Tumore alla prostata

Porp54
Membro
Messaggi: 29
Iscritto il: gio 1 feb 2018, 10:41

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da Porp54 » sab 14 apr 2018, 8:41

Brunelleschi18 ha scritto:
ven 13 apr 2018, 19:26
L'intervento è andato bene. Ora il "problema" è diventato l'incontinenza postoperatoria; gli urologi hanno detto che c'è un tempo di recupero variabile dai 3 ai 12 mesi. Quali sono le vostre esperienze riguardo a questo ? Oltre alla ginnastica si può fare altro ?
Sono contento che l'intervento sia andato bene. In effetti quando è particolarmente demolitivo i tempi di recupero della continenza si allungano.

Anche il mio è stato un intervento molto demolitivo (15 gennaio 2018, gleason 9) ma a distanza di tre mesi l'ho recuperata al 90% con una perdita di urina media giornaliera di 10 grammi.

10 grammi è il massimo della mia perdita giornaliera ma ci sono giorni nei quali la perdita di urina è ZERO.

Con questi risultati si può passare tranquillamente dai pannoloni agli slip con aassorbenti femminili ad alta assorbenza.

Ma per la disorganizzazione delle strutture sanitarie oncologiche della mia città, la ginnastica del pavimento pelvico me l'hanno fatta cominciare dopo due mesi dall'intervento cioè da un mese.

Invece va iniziata appena il paziente si sente in grado di uscire di casa per recarsi all'ospedale a farla.

Le modalità per iniziarla te l'ho scritta nella mia risposta del 30 marzo.

Oltre alla ginnastica pelvica gli operatori ospedalieri che stanno occupandosi del mio recupero, mi hanno detto che uno strumento formidabile che si può associare alla ginnastica pelvica é lo yoga.

Adesso faccio io la domanda a te che facesti a me: come vi siete trovati al San Luigi Gonzaga di Orbassano?

Sereno fine settimana a tutti.

Porp54
Membro
Messaggi: 29
Iscritto il: gio 1 feb 2018, 10:41

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da Porp54 » sab 14 apr 2018, 8:48

Brunelleschi18 ha scritto:
ven 13 apr 2018, 19:26
L'intervento è andato bene. Ora il "problema" è diventato l'incontinenza postoperatoria; gli urologi hanno detto che c'è un tempo di recupero variabile dai 3 ai 12 mesi. Quali sono le vostre esperienze riguardo a questo ? Oltre alla ginnastica si può fare altro ?
P.S.

Se le strutture sanitarie della mia città funzionassero come dovrebbero la ginnastica pelvica avrei potuta cominciato a due settimane dopo l'intervento perché dopo ogni prestazione ospedaliera la ginnastica per 10 giorni si fa a casa e all'inizio solo da sdraiati quindi comodamente a letto.

Facci avere i risultati dell'esame istologico quando li avrai.

Porp54
Membro
Messaggi: 29
Iscritto il: gio 1 feb 2018, 10:41

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da Porp54 » sab 14 apr 2018, 14:47

Stefano2018 ha scritto:
ven 13 apr 2018, 20:39
Anche lui Gleason 8 anche lui tecnica open che sarebbe quella tradizionale con il taglio centrale e asportazione in toto della prostata e nervi

Grossomodo le statistiche sono queste

https://www.minervamedica.it/it/riviste ... 13N03A0197

cercate di vivere serenamente la cosa perché il percorso è lungo e lo spirito giusto è fondamentale
Stefano non credo che al San Luigi Gonzaga di Orbassano eseguano interventi "open" avendo uno strumento di più alta precisione e più bassa per sanguinamento e tempi di degenza e recupero come quello che garantisce il Da Vinci.

Sereno fine settimana.

Porp54
Membro
Messaggi: 29
Iscritto il: gio 1 feb 2018, 10:41

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da Porp54 » sab 14 apr 2018, 15:02

Brunelleschi18 ha scritto:
ven 13 apr 2018, 21:16
Purtroppo lui sta vivendo molto male l'incontinenza ma spero che se ne farà una ragione e che capirà che la sua condizione potrà solo migliorare...
Concordo con Stefano che lo spirito d'approccio alla lotta di un tumore aggressivo come quello di un gleason 8 è fondamentale.

Se si abbatte per il recupero della continenza non avrà gli strumenti per combattere la lotta per la sopravvivenza che -se come penso il tumore ha oltrepassato il confine della loggia prostatica invadendo i tessuti adiacenti- che l'aspetta.

Comunque al San Luigi Gonzaga di Orbassano si lavora in multidisciplinare (il caso del paziente viene valutato insieme e seguito dall'oncologo, dall'urologo, dallo psicologo e se si sceglie di fare li le terapie post operatorie anche dal medico radioterapista oncologo) quindi puoi chiedere il supporto dello psicologo.

Ti trovi in un posto dove hai tutti gli strumenti per affrontare qualunque problema. Magari avessimo noi al Sud queste strutture avanzate.

Coraggio dunque.

Stefano2018
Membro
Messaggi: 129
Iscritto il: ven 9 ott 2015, 15:46

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da Stefano2018 » sab 14 apr 2018, 22:39

La metodica robotica nei casi di interventi altamente invasivi perde la maggior parte dei sui benefici

Con la tecnica open il chirurgo ha la possibilità di ispezionare meglio la zona e anche la linfoadenectomia se necessario può essere più estesa

Lo dico perché il centro dove si è operato mio padre è tra i centri con il alto più numero di interventi con il robot ma il chirurgo giustamente ha preferito la tecnica open visto la diagnosi.

Porp54
Membro
Messaggi: 29
Iscritto il: gio 1 feb 2018, 10:41

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da Porp54 » dom 15 apr 2018, 13:38

Stefano2018 ha scritto:
sab 14 apr 2018, 22:39
La metodica robotica nei casi di interventi altamente invasivi perde la maggior parte dei sui benefici

Con la tecnica open il chirurgo ha la possibilità di ispezionare meglio la zona e anche la linfoadenectomia se necessario può essere più estesa

Lo dico perché il centro dove si è operato mio padre è tra i centri con il alto più numero di interventi con il robot ma il chirurgo giustamente ha preferito la tecnica open visto la diagnosi.
Non mi permetto nemmeno di provare a cimentarmi in un campo a me quasi completamente sconosciuto.

A me con il Da Vinci hanno asportato 29 linfonodi, ma non dubito delle tue informazioni. Serena domenica.

Stefano2018
Membro
Messaggi: 129
Iscritto il: ven 9 ott 2015, 15:46

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da Stefano2018 » dom 15 apr 2018, 14:21

Ti sei fatto operare da un ottimo dottore

Io cerco pero nel limite del possibile di non farmi condizionare dalle singole esperienze personali in modo da poter offrire a chi ci legge un quadro generale della situazione.

https://www.google.it/amp/www.corriere. ... b_amp.html

https://prostatanonseisolo.it/le-nostre ... botica/253

Porp54
Membro
Messaggi: 29
Iscritto il: gio 1 feb 2018, 10:41

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da Porp54 » dom 15 apr 2018, 22:35

Stefano2018 ha scritto:
dom 15 apr 2018, 14:21
Ti sei fatto operare da un ottimo dottore

Io cerco pero nel limite del possibile di non farmi condizionare dalle singole esperienze personali in modo da poter offrire a chi ci legge un quadro generale della situazione.

https://www.google.it/amp/www.corriere. ... b_amp.html

https://prostatanonseisolo.it/le-nostre ... botica/253
Le tue informazioni sono preziosissime. Grazie Stefano.

RaffaelloPasqualotto
Membro
Messaggi: 3
Iscritto il: dom 15 apr 2018, 14:35

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da RaffaelloPasqualotto » lun 16 apr 2018, 7:51

Carissimi tutti buongiorno.
Io 71 anni sono stato operato 21 mesi fa (luglio 2016) di prostatectomia radicale all'Humanitas di Rozzano con asportazione anche di 17 linfonodi. Intervento con sistema robotico Da Vinci. Dimesso dopo otto giorni. Non sono stati necessari trattamenti di chemio o radioterapia. Controlli del PSA ok, l'ultimo 0,04. Due problemi: mancanza di erezione (vari farmaci non sono serviti) e incontinenza.
Già fatto tre cicli di fisiokinesiterapia con elettrostimolazioni ed esercizi domiciliari del pavimento pelvico. Purtroppo ad oggi: perdita notturna 15 gr. Perdita diurna 250 gr. Psicologicamente a terra. Niente vita sociale. Ora farò nuovo ciclo di fisiokinesiterapia e poi a luglio, a due anni dall'intervento vedremo... Mi è stato prospettato un nuovo intervento alla vescica. Ma non mi assicurano la soluzione totale del problema.
Qualcuno lo ha già fatto? E con risultati?
Grazie. Raffaello

Stefano2018
Membro
Messaggi: 129
Iscritto il: ven 9 ott 2015, 15:46

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da Stefano2018 » lun 16 apr 2018, 9:04

purtroppo sono i due effetti collaterali possibili quando si sottopone a questo tipo di intervento.

essendo una situazione complessa non possiamo che consigliarti di seguire le indicazioni dei professionisti che ti hanno in cura.

per l incontinenza come già ti è stato spiegato ci sono diversi approcci chirurgici

ti allego il primi link trovato di facile comprensione

http://www.curaincontinenza.it/chirurgi ... chile.html

per quanto riguarda l'impotenza va capito se durante l'intervento ti sono stati asportati i nervi in toto o parzialmente

 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Tumore alla prostata”