digiuno

rigoletto
Membro
Messaggi: 1066
Iscritto il: gio 18 lug 2013, 6:52

Messaggio da rigoletto » gio 30 gen 2014, 0:09

mah! meglio ingerire prodotti che depurano... ricorda che chi ha patologie come le nostre è privo di vitamine di tutti i tipi e proteine.. quelle è meglio non affidarle alla chimica, meglio trarle dalla natura.


rigoletto
Membro
Messaggi: 1066
Iscritto il: gio 18 lug 2013, 6:52

Messaggio da rigoletto » gio 30 gen 2014, 0:10

...mangiando.


ernesto62
Membro
Messaggi: 91
Iscritto il: dom 17 nov 2013, 20:52

Messaggio da ernesto62 » gio 30 gen 2014, 2:08

Io non ho provato il digiuno.Ma in realta' , gli assertori di questo tipo di terapia , facendo ragionare la testa, per logica dovrebbe aver un senso. Anche se molti non ci credono a Dio , cosa dice la Bibbia al riguardodel Digiuno?. Gesu' digiuno' 40 giorni prima che iniziasse il suo ministerio. Cosi' come ho in mente il lungo altrettanto digiuno di Mose'. ben 42 giorni.Lo stesso Gesu' dice che per scacciare via alcuni tipi di demoni, occorre, pregare associando il digiuno.....Perche' tutto questo anche nel libbro piu' famoso di ogni tempo, cioe' la Bibbia? Bhe! A quanto paresono gli stessi ricercatori a spiegarci la validita' del digiuno: rafforza in sintesi corpo e anima . Dal punto di vista prettamente scientifico, Essi sostengono a trarre giovamento ci sono molte cose tra cui, le difese immunitarie si attivano ancor di piu' .Allo stesso tempo si ottiene nei vari giorni di proseguo una totale depurazione del corpo da sostanze tossiche accumulate nel tempo. Il sangue quindisi purifica, cosi' gli organi,si stabilizza la pressione arteriosa, il cuore ne trae giovamento , i il cervello riceve piu' ossigeno, risponde meglio e piu' prontezza. Inoltre come nel nostro caso, per l'appunto , il sistema immunitario , rafforzato, va' con il digiuno a causa della mancanza di cibo esterno, alla disperata ricerca di cibo( energia), e intelligentemente va a ataccare i tumori riconosciuti " materiale estraneo" del corpo.In poche parole i Tumori, sostengono quelli del digiuno, vengono " demoliti" comunemente detto in "autolisi" con conseguente completa guarigione poiche' si dissolve assorbito dal corpo. Se sia vero o falso non lo so.Pero' sono piu' a propendere che potrebbe esser vero. La medicina moderna non lo ammetera' mai.I giri di interessi sono enormi. Pensate un po'; I tumori sconfitti a costo zero!!!!!! Recenti studi fatti in America dalla stessa comUnita' scientifica , ha ammesso la validita' in un certo qual modo........ Topi di laboratorio, al seguito di ricerche ed esperimenti sotto questo aspetto, si è potuto notare se tenuti un giorno a settimana digiuni, non solo rispondono meglio al Cancro, ma vivono di piu'.Questo è quanto.

Io non ho prove in proposito, ma gli igienisti alimentari, come i Vegani, sono anche per questa idea. E sicuramente chi è vegano, non ha problemi come chi come noi ha preso il cancro. Ce' da riflettere.Non credete?


rigoletto
Membro
Messaggi: 1066
Iscritto il: gio 18 lug 2013, 6:52

Messaggio da rigoletto » gio 30 gen 2014, 3:44

..grazie Ernesto per la segnalazione.
Vi posto alcune righe che riguardano il calcio. Tutte le diete ed eventuali digiuni vanno fatti nella stretta osservanza dei valori minerali inesorabilmente utili e indispensabili al nostro organismo. Soprattutto noi dobbiamo attenerci a queste considerazioni dato che siamo deficitari cronici grazie alle chemio e grazie alla chimica che ci pervade sistematicamente attraverso medicinali generi e per finire grazie agli effetti delle indagini nucleari ed alle radioterapie.

Una cosa che non deve venire mai a meno durante diete e addirittura digiuni mirati -più o meno prolungati- è il calcio. Dato che Ernesto ha introdotto il tema veghiano (ricordandovi che il tofu si può ricavare anche a casa nostra perché quello che arriva dalla cina non son proprio sicuro sia esente da pesticidi, anzi) vi riporto una tabella sul calcio in tema:
CALCIO
Descrizione
Il calcio è il minerale più abbondante e la quinta sostanza più abbondante dell’organismo. Circa il 99% del calcio nell’organismo è depositato nelle ossa e nei denti. Il rimanente 1% si trova nei tessuti molli, nei fluidi cellulari e nel sangue. Il calcio viene usato per lo sviluppo e il mantenimento della struttura e della rigidità ossea. Partecipa al processo di coagulazione del sangue, di stimolazione dei nervi e dei muscoli, al funzionamento dell’ormone paratiroideo e al metabolismo della vitamina D.

Il rapporto calcio-fosforo nelle ossa è di 2,5:1. Perché il calcio possa espletare al meglio la sua funzione, deve essere accompagnato da magnesio, fosforo e dalle vitamine A, C, D e possibilmente dalla vitamina E. Per la stabilità ossea sono necessari la vitamina A, il magnesio e il fluoro. Il calcio si trova insieme al magnesio, il sodio, il fosforo, lo stronzio, il carbonato e il citrato.
Le fonti migliori sono quelle naturali. Tuttavia, per assumere le quantità necessarie senza consumare grandi quantità di cibo, è necessario prendere degli integratori. La farina di ossa contiene calcio ma può essere inquinata dal piombo. Il cloruro di calcio può irritare il tratto gastrointestinale, mentre il gluconato che è disponibile in forma liquida è più caro. La forma D1 (fosfato di calcio) ostacola l’assorbimento di altre sostanze nutritive quando è incluso in un preparato multivitaminico. Questa forma potrebbe non essere indicata sull’etichetta. Sia il carbonato di calcio che il carbonato di magnesio (che non sono tra i più semplici da assorbire) si trovano nella dolomite. Il gluconato di calcio, il lattato di calcio e il citrato di calcio sono le forme che vengono assorbite meglio, ma sono meno forti.
La funzione principale del calcio è di agire in concomitanza con il fosforo per la formazione e il mantenimento delle ossa e dei denti. Un’altra funzione importante è quella di creare delle riserve del minerale nelle ossa in modo che il corpo possa utilizzarle. La quantità di calcio contenuta nelle ossa varia continuamente secondo il tipo di alimentazione e i fabbisogni dell’organismo. L’1% di calcio ionizzato, che circola nei fluidi del corpo, è una quantità piccola ma di vitale importanza. E’ essenziale per un sangue sano, combatte l’insonnia, e i suoi delicati ioni che agiscono come messaggeri aiutano a regolare il battito cardiaco. Un importante elemento coadiuvante del calcio per il funzionamento del sistema cardiovascolare è il magnesio.

Inoltre il calcio controlla il processo di coagulazione e previene l’eccessiva formazione di acidi e di alcali nel sangue. Ha anche un ruolo importante nella secrezione ormonale. Influenza i neurotrasmettitori (serotonina, acetilcolina e norepinefrina), la crescita muscolare, le contrazioni muscolari e quelle nervose. Questo minerale agisce come messaggero dalla superficie della cellula verso l’interno e semplifica il passaggio di elementi nutritivi intercellulari. Il calcio facilita l’utilizzazione del ferro da parte dell’organismo e aiuta ad attivare numerosi enzimi (catalizzatori importanti per il metabolismo).
Quando le concentrazioni sono troppo elevate (calcium rigor), gli ormoni e la vitamina D fanno sì che il calcio venga depositato nel suo punto di riserva: le ossa. Quando sono troppo basse (tetania da calcio) lo squilibrio viene corretto in diversi modi: nei reni, con un’eliminazione più lenta, nelle ossa che controllano il rilascio delle quantità necessarie, e nell’intestino che favorisce l’assorbimento. Il calcio conservato nelle ossa, rifornisce il flusso sanguigno, che non viene influenzato dall’assunzione alimentare. Tuttavia una carenza alimentare cronica diminuisce le riserve nelle ossa dopo un certo numero di anni.
Dosaggio e tossicità
Il Consiglio Nazionale di Ricerca (Usa) consiglia 800 milligrammi come dose giornaliera di calcio; tale dose dovrebbe mantenere l’equilibrio necessario, dato che solo il 20-30% viene assorbito. Durante la gravidanza e l’allattamento il dosaggio deve essere aumentato a 1200 milligrammi. Le donne in fase di pre-menopausa dovrebbero assumerne 1000 mg e quelle in post-menopausa 1500 mg. Gli uomini dovrebbero assumerne 1000 mg (1 grammo) al giorno. Con l’età, il fabbisogno aumenta a causa della riduzione del tasso di assorbimento e del minor consumo di alimenti ricchi di calcio. L’integrazione consigliata può arrivare sino a 2500 mg al giorno (2,5 g). Una tazza di latte contiene 300 mg di calcio.
Se l’assunzione di calcio è alta, deve essere equivalente anche il livello di magnesio. Uno squilibrio nel rapporto calcio magnesio può determinare una accumulazione di calcio nei muscoli, nel cuore e nei reni. Troppo calcio può ostacolare il funzionamento del sistema nervoso e muscolare. Una quantità eccessiva nel sangue può causare il calcium rigor, caratterizzato da muscoli contratti che non riescono a rilassarsi. Quando un eccesso di calcio va ad aggiungersi al plasma non avviene la coagulazione. L’eccesso di calcio diminuisce l’assorbimento di zinco e ferro. Non ci sono prove scientifiche del fatto che il calcio in eccesso provochi i calcoli renali; tuttavia le persone che soffrono di questo disturbo non dovrebbero prendere integratori prima di aver consultato un medico.
Chi ha alti livelli di calcio nel sangue (causati da iperattività della ghiandola paratiroide o da tumori) non dovrebbe prendere integratori. Le persone che prendono alte dosi di vitamina D per problemi medici dovrebbero consultare un medico prima di assumere integratori. Il calcio può interferire con gli effetti del Verapamil, un vasodilatatore coronario.
Fonti: (Le informazioni sono tratte da "Almanacco della Nutrizione"di Gayla J. Kirschmann e John D. Kirshmann)
Alcuni gruppi di persone hanno maggiori probabilità di avere problemi che impediscono loro di assumere una quantità sufficiente di calcio, come i vegani (vegetariani che non consumano prodotti di origine animale) e ovo-vegetariani (vegetariani che mangiano le uova, ma non consumano prodotti a base di latte). La carenza di calcio è dovuta al rifiuto dei prodotti caseari, che sono una delle fonti principali di calcio nelle diete dei non vegetariani.
Fonti: http://www.farmacoecura.it/alimentazion ... -pericoli/
Il Calcio nella dieta vegana
Il Calcio, necessario per una forte struttura ossea, si trova nei vegetali a foglia verde scuro, nel tofu ottenuto con il solfato di calcio ed in molti altri alimenti consumati solitamente dai vegani. Le diete ricche di proteine sembrano aumentare le perdite di Calcio. Per le persone che adottano una dieta a basso contenuto proteico, basata su vegetali, il fabbisogno di calcio può risultare minore rispetto alla dose necessaria per chi si nutra con diete più ricca di proteine, basate sul consumo di carne. In ogni caso, i vegani devono consumare con regolarità cibi ricchi di Calcio e/o utilizzare degli integratori dello stesso minerale.
Fonti: http://www.laleva.cc/almanacco/calcio.html
Tofu ed altre fonti di Calcio
A causa dell'insistente pubblicità effettuata dall'industria lattiero-casearia americana, la gente spesso crede che il latte vaccino rappresenti l'unica fonte di Calcio. Esistono in ogni caso altre eccellenti fonti di questo minerale e i vegani che seguano una dieta variata non devono preoccuparsi per la quantità di Calcio assunta. La Tabella 1 illustra la quantità di calcio contenuta in alcuni alimenti. Nel momento in cui ci rendiamo conto che 4 once di tofu o 3/4 tazze di cavolo riccio contengono tanto Calcio quanto una tazza di latte vaccino, capiamo come gruppi di persone che non consumano latte vaccino abbiano comunque una dentatura ed uno scheletro resistenti.
Il tofu viene di norma consigliato come buona fonte di Calcio. In realtà, la quantità di Calcio presente dipende dall'agente coagulante utilizzato per far precipitare la proteina di soia nel corso del procedimento di produzione del tofu. Il Solfato di Calcio ed il Nigari (cloruro di magnesio) sono di solito gli agenti coagulanti utilizzati e si trovano elencati tra gli ingredienti riportati sull'etichetta. Il tofu preparato con Solfato di Calcio conterrà una maggiore quantità di Calcio rispetto al tofu ricavato utilizzando il Nigari.
La quantità di Calcio nel tofu varia da marca a marca. Per calcolarla, controllate l'etichetta, il contenuto di questo minerale sarà elencato come percentuale del fabbisogno giornaliero. Poiché l'attuale fabbisogno giornaliero di Calcio è 1000 milligrammi, moltiplicate la percentuale del fabbisogno giornaliero per 10 per ottenere la quantità di Calcio (in milligrammi) contenuta in una porzione. Per esempio, il tofu contenente il 10% del fabbisogno giornaliero di Calcio avrà 100 milligrammi di Calcio per porzione.
Fonti: http://www.laleva.cc/almanacco/calcio.html
L'influenza di un eccesso di proteine
Il fabbisogno di Calcio sembra essere influenzato sia dall'assunzione di proteine che di sodio. Le diete iperproteiche sembrano aumentare marcatamente la quantità di Calcio perduta dall'organismo quotidianamente. In realtà, quando dei giovani adulti assumevano 48 grammi di proteine al giorno, (leggermente inferiore alla RDA attuale) non presentavano una perdita netta di calcio, anche se la quantità di Calcio introdotta con la dieta era ridotta a 500 milligrammi al dì. È stato stimato che per ogni grammo di proteine consumato, le perdite di Calcio tramite le urine aumentano di circa 1 milligrammo. Poiché assorbiamo solo circa il 10% del Calcio che assumiamo, ciò significa che per ogni grammo di proteine introdotto, dovremmo assumere circa 10 milligrammi in più di Calcio per compensarne la perdita attraverso le urine.
È più probabile che l'assunzione di proteine sia eccessiva in una dieta basata sul consumo di carne o in un'alimentazione ricca di latticini, come illustrato dalla Tabella 2. Inoltre sembra che le proteine della soia, anche a livelli elevati, non aumentino l'escrezione urinaria di Calcio nella misura in cui l'aumentano le proteine di origine animale. Le diete esageratamente ipoproteiche (circa 44 grammi al giorno) sembrano avere anch'esse un effetto negativo sullo stato del Calcio. Anche il Sodio aumenta la perdita di Calcio, con una perdita compresa tra 5 eto 10 milligrammi per ogni grammo di sale ingerito.
Fonti: http://www.laleva.cc/almanacco/calcio.html
Tabella 1: Contenuto di Calcio di alcuni alimenti vegani
Alimento Quantità di Calcio (mg)
Latte di soia o di riso 8 once 150-500
arricchito di Calcio
Cavoli ricci, cotti 1 tazza 357
Melasse Blackstrap 2 Cucchiai 342
Tofu, prodotto con solfato di calcio 4 once 200-330
Succo d'arancia arricchito di calcio 8 once 300
Yogurt di soia, 6 once 250
Cime di rapa, cotte 1 tazza 249
Tofu, prodotto con Nigari* 4 once 80-230
Caolo verde, cotto 1 tazza 179
Okra, cotta 1 tazza 176
Fagioli di soia, cotti 1 tazza 175
Semi di sesamo 2 Cucchiai 160
Cavolo cinese, cotto 1 tazza 158
Tempeh 1 tazza 154
Crocifere (ravanello, crescione)cotti 1 tazza 152
Fichi, secchi o freschi 5 medi 135
Tahini 2 Cucchiai 128
Mandorle 1/4 tazza 97
Broccoli, cotti 1 tazza 94
Burro di mandorle 2 Cucchiai 86
Latte di soia, commerciale, semplice 8 once 80
Note: L' acido Ossalico, contenuto in spinaci rabarbaro, cardi e barbabietole viene spesso indicato come elemento legante il Calcio di cui ridurrebbe l'assorbimento. Questi alimenti non devono essere considerati buone fonti di Calcio. Il Calcio in altre verdure verdi, come il cavolo verde, il cavolo riccio, le crocifere cinesi, e nelle foglie dei fiori di cavolo cinese viene assorbito bene. La fibra sembra avere poco effetto sull'assorbimento del Calcio, fatta eccezione per la fibra contenuta nella crusca di frumento che ha un minimo d'effetto (negativo)

Fonti: Composition of Foods. USDA Nutrient Data Base for Standard Reference, Release 12, 1998. Manufacturer's information.

NdT: Si fa presente che l'indicazione di grandezze quali "cucchiaino", "cucchiaio", "tazza" ecc., non va considerata in modo approssimativo, ma rappresenta quantità precise, descritte nelle tabelle di conversione.
Tabella 2: Contenuto proteico di alcuni alimenti
Alimento Quantità Proteine (gm)
Latte vaccino 8 once 8
Uova 1 6
Salmone rosa in scatola 4 once 22
Manzo magro al forno 4 once 27
Pollo al forno 4 once 37
Adattato da Havala, S.: Osteoporosis, Beyond a Simple Answer. Vegetarian Journal 5:11, 1986.
....qualcuno può aggiungere il corrispettivo vademecum per il ferro e così via... pier


auderesemper
Membro
Messaggi: 19
Iscritto il: sab 29 dic 2012, 10:57

Messaggio da auderesemper » gio 30 gen 2014, 17:40

Non e' accettabile che anche qui arrivino quelli della teoria del complotto farmaceutico-bancario. Il digiuno inteso come deprivazione sistematica del cibo, e' debilitante. per il digiuno saltuario e programmato ci sono teorie e studi in corso, nessuno dei quali consolidato e soprattutto va fatta distinzione sulle patologie. vedremo. "tumore" vuol dire poco o nulla, dal punto di vista clinico: ogni neoplasia ha la sua specificita'.
@rigoletto. il cibo E' chimica, e la natura ci offre pure la cicuta, volendo :-). Gli integratori funzionali (non parlo delle robe da banco) hanno effetto dimostrato clinicamente sia come terapia di supporto che come prevenzione ma anche qui, va tutto mirato. NON si sostituiscono ma affiancano le terapie consolidate.


ernesto62
Membro
Messaggi: 91
Iscritto il: dom 17 nov 2013, 20:52

Messaggio da ernesto62 » gio 30 gen 2014, 18:23

Non è accettabile? Ma dove vivi? Non ti accorgi ( o forse non vuoi di proposito) che questo mondo è fatto di corruzzionee la vera cosa che conta sono solo i soldi? Le industrie farmaceutiche e tutto il resto Medicina compresa è al 90% solo un business.Pensi che le industrie petroliere che sono lo sapevi( forse lo sai) a capo delle industrie farmaceutiche gli importa veramente della salute dell'ammalato? Industria petroliera = bilancio finanziaro.Cè un impero dietro che neanche immaginiamo.Apriamoci gli occhi; A me volevano operarmi di urgenza , quando in realta' sono stato messo da ujhn medico onesto sotto sorveglianza in quanto oggettivamente non era il caso. La malasanita' e' una cosa legata anche al denaro e gli introiti per ogni volta si porta un sogetto dentro una sala Operatoria.E' questa la realta'. Lo ho vissuto io sulla mia pelle


Sonoraro
Membro
Messaggi: 46
Iscritto il: mar 1 ago 2017, 14:39

Re: digiuno

Messaggio da Sonoraro » gio 7 set 2017, 22:04

Il digiuno è scientificamente provato che funziona ( ovviamente va seguito da un medico). Se associato ad una chemioterapia me aumenta l'efficacia. Il perché lo dice .... scienziato di fama mondiale. Durante il digiuno le cellule sane del nostro organismo vanno in modalità di autoprotezione variando il proprio metabolismo per difendersi dalla scarsità di nutrienti. Le cellule tumorali invece essendo voraci e non rispondendo agli ordini impartiti dal sistema immunitario sono pronte ad assimilare qualunque tipo di sostanza venga somministrata. Se in questo periodo ci si sottopone al trattamento chemioterapico la maggior parte del farmaco viene fagocitato dalle cellule neoplastiche salvaguardando le cellule sane.

Avatar utente
Franco953
Membro
Messaggi: 2113
Iscritto il: ven 31 lug 2015, 9:57

Re: digiuno

Messaggio da Franco953 » lun 11 set 2017, 12:33

Sonoraro ciao
interessante il tuo post
Tuttavia, per non ingenerare idee sbagliate, suggerirei di precisare meglio cosa intendi per digiuno.
Sappiamo per certo che entrambi i trattamenti di chemioterapia e radioterapia debilitano il fisico
In molti casi , l'effetto classico è quello del dimagrimento
Se al dimagrimento ci aggiungiamo il digiuno non so quale potrebbe essere il risultato a livello fisico/psicologico
Digiuno significa astenersi dal cibo. Come, quando, in che misura, in quali casi è opportuno e in quali no ?
Ecco perchè ti chiedo di precisare meglio cosa intendi per digiuno. Grazie

Franco
“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”

Sonoraro
Membro
Messaggi: 46
Iscritto il: mar 1 ago 2017, 14:39

Re: digiuno

Messaggio da Sonoraro » lun 11 set 2017, 13:52

Franco953 ha scritto:
lun 11 set 2017, 12:33
Sonoraro ciao
interessante il tuo post
Tuttavia, per non ingenerare idee sbagliate, suggerirei di precisare meglio cosa intendi per digiuno.
Sappiamo per certo che entrambi i trattamenti di chemioterapia e radioterapia debilitano il fisico
In molti casi , l'effetto classico è quello del dimagrimento
Se al dimagrimento ci aggiungiamo il digiuno non so quale potrebbe essere il risultato a livello fisico/psicologico
Digiuno significa astenersi dal cibo. Come, quando, in che misura, in quali casi è opportuno e in quali no ?
Ecco perchè ti chiedo di precisare meglio cosa intendi per digiuno. Grazie

Franco
Buongiorno Franco, per digiuno si intende digiuno. È una condizione estrema e temporanea ( 5 giorni) e va fatta sotto stretto controllo medico. Ovviamente occorre avere i parametri vitali in ordine per poter accedere a tale condizione. Non bisogna assolutamente tentare il fai da te perché le conseguenze potrebbero essere davvero molto serie.

Avatar utente
Franco953
Membro
Messaggi: 2113
Iscritto il: ven 31 lug 2015, 9:57

Re: digiuno

Messaggio da Franco953 » lun 11 set 2017, 14:46

Ottimo Senoraro
io ribadisco a grandi "lettere" per tutti i membri del Forum quanto giustamente hai evidenziato:
"Non bisogna assolutamente tentare il fai da te perché le conseguenze potrebbero essere davvero molto serie"


Franco
“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”

Rispondi

Torna a “Alimentazione”