Lettera personale alla direzione sanitaria di un ospedale da parte di una mamma di una paziente

In questa sezione si possono pubblicare tutte quelle discussioni che non trovano collocazione nelle altre stanze.
Rispondi
Avatar utente
Franco953
Membro
Messaggi: 3224
Iscritto il: ven 31 lug 2015, 9:57

Lettera personale alla direzione sanitaria di un ospedale da parte di una mamma di una paziente

Messaggio da Franco953 » sab 22 dic 2018, 15:05

Lettera personale alla direzione sanitaria di un ospedale da parte di una mamma di una paziente
Comunque la pensate è positivo sentire opinioni diverse
Franco

Io non acclamo né tantomeno vi ringrazio. Siete indietro anni luce rispetto all'estero, non informate i pazienti delle possibili nuove terapie né tantomeno delle alternative che già esistono allo ( nome ospedale) ma che non applicate x' chiusi in un piccolo mondo in cui esistono solo la radioterapia e la chemioterapia, quest'ultima abbandonata da anni in paesi dove la ricerca viene effettuata a tutto tondo informandosi su quanto accade all'estero. A quanti pazienti viene proposto l'esame genetico drl tumore, l'immunoterapia, le applicazioni di Cyberknife? A nessuno. Quindi posso ringraziare solo specialisti unici ed eccezionali come il dott.............. ma mia figlia viene curata all'estero non per scelta ma per l'inerzia che esiste nella sanità del nostro paese.
“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”

Filomena
Membro
Messaggi: 1191
Iscritto il: gio 30 ago 2018, 17:10

Re: Lettera personale alla direzione sanitaria di un ospedale da parte di una mamma di una paziente

Messaggio da Filomena » sab 22 dic 2018, 20:27

Che dire
Sono pienamente d'accordo che l'Italia è dietro anni luce ma non su tutti
Conosco una persona con il mio stesso tumore al polmone
Lui vive in Germania
Stanno usando lo stesso protocollo che io sto facendo qui
Cyberknife non in tutti gli ospedali
Ma anche qui si inizia a fare
Qualcosa di diverso
E poi xche non dire che tante persone da fuori vengono in Italia a curarsi xche nei loro paesi
Non possono permettersi neanche un ciclo di chemio
C'è una ragazza di 25 anni tumore alle ossa
Viene dalla Bosnia al regina Elena
La mamma dice che qui la figlia l'hanno salvata
C'è sempre una doppia faccia della medaglia

 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Off topic: pensieri sparsi”