un piccolo momento si sfogo

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
Rispondi
kiki
Membro
Messaggi: 6
Iscritto il: ven 28 nov 2014, 16:39

un piccolo momento si sfogo

Messaggio da kiki » dom 1 mar 2015, 8:22

Ciao a tutti,trovo il tempo ora mentre il mio bimbo dorme per poter buttare giù due righe su quello che sento.Anche noi siamo stati aspirati da questo vortice che è il mondo dei sarcomi.Mia sorella è da tre mesi che combatte questo male.Non ha voluto l aiuto di psicologi perchè dice che la sua forza siamo noi ma sinceramente ogni giorno che passa penso proprio che ne abbia bisogno.Ci sono giorni che sembra che stia meglio ma giorni in cui si richiude in se stessa rimanendo in casa in pigiama dentro il letto al buio e non ha voglia di fare nulla,ed è in quei giorni che non riesco a capire come farla stare bene..vado per buttarla giù da letto ma qualunque cosa dica mi aggredisce.A volte non riesco a trovare le parole giuste per farla stare meglio...ogni giorno ha dei momenti di vero sconforto dove passa ore a piangere e io nel vederla cosi non so che fare mi viene voglia di scoppiare a piangere con lei ma non voglio che sappia quello che sto provando.Lavoro, ho un bimbo piccolo e un compagno, passo le giornate nel cercare di far coincidere le cose perchè hanno bisogno di me ma le finisco veramente esausta e il mio compagno nel vedermi cosi mi rimprovvera dicendomi che non posso ammalarmi pure io.Ma cosa devo fare.....sono legatissima a mia sorella ,ha bisogno di me e io ho bisogno di stare con lei perchè non so per quanto tempo starà con me...non voglio avere il rimpianto di non averla abbracciata abbastanza non posso.....So che non è giusto pensarlo,che non è giusto per chi sta vivendo questo momento o per chi ha perso qualcuno per questa malattia lo so che sbaglio,ma non faccio altro che ripetermi PERCHè?PERCHè?e naturalmente non c è risposta..allora ritorno lucida con i miei pensieri e cerco di vivere la giornata presente senza pensare al futuro.Mi rallegra vederla giocare con mio figlio dice che è l unica sua gioia e io le ripeto che deve lottare per lui perchè lui ha bisogno di una zia speciale come lei.Quando si entra in questo vortice si hanno veramenti momenti di sconforto ma è anche vero che si riesce a trovare un coraggio che non si credeva di avere ed è a quello che bisogna aggrapparsi.Avrei voluto scrivere come mi sento perchè in genere nel scrivere le persone riescono ad esprimere quello che sentono sentendo una sorta di liberazione,....ma nel leggere ho capito che non l ho fatto,questo mi fa capire di non essere ancora pronta del tutto.Ho comunque speranza bisogna averla vorrei dare un forte abbraccio a tutte le persone che hanno nella loro vita una persona colpita da questo male e a tutti coloro che invece ci stanno lottando di non arrendersi di non permettere al tumore di levargli il sorriso.

valerino
Membro
Messaggi: 381
Iscritto il: gio 29 ago 2013, 5:31

Re: un piccolo momento si sfogo

Messaggio da valerino » dom 1 mar 2015, 12:33

Che tipo di sarcoma, dov'è in cura? Io sono l'unico qua dentro (almeno credo) ad avere avuto un (osteo)sarcoma... Ma mi son fatto una cultura un po' su tutti i vari istotipi di sarcoma. Quindi chiedi pure!

GIORNOPERGIORNO
Membro
Messaggi: 1176
Iscritto il: lun 18 ott 2010, 16:08

Re: un piccolo momento si sfogo

Messaggio da GIORNOPERGIORNO » lun 2 mar 2015, 18:07

Ciao Kiki ... tu pensi che tua sorella abbia bisogno di un supporto e che lei non lo vuole ......
stavo pensando ... e se lo utilizzassi tu ?
La psiconcologia nasce anche x i famigliari ... x aiutarci ad aiutare ....
pensaci ...
un grande abbraccio ad una sorella magnifica

kiki
Membro
Messaggi: 6
Iscritto il: ven 28 nov 2014, 16:39

Re: un piccolo momento si sfogo

Messaggio da kiki » lun 8 giu 2015, 13:25

ciao e grazie....trovo nuovamente il tempo di scrivere...la situazione di ma sorella va avanti e dopo nove cicli di chemio siamo arrivati al momento di pensare all intervento..un intervento che porterà lei a dover rinunciare al grande sogno di diventare madre..a noi i dottori avevano già parlato di questo..ma vedere il suo sguardo alla notizia.....non ha dolore per esprimerlo.mi sento male da morire io e non posso immaginare come sta lei.con me ora non riesce a parlare di questo ma vorrei aiutarla come posso fare come posso aiutarla dopo gia il dolore di aver il tumore anche questo......piango di continuo sentendomi una stupida perchè è lei quella che soffre.....come posso aiutarla continuo a ripettermi come......nei momenti lucidi poi riesco a ragionare e a ringraziare il fatto che sia ancora viva......ma vorrei risparmiarle il dolore....

Simona Bellotti
Membro
Messaggi: 43
Iscritto il: lun 29 set 2014, 13:52

Re: un piccolo momento si sfogo

Messaggio da Simona Bellotti » lun 8 giu 2015, 13:51

ciao kiki,
ti capisco perché anche io sono nel forum perché il male ha colpito la mia famiglia ... mio padre che purtroppo ha perso la sua lotta e da un anno non e' piu' con noi.
Le tue parole mi hanno molto colpita perché anche io sono mamma e quindi da un lato capisco come tu ti senti divisa tra mille impegni e dall'altro capisco tua sorella che dall'altro potrebbe trovarsi a dover rinunciare per sempre al sogno di diventare mamma.
Per quanto concerne tua sorella mi sento solo di esprimere la mia opinione: la vita è il bene più prezioso e se questo significa rinunciare a mettere la mondo un bimbo, vale la pena vivere senza quest'esperienza. Quando starà bene potrà valutare altre strade per essere mamma, ad esempio potrà pensare di intraprendere la via dell'adozione...
per te invece mi rendo conto che non e' facile ed io stessa nel periodo in cui mio padre stava male cercavo di aiutare tutti ma mi rendevo conto che qualunque cosa facessi non la facessi come veramente volevo. Col senno di poi ho dedicato troppo poco tempo a mio padre e non l'ho ripagato di tutto quello che lui ha dato a me. Il risultato e' che oggi ho tanti sensi di colpa. Trovo giustissimo e comprensibilissimo che non vuoi lasciare sola tua sorella. Ripensando a mio padre malato penso che l'unica persona che anche alla fine faceva sorridere mio padre era mio figlio ... i bimbi hanno un potere magico ... forse il tuo bimbo/ a e' la persona piu' adatta ad aiutare tua sorella ...
Un abbraccio

 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Raccontiamoci”