Tumore cerebrale primitivo

In questo spazio è possibile confrontarsi sulle procedure diagnostiche, sui trattamenti e sui loro effetti collaterali, sui centri oncologici e sulle terapie palliative e del dolore, sempre attenendosi al regolamento del forum e in particolare agli articoli 2 e 3.
Rispondi
Epoc
Nuovo membro
Messaggi: 1
Iscritto il: mar 21 mar 2017, 23:35

Tumore cerebrale primitivo

Messaggio da Epoc » mer 22 mar 2017, 0:12

Salve a tutti, mi trovo a dover scrivere qua dopo due mesi dall'inizio del calvario che è cominciato per la mia amata mamma. Tutto è cominciato il 12 gennaio, quando si è svegliata e non riusciva più a muovere una mano. Portata in ospedale sia la mano che la gamba della parte sinistra hanno cominciato a muoversi da soli, a intermittenza. Prima tac (lesione con edema attribuibile ad un ictus). Movimenti involontari cessati a seguito di Terapia cortisonica, anti epilettica e valium . Seconda tac con liquido di contrasto (evidenziate due masse attribuibili a secondarismi , legati ad un tumore primario alla mammella curato nel 2008 in maniera egregia). Vista la situazione, in ospedale effettuano una risonanza con liquido di contrasto (due metastasi per secondarismi confermate). Ci rivolgiamo quindi a vari oncologi, tutti propendono per trattare il problema con il gamma knife. Dopo una ricerca assidua e continua, riusciamo a contattare uno dei centri migliori in Italia su questo tipo di cura, quindi, Prendiamo l'aereo, e siamo partiti per Milano. A Milano effettuano le analisi di rito, e dalla RM stereotassica risulta che vicino a una di queste masse, ce ne sono altre, probabilmente nella prima RM non si sono viste per via dell'edema presente. Lo specialista, un noto luminare, dispiaciuto, ci dice che il quadro è cambiato, e che potrebbe trattarsi di carcinosi meningea. In ogni caso, il professore effettua il trattamento , dicendo poi di fare una RM con liquido di contrasto dopo un mese per vedere l'evoluzione della situazione, e nel caso valutare la radioterapia su tutto il cervello. Passa un mese, si fa la RM ed il quadro è in parte migliorato un po' e in parte peggiorato, alcune lesioni si sono ridotte,altre invece sono leggermente aumentate. Il professore dice che a questo punto, vista la reazione al trattamento gamma knife, potrebbe trattarsi di tumore primario al cervello o linfoma, e per verificarlo sarebbe opportuno fare una biopsia stereotassica per capirlo con certezza, per poi eventualmente capire che cura si può fare. Nel frattempo la salute di mia madre a distanza di due mesi è peggiora, gamba e mano ormai non li muove più, è sempre stanca e debole, la personalità è cambiata in alcune sfumature. Ora ci ritroviamo in attesa di trovare un posto a Milano per la biopsia, perché ovviamente è pieno come un uovo. Spero che a giorni ci diano una data. Qualcuno di voi ha avuto un'esperienza simile. Chiedo scusa per il fiume di parole, ma avevo bisogno di sfogarmi e parlarne. Un abbraccio a tutti.

claudio vecchua
Nuovo membro
Messaggi: 1
Iscritto il: gio 23 mar 2017, 22:47

Re: Tumore cerebrale primitivo

Messaggio da claudio vecchua » gio 23 mar 2017, 23:18

ciao .. mi sono iscritto 15 minuti fa .. sono di Milano ma ho appena vissuto un esperienza terribile per mio figlio di 10 anni che aveva lesione alla regione dell ipotalamo considerata inoperabile. Siamo stati ad Hannover Germania clinica INI e li lo hanno operato e fatta biopsia il 20 gennaio scorso.

 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Affrontare i tumori: trattamenti e riabilitazione”