Cosa succede se si “rompe” un neo?

In questa sezione si possono pubblicare tutte quelle discussioni che non trovano collocazione nelle altre stanze.
Rispondi
Avatar utente
Franco953
Membro
Messaggi: 3219
Iscritto il: ven 31 lug 2015, 9:57

Cosa succede se si “rompe” un neo?

Messaggio da Franco953 » gio 30 nov 2017, 17:36

Riporto di seguito l'articolo pubblicato sul sito della Clinica Humanitas di Rozzano, in quanto ritengo possa essere interessante

Franco


Cosa succede se si “rompe” un neo?

Immagine

Anche se timore e ansia potrebbero essere le prime reazioni quando si rompe un neo, sia che avvenga a causa di uno sfregamento o per un trauma, non c’è da preoccuparsi che il neo possa trasformarsi in nulla di pericoloso – spiega il professor Antonio Costanzo, direttore dell’Unità di Dermatologia dell’Ospedale Humanitas. – Infatti un neo non diventa pericoloso quando si rompe, ma può diventarlo e cambiare forma da solo senza alcun apparente motivo.

Senza dubbio è decisamente meglio evitare le situazioni che possono favorire più e più volte la rottura di un neo o il suo sanguinamento come può accadere, involontariamente, per attrito con le lenzuola durante la notte, per esempio. Proteggere il neo, soprattutto se si trova in una posizione a rischio di sfregamento contro i tessuti degli abiti o contro accessori come collane e bracciali, può evitare che il neo si rompa.

Se nonostante le precauzioni il neo si rompesse, è consigliabile applicare subito una crema antibiotica per evitare sovrainfezioni che possono mascherare la vera natura del neo traumatizzato.

In ogni caso, è opportuno farsi visitare da un dermatologo che saprà determinare se quel neo, indipendentemente dal trauma, è un neo pericoloso e a rischio di melanoma, cioè un tumore della pelle invasivo negli stadi avanzati, che si presenta con la forma di un neo dai contorni irregolari e frastagliati che può cambiare forma e colore.

Proprio il colore di un neo che si presenta o diventa più scuro degli altri nei nella stessa zona del corpo, è anch’esso un indicatore che dovrebbe condurre il paziente dal dermatologo per una valutazione approfondita. I nei non pericolosi invece, molto frequenti e talvolta numerosi sulla superficie cutanea, possono comparire anche dopo i quarant’anni. Nella maggior parte dei casi si tratta di neoformazioni innocue per la salute che si formano a causa di un accumulo di cellule epiteliali che possono formare un neo di colore rosa, marrone chiaro o marrone scuro oppure dello stesso colore della pelle, e di dimensione contenuta che spesso non supera i 2-3 milllimetri.

commento a cura di

Professor Antonio Costanzo
Responsabile della Dermatologia di Humanitas e docente di Humanitas University
“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”

 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Off topic: pensieri sparsi”