Significato Biopsia e cura con Ibrance + Letrozolo

DoctorDisco
Nuovo membro
Messaggi: 1
Iscritto il: lun 8 giu 2020, 13:06

Significato Biopsia e cura con Ibrance + Letrozolo

Messaggio da DoctorDisco »

Salve a tutti, scrivo già su altri Forum ma mi piacere sapere l'esperienza di altre persone che seguono lo stesso trattamento della mia mamma.

Mi potreste gentilmente spiegarmi il significato dei termini della biopsia di mia mamma, tumore seno metastatico in cura con Palbociclib e Letrozolo

CDI: G3, Re 90%, Rp 10%, HER 2 = 0, ki67 al 35%

Oncologo mi ha risposto che sono termini che servono a lui ma mi piacerebbe comunque sapere queste percentuali a cosa si riferiscono.

In tutta sincerità non saprei spiegare la poca empatia medica, per carità, estremamente professionale ma non capisco la riservatezza.
Comunque mia madre è in terapia di prima linea con Palbociclib e Letrozolo, non ha subito interventi. Anni 58, è al 3 ciclo quasi terminato.
Non ha metastasi alle ossa o al cervello, ma ha metastasi noduli polmonari con versamento pleurico.
gio67
Membro
Messaggi: 21
Iscritto il: gio 30 giu 2016, 17:45

Re: Significato Biopsia e cura con Ibrance + Letrozolo

Messaggio da gio67 »

Ciao,
RE e RP sono i recettori ormonali. La loro espressione permette di avere un'arma terapeutica in più che è, appunto, la terapia ormonale (letrozolo nel caso di tua madre).
Her2 è un altro tipo di recettore che, se espresso, permette di utilizzare un farmaco mirato che si chiama trastuzumab. Nel caso di tua madre questa opzione non è percorribile.
Ki67 è l'indice di proliferazione delle cellule tumorali che, se elevato, ha valore prognostico negativo.

In buona sostanza si tratta dell'"assetto" del tumore di tua mamma, che viene studiato per identificare la cura più adatta a lei. E' senz'altro vero che queste cose servono all'oncologo, ma in ogni caso è giusto che tu faccia delle domande quando hai delle perplessità, non sentirti in dovere di giustificarti per le tue preoccupazioni.

Spero di essere stato un minimo utile
Un abbraccio

Torna a “Tumore al seno”