sempre peggio

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
Susanna64
Membro
Messaggi: 92
Iscritto il: mer 13 nov 2013, 16:21

Messaggio da Susanna64 »

Cara Giorgia smettila con questi pensieri, non l'hai ucciso, pensa che mia madre di 75 anni e mezzo che se ne è andata dormendo il 29 settembre 2013 per un collasso cardiaco ma con sospette neoplasie interne e che mi ha lasciato un dolce ricordo, mi ha fatto firmare per il testamento biologico, quando stava bene. Sono figlia unica: ti rendi conto cosa voleva dire per me? Eppure l'ho fatto mio malgrado sotto sua minaccia "Piuttosto prendo uno che passa per strada e lo faccio firmare!!!!" Ho dovuto firmare per Lei e per mio Padre. Ti rendi conto Giorgia? Eppure era nelle sue volontà e se non lo facevo si arrabbiava (scusa uso un eufemismo). Molto spesso è un po' il nostro caro egoismo di figli specie quegli unici a farci vedere le cose in un certo modo, credenti o meno, ma poi bisogna, con tanti sensi di colpa dentro, fare quello che Loro avrebbero desiderato: una vita e una mancanza fisica ma non affettiva o psicologica. Mia Madre spesso mi parla dentro la mia testa e mi dice cosa fare e cosa non fare: è così, di mattina spesso lacrimo, perché so di non poterla più vedere e un po' mi pento di aver bisticciato con Lei a causa del suo FUMO e di quelle odiose sigarette che però a Lei piacevano tanto, ma io lo facevo per il suo bene. E non sempre quello che pensi essere il bene di un Tuo Caro è poi il Suo. È un discorso molto complicato comunque tu non l'hai ucciso scordatelo quello per il Suo e soprattutto per il Tuo bene e il Tuo Futuro che è quello che stava più a cuore a Tuo Padre come per chiunque genitore che voglia veramente bene bene ai propri figli. È un dare avere affetto meritatissimo in ogni caso e da entrambe le parti: Tu lo devi a Loro e Loro d'istinto Te lo contraccambiano. Coraggio Giorgia, dai .... Fallo per tutti Noi e soprattutto per Te stessa che è poi quello che vorrebbe Tuo Padre. Un abbraccio molto affettuoso. Ti voglio tanto bene.

Susanna

Franco zhu
Membro
Messaggi: 83
Iscritto il: mer 26 dic 2012, 19:48

Messaggio da Franco zhu »

cricri6767 come ti capisco, anche papà faceva avanti e indietro per il PS e pensa che ormai era di routine andare li, e sai qual'e la cosa brutta? È che quando vai lì tante volte ai infermieri rompe l'idea di trovarti sempre li.. Pensa l'ultima volta che ci sono andata con papà l'infermiera l'ha guardato e ha detto tutta scocciata "ancora questo qua! Era qui anche settima scorsa !" Non è stato bello per niente io sono scoppiata a piangere e papà con sguardo di rassegnazione non ha detto nulla.. Spero che tuo papà

Si riprenda, il mio è volato in cielo a luglio..
Giorgia17 mi sento proprio come te ! La mattina quando è arrivata la dottoressa dell assistenza domiciliare vedendo papà così sofferente mi ha detto che avrebbe sedato papà e che non si sarebbe più svegliato.. Adesso io non ricordo se lei me lo abbia detto o no ma so solo che dopo la sedazione papà non si è più svegliato e 24 ore dopo ci ha lasciato.. Vivo con i rimorsi pensando sempre perché prima di sedarlo io non gli sua andata vicino a dirgli quanto lo amavo dato c'è fino a quel momento per quanto sofferente ancora mi sentiva... Non so proprio il perché.. Più ci penso e più sento rabbia..
Un abbraccio ALICE

cricri6767
Membro
Messaggi: 102
Iscritto il: ven 29 nov 2013, 6:04

Messaggio da cricri6767 »

Vi ringrazio tutti ma proprio tutti per la Vostra vicinanza,per il Vostro conforto. Vorrei dirVi tante più cose ma purtroppo il dolore mi paralizza e annienta ogni mia volontà. Vorrei trovare una parola buona per le sofferenze di ognuno di Voi. Scusatemi... Ma una cosa è certa,siete tutti nel mio cuore. Siete tutti indistintamente delle persone fantastiche e che meritano tanta serenità.
Questa di AIMAC é davvero una grande famiglia
Un abbraccio ad ognuno di Voi

Susanna64
Membro
Messaggi: 92
Iscritto il: mer 13 nov 2013, 16:21

Messaggio da Susanna64 »

Ti capiamo Cri e le parole servono a poco. Un abbraccio affettuoso e quando vorrai scrivici. Tua Susanna

isaB
Membro
Messaggi: 165
Iscritto il: gio 4 apr 2013, 21:10

Messaggio da isaB »

Mi ha colpito leggere "il dolore mi paralizza e annienta ogni mia volontà".

E' proprio quello che scrivevo quando meno di un anno fa decidevo di entrare in questo forum.

Vorrei io trovare una parola buona per te, per alleviare almeno per un minuto quel peso che si sente.

Ti abbraccio, forza sempre.

Erika76
Membro
Messaggi: 1209
Iscritto il: mar 9 lug 2013, 23:45

Messaggio da Erika76 »

Giorgia, non hai ucciso tu tuo padre, l'ha fatto il Cancro. Tu semmai gli hai restituito la libertà dalla sofferenza.

Per mio marito è stato lo stesso. Il 10 luglio l'infermiera gli ha iniettato un sedativo. Mi ha detto che così non avrebbe sofferto e avrebbe respirato meglio. Ma dopo il sedativo, mezzora dopo il sedativo, Dani è andato in collasso cardiocircolatorio. Il cuore non ha retto. Ankio sai mi sono posta le tue stesse domande. E mi sono chiesta "ma che diavolo hanno fatto??" Mezzora prima parlava, era lucido... Poi ho capito... Se un semplice sedativo è in grado di fermargli il cuore, significa che era finita ormai, non si sarebbe più alzato dal divano, avrebbe respirato sempre peggio e alla fine sarebbe successo comunque, magari non quel giorno, quello dopo e tra incredibili sofferenze e l'agonia che nessuno mai vorrebbe per chi ama.

chiarotta
Membro
Messaggi: 303
Iscritto il: gio 7 nov 2013, 21:41

Messaggio da chiarotta »

Anche il miobabbo alla fine è stato sedato in modo progressivo.i primi due giorni ogni tanto era sveglio e parlava,anche se non lucidissimo ci riconosceva e sembrava tranquillo,credeva di essere in ufficio.e soprattutto non urlava di dolore come purtroppo era accaduto nei giorni precedenti. Quando la medicina non può più fare nulla per migliorare le condizioni del malato,che almeno non lo faccia soffrire.ad un certo punto credo sia meglio per chi sta soffrendo accelerare l inevitabile..anche se sul momento spesso prevale l egoismo di chi resta e acceteremmo qualsiasi compromesso per averli con noi ancora un po. L amore grande è lasciarli andare.

Renata75
Membro
Messaggi: 95
Iscritto il: mer 27 nov 2013, 21:37

Messaggio da Renata75 »

Ti abbraccio forte Cri....non so che altro dirti....sono annientata anch'io dal dolore per la perdita di mamma, che fortunatamente non ha sofferto, ed ora non riesco ad essere di conforto a nessuno. Però prego per il tuo papà e per te.

Un bacio

Simona

iside26
Membro
Messaggi: 118
Iscritto il: mer 17 lug 2013, 7:48

Messaggio da iside26 »

leggendovi,ho rivisto tutte le ultime scene di mio padre.... in quel letto chryslee mi aspettava x salutarmi .... mio fratello lo aveva pregato di aspettarmi e lui gli rispos:tranquillo l'aspetto! mi ha salutata credendo fosse l'ultima volta ma sono passate 24hda li alla sua morte!!! cosa avra privato??? chissà ,io sarei morta prima"!! Sono immagini che non vanno più via queste

cricri6767
Membro
Messaggi: 102
Iscritto il: ven 29 nov 2013, 6:04

Messaggio da cricri6767 »

Ciao a tutti,grazie ancora per il Vostro conforto e le Vostre testimonianze purtroppo piene di sofferenza. É tutto così triste e ingiusto. Ora,come in tutti questi giorni da quando è ricoverato sono qui con lui mentre dorme. Gli hanno riscontrato una sofferenza cardiaca,dovuta sia alla patologia ed anche al fatto dell' agitazione che gli viene quando inizia a presentarsi il dolore. I medici oggi, massimo domani vogliono mandarlo a casa, noi siamo contrari,almeno finché non hanno impostato una terapia adeguata al suo dolore. Credo sia un nostro e soprattutto Suo diritto. Se così non fosse vorrebbe dire che al primo accenno di dolore dobbiamo correre subito di nuovo al Ps. Preferisco e credo sia giusto mandarlo a casa quando il dolore é ben gestito, seguendo da casa la terapia impostata. Lui cammina,mangia seppur tutto lentamente ovviamente sempre con qualcuno vicino che lo segue. In più ci si mettono anche gli infermieri scorbutici e poco pazienti,con cui ovviamente ho discusso e fatto presente all' ufficio dell' ospedale preposto.
Vi penso sempre tutti quanti indistintamente.
Tanta forza a tutti Voi che come me state lottando e tanta serenità a chi purtroppo questa battaglia l'ha persa

 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Torna a “Raccontiamoci”