17° intervento al mondo per un condrosarcoma in Humanitas

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
Rispondi
Avatar utente
Franco953
Membro
Messaggi: 3224
Iscritto il: ven 31 lug 2015, 9:57

17° intervento al mondo per un condrosarcoma in Humanitas

Messaggio da Franco953 » mar 25 lug 2017, 18:11

Riporto di seguito l'articolo pubblicato sul sito della Clinica Humanitas di Rozzano, in quanto ritengo possa essere interessante

Franco



Chirurgia della trachea, in Humanitas il diciassettesimo intervento al mondo per un condrosarcoma

In collaborazione con Redazione Humanitas News pubblicato il 19 luglio 2017 in Malattie e cure,

E' stato recentemente eseguito in Humanitas un importante intervento di chirurgia tracheale, in un paziente affetto da condrosarcoma allo stadio iniziale.

Ne parliamo con il dottor Umberto Cariboni, specialista in Chirurgia toracica, che ha condotto l’intervento.

“Abbiamo effettuato con l’aiuto del professor Marco Alloisio, direttore di dipartimento delle chirurgie specialistiche e della chirurgia toracica, un intervento di chirurgia della trachea su un paziente di circa sessant’anni, affetto da un condrosarcoma della trachea, un tumore rarissimo. Il nostro è stato il diciassettesimo caso in tutto il mondo, al 2017 infatti sono 16 i casi riportati in letteratura” (Case Rep Oncol Med. 2017;2017:4524910), racconta il dottor Cariboni.

La formazione con il professor Walter Klepetko e l’intervento

“Abbiamo avuto modo di valutare preventivamente il caso con il professor Walter Klepetko, uno dei massimi esperti di chirurgia toracica, da cui io e due dei miei colleghi anestesisti, la dottoressa Elena Costantini e il dottor Orazio Difrancesco, abbiamo trascorso un periodo di perfezionamento a Vienna, centro di riferimento a livello mondiale per la chirurgia della trachea: una chirurgia complessa sia dal punto di vista chirurgico sia da quello anestesiologico, offerta in Italia da pochi centri con casistiche molto limitate.

Abbiamo quindi eseguito l’intervento in Humanitas. La chirurgia avanzata, di cui mi occupo, si esegue in maniera tradizionale. Abbiamo pertanto effettuato un’incisione cervicale, la cervicotomia, associata a una sternotomia parziale. Ciò ci ha permesso di isolare la trachea dalle strutture complesse da cui è circondata, in sicurezza. Abbiamo asportato due anelli tracheali, sedi della neoplasia, e successivamente abbiamo anastomizzato i monconi tracheali. È stato possibile eseguire l’intervento grazie alla presenza della dottoressa Costantini, anestesista di sala operatoria, la cui figura riveste in questo tipo di intervento un’importanza enorme per il controllo delle vie aeree e della ventilazione, e grazie alla presenza del team infermieristico dedicato.

Il lavoro di “squadra” atto a condividere tutte le competenze specifiche è necessario per interventi di tale complessità, per cui il successo terapeutico non è solo l’atto di un singolo, ma una vittoria dell’intero team”, spiega il dottor Cariboni.

La chirurgia della trachea in Humanitas

“L’obiettivo è adesso quello di portare questo tipo di chirurgia in Humanitas, una chirurgia complessa che richiede un approccio multidisciplinare e Humanitas offre il contesto ideale per realizzare questo progetto, grazie alla presenza di diversi specialisti e alla ricchezza di esperienze”, ha concluso il dottor Cariboni.
“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”

Rispondi

Torna a “Raccontiamoci”