Stili di vita per la prevenzione oncologica

In questo spazio è possibile confrontarsi sulle procedure diagnostiche, sui trattamenti e sui loro effetti collaterali, sui centri oncologici e sulle terapie palliative e del dolore, sempre attenendosi al regolamento del forum e in particolare agli articoli 2 e 3.
angeladi
Membro
Messaggi: 75
Iscritto il: dom 30 apr 2017, 17:35

Re: Stili di vita per la prevenzione oncologica

Messaggio da angeladi »

Vi porto l'esempio di mia nonna,ha 91anni è diabetica pesa più di 100 kg ha sempre mangiato carni rosse ,bevuto vino,dolci e quant'altro e ancora è viva e vegeta.Per me è solo un problema genetico.Mia madre ha due fratelli ,avuti dalla prima moglie di mio nonno morta a 23 anni per un'ictus.ENTRAMBI I FRATELLI A CAUSA DI UN'ICTUS SONO ALLETEATINO E PARALIZZATI....È SOLO GENETICA.
Sti
Membro
Messaggi: 115
Iscritto il: sab 19 mar 2016, 0:29

Re: Stili di vita per la prevenzione oncologica

Messaggio da Sti »

Per le malattie cardiache e diabete penso sia un po diverso, se non erro un tipo di diabete è solo genetico. Per il cancro c'è si la genetica, infatti le cellule cancerose altro non sono che una mutazione genetica, questa mutazione può derivare appunto da profili genetici o la mutazione può essere creata dall'uso di sostanze che ne favoriscono la mutazione.
Esempio a mia madre hanno fatto i test per vedere se le sue mutazioni erano riconducibili a profili genetici, ma non ne ha. Questo non toglie che c'è chi fuma per anni e sta benissimo, li allora penso sia più questione di sistema immunitario che riesce ad eliminare le cellule malate prima che si moltiplichino a dismisura.
Dire che è solo questione di genetica è sbagliato tanto quanto pensare che vivendo in campagna, non bevendo, non fumando, facendo tanto moto ecc sicuramente si vivrà sani fino a 100 anni.
Almeno questo è quello che penso
Avatar utente
Franco953
Membro
Messaggi: 3258
Iscritto il: ven 31 lug 2015, 9:57

Re: Stili di vita per la prevenzione oncologica

Messaggio da Franco953 »

Credo che Sti abbia assolutamente ragione
Angela ciao, potrei prendere in considerazione le tua ipotesi se non ci fossero studi ormai ampiamente confermati che determinati sostanze favoriscono la presenza e lo sviluppo di masse tumorali
Franco

A titolo puramente informativo:

Le 116 sostanze cancerogene redatta dalla Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro


1. Fumo del tabacco
2. Lampade e lettini solari
3. Produzione di alluminio
4. Arsenico nell’acqua 5. Produzione di auramina, disinfettante
6. Produzione e riparazione di scarpe e stivali
7. Fare lo spazzacamino
8. Produzione del gas dal carbone
9. Produzione catrame da carbone
10. Produzione di carbone coke
11. Fabbricazione di mobili
12. Estrazione minerale in miniera con esposizione al radon
13. Fumo indiretto
14. Fusione di ferro e acciaio
15. Produzione di isopropanolo
16. Tintura
17. Dipingere
18. Pavimentare e coprire tetti con catrame
19. Industria della gomma
20. Esposizione a vapori con acido sulfurico
21. Respirare aflatoxine, prodotte naturalmente da una specie di funghi, Aspergillus flavus and Aspergillus parasiticus. Da tempo le aflatoxine erano considerate fra le sostanze più cancerogene al mondo.
22. Bevande alcoliche
23. Noci della palma areca, di solito masticate con le foglie di betel
24. Foglie di betel senza tabacco
25. Foglie di bete con tabacco
26. Pezzi di catrame naturale da carbone
27. Catrame naturale
28. Bruciare carbone in casa
29. Scarico di diesel
30. Oli minerali, non trattati o poco trattati
31. Fenacetina (antidolorifico)
32. Piante contenenti acidi aristolochici (usate nella erboristeria medica cinese)
33. Bifenile policlorinato (fuori legge in molti Paesi) usato in impianti elettrici e carta copiatrice senza carbone
34. Pesce salato alla cinese
35. Olio di scito
36. Particelle non bruciate di carbone
37. Tabacco sena fumo (fiuto, masticazione)
38. Segatura
39. Carne lavorata
40. Acetaldeide (etanale; aldeide acetica)
41. 4Aminobifenil
42. Acidi aristolochici e piante che li contengono
43. Amianto
44. Arsenico e composti con arsenico
45. Azatioprina, usata nei trapianti di fegato
46. Benzene
47. Benzidina
48. Benzopirene
49. Berillio
50. Chlornapazina (N, N-Bis(2-chloroethyl)-2-naphthylamine)
51. Etere bis(chloromethyl)
52. Etere hloromethyl methyl
53. 1,3-Butadiene
54. 1,4-Butanediolo dimethanesulfonato (Busulphan, Myleran)
55. Cadmio and composti di cadmio
56. Chlorambucil
57. Methyl-CCNU (1-(2-Chloroethyl)-3-(4-methylcyclohexyl)-1-nitrosourea)
58. Composti a base di cromo
59. Ciclosporina
60. Anticoncezionali, ormonali, forme combinate (quelli che contengono estrogeni e progestogeni)
61. Anticoncezionali, orali, forme di contraccezione in sequenza (un periodo di soli estrogeni seguito da un periodo di estrogeni e progestogeni)
62. Cyclophosphamide
63. Diethylstilboestrol
64. Tinture a base di benzidina
65. Virus di Epstein-Barr
66. Estrogeni, nonsteroidei
67. Estrogeni, steroidi
68. Terapia con estrogeni per menopausa
69. Etanolo negli alcolici
70. Erionite
71. Ossido di ethylene
72. Etoposide solo e in combinazione
73. Formaldeide
74. Arsenide di Gallio
75. Infezione di Elicobactero del pilori
76. Epatite B cronica
77. Epatitis Cronica
78. Rimedi a base di erbe con piante del genere Aristolochia (vedi punto 42)
79. HIV tipo 1
80. Papilloma virus tipo 16, 18, 31, 33, 35, 39, 45, 51, 52, 56, 58, 59, 66
81. Virus limfotropico tipo-I
82. Melphalan
83. Methoxsalen (8-Methoxypsoralen) con raggi ultravioletti A
84. 4,4′-methylene-bis(2-chloroaniline) (MOCA)
85. MOPP e altre chemoterapie
86. Gas nervino (sulphur mustard)
87. 2-Naphthylamine
88. Radiazioni di neutroni
89. Composti di nickel
90. 4-(N-Nitrosomethylamino)-1-(3-pyridyl)-1-butanone (NNK)
91. N-Nitrosonornicotina (NNN)
92. Infezioni con Opisthorchis viverrini
93. Inquinamento dell’aria
94. Particolato pesante nell’inquinamento atmosferico
95. Fosfati
96. Plutonio-239
97. Radio iodine, isotopi a corto ciclo vitale (esposizione da bambini)
98. Radionuclides, α-particle-emitting, internally deposited
99. Radionuclides, β-particle-emitting, internally deposited
100. Radio-224
101. Radio-226
102. Radio-228
103. Radon-222
104. Schistosoma haematobium
105. Cristalli di silicio
106. Raggi solari
107. Polveri con fibre di amianto
108. Tamoxifen
109. 2,3,7,8-tetrachlorodibenzo-para-diossina
110. Thiotepa
112. Treosulfan
113. Ortho-toluidine
114. Clorato di Vinyl
115. Raggi ultravioletti
116. Raggi X e raggi Gamma
“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”
Faby76
Membro
Messaggi: 981
Iscritto il: sab 12 mar 2016, 17:04

Re: Stili di vita per la prevenzione oncologica

Messaggio da Faby76 »

Concordo per gli estrogeni. A mia madre dopo un intervento per fibroma all'utero gli hanno fatto prendere la "pillola" per 6 anni per alleviare i disturbi della menopausa precoce. Bene dopo qualche anno ha sviluppato un tumore al seno. Sarà un caso? Tra gli effetti collaterali degli anticoncezionali c'è proprio il tumore al seno. Io per precauzione ho deciso di non farne uso nonostante i vari ginecologi me li consigliano vivamente dicendo che non è vero. Oggigiorno molte ragazzine ne fanno uso su consiglio dei medici. E se fosse vero?
Papà ti voglio bene, sei la mia vita. Ti penso ogni momento della giornata. PROTEGGIMI
angeladi
Membro
Messaggi: 75
Iscritto il: dom 30 apr 2017, 17:35

Re: Stili di vita per la prevenzione oncologica

Messaggio da angeladi »

Non saprei,mio padre ha lavorato per 40 anni nella guardia di finanza ,da ragazzo ha prestato servizio al porto di Genova poi fino al pensionato ha lavorato nell'aeroporto di Fiumicino.Che sia stato questo tipo di inquinamento???So solo che l'alimentazione nel suo caso non c'entra per niente,non amava dolci e nonostante questo è diventato diabetico....Suo padre e suo fratello sono morti con un tumore ai polmoni e anche gli zii (i fratelli di mio nonno)hanno fatto tutti la stessa fine,chi allo stomaco chi all'utero...Nessuno di loro ha avuto scampo.Io sono fermamente convinta che sia solo una componente genetica.
Matty78
Membro
Messaggi: 66
Iscritto il: mer 15 feb 2017, 14:19

Re: Stili di vita per la prevenzione oncologica

Messaggio da Matty78 »

Al borgo Roma sono stati chiari. Entrambi i genitori con adenocarcinoma alla testa del pancreas..identico. io ho preso 50 per 100 da mia mamma e 50 da mio papà. E io mi trovo con lesioni precancerose impn.
Se questa nn è genetica....
Avatar utente
Franco953
Membro
Messaggi: 3258
Iscritto il: ven 31 lug 2015, 9:57

Re: Stili di vita per la prevenzione oncologica

Messaggio da Franco953 »

Matty, angela ciao
il fattore genetico è importantissimo e fondamentale, come tutti gli studi e i test effettuati ammettono
Ciò che tentavo di precisare è che alle origini di un tumore ci può essere un fattore genetico ma può esserci anche altro che non ha alcun legame con la genetica.

Un abbraccio

Franco
“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”
Matty78
Membro
Messaggi: 66
Iscritto il: mer 15 feb 2017, 14:19

Re: Stili di vita per la prevenzione oncologica

Messaggio da Matty78 »

Caro Franco...si si avevo capito cosa volevi dire.
Un abbraccio a te.
Matteo
angeladi
Membro
Messaggi: 75
Iscritto il: dom 30 apr 2017, 17:35

Re: Stili di vita per la prevenzione oncologica

Messaggio da angeladi »

Ciao Franco, sicuramente hai ragione esistera' anche una componente data da fattori esterni.A tre mesi dalla morte di mio padre abbiamo ritrovato esami ematici e al cuore svolti a gennaio,esami dove tutto era nella norma e mi chiedo come sia possibile che dopo due mesi si sia scatenato l'inferno...Puo'un tumore non dare sintomi???PAPÀ andava sempre a controllo per via del diabete e perché faceva parte di un programma di prevenzione, come ha fatto il diabetologo a non accorgersi di niente???Si è complimentato pure per la splendida forma!!!Tutto questo a gennaio,a marzo per via dell'ascite è stato ricoverato e dopo 43 giorni è morto. Ogni giorno ci poniamo mille domande a cui nessuno sa rispondere.
Avatar utente
Franco953
Membro
Messaggi: 3258
Iscritto il: ven 31 lug 2015, 9:57

Re: Stili di vita per la prevenzione oncologica

Messaggio da Franco953 »

Cara Angela
ti posso dire che girando nei vari reparti delle IEO e dell'Humanitas ne sento a decine e decine di persone che non avevano alcun sintomo e solo per puro caso (una ecografia, ecc) si sono accorti di avere un tumore
Ci sono persone che hanno fatto un check up completo dal quale non risultava nulla e poi, per un un esame ordinato dal medico di base, per puro scrupolo hanno trovato ciò che hanno trovato
Cosa devo dirti ? Ci sono tumori così detti silenti che non danno alcun disturbo se non quando sono in fase terminale altri, invece, che rivelano subito la loro gravità e la loro virulenza
Ricordo una frase che un medico , parecchi anni orsono diceva ai propri pazienti che avevano paura di avere un tumore : "Se fa male non c'è da preoccuparsi" intendendo che il tumore di solito, soprattutto all'inizio ,non dà sintomi.
Altri esempi? Ti posso citare alcuni casi familiari.
Mio padre in cura per una insufficienza renale faceva periodicamente esami del sangue, ecografie ecc.
Dopo circa cinque /sei anni papà si ente debole cade a terra , viene ricoverato in ospedale e scoprono un tumore al midollo spinale. Dopo tre mesi ci ha lasciato
Mio suocero sottoposto periodicamente agli esami in quanto diabetico inizia ad accusare una strana stanchezza ed un bel mattino diventa completamente giallo. Ricoverato all'ospedale gli viene diagnosticato un tumore al colon ascendente (e quindi silente) iniziato un anno prima con metastasi al fegato.

Un abbraccio

Franco
“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”

Torna a “Affrontare i tumori: trattamenti e riabilitazione”