Quanto manca?

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
Rispondi
AleEsse
Membro
Messaggi: 3
Iscritto il: mar 14 mar 2017, 16:02

Quanto manca?

Messaggio da AleEsse » mer 15 mar 2017, 10:03

Mio padre sta morendo.
Adenocarcinoma polmone con metastasi cerebrali.
La sua lotta è iniziata nel settembre 2012.
Attualmente è allettato da 3 settimane.
Stamattina rifiuta cibo e farmaci.
Qualcuno mi dica quando e come accadrà.....

Avatar utente
Franco953
Membro
Messaggi: 1764
Iscritto il: ven 31 lug 2015, 9:57

Re: Quanto manca?

Messaggio da Franco953 » mer 15 mar 2017, 10:29

Caro/a AleEsse
mi spiace veramente per papà
Ti abbraccio forte forte e ti esprimo tutta la mia solidarietà per il tuo dolore
Alla tua domanda, credo, possono dare una risposta solo i medici che stanno seguendo tuo padre
Solo loro infatti sono in possesso di tutte le informazioni necessarie per formulare una ipotesi.
A noi parenti, in queste situazioni, spetta un compito decisamente importante e fondamentale
Stare accanto ai nostri cari per fargli sentire il nostro amore la nostra vicinanza
Sono momenti terribili ma dobbiamo trovare la forza per dare coraggio e tanto, tanto sostegno a chi soffre vicino a noi.
Mi raccomando tienici informati

Franco
“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”

Marco_r
Membro
Messaggi: 11
Iscritto il: sab 4 mar 2017, 20:59

Re: Quanto manca?

Messaggio da Marco_r » mer 15 mar 2017, 13:00

Ciao,
purtroppo mio padre ha avuto lo stesso problema (stessa malattia e stessa evoluzione), ma con tempi molto più rapidi. Se n'è andato dopo circa 2 mesi dalla diagnosi. Non voglio spaventarti, ma voglio anche rispondere onestamente alla tua domanda, poichè se l'hai fatta significa che vuoi essere "preparato" a ciò che accadrà...anche se in realtà non si è mai pronti e nulla può prepararci a qualcosa di simile. Io posso solo raccontarti la mia esperienza, ma tieni conto che ognuno è un caso a sè, reagisce diversamente alle cure e ha una minore o maggiore resistenza. Mio padre da quando ha smesso di alimentarsi e assumere farmaci ha resistito 3 giorni, inoltre era in uno stato di dormiveglia continuo, evoluto poi in uno stato di semi-incoscienza, nel senso che non capiva bene cosa gli dicevamo e non riusciva a comunicare. Se comunque tuo padre è vigile e lucido, ancora non è in pericolo concreto e potrebbe essere anche una crisi passeggera. Comunque ti ripeto, non è detto che vada allo stesso modo, visto anche che tuo padre combatte da 5 anni mentre il mio ha combattuto solo 2 mesi contro questo terribile male. Sul come è accaduto, è stato meno traumatico di quanto pensassi, poichè è entrato in coma e non sembrava che soffrisse molto. Non vorrei mai voluto scrivere niente del genere, e scusa se sono stato crudo, ma credo che parlare chiaramente in queste situazioni sia fondamentale per tutti (e sia ciò che volevi), e il modo in cui hai scritto la tua domanda mi fa capire quanto bisogno hai di sapere... non bugie o false illusioni, ma solo verità.
Un abbraccio di cuore
Hai tutta la mia vicinanza

AleEsse
Membro
Messaggi: 3
Iscritto il: mar 14 mar 2017, 16:02

Re: Quanto manca?

Messaggio da AleEsse » mer 15 mar 2017, 13:39

Grazie per le vostre risposte. Papà è medico ed è la cosa che più ha reso difficile tutto questo dall'inizio. In certi momenti parla ancora di lavoro... fino a poco tempo fa voleva addirittura curarsi da solo.
Attualmente non è più lucido quanto basta per l'automedicazione, quindi abbiamo attivato l'assistenza domiciliare una settimana fa. Dice cose sconclusionate, fa domande strane a cui non sappiamo rispondere. Ha scatti d'ira e riesce persino ad urlare. Insomma .... è tanto dura. Io sono mamma di due ragazzine e me le sto crescendo da sola. Mio fratello è praticamente latitante. La nostra è una famiglia allargata di quelle dove negli anni spesso ci sono stati litigi e chiusure. Io ne sono rimasta sempre fuori agendo con buonsenso. Per cui adesso mi ritrovo da sola ad assisterlo, da sola con la sua attuale moglie, persona che non stimo ma che ho accettato per quieto vivere ormai da circa 40 anni. In certi momenti non vedo l'ora che finisca tutto questo strazio, in altri ho un gran senso di impotenza. Lo sveglio per farlo mangiare ? Che faccio? Non insisto ...
Se nella vita avessimo avuto a disposizione un jolly da giocare credo che il mio lo avrei utilizzato adesso....per lui.

dani62
Nuovo membro
Messaggi: 1
Iscritto il: gio 19 gen 2017, 13:56

Re: Quanto manca?

Messaggio da dani62 » mer 15 mar 2017, 20:45

AleEsse, è la prima volta che scrivo anche se leggo da gennaio. Mio padre è mancato il 15/12, oggi sono 3 mesi. Anche lui era malato dal 2012, poi metastasi. Alla fine assistenza domiciliare: lui negli ultimi giorni rifiutava i farmaci e dormiva quasi sempre. Mia madre voleva forzarlo a mangiare e abbiamo litigato spesso per questo. Mi sono sentita di rispondere al tuo post perché anch'io, come te ho avuto problemi in famiglia in quel periodo, come se non bastasse la malattia... Se hai bisogno di parlare scrivimi pure. Mio padre è deceduto dopo 2 giorni di morfina ad infusione continua. Ti abbraccio forte.

 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Raccontiamoci”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti