Oggi è una giornata NO

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
gighellina
Membro
Messaggi: 214
Iscritto il: lun 20 feb 2012, 17:50

Oggi è una giornata NO

Messaggio da gighellina » gio 7 mag 2015, 10:11

Ciao a tutti,
sono in ufficio. Con davanti le cose da fare, ma con la testa da un'altra parte e le lacrime in agguato. Ieri sera sono andata su da mia mamma (abita sopra di me). Attaccata all'ossigeno , con 3 coperte addosso, mi dice che ha mangiato 2 maccheroni e una forchettata di fagiolini e è stanca.
Stamattina non ha mangiato e ha i conati di vomito. E' stanca, è maledettamente doloroso. E io sono maledettamente impotente. Domani andiamo dal terapista del dolore per vedere se si può in qualche modo aggiustare la terapia. MI ha già detto che lo sa che la ri*****nno di più , giusto per farla contenta e dormire di più. Vuole morire. Questa non è più vita. Pochi giorni fa mi ha dato i suoi pochi ricordi preziosi. Ieri mi ha chiesto di vedere con il notaio come sistemare la questione casa...io voglio urlare. voglio andarmene, voglio che questo male schifoso sparisca dalla faccia della terra. E so che sono pericolosamente in bilico per non cadere nella tristezza più nera. scusate lo sfogo. oggi è davvero una giornata no.

moni1
Membro
Messaggi: 1176
Iscritto il: mar 25 nov 2014, 10:55

Re: Oggi è una giornata NO

Messaggio da moni1 » gio 7 mag 2015, 10:59

le parole non bastano per tirati su il morale, ma ti dico ugualmente FORZA, fai bene a sfogarti in un modo o nell'altro, altrimenti rischiamo di impazzire (dal dolore e dall'impotenza). cerca nel possibile di stare accanto a tua mamma sfruttando al meglio il tempo che ci viene concesso. un abbraccio grande

AMJANTO
Membro
Messaggi: 317
Iscritto il: gio 8 gen 2015, 22:23

Re: Oggi è una giornata NO

Messaggio da AMJANTO » gio 7 mag 2015, 11:04

Gighellina cara, mi dispiace tanto per questo profondo dispiacere che adesso provi, sono caduta anche io in quel buco nero negli utlimi giorni di vita di mio padre quando ormai capìì che le cose non stavano per niente bene.
Ricordo che mio padre quando non aveva ancora attaccata la morfina mi disse " In questi giorni appena starò meglio ti farò vedere i documenti..."
Io con una faccia perplessa chiesi quali documenti e lui rispose " Quelli del fondo, chissà magari ti possono servire per le imprese funebri" mia madre sentì e disse che non mi doveva coinvolgere in queste cose e che doveva pensarci lui alla burocrazia, che avevamo ancora tempo per queste cose e che era troppo pessimista. Ebbene dal 17 di aprile, giorno in cui mio padre è andato via combatto ogni giorno contro la burocrazia, tra conto in banca bloccato, visite al patronato e un va vai dal comune per i certificati, per non parlare di una semplice auto che per passare a mia madre dobbiamo fare un casino, la successione di morte... Credimi se mio padre non fosse stato sempre estremamente ordinato e avesse le copie di ogni documento sul pc ed anche cartacei io in questo momento starei ancora a zero. Ho 26 anni e di tutti questi documenti non ne ho mai capito nulla, eppure piano piano sto sbrigando tutto meglio di un commercialista :) è il mio papà che mi sta aiutando perche' la lucidità che sta emergendo è assurda. Mio fratello ha solo 18 anni e mia madre queste cose proprio non le sa sbrigare, ragion per cui ho dovuto farlo io. Mi chiedo cosa farò quando avrò finito di sbrigare tutte queste faccende.
La tua mamma se lo sente che forse non è più il caso di aspettare. Ed è giusto che certe cose si facciano in vita. Lo so magari potrà sembrare assurdo.
Noi in banca non avevamo niente di che, anchhe perchè siamo una famiglia normalissima con un solo stipendio e mio padre da dicembre ci chiedeva di andare in banca a prelevare quei quattro spiccioli, alla fine poi tutto è finito, noi non pensavamo mica ai soldi, ma poi ci hanno bloccato il conto in qualche giorno. Purtroppo qui non basta già perdere un caro, bisogna anche perdersi tra carte documenti e successioni. E per fortuna che ho solo una casa e non ho chissa quali ricchezze. Meglio non aver nulla in certi casi. So che a tutto pensi tranne che a questo però ahimè è anche questa una parentesi di un caro che se ne va.
" In piedi o seduto combatto la morte con rispetto ed onore. "

gighellina
Membro
Messaggi: 214
Iscritto il: lun 20 feb 2012, 17:50

Re: Oggi è una giornata NO

Messaggio da gighellina » gio 7 mag 2015, 11:35

Amijanto, Moni , è vero che le parole non bastano, ma raccontare e condividere e avere la certezza che qualcuno dall'altra parte ti capisce aiuta e tanto. quindi grazie.
Certe cose anche parlandone con mio marito o la mia amica più cara che per fortuna non hanno vissuto e spero non viva le nostre stesse esperienze per quanto possano starti vicini, non hanno la possibilità di capirti fino in fondo.

Amijanto sei dovuta crescere in sveltissima. E sii orgogliosa di quello che sei , come di sicuro lo sarebbe il tuo papà.
Si sono d'accordo che certe questioni vadano sistemate in vita e per non avere casini dopo. Ma è dura. Durissima .
Anche noi abbiamo solo la casa dei miei. Ma sentire mia mamma dire " Quando io non ci sarò più voglio che ,,, " è dura. Durissima. per me e per suo marito ( che comunque mi ha cresciuta).

Io ho 40 anni ( il 10 maggio) ma credimi se dico che ho ancora bisogno della mia mamma. E sapere che è destinata ad andarsene a breve e per di più tra dolori lancinanti mi fa morire di rabbia,

Per quanto riguarda la depressione...non prendere sottogamba i segnali. Lo dico perchè quando è nata la mia prima figlia e era minacciata la sua sopravvivenza ho pensato di potercela fare da sola. E per 4 anni non ho mai avuto effettivamente bisogno di un aiuto psicologico. E' bastano un niente ai suoi 4 anni per farmi cadere nel baratro più nero , e ho pagato la mia negligenza nel volermi far aiutare allora , con gli interessi.

Questo Amijanto è solo per dirti di non tenerti tutto dentro.

Un abbraccio a entrambe.


Al

profmanu
Membro
Messaggi: 133
Iscritto il: dom 19 apr 2015, 17:46

Re: Oggi è una giornata NO

Messaggio da profmanu » gio 7 mag 2015, 12:38

Tesoro, ci sono anche io. Tutto quello che posso fare è questo, esserci e leggere le tua parole. Mi sembra di vederti, anzi mi sembri proprio me allo specchio. A pensarci bene lo siamo un po' tutti, qui, immagini riflesse di un medesimo dolore.
Non pensare, adesso, alle cose pratiche. quelle verranno pian pianino e, ti assicuro, te la caverai.
Non pensare neanche a quel momento: non ti servirà come "acconto" del dolore. Negli ultimi quattro anni di vita di mio padre, ovvero da quando si è ammalato, ho vissuto con il costante terrore di perderlo. Non ero ugualmente preparata ed ora sto da cani. Ho sofferto prima e adesso ... Mi rendo conto che le reazioni non si possano comandare, ma possiamo fare un piccolo tentativo per arginare le nostre reazioni. Almeno in questa fase, tesoro mio.
Oggi sono due mesi. Due stramaledetti mesi in cui ogni giorno è peggio di quello precedente. Dicono che il tempo aiuti. Mah,... io vedo che il dolore si rinnova, si intensifica mentre io perdo interesse in tutto. Orma nulla ha più senso.
Sicuramente sbaglio a dirti queste cose. TI sono vicina. Ti abbraccio con affetto enorme....

barbara 1974
Membro
Messaggi: 74
Iscritto il: mar 13 gen 2015, 10:06

Re: Oggi è una giornata NO

Messaggio da barbara 1974 » gio 7 mag 2015, 13:23

Cara Ghighellina, da quanto mi scrivi siamo proprio sulla stessa barca!!!Questa notte ho dormito con lei e continuerò a farlo!!!Non si finisce mai di essere figlie!!!!La mia grande fortuna è che mamma al momento non ha dolori è in uno stato soporoso, poi magari se le parli si sveglia ieri sera è venuta a mangiare a tavola le sembrava di aver scalato una montagna!!!! È sempre più stanca ogni tanto piange e mi dice che non ce la fa più!!!!Lei non è propriamente consapevole e pensa di riuscire a riprendersi!!!!Come ti comprendo!!!!!ti stringo forte a me compagna di viaggio!!!!!

gighellina
Membro
Messaggi: 214
Iscritto il: lun 20 feb 2012, 17:50

Re: Oggi è una giornata NO

Messaggio da gighellina » gio 7 mag 2015, 14:40

Cara Profmanu, io ti ringrazio e sono grata della tua presenza.hai detto una cosa verissima: sembriamo tutte immagini riflesse di un medesimo dolore. Io vorrei non pensare alle cose pratiche ma conoscendo la mia cara mamma, vuol lasciare "tutto in ordine" e io non posso sempre temporeggiare dicendo non è il momento , ma va là. Pechè lei sa tutto. Piu' di me. Probabilmente sente anche avvicinarsi la morte in modo veloce. Non penso ci si prepari mai ad un evento del genere. Mia mamma combatte da 11 anni contro la bestia , sapevamo quale poteva essere la fine. E alla fine , questa sta arrivando. Ho avuto "teoricamente " tempo per prepararmi. Beh come dici tu non è vero. Io abbraccio te intensamente, sperando che anche se virtuale ti possa arrivare un po' dell'affetto e della vicinanza che provo nel leggere le tue parole. E nn dire che nulla ha più senso. La tua vita ha senso, il tuo futuro. E' scontato ma credo che il tuo papà vorrebbe che tu iniziassi , quando ti sentirai pronta , a iniziare a rivivere anche per lui.

gighellina
Membro
Messaggi: 214
Iscritto il: lun 20 feb 2012, 17:50

Re: Oggi è una giornata NO

Messaggio da gighellina » gio 7 mag 2015, 14:43

Barbara,
a posteriori avrei voluto che non sapesse nemmeno lei. Io la visualizzo sempre come se stesse camminando sul " Miglio Verde" come nel film.
Sapere a volte non è la cosa più conveniente del mondo. Sapere che non hai più speranze ha devastato me, figuriamoci lei. Mia mamma ha dolore , ma non è allettata ancora, si alza, "mangia" , poi vomita e poi e stanca , stanchissima come la tua. Domani andremo dal terapista del dolore e vediamo se appunto per cercare di farle sentire meno male le daranno degli oppioidi più forti, che la faranno dormire di più...che strazio. Ti abbraccio forte anche io

piccola90
Membro
Messaggi: 57
Iscritto il: ven 1 mag 2015, 2:32

Re: Oggi è una giornata NO

Messaggio da piccola90 » gio 7 mag 2015, 15:27

Perché tua mamma vomita? Non si può fare niente per questo?
Comunque anche se è poco ti sono vicina Ghighellina. :) Non farti vedere disperata da tua mamma che poi è peggio, goditi il tempo che vi rimane da passare insieme.

gighellina
Membro
Messaggi: 214
Iscritto il: lun 20 feb 2012, 17:50

Re: Oggi è una giornata NO

Messaggio da gighellina » gio 7 mag 2015, 15:37

Piccola,
purtroppo è la malattia. e i medicinali. GLi antiemetici non funzionano sempre purtroppo. Ha un fisico troppo devastato. Si. Cerco di farmi vedere "normale" ma come è difficile ....

 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Raccontiamoci”