Incontinenza dopo prostatectomia radicale con robot da Vinci

In questo spazio è possibile confrontarsi sulle procedure diagnostiche, sui trattamenti e sui loro effetti collaterali, sui centri oncologici e sulle terapie palliative e del dolore, sempre attenendosi al regolamento del forum e in particolare agli articoli 2 e 3.
Rispondi
SimonaBiz
Nuovo membro
Messaggi: 1
Iscritto il: dom 20 ago 2017, 11:18

Incontinenza dopo prostatectomia radicale con robot da Vinci

Messaggio da SimonaBiz » dom 20 ago 2017, 11:51

Salve a tutti! È' la prima volta che mi iscrivo su un forum di discussione e mi scuso anticipatamente qualora ne facessi un uso improprio.
Avrei voluto che si iscrivesse il mio compagno, ma è decisamente troppo avvilito e sfiduciato, cosi ho deciso di farlo io.
Lui ha subito, ai primi di agosto, un intervento di prostatectomia radicale con robot da Vinci. Ha tolto il catetere il 9 agosto e da allora combatte con il problema dell'incontinenza. È un uomo ancora giovane e molto attivo e questa cosa, pur essendo preparato all'eventualità, lo sta prostrando fisicamente e psicologicamente.
Non è una forma grave di incontinenza (non ce l'ha di notte e quando e' in casa) ma gli impedisce di riprendere con serenità le sue abitudini.
Ha scelto di usare degli assorbenti maschili (meno invasivi e intralcianti) che però gli danno una ridotta autonomia (si spostano...e' costretto a cambiarli spesso).
Ha anche, in seguito all'uso degli stessi e, forse, a causa del catetere, una infiammazione del glande abbastanza fastidiosa.
Sta facendo la ginnastica del perineo...ma...i risultati per ora non si vedono.
Avrei bisogno di consigli da parte di chi ci è passato o ci sta ancora passando.

Modelli o marche di assorbenti o pannoloni più funzionali, comodi e discreti.
Tempi di recupero del problema incontinenza .

Ma anche e soprattutto, come dire....delle dritte...dei trucchi...delle strategie...che solo chi ha vissuto questo problema sulla sua pelle, e' stato in grado di elaborare, per rendere il problema più gestibile e la vita più facile.

In ultimo, avrei anche decisamente bisogno di consigli per dargli un supporto psicologico valido.
Ora come ora, qualunque cosa io faccia o dica...non sortisce alcun risultato.
Vorrei solo vederlo più sereno e fiducioso.

Resto in attesa di un riscontro e ringrazio .
Buona giornata!

Rispondi

Torna a “Affrontare i tumori: trattamenti e riabilitazione”