Tumore alla prostata

Fulvio
Membro
Messaggi: 8
Iscritto il: mer 24 ott 2018, 15:32

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da Fulvio » mer 24 ott 2018, 19:34

Grazie ancora Stefano

Fulvio
Membro
Messaggi: 8
Iscritto il: mer 24 ott 2018, 15:32

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da Fulvio » sab 27 ott 2018, 10:22

Buon giorno Stefano,

vorrei approfittare della tua disponibilità e competenza (e di quella di chiunque altro vorrà rispondere) per chiederti un chiarimento sul nomogram disponibile sul sito MSK.

Variando le informazioni (Gleason score, tumor stages ecc) tutti i dati (progression free, extend of desease ecc) cambiano, credo giustamente, in modo significativo.
Quello che praticamente non cambia mai è la probabilità di sopravvivenza: per esempio inserendo un gleason score 4+3 ed un tumor stage t2a da un 99% a 10 anni, inserendo uno score 5+4 ed un tumor stage t3b da un 97%.

Come è possibile ???

Grazie e buon weekend.

Stefano2018
Membro
Messaggi: 187
Iscritto il: ven 9 ott 2015, 15:46

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da Stefano2018 » sab 27 ott 2018, 16:35

considera che pur essendo una banca dati verificata le sue statistiche sono cmq limitate ad un campione ristretto di malati.

già se utilizzi il nomogramma del post intervento

https://www.mskcc.org/nomograms/prostate/post_op

dove ti chiede di inserire più dati vedi come i risultati iniziano a distinguersi in base alle risposte.

rispondi in modo affermativo alle domande sotto incollate e noterai una evidente diminuzione dell'aspettativa di vita

Was cancer present in the seminal vesicles?

Was cancer present in the pelvic lymph nodes?

Stefano2018
Membro
Messaggi: 187
Iscritto il: ven 9 ott 2015, 15:46

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da Stefano2018 » sab 27 ott 2018, 16:40

http://yananow.org/query_stories.php#topoflist

qui trovi le storie di vita vissuta di tanti malati

Fulvio
Membro
Messaggi: 8
Iscritto il: mer 24 ott 2018, 15:32

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da Fulvio » sab 27 ott 2018, 18:02

Grazie Stefano.

Visti così effettivamente i dati mi sembrano più "logici"

Nella mia ignoranza trovo però ancora discordanza fra la probabilità del recurrence-free e la percentuale di sopravvivenza: rispondendo in modo affermativo alle 2 domande da un lato si ottiene una probabilità di recurrence-free del 47% a 2 anni e del 12% a 10, dall'altro si ottiene un 88% di sopravvivenza a 15 anni.

Realistico ? Perchè le cure hanno fatto progressi ? Perchè vivresti ma ti troveresti una qualità di vita pessima che ti porterebbe a pesare sui tuoi familiari ?

Altra domanda, se posso: perchè non si cita/valuta mai la possibilità di metastasi ossee ?

Stefano2018
Membro
Messaggi: 187
Iscritto il: ven 9 ott 2015, 15:46

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da Stefano2018 » sab 27 ott 2018, 19:08

Per le statistiche fino a quando respiri risulti vivo perciò dico che questi dati devono solo darci un quadro d insieme perché se vedi i racconti dei singoli malati ti viene mal di testa per come si evolve la malattia persone con metastasi che vivono per 15 anni altri che in 5 anni purtroppo muoiono.

Comunque oramai è evidente che in generale grazie ai nuovi farmaci la sopravvivenza sia aumentata almeno di 3/4 anni.

Stefano2018
Membro
Messaggi: 187
Iscritto il: ven 9 ott 2015, 15:46

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da Stefano2018 » sab 27 ott 2018, 19:14

Per quanto riguarda le metastasi ossee probabilmente nel nomogramma hanno ritenuto di non inserire pazienti all’ultimo stadio della malattia che quindi non possono ne operati ne sottoposti a radioterapia a scopo curativo.

Fulvio
Membro
Messaggi: 8
Iscritto il: mer 24 ott 2018, 15:32

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da Fulvio » sab 27 ott 2018, 20:02

Grazie ancora Stefano

Porp54
Membro
Messaggi: 55
Iscritto il: gio 1 feb 2018, 10:41

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da Porp54 » mar 30 ott 2018, 23:08

Stefano2018 ha scritto:
lun 15 ott 2018, 16:11
la realtà è diversa :

l'abiraterone ha dimostrato la sua efficacia e quindi ciò permette ad un paziente metastatico di posticipare la chemioterapia.

questo vale anche per enzalutamide e per la nuova molecola apalutamide.
Stefano, io spero vivamente (per me è per quanti come come hanno un tumore alla prostata AD ALTO RISCHIO) che la realtà è quella che ho pubblicato e che tu abbia preso un'abbaglio.

Io non sono ancora allo stadio metastatico (ma ho permanenza di malattia nonostante il ciclo di radioterapia fatto all'ospedale di Brindisi con acceleratori lineari Linac di ultima generazione e piano terapeutico con tecnica volumetrica (Rapid Arc con IGRT) e il mio oncologo sta valutando la possibilità di farmi entrare in questo nuovo protocollo, che quindi può essere utilizzato per non arrivare mai a quello stadio e tentare di raggiungere la cronicizzazione della malattia, anche tenendo conto che la terapia biologica è alle porte anche per i tumori alla prostata.

Su mia richiesta -perché credo che vadano sempre sentiti pareri plurali- il 5 novembre il mio caso sarà portarto in una multidisciplinare su documentazione, al San Luigi Gonzaga di Orbassano (dove mi hanno operato) che è centro di eccellenza italiana riconosciuto a livello internazionale, dal quale avrò la valutazione multidisciplinare.

Ti mando il mio saluto di amicizia.
Ultima modifica di Porp54 il ven 2 nov 2018, 18:39, modificato 1 volta in totale.

Stefano2018
Membro
Messaggi: 187
Iscritto il: ven 9 ott 2015, 15:46

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da Stefano2018 » mer 31 ott 2018, 8:59

Probabilmente ti sei perso questo passaggio:

“ Oltre ad aver raggiunto un miglioramento significativo sia in termini di sopravvivenza generale che in tempo libero da progressione della malattia e del dolore, lo studio LATITUDE ha raggiunto anche gli endpoint secondari in termini di ritardo alla progressione del PSA , allungamento del tempo all’ inizio della successiva linea di terapia per il trattamento del tumore alla prostata e per l’inizio della chemioterapia, successivo evento scheletrico.

https://www.pharmastar.it/news/oncoemat ... 2018-26958

Aggiungo che si sta verificando anche L utilizzo della chemio in una fase più precoce della malattia nei soggetti con tumore metastatico all’esordio riscontrando dei buoni risultati.

I farmaci ormonali e i chemioterapici sono tutti strumenti che hanno l’obbiettivo di allungare la speranza di vita quindi sono utilizzati in combinazione e in seguenza quindi solo chi guarisce può sottrarsi ad una futura chemio perché se ci arriva significa che tutti gli altri farmaci hanno fallito.

Se l’abiraterone fosse efficace per 10 anni non staremmo qui preoccupati per la nostra salute e per i nostri cari ma purtroppo i dati ci dicono che i vari tipi di farmaci ormonali risultato efficaci per un arco di temporale limitato in media 24/36 mesi per ogni molecola quindi va trovata la giusta sequenza

 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Tumore alla prostata”