Desiderio forte di maternità

Rispondi
Partenope87
Nuovo membro
Messaggi: 1
Iscritto il: lun 2 gen 2017, 1:31

Desiderio forte di maternità

Messaggio da Partenope87 » lun 2 gen 2017, 1:42

Ciao a tutti, ho 29 e sono in remissione completa da 6 mesi da un linfoma di hodgkin. So che quello che sto per scrivere può apparire egoistico ed a livello razionale non me lo spiego neanche io... Ho sempre avuto un forte istinto materno tanto che appena ricevuta la diagnosi chiesi subito cosa potessi fare per tutelare la mia fertilità. Difatti riuscii a fare la crionservazione degli ovociti.
Sono fidanzata da poco con un uomo straordinario, si è innamorato di me malgrado la mia testa pelata e i chili in più. Questo desiderio sta diventando pressante, ci penso sempre ad avere un bambino, sono ossessionata dalla paura che possa arrivare un' altra recidiva e che ciò possa allungare ancora di più la concretizzazione di un sogno che ho sempre avuto... lui dice che capisce ma non condivide allora penso che sono sbagliata sbaglio nel pensare e nel desiderare di dare alla luce un bambino... ma è davvero un fatto che non controllo, mi sforzo di pensare che non è il momento ma il desiderio è sempre lì... chiedo un vostro parere e se magari ci sono donne come me che hanno visto potenziarsi il desiderio di diventare madre dopo un tumore..

Franci82
Nuovo membro
Messaggi: 1
Iscritto il: dom 30 apr 2017, 20:10

Re: Desiderio forte di maternità

Messaggio da Franci82 » dom 30 apr 2017, 20:49

Carissima Partenope87,
ho appena letto il tuo post e voglio assolutamente risponderti perché ti capisco pienamente. Io ho 34 anni e lo scorso dicembre mi è stato diagnosticato un tumore al seno purtroppo già in stato metastatico. Come potrai immaginare mi è crollato il mondo addosso soprattutto perché io ho una bambina di 15 mesi ed il mio primo pensiero è stato che l'avrei dovuta lasciare presto TROPPO presto!
Certo ringrazio Dio che mi ha regalato una bambina sana prima che scoprissi la mia malattia, però io desideravo e tuttora desidero con tutto il cuore diventare di nuovo mamma. Anch'io prima dell'inizio della terapia ho voluto fare la crioconservazione degli ovuli proprio perché non voglio perdere la speranza di poter concretizzare il mio desiderio. Anche se sarà un percorso molto duro e difficile in quanto i dottori dal primo momento mi hanno sconsigliato una gravidanza visto che il mio tumore è ormonosensibile. Dicono che la gravidanza aumenterebbe troppo il rischio che la malattia avanzi ulteriormente e che io potrei quindi morire rendendo non solo una bambina ma a quel punto due figli orfani di madre. Ragionando con la testa in modo molto realistico capisco le loro obiezioni. Ma io (purtroppo o per fortuna) sono una persona che ragiona con il cuore e quindi non voglio e non posso rinunciare al mio desiderio e ho scelto di seguire i miei sentimenti. Fortunatamente la terapia sta dando i suoi frutti, sia il tumore al seno che le metastasi stanno pian piano rientrando e quindi è grande la speranza di una remissione completa. Proprio per questo il prima possibile voglio provare ad interrompere la mia terapia per rimanere incinta per poi riprenderla dopo la nascita - sempre se Dio vorrà! Lo so che è una scelta che in molti non comprendono e sicuramente tutti mi sconsiglieranno. So anche che è una scelta difficile e molto pericolosa ma non posso fare altrimenti perché rinunciare per me sarebbe troppo doloroso. Ci penso sempre, ormai è diventato un chiodo fisso... ti scrivo tutto questo per dirti che non sei sola con questo tuo desiderio e che assolutamente NON SEI SBAGLIATA! Spero che il tuo fidanzato riesca a capire davvero fino infondo questo tuo bisogno naturale di diventare mamma ma ne dubito perché probabilmente solo una donna (specialmente se vive una situazione simile alla tua) potrà comprenderti perfettamente. Non rinunciare a questo sogno, non smettere di sperare che un giorno si potrà concretizzare. Il cancro ci toglie tante cose nella vita è anche quando lo si ha sconfitto rimane sempre la paura. Ma non lasciare che ti tolga la speranza e la determinazione! Continua a crederci come faccio io che fra l'altro probabilmente mi trovo in una situazione fra virgolette più grave della tua. A me questo desiderio ed il pensiero di un'altro figlio mi danno la forza per andare avanti, per non mollare e sopportare le prove che questa malattia ci impone. Ovviamente lotto più che posso anche per la mia meravigliosa bimba, per mio marito, i miei genitori, i miei fratelli e tutti quelli che mi amano! Spero di averti dato un po' di coraggio e ti prego se ti va non esitare a contattarmi... ti mando un caloroso abbraccio e ti ripeto NON SEI SOLA!

Rispondi

Torna a “Maternità, paternità e cancro”