Storia di mio padre

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
William1979
Membro
Messaggi: 11
Iscritto il: mer 22 ago 2018, 2:10

Re: Storia di mio padre

Messaggio da William1979 » mer 10 lug 2019, 15:05

cinzietta84 ha scritto:
dom 7 lug 2019, 3:26
William, Anna, Valentina....rivedo nelle vostre storie la storia di mio papà...anche lui tumore al polmone IV stadio con metastasi "solo" ai surreni. ogni storia è agghiacciante e tragica, la mia è finita in una denuncia per omicidio contro l'ospedale per malasanità e intendo aprire anche un nuovo post per questo argomento. Rivedo nelle vostre descrizioni lo stesso iter del mio papà... Anche io ricordo il velocissimo declino, nonostante "il male al IV stadio" ci avevano detto che era "fortunato" perchè poche metastasi e perchè era positivo all'immunoterapia (meglio della chemio) che però non ha mai fatto. Anche io ricordo quasi solo gli ultimi 2 mesi di malattia e la morte in ospedale mentre prima si contorceva e poi ha iniziato a russare, proprio come ha detto Valentina. Il 24 luglio sarò un anno e per me il tempo ha peggiorato tutto: sono single e non ho figli, ho lasciato il lavoro e dovrò iniziare una terapia psicologica perchè per me, più passa il tempo e più acuto diventa il dolore e la mancanza. Come hodetto anche in un altro post, ogni persona ha un proprio dolore e ha un proprio percorso da seguire. Per chi non riesce ad uscirne, parlarne sicuramente fa bene, magari con uno specialista come a breve farò anche io.
Vi abbraccio tutti forte.
Bisogna farsi forza non abbiamo altra possibilità, il ricordo di quello che abbiamo vissuto non aiuta ma comunque dobbiamo andare avanti.
io sono andato a parlare con uno psicologo e mi ha aiutato molto, ti auguro ogni bene.

W.

William1979
Membro
Messaggi: 11
Iscritto il: mer 22 ago 2018, 2:10

Re: Storia di mio padre

Messaggio da William1979 » mer 10 lug 2019, 15:09

Ladyfra93 ha scritto:
mer 10 lug 2019, 12:01
William mi dispiace molto per tuo papà. Anche io sono una figlia di 25 anni a cui il tumore ha portato via un genitore. Mia mamma è mancata il 15 Aprile per un adenocarcinoma alla mammella con metastasi al fegato, peritoneo e polmoni, aveva 53 anni. Il decorso è stato infinito, mia mamma ha lottato 13 anni con questa malattia, tra alti e bassi, tra apparenti periodi di guarigione e ricadute. Dopo l'ultima ricaduta al fegato nel 2016 si è sottoposta ad almeno 8-10 chemio diverse, tra cui l'ultima una cura sperimentale all'INT di Milano che inizialmente ci aveva dato una speranza ma a marzo di quest'anno improvvisamente è iniziata l'ennesima ricaduta per cui lei non ha potuto mettere più una pezza. Era devastata dalla malattia, non sarà pesata più di 30 kg, la sua pelle era color giallo e inoltre l'ascite le comprimeva tutto, tanto che non riusciva a mangiare nulla. Beh, in nemmeno tre settimane se ne è andata e per me è tutto così surreale. Anche io vorrei credere che ci sia un'aldilà ma mi riesce molto molto difficile. Io ho cominciato ad andare da una specialista ma più il tempo passa più sto male e più mi sale una rabbia..il dolore non mi lascia mai e a volte mi domando: perché a mia madre? Perchè sta sofferenza inutile?
Il problema non è di chi se ne va ma di chi RESTA. Chi resta rimane su questa Terra con un vuoto e un dolore incolmabile, che non si accetterà mai.
Farei carte false per tornare indietro nel tempo. Mi chiedo se un giorno si riuscirà mai a convivere con tutto ciò.
13 anni di sofferenze sono un inferno che nessuno si merita, io ho vissuto il dolore e la morte di mio padre nel giro di poche settimane e ne sono uscito devastato, immagino tu come ti possa sentire.
tu sei giovane, posso solo consigliarti di tenere la mente occupata più che puoi, già che hai intrapreso un percorso da uno specialista è una gran cosa e vedrai che ti aiuterà.

fatti coraggio ti abbraccio forte.


W.

Ladyfra93
Membro
Messaggi: 22
Iscritto il: mer 27 mar 2019, 12:14

Re: Storia di mio padre

Messaggio da Ladyfra93 » gio 11 lug 2019, 14:00

William1979 ha scritto:
mer 10 lug 2019, 15:09
Ladyfra93 ha scritto:
mer 10 lug 2019, 12:01
William mi dispiace molto per tuo papà. Anche io sono una figlia di 25 anni a cui il tumore ha portato via un genitore. Mia mamma è mancata il 15 Aprile per un adenocarcinoma alla mammella con metastasi al fegato, peritoneo e polmoni, aveva 53 anni. Il decorso è stato infinito, mia mamma ha lottato 13 anni con questa malattia, tra alti e bassi, tra apparenti periodi di guarigione e ricadute. Dopo l'ultima ricaduta al fegato nel 2016 si è sottoposta ad almeno 8-10 chemio diverse, tra cui l'ultima una cura sperimentale all'INT di Milano che inizialmente ci aveva dato una speranza ma a marzo di quest'anno improvvisamente è iniziata l'ennesima ricaduta per cui lei non ha potuto mettere più una pezza. Era devastata dalla malattia, non sarà pesata più di 30 kg, la sua pelle era color giallo e inoltre l'ascite le comprimeva tutto, tanto che non riusciva a mangiare nulla. Beh, in nemmeno tre settimane se ne è andata e per me è tutto così surreale. Anche io vorrei credere che ci sia un'aldilà ma mi riesce molto molto difficile. Io ho cominciato ad andare da una specialista ma più il tempo passa più sto male e più mi sale una rabbia..il dolore non mi lascia mai e a volte mi domando: perché a mia madre? Perchè sta sofferenza inutile?
Il problema non è di chi se ne va ma di chi RESTA. Chi resta rimane su questa Terra con un vuoto e un dolore incolmabile, che non si accetterà mai.
Farei carte false per tornare indietro nel tempo. Mi chiedo se un giorno si riuscirà mai a convivere con tutto ciò.
13 anni di sofferenze sono un inferno che nessuno si merita, io ho vissuto il dolore e la morte di mio padre nel giro di poche settimane e ne sono uscito devastato, immagino tu come ti possa sentire.
tu sei giovane, posso solo consigliarti di tenere la mente occupata più che puoi, già che hai intrapreso un percorso da uno specialista è una gran cosa e vedrai che ti aiuterà.

fatti coraggio ti abbraccio forte.


W.
Per fortuna su questa piattaforma riusciamo a non essere soli e a condividere l'inferno che porta il cancro. Dopo la sua morte mi sono venuti un sacco di problemi di salute (sebbene non gravi) che non riesco nemmeno più a debellare come ad esempio la candida che mi porto dietro da quasi 4 mesi (mi era comparsa prima ma poi al momento del fatto è ritornata) a cui sembra che le medicine non facciano effetto, e spero che sia solo il fatto che il mio corpo stia reagendo così alla perdita, abbassandomi le difese, e sia lo stress che piano piano voglio cercare di smaltire. Per non parlare della sindrome da colon irritabile e fastidiosi dolori di stomaco, comparsi così all'improvviso.
Spero che la specialista mi aiuti e io te la consiglio vivamente perché aiuta a capire tante cose.
L'unica strada è guardare avanti anche se siamo devastati.
Ti abbraccio forte anche io.

 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Raccontiamoci”