Rosanna, mia madre.

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
shineonme86
Membro
Messaggi: 14
Iscritto il: mer 1 feb 2017, 11:06

Rosanna, mia madre.

Messaggio da shineonme86 »

Buongiorno a tutti,
desidero condividere con voi la mia storia e quella di Rosanna ,mia madre, che dopo una lotta travagliata si è arresa il 20 gennaio di quest anno.
Ho 30 anni, mia madre scopre il suo aguzzino circa 3 anni fa. In famiglia ci si preparava a festeggiare il Natale. Eravamo nel 2013: è bastato che massaggiasse il suo seno destro un pò piu a fondo per entrare in contatto con quel nodulino, come lo chiamava lei, che da li poco tempo l'avrebbe resa schiava di farmaci, terapie e controlli.
La sento in panico, non riesce a spiegarselo: eppure il giorno prima non vi era nessuna traccia.
Mi rendo conto che c'è qualcosa che non va, toccandole il seno, con la imperizia e il poco tatto di un ragazzo che non ha mai avuto modo di toccare un nodulo al seno.
Siamo a febbraio del 2015, arrivano i risultati dell'esame istologico: carcinoma duttale infilitrante anaplastico grado III, Her2 score 3+,. Il "nodulino" era già bello cresciuto: 45mm, ma non ci siamo spaventati.
Poche settimane dopo i medici decidono di sottoporre mia madre ad una quadrantectomia per l'asportazione del nodulo e contestualmente prelevano 22 linfonodi ascellari,in 4 dei quali erano già presenti metastasi. La situazione era quindi un quadro complesso, forse già avanzato: "ma si guarisce": ci dicevano." Certo che la prevenzione va sempre fatta": ci dicevano.
Mia madre a 50 anni era una gran combattente: aveva vinto già contro la sua malattia che venti anni prima l'aveva costretta su una sedia a rotelle. Il nodulino non le faceva paura, anzi, era lei che rassicurava me e mio fratello. "Andrà tutto bene": diceva; "oggi non muore nessuno per queste cose".
Cominciano le sedute di chemioterapie, mamma perde i capelli ma mai l'istinto combattivo. Non l'ho mai vista piangere, mai una febbre,mai la nausea mai che ricorresse ai farmaci che i medici ti prescrivono se mai si dovessero presentare gli effetti collaterali.
Passano sei mesi, tra controlli e chemioterapie. Sembra dura ma poi ti accorgi che tanti combattono come te e ti fai forza. Chi è vicino ,chi accompagna , non ha il diritto di mollare. Eppure sono state tante le volte che avrei voluto rinunciare al mio onore\onere di figlio. Ma buon sangue non mente: si combatte insieme.
Siamo a giugno 2015: la terapia adiuvante termina, la radioterapia è effettuata con successo, la tac e la scintigrafia sono negative: mamma sta bene. Salutiamo tutti, la malattia è scomparsa. Abbiamo vinto. Forse.
Si susseguono i controlli trimestrali per tutto il 2015: mamma sta bene, è felice. Abbiamo vinto.
Arriviamo al 2016, prima mammografia di controllo. Negativa. C'è comunque qualcosa che non va. Mamma comincia ad avere una strana tosse. In poche settimane l'incubo ricomincia. Siamo ad aprile la tac di controllo evidenzia qualcosa ai polmoni, non ci dicono subito di cosa si tratta. Ci avvertono che la malattia si è ripresentata, non al seno ma altrove. Da quel momento in poi è stato un po come se un carro senza guida percorresse una discesa in pendenza. Prima i polmoni, poi qualcosa si evidenzia al fegato, poi anche all'encefalo. Inarrestabile.
Ricominciano le chemioterapie, da quel momento in poi mia madre viene trattata con infusioni di Trastuzumab e Pertuzumab ( Her2). Nel frattempo il suo seno destro si ulcera, ma non c'è modo di sapere se e come curarlo. Ci inventiamo infermieri: non possiamo fare altro e al nosocomio in cui eravamo in cura dicevano che era colpa della Malattia. Chiamato il chirurgo senologo egli stesso ci dice di non poter fare nulla per l'ulcerazione.
Da buoni napoletani cominciamo a programmare il nostro viaggio della speranza: "qui a Napoli non sanno manco che fanno. Dobbiamo andarcene".
Ma come si sa i programmi non vanno mai per il verso giusto: la tac fatta ad ottobre 2016 complica la situazione. Nessuno mi dice che la situazione all'encefalo comincia ad essere problematica, cosa che mi è stata detta solo pochi giorni fa: "Sua madre avrebbe dovuto provare con una radioterapia alla testa già da ottobre". Date le mie conoscenze mediche di sicuro non avrei potuto decidere sul trattamento e di certo se i medici fossero stati più attenti mia madre avrebbe provato anche quello. Ma forse è stato meglio cosi.
Siamo a gennaio di quest'anno, mia madre comincia ad essere molto stanca, non riesce ad alzarsi dal letto e la "bronchite" che non la lascia in pace diventa sempre meno generosa. La ricoverano in ospedale il 2 gennario,mia madre ne esce con le sue forze il 12 gennaio per poi rientrarci giusto una settimana dopo in ambulanza. Sviene all'improvviso, siamo confusi ed impauriti. La ricoverano, è la prima volta che sento le parole " siamo al termine". Le 24 ore che seguono sono forse le peggiori vissute in tutta la nostra vita: non c'era nulla che non le facesse male, ricordo le sue mani irrigidite, il suo sguardo velato. Ma poteva ancora rispondermi. Chiamo l'oncologa, piange con me, è accaduto tutto in fretta. Le chiedo di somministrarle un antidolorifico e Rosanna si addormenta. Di li a poco smette di respirare. E' finita, ora sei libera e sorridi.
Grazie per aver dedicato un po del vostro tempo alla nostra storia e mi sento di chiedere a tutti quelli che stanno combattendo di non arrendersi. Siate la forza di chi vi è accanto e che combatte con voi.

" Non sono lontano, sono dall’altra parte, proprio dietro l’angolo. Rassicurati, va tutto bene. Ritroverai il mio cuore, ne ritroverai la tenerezza purificata. Asciuga le tue lacrime e non piangere, se mi ami: il tuo sorriso è la mia pace."
Solotu
Membro
Messaggi: 385
Iscritto il: sab 19 mar 2016, 21:44

Re: Rosanna, mia madre.

Messaggio da Solotu »

che storie di coraggio e di amore leggiamo in questo forum. Grazie di aver condiviso con noi la tua tragedia. Hai avuto ed hai una grande madre come esempio. Devi esserne fiero anche se resta tanto dolore e tanta amarezza. Un abbraccio
La sofferenza imbarazza coloro che hanno la fortuna di non conoscerla e condiziona la vita di chi deve affrontarla
shineonme86
Membro
Messaggi: 14
Iscritto il: mer 1 feb 2017, 11:06

Re: Rosanna, mia madre.

Messaggio da shineonme86 »

Solotu ha scritto: mer 1 feb 2017, 14:31 che storie di coraggio e di amore leggiamo in questo forum. Grazie di aver condiviso con noi la tua tragedia. Hai avuto ed hai una grande madre come esempio. Devi esserne fiero anche se resta tanto dolore e tanta amarezza. Un abbraccio
grazie, solotu! Per questo ho deciso di scrivere. Ho letto di tante storie simili alla mia. Ma mi sento di lasciare un messaggio di speranza a tutti quelli che vivono o che hanno vissuto la mia stessa realtà e cioè di godersi la vita e di non arrendersi. La mia storia è solo una goccia di un mare che è tanto si gonfia di paure ma anche di gioie improvvise ed inaspettate. Forza e coraggio!
Annalisa83
Membro
Messaggi: 67
Iscritto il: lun 26 dic 2016, 8:24

Re: Rosanna, mia madre.

Messaggio da Annalisa83 »

Che tristezza!!!!!
shineonme86
Membro
Messaggi: 14
Iscritto il: mer 1 feb 2017, 11:06

Re: Rosanna, mia madre.

Messaggio da shineonme86 »

Annalisa83 ha scritto: mer 1 feb 2017, 17:40 Che tristezza!!!!!
Purtroppo è andata così Annalisa. Volevo condividere quanto mi è accaduto ma anche gli insegnamenti che questa esperienza mi ha regalato. Ciao, non rattristarti. :)
moni1
Membro
Messaggi: 1334
Iscritto il: mar 25 nov 2014, 10:55

Re: Rosanna, mia madre.

Messaggio da moni1 »

io sto vivendo tutto in prima persona. la paura più grande infatti per il seno sono le metastasi che si presentano di solito nei due anni successivi.....la prevenzione in questo caso non aiuta purtroppo. ad esempio io ho domandato all'oncologa se occorre fare una volta all'anno eco addome x il fegato e lei mi ha detto di no perché bastano secondo loro gli esami del sangue, oppure per il polmone mi ha risposto te ne accorgi dalla tosse non occorre sottoporsi a rx, ....ma la paura rimane......
un abbraccio
Avatar utente
Franco953
Membro
Messaggi: 3257
Iscritto il: ven 31 lug 2015, 9:57

Re: Rosanna, mia madre.

Messaggio da Franco953 »

Una storia triste ma che mette in evidenza quanto hai amato tua madre e con quale forza d'animo le sei stata vicino.
Sei stata una "Grande". Una figlia che ha sacrificato parte di se stessa per aiutare la persona piu'cara
La tua sensibilità e il tuo impegno ti fa onore.
Hai fatto tutto ciò che era possibile
Ma mamma non se n'è andata. Io credo che sia lì ancora vicino a te e giorno dopo giorno starà al tuo fianco per aiutarti ad affrontare i problemi della vita.
Un abbraccio
Franco
“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”
Anna R.T.
Membro
Messaggi: 7
Iscritto il: ven 27 mag 2016, 17:52

Re: Rosanna, mia madre.

Messaggio da Anna R.T. »

Ho letto la tua storia tutta d'un fiato e ho ritrovato molto della mia... La mia battaglia contro il cancro è ancora in corso ma, a volte, temo di non essere all'altezza e di non avere adeguate "armi emotive" per far fronte al dolore. Mia madre ha un cancro alle vie biliari con metastasi al peritoneo. Come la tua mamma, sta dimostrando molto coraggio e tanta grinta nel combattere questa maledetta bestia ma è dura vederla spegnersi ogni giorno di più, assistere inermi ad decorso inesorabile di questa malattia che non perdona e che travolge contemporaneamente tante vite, non solo di chi ha nel corpo l'"ospite indesiderato" ma sopratutto dei familiari, guardiani delle retrovie, soldati inconsapevolmente arruolati al fronte della vita.
Ti ringrazio per la tua testimonianza perchè dal tuo racconto non prevale il freddo dato della prevaricazione del cancro sulla vita ma l'esempio di coraggio di tua madre e l'immenso amore di voi figli.
shineonme86
Membro
Messaggi: 14
Iscritto il: mer 1 feb 2017, 11:06

Re: Rosanna, mia madre.

Messaggio da shineonme86 »

Anna R.T. ha scritto: ven 3 feb 2017, 11:58 Ho letto la tua storia tutta d'un fiato e ho ritrovato molto della mia... La mia battaglia contro il cancro è ancora in corso ma, a volte, temo di non essere all'altezza e di non avere adeguate "armi emotive" per far fronte al dolore. Mia madre ha un cancro alle vie biliari con metastasi al peritoneo. Come la tua mamma, sta dimostrando molto coraggio e tanta grinta nel combattere questa maledetta bestia ma è dura vederla spegnersi ogni giorno di più, assistere inermi ad decorso inesorabile di questa malattia che non perdona e che travolge contemporaneamente tante vite, non solo di chi ha nel corpo l'"ospite indesiderato" ma sopratutto dei familiari, guardiani delle retrovie, soldati inconsapevolmente arruolati al fronte della vita.
Ti ringrazio per la tua testimonianza perchè dal tuo racconto non prevale il freddo dato della prevaricazione del cancro sulla vita ma l'esempio di coraggio di tua madre e l'immenso amore di voi figli.
Ciao Anna. Bisogna farlo insieme, si combatte insieme. Continua con amore a dedicarti a tua madre e vedrai che anche nei momenti di sconforto ci sarà una luce che vi farà andare avanti. Ti auguro il meglio.
Sti
Membro
Messaggi: 115
Iscritto il: sab 19 mar 2016, 0:29

Re: Rosanna, mia madre.

Messaggio da Sti »

Ciao ho letto la storia di tua madre e mi ha fatto venire in mente questa poesia, letta per caso su un libro qualche mese fa, che tutte le volte mi fa venire la pelle d'oca e che leggo perchè vorrei essere come la persona descritta nella poesia e che, anche se solo leggendo le tue parole, mi ricorda tua madre e un po anche la mia.
"Dal profondo della notte che mi avvolge,
Buia come un abisso che va da un polo all'altro,
Ringrazio qualsiasi dio esista
Per la mia indomabile anima.

Nella feroce morsa delle circostanze
Non mi sono tirato indietro né ho gridato.
Sotto i colpi d'ascia della sorte
Il mio capo è sanguinante, ma indomito.

Oltre questo luogo di collera e di lacrime
Incombe solo l'Orrore delle ombre,
Eppure la minaccia degli anni
Mi trova, e mi troverà, senza paura.

Non importa quanto stretto sia il passaggio,
Quanto piena di castighi la vita,
Io sono il padrone del mio destino:
Io sono il capitano della mia anima."

Il titolo è invitto, mai sconfitto, come penso siano in realtà tutti i familiari e amici che hanno lasciato qualcuno a causa della malattia. Non sono sconfitti, hanno combattuto una battaglia impari e non hanno perso. Del resto lo scrittore era un ragazzo fin da giovane molto malato, poi morto per la sua malattia ma mai sconfitto da questa.
 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Torna a “Raccontiamoci”