Tre settimane senza mia mamma

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
Annalisa83
Membro
Messaggi: 62
Iscritto il: lun 26 dic 2016, 8:24

Re: Tre settimane senza mia mamma

Messaggio da Annalisa83 » sab 11 mar 2017, 22:11

Caro franco, ti ammiro veramente tanto!! Io al momento mi sento molto egoista altro che aiutare gli altri !!!!! Sono arrabbiata col mondo intero... mi guardo attorno ma non me ne frega niente di Nessuno !!!! Sento solo un vuoto terribile e le uniche cose che faccio le faccio per mia figlia che non si merita tanta sofferenza! Oggi ha compiuto 19 mesi !!!! Vado e vengo dal cimitero, sistemo fiori, parlo con mio marito..... sono passati 3 mesi... ma come passerà una vita??? Non mi sento neanche di cercare conforto nel Signore perché mi sento tradita pure da lui....

Silvia73
Membro
Messaggi: 7
Iscritto il: lun 27 feb 2017, 17:20

Re: Tre settimane senza mia mamma

Messaggio da Silvia73 » lun 13 mar 2017, 12:28

Ciao Franco, come tutte riconosco che le tue parole contengono tanta verità e che tutte noi pur soffrendo dobbiamo cercare di non lasciarci andare. Ma forse per tutte è ancora presto, credo che come me, ci siano ancora troppe sensazioni attaccate addosso legate proprio alla fase della malattia che non ci fanno vedere un futuro. E io prima leggendo e ora entrando piano piano in confronto con voi trovo finalmente un po' di conforto perché le sensazioni, il dolore che leggo nelle storie mi appartengono. E ti assicuro che questo, seppur nella negatività, mi sta aiutando. A volte è importante sapere che nella sofferenza non si è soli, non solo perché c'è qualcuno accanto a noi che ci supporta, ma anche perché capisce ogni singola parola, ogni singolo silenzio senza giudicare. Io nella mia vita questo aiuto non lo sto trovando e questo rende il peso ancora maggiore. Quella che consideravo una delle mie amiche più care non solo non mi è stata vicina negli ultimi mesi quando la situazione di mia mamma precipitava. Non è nemmeno venuta al funerale perché doveva andare al mare e non ha ritenuto meritassi nemmeno una telefonata di conforto. La giustificazione? Se avevo bisogno di lei dovevo cercarla io, invece mi sono isolata. Peccato che mi sono isolata per stare in ospedale con mia mamma per cercare di non lasciarla sola mai, ma sembra che le persone non capiscano questa cosa che per me è assolutamente normale. Credimi Franco: ho dovuto leggere le vostre storie per capire che quello che ho fatto io per stare vicino a lei è esattamente quello che avete fatto tutti voi con i vostri cari e che non sono una aliena. Perché è così che mi hanno fatto sentire molte persone che consideravo vicine. Bisogna accettare la malattia, la perdita, il dolore, l'indifferenza.. come si fa?
Martina anche io negli ultimi tempi prima del ricovero dormivo con lei perché almeno potevo controllarla meglio, visto che aveva bisogno di essere aiutata ad alzarsi. E anche io non riesco ad entrare in casa perché non ci credo che non sia li. Non riesco a toccare nulla, spostare le sue cose o semplicemente fare ordine negli armadietti. Le tapparelle non le alzo da novembre ( quando l'abbiamo ricoverata) con la scusa che esco al mattino e torno la sera. So che devo almeno imparare a sentire di nuovo quella come la mia casa perchè se no continuerò a sentirmi in sospeso.
Annalisa, la tua bimba sta entrando in una fase bella in cui ogni giorno è una scoperta.. vedrai che ogni suo progresso sarà per te motivo di sorriso, anche se non ne avrai voglia lei te li strapperà, ne sono sicura.
Solo Tu ti leggo e ti sono vicina da un po'. Ripenso a mia mamma quando era morto mio papà.. ha continuato a mancarle tanto, ma piano piano era riuscita a trovare un nuovo equilibrio. Io avevo deciso anche per questo di stare con lei.. ci siamo aiutate a superare quella perdita improvvisa e violenta ( due mesi di ospedale e nessuna diagnosi.. ma questa è un'altra storia.. che pesa ancora e che sommata alla perdita di mia mamma adesso mi fa sentire altro che perseguitata e tradita da Dio..). ce la farai.. piano piano. Un abbraccio a tutti!

Ramona
Membro
Messaggi: 27
Iscritto il: lun 16 gen 2017, 11:46

Re: Tre settimane senza mia mamma

Messaggio da Ramona » lun 13 mar 2017, 17:07

Ciao Silvia, anche io come te non sto trovando dalle persone intorno a me l'aiuto che vorrei. Le mie zie , le sorelle di mio padre, non si sono mai degnate di farmi una telefonata o mandarmi un sms da quando mamma e' morta con la scusa che non volevano disturbarmi.... Gli amici gia mi avevano abbandonata durante la malattia... Mio padre sembra che dopo due mesi già si sia ripreso e fa come se niente fosse e pensa a ripulire la casa per affittarla. Durante la giornata chiacchiero solo un po' con le colleghe del più e del meno ma vorrei tanto sfogarmi con qualcuno? Oltre che con la psicologa, e far capire il dolore immenso che sto provando.
Venerdì e' stato il mio compleanno, il primo senza mia madre ed e' stata una giornata orribile. Così come e' stata una giornata orribile ieri che sono stata a pranzo a casa delle zie e hanno preparato la lasagna per farmi contenta visto che era il mio compleanno... Come fargli capire che della lasagna non mi può fregare di meno ma vorrei avere qualcuno con cui parlare, sfogarmi....
La realtà e' che sono rimasta sola, non ho più l'unico punto di riferimento che avevo e nonostante cerchi di riempire le mie giornata di lavoro, piscina e altre cose futili mi sento sempre più vuota.
Un abbraccio a tutti

maya87
Membro
Messaggi: 36
Iscritto il: dom 9 ott 2016, 8:06

Re: Tre settimane senza mia mamma

Messaggio da maya87 » gio 16 mar 2017, 11:29

Anche io mi sento veramente sola. Tutti si sono dimenticati di me e questo perché io nei due mesi di malattia ed ospedali non ho cercato più nessuno. Mi sembrava normale così,di voler stare accanto a mia mamma. Ma evidentemente per altri,che consideravo "amici" non era cosi. E in questo modo nessuno mi ha più cercata. Anche mio padre si è ripreso subito (apparentemente?) cercando la compagnia di altre donne e portandole addirittura in casa nostra. Quello che resta è solo il lavoro, l'unica distrazione,che nemmeno sempre funziona!

jumpaul
Membro
Messaggi: 3
Iscritto il: gio 16 mar 2017, 20:44

Re: Tre settimane senza mia mamma

Messaggio da jumpaul » gio 16 mar 2017, 21:06

Buonasera a tutti, mi chiamo Paolo e ho 27 anni. Mi sono iscritto solo stasera ma seguo questo forum da poco più di due mesi, cioè da quando ho perso la mia insostituibile mamma, a ridosso di Natale. Leggendo le vostre storie, mi ritrovo completamente in ciò che sto provando. Mia mamma se n'è andata per via di un carcinoma gastrico silenzioso, che ha dato segni evidenti di sè solo nelle ultime due settimane... da un lato, vista l'aggressività del tumore, ci ha risparmiato inutili sofferenze e accanimenti con terapie che devastano l'ammalato e i familiari; dall'altro il colpo improvviso non ha lasciato il tempo di metabolizzare cosa stava succedendo. Ora mi ritrovo come tutti voi a dover raccogliere i cocci di questa vita devastata dalla perdita di mia madre, il mio pilastro, l'elemento fondamentale della mia famiglia. Sono circondato da tante persone (parenti, amici, colleghi...) che mi vogliono bene e che vogliono vedermi ancora sorridente, che mi spronano ad andare avanti... ma io fatico ad andare avanti, vorrei solo tornare indietro ai bei tempi e fermarmi lì... I ricordi dei bei momenti passati insieme continuano a fluire ininterrottamente, ma fanno comunque male perché so che non si ripeteranno più. Penso a lei in continuo e neanche il lavoro riesce a distrarmi, spesso devo cacciare le lacrime dagli occhi perché fanno la loro comparsa nei momenti più improbabili e tutte le volte che rientro a casa mi illudo di trovarla ancora. Ho due fratelli che mi incoraggiano e un padre che cerca di farmi forza, ma io leggo sul suo volto la devastazione per la perdita dell'amore della sua vita, proprio ad un passo dalla pensione che per loro avrebbe portato finalmente un periodo di meritato riposo dopo i sacrifici fatti per crescere tre figli... Non riesco nemmeno a riprendere pienamente i miei hobby (la passione per la natura, l'orto, il giardinaggio, la bicicletta...) perché li condividevo con lei, tutto rimanda a lei!!! Dicono che ci vuole tempo, ma temo che una ferita del genere faticherà a rimarginarsi... Le giornate passano e io sopravvivo sospeso in un limbo, vedo il mondo che mi circonda andare avanti di corsa, ma la mia vera vita si è fermata tre mesi fa... e chissà quando riprenderà a scorrere. Scusate lo sfogo...

Avatar utente
Franco953
Membro
Messaggi: 1765
Iscritto il: ven 31 lug 2015, 9:57

Re: Tre settimane senza mia mamma

Messaggio da Franco953 » gio 16 mar 2017, 22:14

Paolo ciao
mi spiace veramente per tua madre e per la profonda sofferenza tua e della famiglia
Ti esprimo tutta la mia vicinanza e la mia solidarietà.

Ci sono momenti in cui, leggendo i diversi post come il tuo, mi assale lo sconforto e allora devo pensare a qualcosa di costruttivo ,a qualcosa che è possibile fare per gli altri e, soprattutto, per chi soffre

Sono volontario nel reparto oncologico di ospedale e dal prossimo mese inizierò presso un 'altro ospedale.

Penso che la vita ci viene data, non solo per essere semplicemente vissuta, ma anche per riuscire a costruire qualcosa di positivo, soprattutto per coloro che sono stati meno fortunati di noi

Come ho scritto, alcune volte visitare il Forum costa fatica perché è come collegare un filo diretto con la sofferenza di tante persone.

Notizie di ieri: “ una persona abbattuta per un tumore alla proposta, il ragazzo disperato per il tumore celebrare della mamma, una figlia in ansia per la recidiva del papà, una sorella depressa per il fratello che deve essere operato e una moglie sull’orlo di una crisi di nervi per l’atteggiamento negativo e distruttivo, del marito con un tumore ai polmoni”.

Per tutti ci vuole almeno una frase, una parola che faccia ritornare, a queste persone meno fortunate, la voglia di combattere e di reagire contro questa “brutta bestia”,

Ma AIMAC è anche consolazione e speranza, è anche amicizia e solidarietà è anche desiderio e nostalgia e il fatto di collegarmi ,periodicamente , mi dà anche gioia; la gioia di poter regalare un po’ di speranza e a qualcuno , quando sono fortunato, anche un piccolo sorriso.

Poi, tra gli iscritti del Forum, ci sono tante altre persone piene di coraggio e di amore che portano la loro esperienza per aiutare e dare forza agli altri

Quando purtroppo leggo dei post tristi come il tuo dove la mancanza della persona cara, toglie il fiato, la voglia di vivere e di fare qualsiasi cosa , mi viene in mente una frase di un libro, che ho letto di recente, di Susanna Tamaro

“Non piangere”, ti dicevo, “E’ vero, me ne andrò prima di te, ma quando non ci sarò più ci sarò ancora, vivrò nella tua memoria con i bei ricordi: vedrai gli alberi, l’orto, il giardino e ti verranno in mente tutti i bei momenti passati insieme. La stessa cosa ti succederà se ti siederai sulla mia poltrona, o quando farai la torta che ti ho insegnato, mi vedrai davanti a te con il naso sporco di cioccolato.. e sorriderai!”

Un abbraccio Paolo

Franco
“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”

Annalisa83
Membro
Messaggi: 62
Iscritto il: lun 26 dic 2016, 8:24

Re: Tre settimane senza mia mamma

Messaggio da Annalisa83 » ven 17 mar 2017, 11:19

Ciao paolo, ciao franco, ciao a tutti ! Purtroppo come ben sapete anche la mia vita si è fermata il 5 dicembre. Si va avanti... ma solo perché la mattina mi devo alzare e in ogni caso solo apparentemente perché il mio corpo c'è ma il mio cuore no!!!! Ma come si può continuare così? Con il peso della sua assenza? Il mio cuore è strapieno di vuoto.... guardo mia figlia e rivedo il suo papà... questa è la mia fortuna ma è anche la mia sfortuna!!! Come posso non pensare al perché? Perché mio marito doveva perdersi tutto questo... la sua adorata bambina che dal 5 dicembre a ora ha imparato a parlare.... guardiamo le foto e mi dice: "mamma, papà più più...." alzando le braccia !!!!!!!! Ma come possono passare gli anni con questo strazio nel cuore. Al cimitero mio marito mi sembra così fuori posto.... a 36 anni questo destino... ma come lo accetti?? Scusate se dico sempre le stesse cose!!! Franco le frasi del libro.sono vere e anche io a volte sorrido pensando mio marito in una situazione buffa ma dopo quel microscopico nanosecondo il gelo torna più forte di prima......... mi sento come se stessi vivendo una vita di quelle che non apprezzeRAI mai più! È brutto da dire perché mio marito voleva vivere e non ha potuto... ma il dolore e il vuoto mi lacerano l'anima!!!!

Fladale30
Membro
Messaggi: 26
Iscritto il: dom 9 ott 2016, 22:18

Re: Tre settimane senza mia mamma

Messaggio da Fladale30 » ven 17 mar 2017, 15:34

Anche io ho perso mia mamma 4 mesi fa, Purtroppo ci vuole tempo... all'inizio ti sembrerà la fine del mondo, ma la vera fine, ma pian piano con il tempo imparerai a gestirla un po' meglio questa tragedia...io ho quasi 23 anni il 30 marzo faccio il compleanno e sarà il primo senza di lei...non mi sembra nemmeno vero quello che sto dicendo, è tutto così assurdo. La verità è che nella vita soprattutto in questi momenti bisogna tirare fuori tutto il coraggio e la forza interiore che si ha e continuare a vivere ancora meglio di come vivevi prima per te e per lei! Lei è vicino a te e quando vuoi quando avrai dei dubbi su qualcosa o avrai bisogno di lei, parlarci...sentirai le sue risposte dentro di te e credimi quella voce che sentirai e' lei. Io sento che e' cosi. A me manca il suo viso mi manca tutto di lei, certe volte mi sento completamente sola anche perché vivo in una casa con il mio papà e mio fratello con cui non ho molti buoni rapporti e mi sembra di vivere un incubo...ho tanto bisogno di lei ancora tanto ma purtroppo le cose sono andate cosi. Non si puo tornare indietro solo andare avanti. Ely devi tenere duro,dare il massimo e non buttarti giù devi amarti come lei ama te.
Ti abbraccio forte.

jumpaul
Membro
Messaggi: 3
Iscritto il: gio 16 mar 2017, 20:44

Re: Tre settimane senza mia mamma

Messaggio da jumpaul » ven 17 mar 2017, 20:18

Buonasera a tutti e grazie per le risposte e per la comprensione!
Franco, ho avuto modo di leggere nel forum i tuoi interventi e apprezzo la tua capacità nell'infondere forza, coraggio e serenità agli altr; ammiro molto anche la tua attività di volontariato nei reparti oncologici... e la frase del libro sembra proprio fatta su misura per me... "gli alberi, l'orto, il giardino..."
Annalisa, mi rispecchio nelle tue parole, anche io continuo a chiedermi "perché?" e mi sembra di non poter più apprezzare la bellezza della vita... mando un abbraccio forte a te e alla tua piccola
Fladale, spero che come dici tu un po' alla volta il coraggio e la forza interiore riescano a vincere lo sconforto e questo senso di disperazione...
Un forte abbraccio a tutti quelli che soffrono, a chi combatte questa maledetta malattia e a chi è al loro fianco
Paolo

 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Raccontiamoci”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 3 ospiti