Qual è il comportamento giusto?

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
Valentina&Sofia
Membro
Messaggi: 217
Iscritto il: mer 6 giu 2018, 14:49

Re: Qual è il comportamento giusto?

Messaggio da Valentina&Sofia » lun 19 nov 2018, 21:46

Cara Filomena, tu sei un miracolo! Sei la dimostrazione che i miracoli esistono, che Dio ti benedica sempre. Cosa pagherei per avere la mia mamma qui con me...per farle vedere come mi sto muovendo come mamma e i progressi che fa la sua nipotina. È un anno che vivo con il cuore lacerato, perché stare accanto ad una persona ammalata si lacera il cuore. Da quando non c’è più invece il mio cuore è volato via con lei. Se qualche figlio mi legge, state più che potete vicino ai vostri genitori, amateli più che potete, perché sembrerà una frase fatta, ma quando non ci saranno più il dolore sarà talmente immenso che solo se riuscirete a vivere senza rimpianti e rimorsi vi salverete! Un abbraccio a tutti

Perlina
Membro
Messaggi: 32
Iscritto il: lun 12 nov 2018, 22:51

Re: Qual è il comportamento giusto?

Messaggio da Perlina » mar 20 nov 2018, 14:39

Ragazze, giornata nera. Mio marito da ieri sera dolore alla spalla, ci soffre da anni periartrite, operata Sx, ora dolore dx. A giugno fatto onde d urto e stato bene, Tutta l estate bene, giorni fa mi diceva meno male le spalle nn mi fanno più male e ora... N. Alza più il braccio, mio. Medico dato pasticche che già prendeva x dolori articolari, speriamo facciano, ci mancava questa! Bocca uguale, mangia con. i sforzo e ora nemmeno più fame, diarrea ancora un po' ma problema minore a questo punto. Io. Piango in bagno. Filomena a Pisa nn detto supporto psicologico, a Livorno almeno anni fa c era, ricordo malattia mia consuocera ci andavano tutti e tre familari, gratis. A me nn detto nulla a Pisa. E cmq a Pisa nn potrei andare, già difficile x visite e analisi. Le amiche e mia sorella mi supportano, i figli presi dal. Lavoro e dai. Bambini, però ci sono, ma mi dispiace sfogarmi con loro, so che soffrono per il. Loro babbo. Se nn migliora la sofferenza n. Credo mio marito terra duro, lo, sa che nn c è guarigione, ma solo x andare avanti, e nn è più giovane, meno motivato, anche se era in Gamba accipicchia!!!! Stare male ti fa odiare la vita
Ma parlo per noi, Filomena sei giovane, hai un. Marito che ti sta addosso perché ti ama, nn lo scordare!!!!! Vi abbraccio tutte a presto Giovanna

Filomena
Membro
Messaggi: 909
Iscritto il: gio 30 ago 2018, 17:10

Re: Qual è il comportamento giusto?

Messaggio da Filomena » mar 20 nov 2018, 16:37

Ciao Valentina b
Le tue sono le più belle parole che una mamma possa voler sentire
Non se hai letto giorni fa
Le discussioni con mio figlio
Il più piccolo (ma padre) gli farò leggere le tue righe
Almeno sentito da chi ci ha passato fa un'altro effetto
Sicuramente sono ripetitiva
Mio figlio lo vede quanto la bambina sta bene con me mi cerca
Logicamente è super innamorata del padre
Mio figlio in tanti versi e maturo
Ha avuto due relazioni negli anni scorsi
Con ragazze più piccole di lui
Insieme a lui sono cresciute
Lui ha aiutato tanto a crescere
Mentre lui era sempre il bimbo della relazione
Poi ha incontra la donna separata piu grande di lui l'ha fatto sentire uomo
Lha fatto sentire al centro della relazione
Qui c'era mamma con il cancro
Qui c'era la paura il terrore di un peggioramento
Lui non ha saputo controllare tutto ciò
Ed è così che un anno fa è arrivato il mio miracolo
Oggi l'ho lasciata con la febbre
Mi si stringe il cuore
Ma ha i genitori ed è giusto così
Vorrei far capire a mio figlio adesso che è genitore
Che essere orgigliosi
Voler x forza di cose voler dire l'ultima parola
Tenere il broncio
Non serve a nulla
Gli dico sempre finché sto qui
In mezzo a voi qualsiesi cosa tu mi voglia dire io ti posso rispondere
Non tenerti rancori
Ti serviranno solo a farti venire i sensi di colpa quando la mia voce non la sentirai più

Sai Valentina sono certa che la tua mamma è molto
Ma molto fiera di te
Sappi che lei da lassù può fare molto
Può proteggerla sarà il suo Angelo
La vita è bella
Ma il mondo in cui viviamo non sembra poi così bello e allora un angelo ci occorre
Alla mia mamma dico sempre
Proteggi la mia principessa
A me ci pensano i medici
Un bacio grandissimo

Filomena
Membro
Messaggi: 909
Iscritto il: gio 30 ago 2018, 17:10

Re: Qual è il comportamento giusto?

Messaggio da Filomena » mar 20 nov 2018, 16:48

Ciao Perlina
Comprendo che è molto difficile
Ma se tu vai in ansia più di tuo marito
Gli trasmetti più ansia e peggiori la situazione
Il dolore può essere il freddo
Il cambiamento di tempo
Anch'io sto impazzendo con un dolore alla costola
Sx
Eppure ho fatto la scintigrafia ossea
E L total body
Un mese fa
Eppure il dolore c'è
Basta un linfonodo un po' infiammato
Non è una situazione facile
Una volta che si è stabilizzato andrà meglio
Se ci saranno effetti collaterali abbasseranno
Il dosaggio almeno credo
Con me così hanno fatto
Piano piano imparerà a convivere
Si renderà conto che si può vivere
Che c'è la può fare
Ti posso assicurare che accanto a me quando piango non c'è nessuno
Neanche mio marito
Io non ho nessuno
Ma come vedi si può vivere
Con tanta pazienza e tanta buona volontà
Cerca di mantenere almeno tu la calma altrimenti
Rischiate di fare discussioni che neanche servono
Ma servono solo a scaricare la tensione
In questo percorso
Gli ingredienti sono
Speranza
Fede
Amore
Pazienza
Mescola bene
Vedrai sarà perfetto
Un bacio

Perlina
Membro
Messaggi: 32
Iscritto il: lun 12 nov 2018, 22:51

Re: Qual è il comportamento giusto?

Messaggio da Perlina » mar 20 nov 2018, 17:45

Hai mille ragioni Filomena, ma sono un ansiosa x natura. Un farmacista mi prepara dei fiori di Bach x domani, per me, speriamo funzionino nn ci credo tanto. Mio marito temperamento nervoso e incostante, quando io mi sono operata anca anni fa e facevo ciclette e ginnastica costante lui mi. Ammirava e diceva che nn sarebbe stato così tenace. Con lui non. Mi faccio vedere piangere, scherzi, mi. Chiudo in bagno. Se fossi. Io la malata mi farei stringere tra le sue braccia e coccolare, io a volte ci. Provo con lui, una carezza, un contatto, ma si ritrae teme che lo compatisca ma tra coniugi questo nn deve esistere! Perché quando piangi sei sola? Capisco nn pesargli sempre addosso, ma avere dei. Momenti per essere confortati si! Non igli confidi le tue paure, la tua angoscia, la tua voglia di restare con lui il più possibile? Faccio del mio meglio. Gli ricordo i farmaci, lui si confonde a volte, oggi gli ho portato poco yogurt e pezzettino dolce quando era sul divano, mangia poco, ho preso appuntamento con dermatologo omeopata dato da amica, speriamo serva. Lo distraggo, gli. Parlo anche se vedo nn mi ascolta. Lo Lascio anche in pace. A volte vedo la tv in un. Altra stanza x fargli Vedere un film che piace solo a lui. A volte esco spesa, ginnastica, così respiro. Vi penso a tutti, un abbraccio Filomena, dammi retta permetto a tuo marito di starti vicino. Giovanna

Filomena
Membro
Messaggi: 909
Iscritto il: gio 30 ago 2018, 17:10

Re: Qual è il comportamento giusto?

Messaggio da Filomena » mar 20 nov 2018, 19:05

Giovanna comprendo la tua ansia
Anch'io sono ansiosa x natura sono stata in terapia x 15 anni
Omeopatia
Agopuntura fiori di Buch
Aghi all'orecchio insomma
Psicoterapia quella mi ha aperto un canale
Mi ha dato le basi x affrontare quest'enorme uragano che stava x arrivare
In ospedale sono sotto osservazione anche dal primario di psichiatria credo sia protocollo anche quello
Mi ha dato giusto un farmaco x dormire la notte
Ho sentito tantissimi familiari
Specie figli
Lamentarsi da quando mamma ha il cancro e diventata più cattiva
Non la capisco più
È vero è difficile comprenderci
Forse è l'effetto della malattia
Forse il pensiero che prima o poi questo film finesce e ci sia più dolore di quello che già si sta ingiando
Mio marito piange di notte si mette con la testa sotto al cuscino e piange
Lui ha perso anni fa il papà con il cancro al fegato
In 40 giorni
La cosa che mi fa davvero tanta rabbia è l'egoismo dei fratelli
Ossia una sorella e un fratello
Il fratello abita a un ora da Roma si ricorda ogni morta di papa di chiamarlo quando passa di qui che ha il turno di notte
Si vedono al bar x un caffè
La sorella si ricorda in caso estremi
Una strafottenza
Lavora ma non ha figli piccoli
In più ha ancora la, mamma che al mattino passa
Lava stira
Porta la spesa ed ha 82 altri cento così
X gli altri figli
Tale madre in due anni che ho il cancro non si è minimamente degnata di passare neanche sull'uscio della porta
Questo fa davvero male xche davvero di sente solo
Ho due figli grandi ma x scelta loro hanno deciso di non toccare l'argomento fin quando la terapia fa effetto e mammà sta bene non vogliono sentir parlare di cancro
Un rifiuto
Il dramma sul dramma che lui da un anno sta in pensione
Giovanna io voglio che la mia vita resta quella di prima
Tante volte lui prova ad abbracciarmi si avvicina
Ma non è spontaneo
Non so e un effetto strano
Giovanna in tanti casi purtroppo
La malattia.non unisce
Specie se di carattere si è già spigolosi
Mio marito ha fatto il militare x 40 anni della sua vita ha una corazza che non si riesce a penetrare con nulla
I nostri conflitti stanno nel fatto che lui da un lato
Vuole essere di aiuto in casa
Ma non sa fare nulla xche non ha mai fatto nulla
La spesa eeeeeee
Se non trova una cosa ti chiama
Mille volte
Se dico vado io
Il tempo che arrivo fuori al supermercato
Mi sta già dietro
E io. Mi incavolo
Gli ho detto di fare qualcosa
Qualsiesi cosa
Ma non certo starmi attaccato come un francobollo
Non voglio che la. mia vita cambi
Non deve cambiare
Altrimenti non vivo più
Io devo alzarmi al mattino e fare le mie cose
Ho una mia organizzazione
Certo non ho più la forza di due anni
Mi stanco mi fermo
Il pomeriggio mi vado a riposare
Ma è la.mia vita
Credo che x un uomo e molto più difficile affrontare la situazione
Non so se tuo marito usa il pc
C'è un sito alcase
Ci sono oncologi
E poi c'è una pagina fb sconfiggiamo il mio cancro al polmone
Credo che si chiami così
Li è un mondo diverso
Ti abbraccio
Se hai bisogno di qualsiesi cosa
Eccomi

Perlina
Membro
Messaggi: 32
Iscritto il: lun 12 nov 2018, 22:51

Re: Qual è il comportamento giusto?

Messaggio da Perlina » mer 21 nov 2018, 0:15

Filomena cara, mi piace aprirmi con te. , Con mio marito non ho avuto un gran matrimonio. L ho sposato per amore, ero innamoratissima, lui anche ma nn quanto me. I primi anni tutto bene, I bimbi piccoli, lui un babbo tenero. Poi i figli crescono, difficoltà al. Lavoro, economiche, litigi aspri, cattivi. Sono seguiti anni di scenate violente, anche con i figli nn andava più d accordo, gli tenevano testa. Io pensavo alla separazione, poi l ho convinto con. I figli a fare psicoterapia di coppia, gratis a un consultorio. Lei era brava convinto a curarsi dal. Medico, psicofarmaci. Pian piano è cambiato, calmato. Abbiamo. Iniziato a fare vacanze, gite, stare più con gli amici, ma anche soli, litigi sempre più rari col tempo. Poi i nipoti e lui è rinato, più impazzito di me. Avevamo un equilibrio, serenità. Sono sincera. Ho sofferto molto, forse l, amore che avevo nn c è più, ma gli voglio bene. Mi fa tenerezza, so che è importante x i nipoti che lo adorano, i. Miei figli soffrirebbero molto.ma anche io, mi. Mancherebbe lo so. Mi manca già, perché tutto è già cambiato. Ma tu Filomena prova a sfondare la corazza di tuo. Marito, quando lo senti piangere dentro il cuscino avvicinati e è stringiti a lui, nn ti sembra spontaneo perché anche voi nn avete una vera complicità, lui è fragile nn sa esprimere i suoi sentimenti come il. Mio. Però soffre e tu pure. Ha solo te alla fine come dici e tu solo. Lui. Ritrovatevi. Provaci noi siamo più brave a fare questo. Anche il. Mio noioso in casa vuol fare e sbaglia, ma fatti aiutare un pochino, in certi mestieri magari. Andate a fare colazione insieme ogni tanto. Permettigli di starti vicino nn chiede altro. Soffriamo a vedervi soffrire. Un abbraccio enorme. Giovanna

Filomena
Membro
Messaggi: 909
Iscritto il: gio 30 ago 2018, 17:10

Re: Qual è il comportamento giusto?

Messaggio da Filomena » mer 21 nov 2018, 11:06

Buon giorno Giovanna
Peccato che c'è la distanza tra, di noi
Sono certa che in comune abbiamo tante tante cose
Iniziando dalla sofferenza e l'incomprensione
Degli anni di matrimonio
Mi sono messa con mio marito il 1978
Dopo un anno è partito x l'accademia e li sono iniziati gli anni di lontanza e sofferenza
Ci vedevamo tre volte l'anno
Agosto natale
Pasqua si le feste di scuola
Anni veramente duri
Specie quando perdi la libertà e ti trovi rinchiusa in casa in attesa del principe azzurro
Nel 1986 coroniamo il nostro sogno d'amore
Lontano da parenti amici
Solo noi la nostra famiglia i figli
Un rapporto al nascere spigoloso già con il primo figlio aveva paura del padre
Quando il padre stava fuori x lavoro
Il giorno che rientrava mi diceva
Mamma io sono contento
Ma ho paura
Un pugnale al cuore ogni volta che mi ripeteva queste frasi
Ma ho cercato di rassicurarlo in tutto
Un rapporto di amore ed odio
Ho difeso i miei figli a spada tratta dovevo farlo
Ma lui odiava questo comportamento
Ringrazio Dio x averlo fatto
Mi dicevano che il troppo amore rovina i figli
Li amerei oggi come ho fatto ieri
Con il crescere non ti scontri più con bambini
Che li zittisci
Sono uomini e rispondono
Il primo evita xche dice che ormai non ha capito fino ad oggi non capirà mai più
Con il Secondo un rapporto molto conflittuale e non potendo sfogare con il padre prende me come capo espiatorio e da tramite
Ho cercato di sopportare il suo carattere
Nel lontano 2002 quando ho la diagnosi di Alzheimer di mamma mi scoppiano gli attacchi di panico
Pianti su pianti e senza Nessuno
Mio marito mi disse e una cosa tua
Te ne uscirai fuori da sola
Il terrore x uscire
E fare di tutto x tenere nascosto ai miei figli
Sono stata in analisi (e oggi ci sono ritornata)
Ho problemi di pressione alta mal di testa
Cosa da non poter credere
Ma sai quanti pronto soccorso
E ogni volta mi sono sentita dire
Sa sola con la pressione così
Ma, lei in marito un figlio
È ingoi lacrime
Poi iniziano a venirmi sospetti
E la cosa che mi ha fatto veramente male
Scoprire che mentre io stavo male
Mentre io piangevo e non avevo nessuno x un solo bicchiere d'acqua
Mio marito erano anni che si era rifugiato nel mondo virtuali fatte di chat e tante donne
Fino a tardi la sera
E quando stava a casa fremeva x il pc
Mio figlio doveva lavorare
E lui doveva chattare
In più con la complicità di colleghi avevano
Un pc in caserma e lavorano così tra mail chat e telefonate
Quello che è venuto fuori mi ha fatto stare davvero male
Comportamento che ha avuto la sera del 22,settembre il giorno che ho seppellito mia madre
Lui ha fatto una corsa a casa aveva bisogno delle sue donne
Ho tenuto tutto nel mio cuore
Ancora oggi
E quando arriviamo al cancro x 8 mesi
Che sono stata malissimo senza nessuno tranne l'appoggio di un amica
Mio marito non si degna di nulla
Messaggi che neanche si può immaginare
Quando apre gli occhi
E sono certa che tutto ciò l'ha fatto per non creare altri problemi con i figli
Si e ravveduto
Mi sembra logico oggi avere tanti tanti dubbi
È x amore? Dopo 40anni parlare di amore mi sembra esagerato
L'indifferenza della sua famiglia
Mi scivola addosso
Saranno le ultime persone che vorrò vedere
Oggi c'è in noi una gioia immensa
La nipote
Mi adora lo vedono tutti
Mi guarda con due occhioni che mi fanno sciogliere il cuore
Continuo a farmi domande
Ma purtroppo restano senza risposte
Non voglio cercare oltre
Scoprire altre chat mi farebbe aprire gli occhi
Ma sono certa che i suoi pomeriggi
I suoi svaghi sono quelli
Non vedo come può essere possibile la mattina che vado da mia nipote
Mi accompagna e ritorna a casa
Così come lascio così trovo
Riesce a fare spesa se gli lascio la lista
Da solo non sa fare nulla
Se sto male che non riesco a preparare da mangiare mi sento dire ci arrangiamo
Non riesce a organizzare nulla
Non lo so è tutto ciò
Che mi dà insicurezza in tutto
X qualsiesi cosa possa succedere
La paura di ritrovarsi da solo
Oggi i figli gli fa comodo che il padre stia a casa
Mi accompagna
E in punto di riferimento
Ma lo sanno che tante cose non vanno
Una persona che certe cose le fa con amore
Con il cuore
Secondo me ha un'altro atteggiamento
La dott mi dice che forse il mio. Istinto non è sbagliato ciò che mi suggerisce
Ma almeno avere il coraggio di essere sincero
Io chiedo la sincerità
Xche così mi sento solo ingannata
E nelle mie condizioni non credo sia la cosa giusta
È stato bello parlare con te
Ti auguro una serena giornata
E con pazienza forse riusciremo a risolvere tutto

Perlina
Membro
Messaggi: 32
Iscritto il: lun 12 nov 2018, 22:51

Re: Qual è il comportamento giusto?

Messaggio da Perlina » mer 21 nov 2018, 13:58

Ciao Filomena ho. Letto ogni parola. Vorrei scambiare con te altre confidenze, ma tu ci sei in Fb? Così potremmo scrivere in chat sai nei. Messaggi di Fb, che potremmo leggere solo. Io e te. Fammi sapere.cmq quello che ha fatto tuo. Marito l ho sentito di tanti mariti, fa un po' schifo hai ragione., ma mi fanno anche pena. Nemmeno il. Coraggio di tradire fisicamente, così nn ci sono coinvolgimenti, da vigliacchi. Uomini fragili, egoisti incapaci di.amare.il mio, nn questo, ma altri atteggiamenti. Meschini. Però erano anni che tutto si era ammorbidito tra noi, nn più litigi de la guerra dei Roses, e vivevamo. Abbastanza la coppia, anche se lontani da una vera complicità e simbiosi. Se sei in fb ci scriviamo in chat. Un bacione ho preso rescue remedy mi sento già meglio, stamani camminavo. Con le lacrime in tasca. Giovanna

Filomena
Membro
Messaggi: 909
Iscritto il: gio 30 ago 2018, 17:10

Re: Qual è il comportamento giusto?

Messaggio da Filomena » mer 21 nov 2018, 16:59

Giovanna x scelta non ho FB
È un mondo a se
Le poche amicizie che ho sono fisiche
Adesso c'è il forum almeno ci si può scambiare
Qualche idea
Mi farebbe davvero piacere
Parlare con te
Cmq io ho cercarto di seppellire tutto x amore dei figli
Nelle condizioni in cui mi trovo qualsiesi cosa si ritroverebbe ancora più solo
Non so forse sbaglio a pensare così
Ma chi sa lontano dai figli qualsiesi vita voglia rifarsi non deve mettere conto a nessuno
La falsità mi tocca davvero il cuore
Diciamo che lui ancora oggi mi dice di essere pentito amaramente x ciò che ha fatto
Fa di tutto x starmi dietro
Ma io continuo a chiedermi
Lo fa x i figli? X non trovarsi con le spalle al muro e fuori la porta
Xche nelle mie condizioni perderebbe tutto
La casa non è di priorità
Ma ogni cosa spetterebbe a me
Credimi vorrei tanta serenità
Solo quello
La cosa peggiore
Stare male e vivere in coppia
Con dei dubbi atroci

 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Raccontiamoci”