Ieri in un negozio

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
SeMa
Membro
Messaggi: 25
Iscritto il: mer 16 mag 2018, 18:20

Re: Ieri in un negozio

Messaggio da SeMa » gio 1 nov 2018, 14:53

Ragazze siete dolcissime!
Io ho scritto tutto questo perché ho notato un sollievo dentro di me. Ora vi spiego: io ho avuto un tumore al cervello tre anni fa, lo sapevano tutti, avevo la compassione di tutti. Come andare in giro con quella testa pelata che grida “cancro” anche da lontano. Ecco, la gente c’è, però non è quello che serve per andare avanti.
Oggi sono in recidiva, ma ho scelto di non renderlo pubblico. E dal giorno in cui l’ho scoperto ho inistuto con me stessa per non lasciarmi andare mai.
Tanto che ora nessuno ci crede che io sia malata. Ho chiesto di passare avanti all’ultimo prelievo del sangue. E l’impiegata indispettita mi ha detto che dovevo fare la fila. Quando le ho passato il foglio dell’oncologia si è scusata tantissimo e compilava il mio modulo con le mani tremanti. Questo per dire che è una nostra scelta se farlo vedere o meno.
E il fatto è che se non si vede, possiamo decidere noi quando e come pensarci. Pensare al cancro è un momento delicato e per star bene dobbiamo usare tutte le nostre forze, e ci sono quei momenti dove ce la fai, dove porti i tuoi figli a mangiare un gelato s state scherzando e state ridendo. Poi incroci lo sguardo di uno sconosciuto, vede la tua testa che grida -c’è un cancro qui- e ti guarda un po’ triste. Ecco quel momento è rovinato, quel gelato diventa cattivo, quella battuta non fa più ridere, diventi cupa e ti ricordi che sei malata.
Non ci stavate pensando alla malattia, fate in modo che resti così!
Quindi passiamo al pratico!
Allora abbiamo detto parrucca, quelle belle nei negozi costano troppo, in alcune regioni vengono finanziate dallo stato, oppure fate così: Andate in un negozio di parrucche belle, provatele fino a trovare il modello che preferite, guardate la marca e poi andate a casa e cercate quella marca su internet, costerà la metà!
Sesso: io ero veramente infastidita dalla mia testa, allora bene, ho parlato chiaro col mio ragazzo, luce spenta. Almeno per un po’, almeno finché non la smetto di sembrare Massimo Boldi!
E ovuli lubrificanti, uno a settimana, per precauzione.
Trucco, sempre! Fondotinta e fard, sarete bianche quando sarete morte, adesso se mi permettete siete vive quindi truccatevi sempre, datevi colore, e gli specchi saranno più simpatici con voi.
Per stare in casa io uso i cappellini di lana tipo cuffiette, morbide e soffici, abbasso i foulard!!
Vomito, c’è un farmaco che blocca il vomito da prendere prima della chemio, non posso scriverlo qui al massimo chiedetemelo in privato, almeno non sembrerete la bimba dell’esorcista!
Lavoro: tornateci! Cosa fate sempre a casa? Passate il tempo a ricordarvi che siete malate? Provate a tornarci almeno le giornate saranno più piene e impegnative e avrete meno tempo per pensare.
Addormentatevi guardando un film, la notte vengono sempre brutti pensieri.
E poi boh, ne penso ancora, o almeno mi sforzo. Voglio essere felice, provate con me?

Filomena
Membro
Messaggi: 1030
Iscritto il: gio 30 ago 2018, 17:10

Re: Ieri in un negozio

Messaggio da Filomena » gio 1 nov 2018, 16:32

Ciao SeMa
Bellissimo ciò che hai scritto
Neanche difficile da mettere in pratica
Ma..purtroppo un ma c'è sempre
Sono di Pozzuoli ma vivo a Roma da 32,anni moglie di militare ufficiale dell'esercito
Al momento in pensione
X 11anni ho combattuto con la malattia di mamma
Ci avevano dato la sentenza di Alzheimer
Mi prese un colpo un angoscia terribile
Dopo un mese dalla sua diagnosi
Conobbi gli attacchi di panico
Era un morire ogni volta
Ero sola ma veramente Sola con due ragazzini da mandare avanti in un età critica adolescenza
Mio marito usciva alle 07 se andava bene
Rientrava intorno alle 19.30
Quando gli dissi degli attacchi di panico da buon militare mi disse..
E un problema tuo di sicuro ne uscirai più forte
Xche tu sei forte
Quello che avevo pensato beh meglio non dirlo
In tutto ciò ogni venerdì lasciavo figli e marito e scappavo da mamma una situazione da far mettere le mani nei capelli
All'improvviso mia madre non si alza più dal letto
Non si regge all'impiedi le gambe cedono
Non esisteva ricovero
Senza perdermi d'animo
Inizio a scalare la terapia
Dopo due giorni mamma inizia di nuovo a fare i primi passi
Il lunedì arriva, la dott
Le dico che non accetto la terapia di mia madre
Mi assumo le mie responsabilità
Proviamo con un'altro farmaco
Dio mi è stato accanto mamma cammina di nuovo
Riconosce le persone
In conclusione mamma si alleta x una banale caduta problema al femore non cammina più
Dell'alzhaimer neanch l'ombra mamma ha riconosciuto tutti fino alla fine
Sono sempre stata una persona buona di cuore
Ho aiutato sempre tutti
Facevo da, baby setter a due bimbi del mio condominio e non volevo neanche i soldi
Non ne avevo la necessita
Due anni inizio a stare male
Da, gennaio 2016 la diagnosi è arrivata a luglio 2016 con sentenza tre mesi di vita
Mi sono fatta coraggio e ho dato coraggio ai miei figli ormai uomini e non bambini
Un colpo x tutti
E ancora una volta la lontana
La famiglia di mio marito
Meglio lasciar perdere
Mia sorella ha il cuore spezzato
Non fa altro che dirmi torna qui
Almeno ci sono io
C'è nostra cognata
Le nipoti tutti
Qui ho una parte del mio cuore
Due figli e il miracolo della mia vita mia nipote
Io trovo la forza di lottare non pensare ne al dolore che non mi fa chiudere occhio
Ne al domani
Ho sempre creduto nella mia famiglia
Oggi ho aperto gli occhi
Mio figlio il Secondo
Ha pensato bene di affrontare la mia malattia lontano da casa sta con una donna divorziata
Di quasi 40anni con un figlio di 13,anni
Desidero vedere mio figlio
Desidero vedere mia nipote sanno bene che mia nipote è la migliore chemio
Che dirti se non vado io a vedere mia nipote
La vedo in videochiamata
C'è una scusa ogni fine settimana
Lui fa un lavoro che non gli lascia molto spazio
Fa il giornalista lavora h24
Non hanno mai tempo
Quello piu grande anche lui un lavoro di grande responsabilità esce la mattina con la benedizione di Dio
Lo rivedo la mattina dopo x il buon giorno
Se provo a dire ma cosa vi costa
Trovare un oretta x stare tutti insieme
Mi fa piacere stare con voi
Mamma in ogni famiglia ci sono impegni lo sai no
Le amiche?
Sono tutte impegnate
O rintanate dentro casa
Se non mi vedono x due giorni
O sono morta
O sto in ospedale
Il resto della famiglia
Sento mio fratello e mia sorella
Il resto non esiste nessuno
Allora la cosa che ho capito
Che dalla sofferenza scappano tutti
La sofferenza fa paura
Ma ho già detto
Chi non c'è oggi
Non voglio che ci sia domani
Il cancro mi ha sconvolto la vita
Ho cercato con tutte le forze di rialzarmi e andare avanti senza nessuno
Di certo nel mio caso il cancro ha portato solo solitudine
Beh c'è chi sta peggio
Un'amica il marito lha lasciata mentre faceva la chemio
Era un peso troppo grande
Che dire
Ognuno trova una propria dimensione
Un abbraccio

Ale71
Membro
Messaggi: 73
Iscritto il: mar 11 set 2018, 13:43

Re: Ieri in un negozio

Messaggio da Ale71 » gio 1 nov 2018, 21:03

Cara Lucy, grazie grazie grazie mille volte grazie di ❤. Sei riuscita sì ad aiutarmi a capire. Immagino che ognuno di noi trovi il suo personale modo di affrontare la malattia, ma ci sono tante cose utilissime che hai scritto.
Sono nel periodo del "dopo" e mi sento proprio come scrivi come una barchetta nell'oceano senza più la protezione delle terapie.
Ora c'è una nuova normalità da costruire e come sono di ispirazione le tue parole! bello dedicarsi a sé, riscoprire le proprie passioni, dedicarvici. Occuparsi di sé stessi.
E poi la famiglia che soffre con noi, bello l'equilibrio che sei riuscita a trovare.
Credo che tu sia riuscita a fare qualcosa di veramente speciale in questi anni.
Ti ringrazio ancora perché nelle tue parole ho trovato la luce e la speranza.
Ti abbraccio 💖

Solidea
Membro
Messaggi: 792
Iscritto il: gio 31 ago 2017, 18:04

Re: Ieri in un negozio

Messaggio da Solidea » ven 2 nov 2018, 11:52

Chi non c'è oggi
Non voglio che ci sia domani
Brava Filomena, scrivi sempre cose molto sagge
Noi siamo come farfalle che battono le ali per un giorno pensando che sia l’eternità.

Lucy_PA
Membro
Messaggi: 134
Iscritto il: mar 13 set 2016, 9:28

Re: Ieri in un negozio

Messaggio da Lucy_PA » ven 2 nov 2018, 13:50

Ale ❣ 🤗

Filomena
Membro
Messaggi: 1030
Iscritto il: gio 30 ago 2018, 17:10

Re: Ieri in un negozio

Messaggio da Filomena » ven 2 nov 2018, 17:00

Grazie

 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Raccontiamoci”