Terrore di perdere mia madre

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
Ilaria_Wallace
Membro
Messaggi: 4
Iscritto il: gio 21 nov 2019, 10:04

Terrore di perdere mia madre

Messaggio da Ilaria_Wallace »

Buongiorno a tutti.
Mi sono già presentata qualche mese fa quando, in seguito a qualche accertamento, il mio compagno ha scoperto di avere un seminoma con interessamento linfonodale. Ha subito l'operazione di rimozione del testicolo e ha fatto la radioterapia. All'ultimo controllo (marzo 2020) la TAC era negativa. Sono consapevole che ora ci vorranno molti follow up, ma speravo di poter finalmente prendere un respiro di sollievo...e invece no.
Mia madre, 63 anni e da due mesi in pensione, un giorno mi chiama dicendomi che aveva una riduzione della sensibilità nella parte sinistra della testa, attorno all'orecchio. Le hanno consigliato un antinfiammatorio ma non ha avuto molto beneficio. Un giorno, mentre era in montagna, ha avuto la stessa sensazione al fianco e al braccio sinistro, così ha deciso di recarsi in pronto soccorso.
Lì tutti gli esami sono negativi, fa una risonanza cervicale che fondamentalmente viene refertata come un peggioramento della sua artrosi cervicale. Diagnosi: radicolopatia cervicale, nulla di allarmante. Viene visitata dal neurologo che le ha prescritto un farmaco (con il quale ora ha avuto la quasi totale regressione della sintomatologia). Il neurologo inoltre le fa l'esame neurologico: tutto negativo. Il neurologo è convinto che non ci sia nulla, ma decide comunque di farle fare una risonanza per togliere ogni dubbio (inizialmente non voleva nemmeno prescriverla).
La risonanza fa emergere molteplici lesioni cerebrali, pertanto proseguiamo con la TAC stadiazione e lì viene rilevata una lesione al polmone, una al rene, molteplici lesioni a livello del fegato. Tutti escludono un primitivo cerebrale ma non riescono a capire quale sia la lesione che ha dato inizio a tutto.
Abbiamo fatto gli esami del sangue, al momento l'unico marker mosso è l' NSE, poi c'è una leggera alterazione delle Beta HCG. Tutto il resto negativo. Negativo l'emocromo con formula, negativi gli altri marker, negative le transaminasi.... Mia madre si è sempre tenuta controllata: visita dermatologica per i nei ogni 5 anni, pap test e mammografia ogni anno,...
Venerdì è stata sottoposta a biopsia del fegato e ha eseguito l'ago aspirato di un linfonodo tiroideo. La tiroide comunque all'ecografia non sembra patologica, cosa confermata anche dalla TAC.
Al momento, mentre sto scrivendo, sta facendo la PET... domani facciamo la gastroscopia.
Sto impazzendo. Mia madre è sempre stata in ottima forma fisica e non ha mai avuto sintomi. Il giorno in cui ha avuto la parestesia (che non è comunque attribuibile alle lesioni) era a 1750 mt di altezza a camminare (per la seconda volta in una settimana) dopo aver fatto 650 mt di dislivello in meno di un'ora. Non ha avuto dispnea, non ha mai avuto astenia, inappetenza, nessun segno o sintomo che potesse farci venire il minimo dubbio.
Io sono terrorizzata al pensiero di poter perdere mia madre. E' sempre stata il mio punto di riferimento, la mia forza. Il solo pensiero di poter vivere senza di lei mi uccide. Durante il giorno cerco di tenermi occupata, cerco di pensare ad altro, ma il momento più brutto arriva la sera, quando mi metto a letto e la mente vaga, e purtroppo vaga troppo in là e non certo a pensieri positivi. Penso al suo desiderio più grande, quello di avere un nipotino, e ho il terrore di non poter mai esaudire questo suo desiderio, che non ci sarà abbastanza tempo.
Sarà che sono infermiera (lavoro in rianimazione da anni) e troppo spesso vedo succedere cose ingiuste, cose che non dovrebbero mai accadere, cose che ti segnano.
In tutto questo mamma comunque sembra abbastanza tranquilla: dice che ora faremo tutti gli accertamenti, partiremo con la terapia e quello che sarà, sarà... Io onestamente quando sono con lei cerco sempre di non parlare di queste cose, cerco di distrarla e di parlare d'altro (anche perché so bene che non vuole farci preoccupare dicendo di essere tranquilla, ma ormai la conosco troppo bene e negli ultimi giorni l'ho vista molto tesa).
Sono molto preoccupata per mio padre... anche lui non lo da a vedere, ma è terrorizzato, a pezzi. E infine c'è mio fratello, che onestamente non so quanto abbia capito della situazione.

Un abbraccio
 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Torna a “Raccontiamoci”