Nel lutto non riesco più a vivere una vita normale

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
Rispondi
riley88
Membro
Messaggi: 5
Iscritto il: dom 22 gen 2017, 11:03

Nel lutto non riesco più a vivere una vita normale

Messaggio da riley88 » mer 5 lug 2017, 11:31

Cari amici

dopo un anno di malattia terribile, la mia mamma ci ha lasciati ed è passato appena o già un mese.

Continuo a rivivere gli ultimi giorni in maniera dolorosa, ma sono contenta di averle detto tutto, questa è la mia più grande forza e consolazione: averci provato fino all'ultimo e non aver lasciato nulla in sospeso.

Mi sono meravigliata molto perché durante tutto il primo mese di lutto mi sono sentita quasi normale, con una forte energia e voglia di vivere, quasi un riscatto accompagnato dalla voglia di focalizzarmi su di me, di essere consapevole.
Eppure ora sto vivendo giorni tremendi, come se andando avanti invece che migliorare, portasse solo più confusione. Sono più infelice che mai, la penso sempre e l'energia si sta trasformando in eccesso ed insoddisfazione per il mio semplice quotidiano. Come se avessi un disperato bisogno di sentirmi viva e cercassi emozioni forti in ogni cosa. E' stato un anno difficile, fin da subito ho preso la malattia sulle mie spalle, e ora tra il lavoro e gli impegni, non mi sono mai fermata per riflettere, ho solo continuato a correre e andare avanti.

mi sento sola, non compresa e come se tutti vedessero solo questo lato forte e felice, che per me è solo una grande truffa, perché non mi sento forte davvero, ma solo disperata.

Il mio ragazzo con cui convivo da due anni e con cui avevamo progetti di matrimonio, mi appare distratto e privo di attenzioni, incapace di colmare la fame di affetto che sento anche se so che nessuno potrà mai sostituire la mia mamma - mi è stato vicino tutto l'anno ma ora so che per lui è come se si fosse chiusa una parentesi e dovessi occuparmi da sola del mio lutto. Mi sento distaccata e ho iniziato a cercare attenzioni altrove, in una persona che mi scatena emozioni forti ed effettivamente placa quel vuoto per qualche momento tanto che mi viene da cercarlo sempre per due chiacchiere, ma non l'ho tradito in ogni caso.

Mi sento come se avessi un desiderio di una vita nuova, di vitalità, emozioni che non riesco a controllare. Ho un'età in cui la gente inizia a sposarsi e fare figli e io sento solo la voglia di fuggire, divertirmi e paura di non sfruttare al massimo i miei giorni.
Sto già andando da una psicologa che mi ha seguito per tutto il percorso, ma vorrei sapere se a qualcuno è capitato di vivere queste sensazioni perché non riesco più a capire se fa parte del lutto, o se questo dolore mi abbia spinto a cambiare così tanto che la mia vita mi è ormai stretta. So solo che ho pensieri ossessivi e non riesco a vivere normalmente, la sogno spesso, viva, che mi consiglia ma mi sveglio sempre senza ricordare cosa mi ha detto.

Avatar utente
Franco953
Membro
Messaggi: 2810
Iscritto il: ven 31 lug 2015, 9:57

Re: Nel lutto non riesco più a vivere una vita normale

Messaggio da Franco953 » mer 5 lug 2017, 18:39

Cara riley
mi spiace per la mamma e per il periodo terribile che stai vivendo.
Ti capisco ho perso papà da tre anni e ancora oggi ho forti nostalgie
Certo , come dici tu, nel primo periodo( settimana/mese) sembra tutto normale e questo perchè , in realtà, la nostra mente si rifiuta di affrontare una perdita così importante. Ma poi , purtroppo, arriva la vera legnata ed il duro scontro con la verità. IL corpo, la mente inizia così e metabolizzare la morte con tutto che ne consegue a livello emotivo.
Bisogna lasciare che la consapevolezza di ciò che è accaduto debba essere piano, piano valutato, compreso ed infine accettato
Ora la tua mente , così come il corpo vorrebbe uscire dall'attuale situazione di sofferenza. Ed ecco il tuo desiderio di ribellione. Forte, intenso ma che , oggi, non può essere realizzato. Ed ecco il tuo sentirti sola.
Ma alla base di tutto c'è la sofferenza, il dolore e il senso di smarrimento che dura giorno dopo giorno e sembra non debba avere fine
In realtà , dopo ciò che è successo, non sarai mai più come prima. Il tuo atteggiamento nei confronti della vita e anche della morte sarà diverso e sarà altrettanto diverso il tuo atteggiamento verso gli altri.
Vedrai che il tuo ragazzo , se veramente ti vuole bene, ti aiuterà standoti vicina. Fai capire a lui però che hai bisogno ancora della sua vicinanza e del suo aiuto
Ci vuole tanta, tanta, tanta pazienza. Certo è che continuerai a soffrire e a piangere finchè la morte di morte non sarà completamente accettato e metabolizzato
Poi ,ti accorgerai che la sofferenza diventerà nostalgia perchè la vita continua ma i nostri cari li porteremo sempre nel cuore
E poi......io penso che , comunque , loro sono ancora qui vicino a noi e ci aiuteranno per il resto della nostra vita
Dobbiamo semplicemente superare il concetto della presenza fisica per pensare alla presenza spirituale
Ora papà lo sento dentro e quando ho bisogno basta, una frase, un profumo, una fotografia, un ricordo, e quasi magicamente arriva la soluzione al problema del momento. Si tratta di una pura illusione ? Non lo so! Può darsi ,ma questo sentire papà dentro me mi fa vivere e mi dà gioia.
UN abbraccio

Franco
“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”

 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Raccontiamoci”