Se sei un familiare o un amico........

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
LucaS90
Membro
Messaggi: 3
Iscritto il: lun 19 mar 2018, 1:29

Re: Se sei un familiare o un amico........

Messaggio da LucaS90 » mar 20 mar 2018, 1:57

Claire81 ha scritto:
lun 19 mar 2018, 3:00
Ciao Luca, non credo di avere parole giuste da dirti, posso dirti solo stalle vicino, tira fuori tutta la tua forza, sorridi quando vorresti solo gridare di dolore, lotta non ogni giorno ma ogni minuto, lotta anche per lei, ogni piccola lotta la farà sentire viva. E poi...e poi continua a sperare anche quando lei non lo farà più...la speranza è vita. Sarà dura, avrai paura, ma non dire che vorresti esserci te al suo posto, perché sei suo figlio e non ci sarebbe sofferenza più grande per una mamma...ti abbraccio forte
Grazie mille del supporto e leggendo sul forum ahimè questi mali infami sono moltissimi. So che una madre non vorrebbe mai vedere il proprio figlio soffrire ma a volte non ci riesco a vederla cosi, lei era quella che quando venivano i miei amici a casa, faceva 8000 toast, faceva star bene noi ed i 6 cani che avevamo ( piano piano anche la vecchiaia per loro è giunta ) ora invece vederla buttata a letto, che dorme spesso, che non si cura più, non si vuole fare una doccia è veramente brutto. La cosa più brutta è sapere la verità ma non dirla per paura che veramente si faccia del male. Comunque grazie mille, è stato liberatorio scrivere qui.

Samanta81
Membro
Messaggi: 6
Iscritto il: sab 24 feb 2018, 8:03

Re: Se sei un familiare o un amico........

Messaggio da Samanta81 » mer 21 mar 2018, 7:56

Luca ti capisco, perché sto vivendo una situazione simile con mio papà che attualmente si trova in hospice. Per lui non c'è mai stata speranza, quando è entrato in ospedale per una biopsia era il 2 febbraio e non è mai tornato a casa. Lo vedo ogni giorno in declino, ma non gli abbiamo detto niente. Diciamo bugie ogni giorno... ma è l'unico modo che abbiamo per non spingerlo giù completamente.

Utopia
Membro
Messaggi: 4
Iscritto il: sab 17 mar 2018, 8:17

Re: GRAZIE PER QUESTE PAROLE per ora non riesco scrivere altro

Messaggio da Utopia » mer 21 mar 2018, 15:36

paola51 ha scritto:
gio 6 mag 2010, 15:18
Finalmente posso ringraziare l'Aimac: da quando la mia ragazzina si e' ammalata destino a questa organizzazione il mio 5%1000. Il motivo e' semplice: ho trovato qui e non altrove tutte le informazioni possibili e immaginabili: a chi rivolgersi, cosa mangiare, dove curarsi, come comportarsi da malato e da parente del malato, documenti necessari per l'invalidita' e tanto altro ancora. Sono anche andata in via Barberini per chiedere ulteriori informazioni: ho trovato persone dolci e disponibili. Siamo nel quarto anno della cura. Ne siamo fuori? Non lo so, non ci voglio pensare. Quando sei nel pieno della vita e ti si ammala un figlio non riesci a fartene una ragione. Preziosissimo si e' rivelato il consiglio di una dottoressa che segue mia figlia: non bisogna starle addosso , bisogna starle accanto. Ho sempre cercato di seguire alla lettera questa preziosa ammonizione. Non so se ci sono sempre riuscita. In quei giorni ho conosciuto tanti giovani malati come la mia Francy. Qualcuno un po' piu' avanti, qualcuno un po' piu' indietro. Quando li incontro sempre accarezzo i volti, gioisco delle buone analisi,incoraggio per quelle piu'dubbie. Considero tutti miei figli. Il mio cuore si e' aperto e questo e' stato l'unico regalo che la malattia mi abbia fatto. Ma non e' da poco. Un grande abbraccio a tutti coloro che scrivono e leggono. paola

Utopia
Membro
Messaggi: 4
Iscritto il: sab 17 mar 2018, 8:17

Re: Se sei un familiare o un amico........

Messaggio da Utopia » mer 21 mar 2018, 15:36

grazie per queste parole mi stanno dando forza.il mio percorso è appena iniziato con mio papà ma è ancora tutto un incubo.. Siamo ancora all'inizio ancora senza diagnosi certa ma è come se lo fosse, siamo nel baratro dei tempi burocratici medici che ti rendono impotente per attendere una sentenza già nota e per sapere quale breve futuro potremmo avere ma non è confortante.
Mio padre hanno diagnosticato solo con esami del sangue ed eco un cancro al pancreas già in metastasi al fegato stiamo attendendo responso tac e poi faremo biopsia fra 15 gg ... ma già sappiamo. La frustazione è attendere questi tempi morti che mangiano i suoi giorni

LucaS90
Membro
Messaggi: 3
Iscritto il: lun 19 mar 2018, 1:29

Re: Se sei un familiare o un amico........

Messaggio da LucaS90 » gio 22 mar 2018, 14:48

Samanta81 ha scritto:
mer 21 mar 2018, 7:56
Luca ti capisco, perché sto vivendo una situazione simile con mio papà che attualmente si trova in hospice. Per lui non c'è mai stata speranza, quando è entrato in ospedale per una biopsia era il 2 febbraio e non è mai tornato a casa. Lo vedo ogni giorno in declino, ma non gli abbiamo detto niente. Diciamo bugie ogni giorno... ma è l'unico modo che abbiamo per non spingerlo giù completamente.
Ahimè queste sono bugie a fin di bene. Un abbraccio

Lulù
Nuovo membro
Messaggi: 2
Iscritto il: lun 19 mar 2018, 2:04

Re: Se sei un familiare o un amico........

Messaggio da Lulù » gio 22 mar 2018, 23:39

Ho perso mamma giovedì scorso dopo una puntura di valium..il medico lo psicologo ogni figura professionale dell associazione a cui ci siamo rivolti è sparita nessuno si è preoccupato del dopo..lasciati soli.

Akira79
Membro
Messaggi: 10
Iscritto il: gio 5 apr 2018, 17:56

Re: Se sei un familiare o un amico........

Messaggio da Akira79 » gio 5 apr 2018, 21:08

Anche io ho cominciato in queste settimane, il percorso con mio padre..oggi visita con equipe oncologica..lunedì di nuovo analisi del sangue, martedì biopsia al fegato..ma io ho paura, son due settimane che non dormo più, faccio fatica a svolgere il mio lavoro, ho la testa altrove e forti..persistenti..dolori al petto. L'ansia mi mangia..mia madre è crollata e io non ho fratelli, sorelle o un compagno con cui sfogarmi, con cui vivere tutto questo. Mi sento impotente ma devo cercare di sorridere sempre, davanti al mio babbo..è l'unica certezza che ha adesso.
Grazie che ci siete, vi abbraccio forte immensamente tutti..col cuore, sono con voi..

liviia
Nuovo membro
Messaggi: 1
Iscritto il: gio 5 apr 2018, 23:17

Re: Se sei un familiare o un amico........

Messaggio da liviia » ven 6 apr 2018, 0:12

Ciao a tutti, ho letto le vostre storie e, dopo anni in cui sembra che letteralmente questa malattia mi stia girando intorno, sento anch'io il bisogno di uno sfogo.
Sette anni fa ho perso mio nonno per un cancro alla vescica diagnosticato in fase avanzata. Pochi mesi dopo a mia nonna è stato diagnosticato un cancro alla tiroide, fortunatamente risolto con tiroidectomia e basta.
A pochi mesi di distanza la mamma (giovanissima) di una delle mie più care amiche si è ammalata di tumore al pancreas, abbiamo cercato ogni cura possibile ma è morta l'anno scorso; ora suo padre sta affrontando un tumore alla prostata (sembra che però la situazione non sia grave) mentre lunedì avremo i risultati dell'istologico di mia nonna, ma sappiamo già che si tratta di un cancro alla mammella in stato avanzato. Io ho sempre vissuto con mia nonna, lei è stata sempre il punto fermo della nostra famiglia, dura come la pietra, sempre pronta a sostenere tutti, orgogliosa come pochi, attiva, lucida...l'idea di vederla appassire è debilitante, ma io sarò il suo sostegno come lo è stata lei per me da quando sono nata.
Almeno gli anni spesi dietro alle incognite di questa malattia mi hanno insegnato a preoccuparmi di meno per cose/persone poco importanti ( prima ci rimanevo molto male quando parenti e amici si dileguavano post diagnosi) e a vivere ogni giorno come una conquista da godersi il più possibile.
Vi sono vicina e mando a tutti un grande abbraccio

Chiara Vit
Nuovo membro
Messaggi: 1
Iscritto il: dom 8 apr 2018, 22:10

Re: Se sei un familiare o un amico........

Messaggio da Chiara Vit » dom 8 apr 2018, 22:42

Ciao a tutti, abbiamo appena saputo che mio nonno ha un tumore al colon. Lui non lo sa ancora...Non sappiamo se sia la decisione giusta. Il caso ha voluto che la scoperta del tumore sia avvenuta durante il ricovero per un ictus, siccome si sono accorti del sangue nelle feci. Lui è sconvolto per l'ictus che gli ha cambiato la vita (parola e deglutizione), piange sempre, è inconsolabile. Ci siamo informati come sostenerlo al meglio per l'ictus e il sangue nelle feci è passato al secondo posto, come se tutto fosse correlato, ma ieri ci hanno informati del tumore al colon. Sul momento abbiamo deciso di non dirgli niente perchè non sappiamo come potrà reagire ad un'altra mazzata, non sappiamo cosa sia giusto o sbagliato. Vorrei sapere cosa dire, cosa fare e vorrei che mio nonno tornasse a sorridere. Io non so niente di questo tipo di tumore, spero con tutte le mie forze di potergli dire che guarirà. Abbraccio forte tutti voi.

Maryb
Membro
Messaggi: 5
Iscritto il: mar 22 mag 2018, 14:11

Re: Se sei un familiare o un amico........

Messaggio da Maryb » mar 22 mag 2018, 14:38

Ciao a tutti,
vi leggo da un po e ora mi sono decisa a scrivere.
Mia mamma si sta facendo gli accertamenti per un sospetto cancro al polmone...da quando l'rx torace ha rivelato una massa di 6 cm non riesco più a togliermi dalla testa che sia un cancro.
Ha fatto TAC e broncoscopia. Dalla biopsia fatta con il broncoscopio non risulta nulla nel senso che non è decisivo.
Ora farà Pet e biopsia ma se siamo arrivati alla Pet vuol dire che non ci sono speranze che sia qualcosa di diverso.
Sono a terra...mia mamma è il perno della nostra famiglia...anche se mio papà e mio fratello non se ne rendono conto.
Non riesco a pensare che lei se ne possa andare...ho appena avuto due bambine dopo anni di lotta pet averle e adesso questo.
Ma perché?
Mi sento annientata da queste notizie...da un lato cerco di farmi coraggio e pensare che non è ancora detto, dall'altro mi dico"ma chi vuoi prendere in giro? Non ti resta che pregare che sia del tipo meno grave...che non sia tanto diffuso....che invece di qualche mese di vita ci siano speranze". Più spesso precipito nella disperazione...non posso nemmeno parlarne con lei che era ed è il mio principale sostegno nei momenti più bui.
Perché? Non è giusto...
Non ho la forza per affrontare tutto questo...non voglio dover affrontare questo.

 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Raccontiamoci”