Oncologia: le 5 priorità della ricerca sul cancro

In questa sezione si possono pubblicare tutte quelle discussioni che non trovano collocazione nelle altre stanze.
stalker
Membro
Messaggi: 341
Iscritto il: gio 13 dic 2018, 13:15

Re: Oncologia: le 5 priorità della ricerca sul cancro

Messaggio da stalker » mar 25 dic 2018, 21:47

Solidea, immagino ti riferisci alla cura DiBella: ho conosciuto una sola persona che l'ha fatta: non è guarito ma ha vissuto gli ultimi anni direi piuttosto bene; è l'unica esperienza ma questo è; ci sono anche l'essiac, la cartilagine di squalo, la cura Hamer, il bicarbonato di Simoncini, la vitamina C a altissime dosi, gli estratti di vegetali e atro: non lo so, leggo di risultati ma più che altro quello che mi sorprende è l'arroganza dei medici per cui la cura (che poi non cura) è solo la chemioterapia, i protocolli sono quelli (e nella quasi totalità dei casi non funzionano perchè il paziente muore) e chi osa contestareo proporre qualcosa di diverso viene radiato, denunciato e perseguitato: è il pensiero unico che cito spesso e che mi ricorda 1984 di Orwell (libro che andrebbe studiato e non solo letto)....boh...la tua perplessità è anche la mia!
"nonostante le vostre cure, la maggior parte dei vostri pazienti guarirà"
-Luigi Di Bella, a un'assemblea di medici-

Solidea
Membro
Messaggi: 899
Iscritto il: gio 31 ago 2017, 18:04

Re: Oncologia: le 5 priorità della ricerca sul cancro

Messaggio da Solidea » mer 26 dic 2018, 17:55

Sì Stalker, alla cura Di Bella e a tutto ciò che possa esserci di alternativo. Io sono convinta esista davvero chi mette se stesso e il proprio lavoro a disposizione di chi soffre e senza lucrarci sopra come invece fa la medicina tradizionale.
Br1 Silver, allora anche la medicina ufficiale dovrebbe vergognarsi di tutte le vittime che ha mietuto con chemio e radio.
Pazienti che in pratica hanno fatto da cavie.
Noi siamo come farfalle che battono le ali per un giorno pensando che sia l’eternità.

stalker
Membro
Messaggi: 341
Iscritto il: gio 13 dic 2018, 13:15

Re: Oncologia: le 5 priorità della ricerca sul cancro

Messaggio da stalker » mer 26 dic 2018, 18:13

br1.silver ha scritto:
mer 26 dic 2018, 17:39
https://www.airc.it/cancro/informazioni ... todo-hamer

mi vergogno per l'aimac che nei suoi forum vengano scritte queste cose.
hai dei riflessi pavloviani evidentemente: se non sai di cosa si tratta (il che è molto probabile) cerca su google l'esperimento del dott. Pavlov e dei suoi cani. E' per questo che mi diverte stuzzicarti, e ti assicuro che non sono il solo a divertirsi leggendoti.
"nonostante le vostre cure, la maggior parte dei vostri pazienti guarirà"
-Luigi Di Bella, a un'assemblea di medici-

stalker
Membro
Messaggi: 341
Iscritto il: gio 13 dic 2018, 13:15

Re: Oncologia: le 5 priorità della ricerca sul cancro

Messaggio da stalker » mer 26 dic 2018, 18:25

Solidea ha scritto:
mer 26 dic 2018, 17:55
Sì Stalker, alla cura Di Bella e a tutto ciò che possa esserci di alternativo. Io sono convinta esista davvero chi mette se stesso e il proprio lavoro a disposizione di chi soffre e senza lucrarci sopra come invece fa la medicina tradizionale.
Br1 Silver, allora anche la medicina ufficiale dovrebbe vergognarsi di tutte le vittime che ha mietuto con chemio e radio.
Pazienti che in pratica hanno fatto da cavie.
La cura di Bella costerebbe molto meno di una chemioterapia standard, ma sai com'è: bigpharma può corrompere chiunque e quindi la chemiotepia la passa il convento (cioè viene pagata dai contribuenti, non è certo gratis ovviamente); se voi aveste idea del costo irrisorio dei farmaci in Francia, Spagna e Lussemburgo, dove ho vissuto e vivo, dareste fuoco alle farmacie italiane in questo preciso momento: so di gente che per fare la cura diBella è stata costretta a comprare la somatostatina in Spagna, perchè costava 1/10 rispetto all'italia.
Quando sento queste cose mi sale una rabbia che disintegrerei a mani nude il primo informatore di farmaci che mi capita a tiro...
vabbè..tornando al discorso, le cure non ufficiali possono essere una valida alternativa alla chemioterapia ma anch'esse non risolvono il problema alla radice, vale a dire che la ricerca dovrebbe trovare le cause dei tumori per impedire che la gente si ammali, non cercare palliativi quasi sempre inutili dopo che la gente si è ammalata.
Io di mestiere faccio l'ingegnere e non il medico ma mi piacerebbe molto applicare la tecnologia dei Big Data a questo tipo di ricerca e sono piuttosto sicuro che emergerebbe che tutti noi sviluppiamo tumori continuamente nella nostra vita, ma il nostro sistema immunitario li elimina sul nascere e quindi nemmeno ce ne accorgiamo: è solo quando questo meccanismo si inceppa che il tumore si manifesta. E' il sistema immunitario la chiave di tutto.
"nonostante le vostre cure, la maggior parte dei vostri pazienti guarirà"
-Luigi Di Bella, a un'assemblea di medici-

Solidea
Membro
Messaggi: 899
Iscritto il: gio 31 ago 2017, 18:04

Re: Oncologia: le 5 priorità della ricerca sul cancro

Messaggio da Solidea » mer 26 dic 2018, 18:58

Sono perfettamente d'accordo con te...su tutto!
Noi siamo come farfalle che battono le ali per un giorno pensando che sia l’eternità.

Elegra
Membro
Messaggi: 744
Iscritto il: dom 2 apr 2017, 14:13

Re: Oncologia: le 5 priorità della ricerca sul cancro

Messaggio da Elegra » mer 26 dic 2018, 19:57

Ciao Stalker
Posso farti una domanda? Sei malato di cancro?
Ti occupi di un malato di cancro?
Vivi ogni giorno come se fosse ogni giorno
Ne' il primo ne' l'ultimo
L'unico

stalker
Membro
Messaggi: 341
Iscritto il: gio 13 dic 2018, 13:15

Re: Oncologia: le 5 priorità della ricerca sul cancro

Messaggio da stalker » mer 26 dic 2018, 20:13

Elegra ha scritto:
mer 26 dic 2018, 19:57
Ciao Stalker
Posso farti una domanda? Sei malato di cancro?
Ti occupi di un malato di cancro?
Ciao Elegra.
Fortunatamente no, a 40 anni di età non ho nessun tipo di malattia, non ho mai fatto un intervento chirurgico nè 5 minuti di degenza in un ospedale; ho avuto dei parenti morti di tumore ma in tarda età (dopo i 90 anni): mi rendo conto di essere molto fortunato perchè in questo forum (e altri) leggo di uomini più giovani di me morti di tumore che lasciano una vedova e dei figli piccoli e mi si stringe il cuore e mi domando se è possibile che non si possa fare nulla per impedire tragedie immani come queste; leggo e mi interesso, cerco ovunque, studio l'argomento sia per interesse personale sia per sapere cosa fare nel malaugurato caso in cui io o qualcuno a me vicino ne abbia bisogno.
Ciao.
"nonostante le vostre cure, la maggior parte dei vostri pazienti guarirà"
-Luigi Di Bella, a un'assemblea di medici-

Faby76
Membro
Messaggi: 900
Iscritto il: sab 12 mar 2016, 17:04

Re: Oncologia: le 5 priorità della ricerca sul cancro

Messaggio da Faby76 » mer 26 dic 2018, 20:55

Ciao Stalker. Questo forum viene letto prevalentemente da malati e parenti di malati di tumore!! Visto che non sei un medico e parli per supposizioni dovresti avere la delicatezza di non fare certe affermazioni che possono scoraggiare chi si affida alle cure tradizionali. Può essere che ha ragione, come puoi essere che hai torto. E poi ognuno ha la sua opinione!! Come ti permetti a prendere silver per ignorante? Buona notte
Papà ti voglio bene, sei la mia vita. Ti penso ogni momento della giornata. PROTEGGIMI

stalker
Membro
Messaggi: 341
Iscritto il: gio 13 dic 2018, 13:15

Re: Oncologia: le 5 priorità della ricerca sul cancro

Messaggio da stalker » mer 26 dic 2018, 21:06

Ciao Faby, questo forum è pubblico, chiunque può registrarsi e quindi suppongo venga letto da tutti; io non ho mai incoraggiato nessuno a seguire cure alternative; però che strade alternative a quelle "ufficiali" esistono, secondo me tutti dovrebbero saperlo e almeno porsi la domanda se prenderle in considerazione o no, fermo restando che l'obiettivo deve necessariamente essere non ammalarsi affatto, non curarsi dopo essersi ammalati; si ciancia tanto di libertà di espressione ma la verità è che il sistema non tollera la minima divergenza dall'ortodossia, e io questa cosa non la accetto, mi spiace.
Il signor silver ha un atteggiamento provocatorio e dogmatico mi sono limitato a farlo notare, ma non mi risulta di averlo offeso.
Non sono qui per offendere nessuno ma per confrontarmi con chi ha voglia di farlo; se uno non vuole , basta che mi ignori: io non mi offendo assolutamente!
Ciao.
Ultima modifica di stalker il mer 26 dic 2018, 21:10, modificato 1 volta in totale.
"nonostante le vostre cure, la maggior parte dei vostri pazienti guarirà"
-Luigi Di Bella, a un'assemblea di medici-

Avatar utente
Franco953
Membro
Messaggi: 3243
Iscritto il: ven 31 lug 2015, 9:57

Re: Oncologia: le 5 priorità della ricerca sul cancro

Messaggio da Franco953 » mer 26 dic 2018, 21:08

Stalker
a mio avviso, ci offre la possibilità di " vedere" le cose sotto una diversa prospettiva.
Una prospettiva che considera tutte le cure ufficiali per combattere il tumore, inefficaci e , da un certo punto di vista, dannose per gli stessi pazienti.
Lo so , ci sono pazienti che sono in remissione grazie anche alla chemio e alla radio ,mentre altri , purtroppo, hanno avuto sorte peggiore finendo i loro giorni su questa terra.
E' per altro vero che molti pazienti convivono con la malattia pur non essendo stati sottoposti ad alcuna terapia mantenendo , tra l' altro , una salute fisica generale decisamente migliore rispetto ai pazienti sottoposti a radio e chemio.
Naturalmente sappiamo che radio e chemio debilitato il fisico in modo abbastanza pesante
Un' altro aspetto che Stalker mette in evidenza è l'assoluta contrarietà, da parte degli oncologi a valutare cure alternative.
Pur avendo convinzioni diverse , bisogna ammettere che un fondo di verità c'è nelle affermazioni di Stalker.
Sarebbe importante riuscire ad approfondire ogni singolo argomento senza preconcetti.verificando alcune affermazioni che mi stuposcono.
Franco
“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”

Rispondi

Torna a “Off topic: pensieri sparsi”