Tumore alla prostata

Rispondi
Avatar utente
Blade_Runner
Membro
Messaggi: 187
Iscritto il: mer 21 nov 2012, 8:07
Località: Napoli

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da Blade_Runner » ven 30 set 2016, 21:59

Complimenti comandante!
I vecchi sogni erano dei bei sogni, non si sono avverati ma sono contento di averli coltivati

maddalena
Membro
Messaggi: 639
Iscritto il: mer 11 giu 2014, 15:05
Località: CREMONA

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da maddalena » sab 1 ott 2016, 0:04

Salve Blade,
beh son poco più di 5 anni "fortunatamente" che ripete TAC , prima ogni 2, poi 3, 4 , mesi per tener d'occhio crescita dimensionale recidiva
pancreatica ai polmoni, prima il destro radiato nel '14 e con successiva frattura a distanza delle 2 ultime costole inferiori . In crescita altra lesione al lobo sinistro e radiata in aprile '16 Tac in giugno dove si può notare l'addensamento infiammatorio effetto del tutto normale della terapia stereotassica.
Ora prenotato pross. controllo Tac di routine anche per capire se c'è evoluzione nell'addome zona peri-pancreatica per diversi linfonodi di cui 1 mesi fa
misurava 2,3 cm, ( dubbio ? !), linfonodo sano non supera 1, 5.

Grazie Blade, a presto

Cari saluti Maddalena


Ernestus , ciao e
mi raccomando non andare in apnea, respira , respira. Forza !

Maddalena (reperto storico! )

Avatar utente
Blade_Runner
Membro
Messaggi: 187
Iscritto il: mer 21 nov 2012, 8:07
Località: Napoli

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da Blade_Runner » sab 1 ott 2016, 8:16

maddalena ha scritto:Salve Blade,
beh son poco più di 5 anni "fortunatamente" che ripete TAC , prima ogni 2, poi 3, 4 , mesi per tener d'occhio crescita dimensionale recidiva
pancreatica ai polmoni, prima il destro radiato nel '14 e con successiva frattura a distanza delle 2 ultime costole inferiori . In crescita altra lesione al lobo sinistro e radiata in aprile '16 Tac in giugno dove si può notare l'addensamento infiammatorio effetto del tutto normale della terapia stereotassica.
Ora prenotato pross. controllo Tac di routine anche per capire se c'è evoluzione nell'addome zona peri-pancreatica per diversi linfonodi di cui 1 mesi fa
misurava 2,3 cm, ( dubbio ? !), linfonodo sano non supera 1, 5.

Grazie Blade, a presto

Cari saluti Maddalena


Ernestus , ciao e
mi raccomando non andare in apnea, respira , respira. Forza !

Maddalena (reperto storico! )
Ah scusa non ricordavo la storia clinica. Beh allora tanti auguri per il prossimo controllo.
Ciao!
I vecchi sogni erano dei bei sogni, non si sono avverati ma sono contento di averli coltivati

elios
Nuovo membro
Messaggi: 1
Iscritto il: mer 5 ott 2016, 18:12

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da elios » mer 5 ott 2016, 19:00

caro Gianni....le vie del Signore sono infinite come tutti i problemi che riguardano la prostata....uno diverso dall'altro....infiniti e variegati quindi.Il mio caso rimane uno dei più studiati in quanto 2 anni fa esatti ,rimanendo improvvisamente "bloccato" nell'urinare subii la permanenza del catetere per 20 gg dopo di che fui operato da un primario ospedaliero con intervento TURP (avevo 5,8 di Psa)che riuscì bene tanto è vero che urinavo normalmente e senza incontinenza.Dopo 20 gg ripresi (68 anni) attività sessuale decente.La mazzata arrivò pochi gg dopo la visita di controllo durante la quale il prof. mi disse che stavo benissimo (così sembrava a tutti!).....infatti il risultato delle analisi (arrivato 35 gg dopo intervento)diceva chiaramente che avevo cellule tumorali sul 50% del campione,con un Gleason 3+3 non spaventoso ma ben chiaro.Dopo tanta prostrazione psicologica decisi di sottopormi a prostatoctomia radicale e cambiai ospedale e primario appena 3 mesi e mezzo dopo. Intervento con robot e 6 fori nell'addome con pochi problemi (a parte il buco più grande che perdeva di tanto in tanto liquidi e non ne voleva sapere di chiudersi( 1 mese esatto di tempo)......robetta rispetto al 40% delle persone che tornavano nei vari ospedali....(.testimonianze di amici e conoscenti)dopo pochi gg a sistemare i guai più o meno importanti derivati dagli interventi.non ho dovuto fare nulla in quanto il tumore era circoscritto all'interno . Quello che voglio dire è che ho subìto 2 interventi in 105 giorni......dopo il primo ero uscito fuori come un pischello.....dopo il secondo mi trovo DOPO 19 MESI,con rare (ma ci sono) microperdite urinarie e sesso al 15 %.....QUASI NULLO.Ogni tre mesi faccio il psa e per rispondere a te, ti dico sempre inferiore a 0,01.Faccio ogni 4/6 mesi ecografia completa addome.....e anche qui finora ok.Ho tentato tutti i sistemi per avere erezione idonea....ma addirittura iniezione di caverject ,oltre a procurare dolore più o meno forte, funziona più no che si!!!---il tuo PSA PASSATO a 0.03 non dovrebbe metterti paura,dai.... aspetta prossimi controlli e poi da tutte le mie ricerche è risultato chiaro che :
-non sempre psa alto indica certezza del tumore
-non è detto che psa basso ESCLUDA esistenza tumore!
come vedi solo la biopsia parla chiaramente.......e a me nn la fecero fare!!!! Avrei risparmiato il primo intervento.
COSA FARE?
Aspettare pazientemente facendo sempre i controlli ed avere fiducia......io sono incazzatissimo ancor oggi ma spero sempre di migliorare,questo ns. male come dicevo.....ha mille sfaccettature differenti.
Una considerazione da fare: Prima di rimuovere la prostata pensarci bene,sono certo che fra cento persone c'è qualcuno che si terrebbe volentieri il male piuttosto che rinunciare IMPROVVISAMENTE all'attività sessuale.....solo che il medico racconta sempre che non ci saranno problemi!!!!!!!!!
E questo palesemente non è vero

domenikko
Nuovo membro
Messaggi: 2
Iscritto il: mar 16 ago 2016, 22:49

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da domenikko » sab 29 ott 2016, 21:38

Salve a tutti.
A 53 anni operato di prostatectomia radicale con PSA appena a 4 ma purtroppo dopo l'esame alla prostata, 5 frustoli su 12 campioni e gleason 4.
Intervento in laparoscopia il 26 maggio 2016, 5 notti in ospedale e 7 giorni successivi con catetere. Dopo aver tolto il catetere, per 15 giorni circa qualche piccola perdita ma circa dopo un mese tutto risolto.
Esami di queste settimane tutto OK, con PSA inf. a 0,01, uroflussometria perfetta ed anche urocoltura ed ecografia a posto.
Purtroppo però di erezioni, nemmeno l'ombra.
Ho provato con il caverjet ma confermo che è doloroso e l'ultima volta ho dovuto raffreddare il pene per riuscire a sopportare il fastidio.
Ora dopo ecografia e tutte le altre visite che sono tutte OK, il medico mi ha consigliato una rieducazione con le compresse di cialis da 20 mg da prendere 3 volte alla settimana.
Dal bugiardino si capisce che potrebbe essere un'alternativa al Viagra ma che necessita di stimolazione perché possa avere efficacia.
A parte questo effetto collaterale non di poco conto (mancanza di erezione), comunque, l'intervento è andato molto bene.
Purtroppo io sono stato costretto a farlo anche perché la minzione era difficoltosa, frequente e necessaria, colpa ovviamente della prostata ingrossata ed irritata.
Fra un po' vi dirò come sta andando con il cialis da 20 mg (che il medico mi ha prescritto con apposita impegnativa ed il farmaco non è costato nulla).

domenikko
Nuovo membro
Messaggi: 2
Iscritto il: mar 16 ago 2016, 22:49

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da domenikko » sab 29 ott 2016, 21:39

Salve a tutti.
A 53 anni operato di prostatectomia radicale con PSA appena a 4 ma purtroppo dopo l'esame alla prostata, 5 frustoli su 12 campioni e gleason 4.
Intervento in laparoscopia il 26 maggio 2016, 5 notti in ospedale e 7 giorni successivi con catetere. Dopo aver tolto il catetere, per 15 giorni circa qualche piccola perdita ma circa dopo un mese tutto risolto.
Esami di queste settimane tutto OK, con PSA inf. a 0,01, uroflussometria perfetta ed anche urocoltura ed ecografia a posto.
Purtroppo però di erezioni, nemmeno l'ombra.
Ho provato con il caverjet ma confermo che è doloroso e l'ultima volta ho dovuto raffreddare il pene per riuscire a sopportare il fastidio.
Ora dopo ecografia e tutte le altre visite che sono tutte OK, il medico mi ha consigliato una rieducazione con le compresse di cialis da 20 mg da prendere 3 volte alla settimana.
Dal bugiardino si capisce che potrebbe essere un'alternativa al Viagra ma che necessita di stimolazione perché possa avere efficacia.
A parte questo effetto collaterale non di poco conto (mancanza di erezione), comunque, l'intervento è andato molto bene.
Purtroppo io sono stato costretto a farlo anche perché la minzione era difficoltosa, frequente e necessaria, colpa ovviamente della prostata ingrossata ed irritata.
Fra un po' vi dirò come sta andando con il cialis da 20 mg (che il medico mi ha prescritto con apposita impegnativa ed il farmaco non è costato nulla).

topote
Membro
Messaggi: 174
Iscritto il: ven 23 mar 2012, 21:13

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da topote » lun 7 nov 2016, 23:42

Complimenti Ernestus, anch'io da oltre 3 anni sono fermo a >0,005.
Bel respirone e viaaaa col taxi. A proposito son venuto ancora a Roma a fine ottobre ma non ti ho voluto disturbare. Un abbtaccio ed un saluto a tutti i miei compagni di "cordata" dal 2012 ad oggi.

Avatar utente
Blade_Runner
Membro
Messaggi: 187
Iscritto il: mer 21 nov 2012, 8:07
Località: Napoli

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da Blade_Runner » lun 7 nov 2016, 23:52

Ciao Topote e buonanotte a tutti.
I vecchi sogni erano dei bei sogni, non si sono avverati ma sono contento di averli coltivati

mimmo59
Membro
Messaggi: 5
Iscritto il: mer 9 nov 2016, 0:38

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da mimmo59 » gio 10 nov 2016, 10:28

Buonasera. Vi racconto la mia esperienza con la speranza di trovare un'anima gemella. A Febbraio 2015 effettuo delle analisi dove mi viene riscontrato un psa di 13. Prenoto una visita privata e l'urologo dopo avermi visitato non trova niente di preoccupante, mi prescrive una cura dicendomi di ripetere psa, psa libero, rapporto e testosterone. Nel ripetere le analisi mi ritrovo un psa di 14,1, 3,2 libero e un rapporto di 23. Mi preoccupo per il psa che invece di diminuire, dopo la cura è aumentato, e informo l'urologo che mi tranquillizza dicendomi che devo ripetere più in là il testosterone. Dopo qualche mese comincio ad avvertire problemi al retto e finalmente dopo mia insistenza l'urologo mi prenota una biopsia. Questo avviene dopo un anno, precisamente a Febbraio 2016. Risultato biopsia : 100 psa e gleason 4+4. Non vi dico il mio stupore e anche quello dell'urologo. Effettuo scintigrafia ossea che risulta negativa ma alla Tac il tumore risulta avanzato avendo interessato i canali iliaci e la zona retto prostata. Mi reco a Ravenna e qui mi dicono che non sono operabile e mi prescrivono come fase iniziale ormonoterapia accompagnata da sei cicli di chemio. Dopo questa prima fase il psa è stato azzerato e i la massa tumorale fuori prostata diminuita. L'Oncologo, data la mia giovane età 57 anni, mi consiglia di continuare ad aggredire il mostro con la radioterapia a fasci esterni. Oggi ho iniziato la prima di 28. Ancora l'umore e la forza d'animo mi assiste ma gradirei che qualcuno con una situazione similare alla mia mi rispondesse in modo di unire le forze in questa guerra. La vita mi ha insegnato che si vince quando si è uniti, o meglio si perde difficilmente. Questo forum è fantastico e sono sicuro di avere fatto una cosa giusta entrandovi. Saluti.

mimmo59
Membro
Messaggi: 5
Iscritto il: mer 9 nov 2016, 0:38

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da mimmo59 » gio 10 nov 2016, 10:33

Buonasera. Vi racconto la mia esperienza con la speranza di trovare un'anima gemella. A Febbraio 2015 effettuo delle analisi dove mi viene riscontrato un psa di 13. Prenoto una visita privata e l'urologo dopo avermi visitato non trova niente di preoccupante, mi prescrive una cura dicendomi di ripetere psa, psa libero, rapporto e testosterone. Nel ripetere le analisi mi ritrovo un psa di 14,1, 3,010 libero e un rapporto di 21,3. Mi preoccupo per il psa che invece di diminuire, dopo la cura è aumentato, e informo l'urologo che mi tranquillizza dicendomi che devo ripetere più in là il testosterone. Dopo qualche mese comincio ad avvertire problemi al retto e finalmente dopo mia insistenza l'urologo mi prenota una biopsia. Questo avviene dopo un anno, precisamente a Febbraio 2016. Risultato biopsia : 100 psa e gleason 4+4. Non vi dico il mio stupore e anche quello dell'urologo. Effettuo scintigrafia ossea che risulta negativa ma alla Tac il tumore risulta avanzato avendo interessato i canali iliaci e la zona retto prostata. Mi reco a Ravenna e qui mi dicono che non sono operabile e mi prescrivono come fase iniziale ormonoterapia accompagnata da sei cicli di chemio. Dopo questa prima fase il psa è stato azzerato e i la massa tumorale fuori prostata diminuita. L'Oncologo, data la mia giovane età 57 anni, mi consiglia di continuare ad aggredire il mostro con la radioterapia a fasci esterni. Oggi ho iniziato la prima di 28. Ancora l'umore e la forza d'animo mi assiste ma gradirei che qualcuno con una situazione similare alla mia mi rispondesse in modo di unire le forze in questa guerra. La vita mi ha insegnato che si vince quando si è uniti, o meglio si perde difficilmente. Questo forum è fantastico e sono sicuro di avere fatto una cosa giusta entrandovi. Saluti.

 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Tumore alla prostata”