza, gastroscopie pre e post operatorie..per ultimo la peg.

E' con qst esame che la morte ha" occupato" le nostre vite.

..Prima avevamo assaporato la speranza..come tutti.
E' da li che ho iniziato il mio ri-vissuto con voi, raccontando, solamente l'essenza di quei 4 maledetti giorni..perchè tutti noi, sappiamo a cosa SIAMO andati incontro..stando vicini ad un caro sofferente.
Che sofferenza scrivere queste cose, mi mescolo nell'immensità del dolore di tutti
Il tempo scappa e la morte non aspetta!


Monik

cuore2012
Membro
Messaggi: 36
Iscritto il: gio 11 ott 2012, 6:02

Messaggio da cuore2012 » mer 7 nov 2012, 16:29

CIAO MONIK MI DISPIACE PER QUELLO CHE STAI VIVENDO TI POSSO CAPIRE CMQ TI STO VICINO CON LA PREGHIERA A PRESTO


 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Raccontiamoci”