malati terminali e miglioramenti

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
silvy84
Membro
Messaggi: 317
Iscritto il: mer 27 mag 2015, 10:08

Re: malati terminali e miglioramenti

Messaggio da silvy84 » mer 3 giu 2015, 11:33

Leggendo ciò che scrivete..mi rendo conto di come siano uguali le nostre reazioni..e i nostri comportamenti...io credevo che fosse anormale la mia reazione d rabbia contro mia madre..quel nervosismo che mi assale a volte e me la prendo con lei..forse anche perche loro erano separati e mi viene ancora più rabbia...però capisco ora la normalità della cosa...e il nervosismo verso la gente..che davvero capace all inizio di belle parole..e poi...questo maledetto cerca di reagire..ma porca miseria come avete detto se gia non ce ne siamo andate anche noi vuol dire che stiamo reagendo...ma non possiamo metterci a ridere e scherzare come una volta..non sarà mai piu come prima ma nessuno sembra capirlo...sembra che ci sia stata data una data di scadenza x il dolore...ma non è cosi purtroppo..sarebbe bello..ma non c è nessuma data...il dolore è x sempre...e anche se andremo avanti a fatica avremo sempre i nostri momenti di depressione tristezza sconforto...loro ..tutti non capiscono che a volte non vogliamo sentirci dire di reagire perche basta lo sappiamo..ma vorreml soltanto una spalla su cui sfogarci x poi ricominciare....abbiamo bisogno di questo..e basta....vi abbraccio ragazze..

profmanu
Membro
Messaggi: 133
Iscritto il: dom 19 apr 2015, 17:46

Re: malati terminali e miglioramenti

Messaggio da profmanu » mer 3 giu 2015, 12:41

bravissima silvy, è proprio così. Come se esistesse una sorta di tempo predefinito per soffrire ed un altro per uscire dal dolore. Noi da questo dolore non usciremo. Semplicemente accetteremo di doverci convivere.
Al momento non riusciamo a conviverci, poi diventerà una necessità. Ognuno ha i propri tempi. Come fanno gli altri a dire quanto tempo ci voglia? Non esistono dei paramentri di riferimento.

gighellina
Membro
Messaggi: 214
Iscritto il: lun 20 feb 2012, 17:50

Re: malati terminali e miglioramenti

Messaggio da gighellina » mer 3 giu 2015, 15:44

Ciao a tutti,
è sopreprendente l'affetto che si crea! Grazie per questo!!
Scusate se non mi sono fatta sentire , ma io di solito mi connetto dall'ufficio. A casa mi è davvero impossibile farlo a causa del tempo rosicato...
per quanto riguarda la mia mamma, sempre uguale e in lieve peggioramento. ma non è che posso aspettarmi meglio. Aspettiamo la fine. E' inutile girarci intorno. E' quello che nella mia famiglia stiamo aspettando. Che cosa triste, che tragedia, che rabbia.
Silvia, mi spiace tanto. ti abbraccio e ti sono vicina. vorrei davvero essere li e farlo fisicamente....cosa c'è da dire per consolare? e chi dice che devi reagire lo so che lo fa perchè in fondo non ha altre parole. E stare zitto farebbe un effetto peggiore.
spumella. Vero lei ha avuto la fortuna di vederli nascere e crescere. Ma avrò anche la sfortuna di dovergli spiegare perchè si vedranno privati della nonna che amano. E ancora non possono capire in toto. e è struggente e tragico , ma se sei credente dicono che loro saranno sempre accanto no?. Io non lo sono. Ho subito troppe "botte" , non voglio credere che un essere cosi diabolico si accanisca cosi su un essere umano. E' tutto un caso. ma ovviamente massimo rispetto per chi ci crede e anche un po' di invidia nella consolazione che troverà. E che io non avrò.
Profmanu. Io dia nni ne ho 40 e lei è sempre la mia mamma. come quando ne avevo 10/20/30. Necessito di lei. Ma necessitavo di lei quando in lei riconoscevo la mia mamma. Questo genere di sopravvivenza fatta di morfina, dormire , non mangiare , attesa di morte non è vita . la mia mamma la vorrei con me per sempre. Ma come la conoscevo e come viveva almeno fino a 25 giorni fà. Ora è solo una parte di lei. E la amo talmente tanto che sono pronta anche a lasciarla andare subito piuttosto che vederla cosi ancora chissà quanto.
Profmanu nontrattale male la tua mamma... lei soffre come e più di te....fatti forza. Anche mio padre dice cose rabbiose contro di me. Non rispondo subito. Ma riprendo il discorso dopo , dopo aver riflettuto quanto deve essere grande il suo dolore. Forse più del mio...io ho mio marito i miei figli, la mia casa il mio futuro...a lui in fondo cosa rimane?
un abbraccio e grazie , grazie davvero della vostra fondamentale presenza.
Amjanto come va? è lunga lunghissima la strada è vero, ma abbi pazienza... e vedrai che un giorno riuscirai a vedere un po' più positivo...

spumella
Membro
Messaggi: 248
Iscritto il: mer 20 mag 2015, 1:53

Re: malati terminali e miglioramenti

Messaggio da spumella » mer 3 giu 2015, 15:49

Esatto!
Avete ragionissima!!
Al momento della tragedia ho sentito mille volte la frase: "Ti sono vicina se hai bisogno per qualsiasi cosa ci sono"
Ok apprezzo e ringrazio. Purtroppo però no, non potete fare nulla... Non per poca gratitudine, ma per realtà dei fatti.
Ed ora... Tutti quei: "Come stai? Va un po' meglio?"
NO NO NO E NO!!!!!
Sto esattamente come ieri, come l'altro ieri... anzi forse peggio!!!!!
Ormai non rispondo nemmeno più a questa domanda. Potrei solo dire "male", ma sto zitta! Perchè per la gente (giustamente) è faticoso sprofondare nel dolore altrui, non vorrebbero averci nulla a che fare perchè si spaventano. E quindi ti fanno fretta. Così se ti vedono star meglio anche loro si levano il peso.
Credo faranno santo il mio ragazzo che sopporta tutto e mi da la famosa spalla su cui piangere. Però ci sono momenti che neanche da lui mi sento capita. Parliamo due lingue diverse su questa cosa... E non so più che inventarmi per rifiutare gli inviti a casa della sua famiglia felice con la mamma che lo coccola... e coccola pure me. Ed io anzichè di ringraziarla la spingerei via perchè non voglio lei. io voglio la MIA di mamma!
Sono fortemente invidiosa...

silvy84
Membro
Messaggi: 317
Iscritto il: mer 27 mag 2015, 10:08

Re: malati terminali e miglioramenti

Messaggio da silvy84 » gio 4 giu 2015, 9:59

Buongiorno ragazze...
e anche oggi inizia un'altra giornata triste...cercando di alzarmi dal letto e di reagire come mi chiedono tutti...un altra giornata in cui dovrai mentire ai continui Come Stai della gente che come avete detto bene vorrebbe sempre setirsi dire BENE!!...ma neanche tra un anno potrò dire Bene...io non rispondo bene anche se a loro non interessa..io rispondo...STO!!com è difficile...in tutto...anche le piccole cose..le piccole litigate in casa..prima mi sfogavo con lui e lui mi faceva sentire protetta..e quindi mi sentivo sempre forte anche se contro tutti..ora invece senza di lui mi sento sola..debole...la mia forza l ho persa...mi sento persa....va beh ragazze vado a trovare papà....un abbraccione..

profmanu
Membro
Messaggi: 133
Iscritto il: dom 19 apr 2015, 17:46

Re: malati terminali e miglioramenti

Messaggio da profmanu » gio 4 giu 2015, 11:58

io sono arrivata al puntro di fingere di parlare al cell per evitare che la gente, almeno per strada, mi fermi.
Al lavoro non ne parliamo , è un continuo "come stai?" , "ti vedo meglio "etc e tu vorresti mandarli a quel paese e non puoi perchè poi sei tu che passi per sprucida quando non credo sia normale dover avere a che fare con gente che si finge gentile ma che invece non fa altro che girare il coltello nelle piaga...

gighellina
Membro
Messaggi: 214
Iscritto il: lun 20 feb 2012, 17:50

Re: malati terminali e miglioramenti

Messaggio da gighellina » gio 4 giu 2015, 12:00

ciao a tutti!.
Oggi ero giù quindi , nonostante viva perennemente a dieta stamattina cappuccio e brioche! Una coccola autoofferta! Spumella, Silvia, non so se può essere di aiuto ma ... perchè se avete del tempo non provate a dedicarlo a un'associazione come AImac, ovvero "esserci" per i malati e per i parenti? chi meglio di noi potrebbe riuscire nell'intento di offrire una spalla su cui piangere?- Ci ho pensato anche per me. Al momento non posso per ovvi motivi di tempo. Ma penso che in futuro potrebbe essere un'esperienza che mi aiuti e in cui io possa aiutare. Spumella credo che sia normale...e poi che dolce tua suocera che si prodiga per coccolarti. Penso anche che capisca il momento e il perchè te la allontani. Tu pensa che invece la mia è in vacanza ! ...ma dopo il 15 giugno, quando torna, basta che le faccio un fischio e lei si trasferisce a casa mia eh!? (ironico) . Ho dovuto dirle che io non me ne faccio niente di una persnona in più in mezzo ai piedi e in casa mia ora. Io avrei bisogno che qualcuno , terminata la scuola mi tenga i bambini , per non mandarli subito all'oratorio ma farli respirare un'attimo!...ma lei è in vacanza! eh! ...dai ironizzo per non piangere! Silvia...Sto! è già qualcosa... Entrare nel dolore altrui è davvero una cosa difficile e tremenda. E se potessi scegliere anche io ne starei a km!! . Silvia se trovare il tuo papà è di conforto, vai, salutalo, parlaci. ti aiuterà sicuramente!
Amjanto come va? Un abbraccio speciale amica virtuale

AMJANTO
Membro
Messaggi: 317
Iscritto il: gio 8 gen 2015, 22:23

Re: malati terminali e miglioramenti

Messaggio da AMJANTO » gio 4 giu 2015, 13:57

Ciao gighellina ciao a tutte. Vi leggo ma non rispondo. Alla fine proviamo quasi tutte le stesse orrende sensazioni e molte volte non so nemmeno io cosa dire per questo non rispondo. Ma sono vicina ad ognuna di voi con tutto il mio cuore.
La vita va. ... tutto continua ad andare e per me sembra si sia fermato il tempo. Come se fossi morta anche io. Certo rido scherzo vado a lavoro ma iniziative 0. Faccio sempre le stesse cose e a lungo andare amche l ultima persona che mi è rimasta accanto mi abbandonerà. Dovrei darmi una smossa per il mio fidanzato ma piu ci provo meno ci riesco. Non so piu come fare ho 26 anni io non posso e non devo fermarmi qui.

Facciamoci tanto coraggio amiche.
gighellina un forte abbraccio va a te. Continua a combattere
Un bacione
" In piedi o seduto combatto la morte con rispetto ed onore. "

spumella
Membro
Messaggi: 248
Iscritto il: mer 20 mag 2015, 1:53

Re: malati terminali e miglioramenti

Messaggio da spumella » gio 4 giu 2015, 15:38

Anch'io Amjanto faccio stesso ragionamento per il mio fidanzato...
Sei ancora più giovane di me, io di anni ne ho 33... Certo che non dobbiamo fermarci, però in questo momento la voglia di vivere scivola via tra le dita...
Profmanu grazie per la dritta del cellulare XD mi sa che la applicherò anche io!!!
Silvy... Ti capisco.... Io ho l'urna in casa... Ieri per la prima volta l'ho presa in mano e ho pianto tanto... A volte mi da sollievo, altre odio che tutto sia finito lì, in cenere...
Gighellina c'ho pensato al volontariato, ma più avanti...
Secondo me stiamo troppo male noi ora per aiutare qualcuno, è il momento di ricevere, non di dare....
Sarebbe un po' come un cieco che da una mano ad uno zoppo, quindi detto molto onestamente ora non sono proprio in grado di dare speranza e positività ad altri...

AMJANTO
Membro
Messaggi: 317
Iscritto il: gio 8 gen 2015, 22:23

Re: malati terminali e miglioramenti

Messaggio da AMJANTO » gio 4 giu 2015, 20:15

Spumella vale un po per tutto. Il fatto di non avere stimoli ne iniziative, il fatto di fare cose forzate. Questo è lo stare in stand by. Io non ho voglia di far nulla ma dall altra parte ho una voglia di riemergere e di riprendere la mia vita in mano come non mai. Ovviamemte la mia storia ne risente. Sono fidanzata da quasi tre anni e l ultimo anno purtoppo ho dovuto coinvolgere il mio ragazzo in una cosa che non gli apparteneva affatto. Tra corse in ospedale e controlli se non avessi avuto lui... è l ora di smuovermi ora ma non so proprio da dove iniziare sinceramente
" In piedi o seduto combatto la morte con rispetto ed onore. "

 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Raccontiamoci”