Prenderne davvero atto...dopo 4 mesi.

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
Butterfly81
Membro
Messaggi: 157
Iscritto il: mar 17 mag 2016, 1:18

Prenderne davvero atto...dopo 4 mesi.

Messaggio da Butterfly81 »

Ciao amici,

forse vi ricorderete di me.
Ho perso la mia mamma il 28 novembre, dopo una lunga malattia che non volle curare e alcuni mesi devastanti, in cui lavoravo lontano e l'ho vista peggiorare di mese in mese. Ero assente quando ha smesso di respirare, ma era come se già prima che morisse io me ne fossi fatta una ragione, essendo stata con lei 15 gg prima, per alcuni giorni, e averla vista in quelle condizioni.
Macchè.
Dal 7 febbraio la mia ernia del disco (una fesseria, lo so, rispetto alle tante cose orribili di cui parliamo qui) è peggiorata gravemente, mi ha invalidato a letto per 3 settimane e oramai ho programmato intervento. Stavo per mettere a repentaglio anche il lavoro, ma ora con farmaci vari sono in piedi. E per merito della mia mamma. Sono sicura mi stia aiutando, ma non posso credere di non poterla sentire, la sera, per piangere con lei per i miei dolori e sentirmi capita. E' vero, negli anni - per la sua depressione - ci siamo allontanate, odiate e tutto... ma ora ricordo solo quando ero piccola e avevo l'influenza, e lei mi stava sempre accanto, non mi lasciava mai, era sempre al mio fianco a rinfrescarmi il viso e carezzarmi la testa.
Nei momenti di peggiori dolori di questa maledetta sciatica che mi ha mandato anche al PS (io che non volevo vedere ospedali per un bel pò) ho fatto i pensieri peggiori...che questa fosse una punizione...oppure un modo per capire solo in parte, minimissima parte, i dolori che aveva lei quando il tumore le prese l'anca e non poteva camminare, proprio come me, con dolori nevralgici assurdi. Mi guardavo allo specchio, stravolta, dopo aver preso il contramal e il depalgos - che prendeva lei - e vedevo lei nello specchio...gli stessi lineamenti, lo stesso sguardo che aveva quegli ultimi giorni. Ora la sto pregando ogni sera di aiutarmi, non dico di farmi guarire ma di aiutarmi a sopportare i dolori più acuti... e la sento vicina. A volte sento la sua mano tra i suoi capelli. Poi ricordo quel momento in ospedale, quando lei aveva l'ossigeno, confusa e dolorante, ma vedendomi toccare la schiena (avevo già l'ernia espulsa) lei -LEI- si preoccupò per me chiedendomi se avessi mal di schiena.

Mamma, mammina, dove sei? Dimmi che mi sei accanto, che non mi abbandonerai mai, e che ti rivedrò un giorno, dimenticando tutte le cose brutte del passato e abbracciandoci come quando ero la tua bambina.

scusate la sfogo.

vi abbraccio.
Avatar utente
Franco953
Membro
Messaggi: 3257
Iscritto il: ven 31 lug 2015, 9:57

Re: Prenderne davvero atto...dopo 4 mesi.

Messaggio da Franco953 »

Ciao dolce Farfalla
certo che mi ricordo di te
Ricordo la tua passione, il tuo impegno e il tuo grande amore per tua mamma.
Mi spiace per il periodo che stai attraversando
Hai ragione! Credici. amica mia, perchè è vero: mamma è lì vicino a te e ti seguirà per tutta la vita cercando di aiutarti
Con il passare del tempo, se saprai ascoltare (non con le orecchie ma con il cuore) la sentirai sempre più vicina
A me succede così con papà.
Quando ho un problema o sono in difficoltà , basta un profumo, un ricordo, una immagine e la soluzione arriva . Nasce dentro piano piano e arriva alla mente
Ora , per te il ricordo di mamma è ancora vivo e ti fa soffrire. Vedrai che piano piano il suo ricordo, non sarà più disperazione ma una grande e forte nostalgia.
Amica mia in questi giorni, se non ti spiace, pregherò anch'io per te.
Un abbraccio fortissimo

Franco
“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”
Butterfly81
Membro
Messaggi: 157
Iscritto il: mar 17 mag 2016, 1:18

Re: Prenderne davvero atto...dopo 4 mesi.

Messaggio da Butterfly81 »

Sì grazie Franco, te ne sarei tanto grata. La sofferenza dei dolori mi ha fatto pensare cose orribili, ma ora è tutto più chiaro. E non ti nascondo che in certi istanti sono anche sollevata nel portare la croce che lei ha portato da sola in quei mesi terribili di tracollo fisico e mentale...me la fanno sentire più vicina. Ma so che lei non vuole vedermi piangere, vedermi soffrire.
Qualche mattina fa ho avuto un segno. fisico, tangibile. potrebbe sembrare una stupidata, ma so che, per le circostanze, non lo è. la mia mamma è qui con me, e so che posso chiederle aiuto. mi mancano le sue carezze, ma so che me le sta facendo ugualmente, ogni sera, prima di dormire.

un forte abbraccio.
Silvia73
Membro
Messaggi: 60
Iscritto il: lun 27 feb 2017, 17:20

Re: Prenderne davvero atto...dopo 4 mesi.

Messaggio da Silvia73 »

Ciao Butterfly,
mi spiace molto per quello che stai passando e spero che si risolva in fretta. E capisco bene che in questa situazione tu stia rielaborando il dolore che ti gira dentro. Io sto vivendo sensazioni molto simili alle tue.
Mia mamma è morta un mese esatto dopo la tua, il 28 dicembre, tra l'altro giorno del mio compleanno. e anche questo dato sta diventando motivo di tomento. A volte penso che sia stato il suo regalo più bello perchè ha resisto per passare ancora con me quella giornata, benchè fosse in stato di sonno, ma potevo ancora accarezzarla, baciarla. Altre volte penso che fosse arrabbiata con me e quindi abbia voluto farmelo sapere così. Ma poi mi rendo conto che non siamo noi a decidere gli eventi. Purtroppo però la mente vuole per forza dare un significato.
Ed ecco che più passano i giorni e più sento il dolore - cosa normale - ma anche i sensi di colpa pensando a tante cose della nostra vita insieme. L'altro giorno sono stata tamponata ( tra l'altro era successo già a settembre nel pieno del peggioramento di mia mamma, sembra propria una condanna) con stessi risultati: parte dietro da rifare e altra botta alla zona spalla/trapezio. La prima cosa che ho pensato è che fosse una punizione.. la mia vita sta andando a rotoli da un bel pò e forse me lo merito anche. Amavo mia mamma tantissimo, ma non sempre sono stata una figlia esemplare e so di averla fatta soffrire. Vivevamo insieme e non mancavano i litigi, anche per stupidate. E adesso penso che se fossi andata a vivere per conto mio lei sarebbe stata più tranquilla.. niente discussione, solo pace. .. e magari niente tumore. E' vero anche che le sue amiche mi hanno detto che la invidiavano proprio perchè non era mai sola e poteva sempre contare su di me e anche su mia sorella e nipoti. Ma non mi basta per essere serena.
Cerco di convincermi che il rapporto mamma/figlia sia qualcosa di meraviglioso ma complicato, soprattutto quando la differenza di età è davvero tanta e capirsi non è semplice e quindi a volte farsi del male è un attimo. Abbiamo vissuto una vita insieme, amandoci e a volte forse no. Io spero solo che abbia capito quanto le volessi bene visto che non l'ho lasciata mai sola. negli ultimi tempi abbiamo vissuto momenti di grande intimità per via della malattia, ma adesso penso anche ai momenti meno belli, quelli che però so rivivremmo esattamente nello stesso modo.
Come te avrei solo voglia di tornare indietro e di tornare bambina, di giocare con lei ( io facevo la maestra e lei recitava la parte dello studente monello) e di trovare un attimo di pace. Vorrei tanto sognarla, ma forse sono troppo tormentata per farlo.
Solotu
Membro
Messaggi: 385
Iscritto il: sab 19 mar 2016, 21:44

Re: Prenderne davvero atto...dopo 4 mesi.

Messaggio da Solotu »

care butterfly e Silvia non disperatevi ulteriormente con i vostri sensi di colpa. Non fate altro che darvi altro dolore. Tutti noi siamo esseri umani e possiamo sbagliare ma sono certa che stare accanto ad una persona che amiamo colpita da una malattia così grave non è facile. Ora che non avete più la mamma cercate di amarvi di più e di ricordare gli insegnamenti ricevuti. È dura ma dovete sempre ripetervi che è stato fatto tutto il possibile. Vi abbraccio
La sofferenza imbarazza coloro che hanno la fortuna di non conoscerla e condiziona la vita di chi deve affrontarla
Butterfly81
Membro
Messaggi: 157
Iscritto il: mar 17 mag 2016, 1:18

Re: Prenderne davvero atto...dopo 4 mesi.

Messaggio da Butterfly81 »

Carissima Silvia,
I primi tempi dopo la morte di mia madre la sognavo spesso, arrabbiatissima con me. Questa cosa mi turbava eccezionalmente, credevo fosse un suo messaggio, ma poi ci pensavo e sapendo quanto - nonostante i suoi gravi problemi psicologici- fosse vicina a Dio io non posso credere sia così. Io sono fortemente credente, e sono certa che lei ora è tra le braccia di Dio, con la sua mamma la cui perdita precoce l'ha segnata a vita. Ci ha sempre detto di voler tornare da lei, e ora è lì.
Non so perché a volte il destino ci si accanisca contro (tu gli incidenti io l'ernia) ma credo che, al di là del significato metafisico (ripeto, forse aver sofferto un po' di quello che ha sofferto lei, in millesima parte, con gli stessi farmaci e la stessa sensazione di impotenza mi fa sentire più vicina a lei, forse perdonata dei miei torti, alleggerendo anche i suoi) che possiamo dare, dobbiamo capire e accettare che abbiamo passato e lo stiamo passando tuttora ( e ora forse anche in forma peggiore, con più consapevolezza) una delle perdite più brutte della vita. Mi sembrava di avere elaborato, ma evidentemente non è così... abbiamo bisogno di tempo.
Ti abbraccio forte.

Ps ti lascio una frase bellissima che ho letto due giorni fa ... l'amore per la madre è la valigia di ogni figlio".
Butterfly81
Membro
Messaggi: 157
Iscritto il: mar 17 mag 2016, 1:18

Re: Prenderne davvero atto...dopo 4 mesi.

Messaggio da Butterfly81 »

Solotu hai perfettamente ragione... è che poi ti arriva un pensiero e crolli in un istante. Ma poi ti rialzi.
Un grande bacio!
Silvia73
Membro
Messaggi: 60
Iscritto il: lun 27 feb 2017, 17:20

Re: Prenderne davvero atto...dopo 4 mesi.

Messaggio da Silvia73 »

Grazie ragazze. So di avere dentro un groviglio di emozioni che devo buttare fuori. E anche se so di avere fatto di tutto a volte basta un pensiero, un ricordo x crollare. Le lacrime scendono senza cobtrollo. Perdere il papa' era stata una violenza..mi sentivo senza rete, senza difese. perdere la mamma e' davvero perdere un pezzo di cuore e di identità. E' bellissima la citazione che mi hai regalato buttwrfly. Ed e' cosi'.l'amore della mamma e' un bagaglio. A volte pesante, ma senza si e' nudi. Comunque stasera x la prima volta ho invitato a cena una amica. Prendiamo una pizza. Mi fa strano ma devo provarci. Grazie a tutte. Mi sto infilando nelle discussioni in cui riconosco quello che provo e trovo un po' di conforto. Un abbraccio.
Butterfly81
Membro
Messaggi: 157
Iscritto il: mar 17 mag 2016, 1:18

Re: Prenderne davvero atto...dopo 4 mesi.

Messaggio da Butterfly81 »

Hai fatto benissimo ❤ buona serata 😘
Silvi80
Membro
Messaggi: 47
Iscritto il: dom 1 mag 2016, 13:35

Re: Prenderne davvero atto...dopo 4 mesi.

Messaggio da Silvi80 »

Ragazze come vi capisco anche la mia mamma mi ha lasciato il 9 novembre...
Manca tanto!!!!
A volte credo di non aver più lacrime però la sogno quasi tutte le sere almeno la trovo nei sogni ed è tranquilla....
Cara Butterfly non devi avere sensi di colpa credo che hai fatto tutto quello che potevi...
Un abbraccio forte a tutte❤

Torna a “Raccontiamoci”