Mio padre ci sta lasciando..

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
M@rti
Nuovo membro
Messaggi: 1
Iscritto il: mar 23 giu 2020, 11:50

Mio padre ci sta lasciando..

Messaggio da M@rti »

Conviviamo da cinque anni con il tumore neuroendoocrino di mio padre, all'epoca scoperto per puro caso e fortunatamente in tempo. Era stato operato al colon retto d'urgenza ed era andato tutto bene. In questi anni lui ha condotto una vita normale, tra interventi e cicli di chemio, alti e bassi, ma comunque stando 'bene'. Sempre un pò stanco ma in grado di viaggiare, andare in vacanza al mare e spostarsi per fare visita a noi figli lontani. In questi stessi cinque anni abbiamo perso la zia e lo zio, sorella e fratello di mio padre, anche loro malati di cancro.
A febbraio 2020, dopo settimane di controlli di routine all'IEO di Milano, mio padre aveva fatto rientro a casa, giù in Calabria, così come gli era stato consigliato. Il Coronavirus era alle porte e c'era già una certa apprensione anche negli ambienti ospedalieri. A marzo la Tac era pulita. Nei due mesi successivi l'inferno. Controlli su controlli, corse in ospedale, due interventi chirurgici rimandati continuamente causa Covid (il primo alla vescica che risultava però pulita, il successivo, dopo alcune settimane, per la realizzazione di una stomia provvisoria al fine di scongiurare il blocco intestinale). Mia madre e mio padre hanno affrontato tutto da soli, in piena quarantena, nessuno ha potuto dar loro supporto.
Il responso del chirurgo che aveva operato era stato per noi una doccia gelida: invasione neoplastica del peritoneo. Così, all'improvviso. Mio padre, che aveva fatto ingresso in ospedale con le sue gambe e dopo aver guidato l'auto, ne è uscito completamente devastato. Da quel giorno i problemi sono aumentati in modo esponenziale e non è riuscito più a mangiare. Nell'ultima settimana non fa che vomitare qualsiasi cosa, anche l'acqua. Fa la nutrizione artificiale. Nel frattempo ha eseguito la prima seduta di chemio ma temiamo che i medici non vorranno continuare a causa delle sue condizioni.
Mia madre è forte ma è stanchissima, mio fratello ancora è troppo giovane e fragile e poi ci sono io. Mi sono trasferita giù in Calabria per un pò, lo smart working mi consente di poterlo fare adesso (ma per quanto ancora?). Ho un grande equilibrio interiore e tanta forza, tantissima, ma man mano che si affievoliscono le speranze non faccio che chiedermi..che vita è questa? Cosa dobbiamo aspettarci ancora? A ciò si aggiunge la preoccupazione per mia madre che resterà inevitabilmente sola.
Grazie a chi vorrà ascoltarmi e raccontarmi la sua esperienza.
PETRAINES
Membro
Messaggi: 57
Iscritto il: gio 11 lug 2019, 10:53

Re: Mio padre ci sta lasciando..

Messaggio da PETRAINES »

Guarda la storia di mio marito su Giovane e sola. Adesso è in hospice, inutile dire che sono disperata, annuso il suo cuscino dove è stato appoggiato fino a domenica, per sentire il suo odore. Sto impazzendo! Tutte le sue cose sono qui, ovunque , mi ricordano 33 anni insieme. Per le vedove è peggio. I figli avranno la loro vita, come io ho avuto la mia dopo la morte di mio padre, avevo 24 anni.
FrancescaDirm
Membro
Messaggi: 11
Iscritto il: gio 23 lug 2020, 17:43

Re: Mio padre ci sta lasciando..

Messaggio da FrancescaDirm »

Ciao M@rti, come stai? Hai notizie di tuo papà?

Mio padre ci ha lasciato da una settimana dopo cinque mesi di sofferenze, dovute a un tumore al polmone al quarto stadio non operabile, con metastasi cerebrali. Anche lui ha dovuto affrontare il tutto insieme a mia madre in piena crisi Covid. Ha scoperto la malattia poco prima del lockdown, per poi lasciarci dopo pochi mesi, nel giro di un quarto d'ora, a causa di un edema polmonare che gli ha ostruito le vie respiratorie. Aveva 58 anni.

Il decorso della malattia è stato breve, doloroso e pieno di complicazioni, tra cui un'operazione per un versamento pleurico che rischiava di procurargli un infarto da un momento all'altro. Negli ultimi tempi (nonostante le cure) non camminava più, era confuso, incontinente e aveva il lato sinistro del corpo completamente intorpidito. Conoscendo la persona che era, non riuscivamo a vederlo in quello stato.

Ha lasciato un vuoto incolmabile in tutti noi. Io e mia sorella siamo a casa in smart working (viviamo in un'altra città) e viviamo con l'ansia di lasciare nostra madre irrimediabilmente sola. Ti abbraccio, fatti forza.
 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Torna a “Raccontiamoci”