Oggi è una giornata NO

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
barbara 1974
Membro
Messaggi: 74
Iscritto il: mar 13 gen 2015, 10:06

Re: Oggi è una giornata NO

Messaggio da barbara 1974 » mar 26 mag 2015, 22:53

Amjanto non c'è tatuaggio più indelebile di quello che porterai nel tuo cuore!!!!certo non l'hai salvato come io non salvero' la mia mamma!!!!!ma hai combattuto con lui e per lui e questo sono sicura che con il tempo ti sarà di aiuto!!!!!

barbara 1974
Membro
Messaggi: 74
Iscritto il: mar 13 gen 2015, 10:06

Re: Oggi è una giornata NO

Messaggio da barbara 1974 » mar 26 mag 2015, 22:59

Sono d'accordo con ghighellina la consapevolezza è dosata in base alle capacità dei nostri cari!!!!!Mia mamma non ci pensa proprio all'idea che nel giro di qualche settimana non ci sarà più!!!!

gighellina
Membro
Messaggi: 214
Iscritto il: lun 20 feb 2012, 17:50

Re: Oggi è una giornata NO

Messaggio da gighellina » mer 27 mag 2015, 11:08

Amjanto...con quello che hai scritto mi hai spiazzato, commosso. E grazie. Ma ne tu ne io siamo Dio, ammesso che esista. Quindi quello che possiamo limitarci è accompagnarli nel modo più affettuoso e sereno possibile fino all'epilogo di questa malattia di M, che è uguale quasi per tutti. I medici sono umani anche loro, e ringrazio che non sentano il peso di ogni "sconfitta" che subiscono. Se no non ci sarebbero più medici disposti a farlo. la mia mamma non avrebbe potuto rimanere con me fino ad oggi e avrebbe soprattutto sofferto di dolori inimmaginabili. Ben oltre quelli patiti fino ad ora.
Che bella l'immagine delle vostre mani insieme. E il suo ricordo se non puoi farlo sulla pelle perchè non lo fai dipingete? fotografare su un quadro, una parete, un cuscino un supporto? Ma la cosa più importante è che sia tatuato nella tua testa e nel tuo cuore. Qui ogni volta che ognuno scrive e parla è per dare un po' di se e ricevere un po' dagli altri. Non sei egosita. E io sono felice che tu mi scrivi e mi racconti di te come io faccio con te. Forse in modo diverso ma il mio voler continuare a tutti i costi e per quanto possible voler vivere una vita normale ( andare al lavoro, prendere i bimbi a scuola, programmare cosa faremo domenica etc...) è una maschera. Quella che ti permette di avere una protezione. Una via diversa da tanto dolore. Un evasione che ti permette di respirare . Perchè io non sono forte come te. Io non so se riuscirò a stare 24h su 24h accanto a lei . Io necessito di prendere una pausa. Ho già subito un durissimo colpo. L'ho superato, e il secondo? sarò in grado di essere altrettanto forte? Sono preoccupata di ciò. Per cercare di consolare un dolore cosi grande cosa si può dire ? fare? Magari sarò la milionesima persona che lo scrive ma ,...il tempo sistemerà per quanto possibile le cose. La tristezza si trasforemrà piano piano. E lascerà spazio ai ricordi, solo quelli più belli. Ma ci vuole tempo. tanto tempo. Ma se vuoi fare due chiacchere virtuali...io ci sono, perennemente a dieta ,e non sgranocchio...ma parlo . Un abbraccio grande.

AMJANTO
Membro
Messaggi: 317
Iscritto il: gio 8 gen 2015, 22:23

Re: Oggi è una giornata NO

Messaggio da AMJANTO » mer 27 mag 2015, 15:54

:) gighellina è bello leggerti ogni volta. La forza l'avrai credimi sia durate che dopo. Io ricordo che dissi che una volta finito mio padre qua non ci sarei piu venuta e invece eccomi qua. Io che quella sera ho avuto paura di impazzire e di andare via con mio padre mentre i suoi respiri erano sempre meno e sempre piu rumorosi eppure dopo qualche ora lo guardavo in quel letto ed era bello, di nuovo pieno. Gli zigomi non si vedevano piu e le macchie marroni sotto agli occhi erano sparite. Mio padre era come sano almeno di viso, rilassato. Eppure sono ancora qua a leccarmi le ferite ma consapevole di dare nel bene e nel male tanta tanta forza. Lui mi manca, da morire ma per ora come dico spesso sono occupata con la burocrazia . Mio padre mi ha lasciato tanto .... non materialmente ovvio e penso che quando è andato Via mi ha lasciato parte del suo sapere. Perché io Sul suo computerizzato ho trovato tutti i documenti possibili ed immaginabili tra successione finanziarie patronati e conti chiusi io non so come e dove ho preso la forza di risolvere ogni cosa con una lucidita ed una sapienza che fino a prima non mi apparteneva. Io che non sapevo nemmeno dove si pagassero le bollette ad oggi mi ritrovo all agenzia delle entrate tra notai poste e banche. E chi se lo aspettava però purtroppo nella vita dopo la morte di un caro in italia c è anche questo.
" In piedi o seduto combatto la morte con rispetto ed onore. "

gighellina
Membro
Messaggi: 214
Iscritto il: lun 20 feb 2012, 17:50

Re: Oggi è una giornata NO

Messaggio da gighellina » gio 28 mag 2015, 11:08

sfondi una porta aperta Amjanto, ieri ero dal notaio...e domani in banca..è uno schifo la burocrazia :(

AMJANTO
Membro
Messaggi: 317
Iscritto il: gio 8 gen 2015, 22:23

Re: Oggi è una giornata NO

Messaggio da AMJANTO » gio 28 mag 2015, 13:15

Come volevasi dimostrare. E guarda che quando ti viene a mancare poi è peggio perché è li che tra documenti e tutto il resto devi farti spazio in questioni che nemmeno ti riguardano o ti interessano. Io a 26 anni ho perso mio padre figurati che felicità andare tutti i giorni al comune o in banca. Guarda una tortura. Mi sarebbe venuta voglia di dire tenetevi sti 4 spicci e non rompete le scatole. Poi penso che quei 4spicci sono risparmi di mio padre che con fatica per noi e per lui ha messo da parte e poi penso che ne vale la pena e mi faccio coraggio
" In piedi o seduto combatto la morte con rispetto ed onore. "

 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Raccontiamoci”