Ma esiste qualcuno che ha rifiutato la chemio

In questo spazio è possibile confrontarsi sulle procedure diagnostiche, sui trattamenti e sui loro effetti collaterali, sui centri oncologici e sulle terapie palliative e del dolore, sempre attenendosi al regolamento del forum e in particolare agli articoli 2 e 3.
ritaelle
Membro
Messaggi: 3
Iscritto il: mar 21 nov 2017, 21:43

Re: Ma esiste qualcuno che ha rifiutato la chemio

Messaggio da ritaelle » mar 21 nov 2017, 22:19

qualcuno o qualche suo parente ha fatto chemio con capecitabina??? mamma sta per iniziare il primo ciclo e sono molto preoccupata. adesso sta bene e non vorrei che a seguito dell'assunzione di questo farmaaco potesse avere effetti collaterali, ha 82 anni grazie a tutti

Solidea
Membro
Messaggi: 900
Iscritto il: gio 31 ago 2017, 18:04

Re: Ma esiste qualcuno che ha rifiutato la chemio

Messaggio da Solidea » mar 21 nov 2017, 22:28

Ciao Rita, mia madre fa una flebo di oxaliplatino ogni 21 giorni, poi per 14 giorni di seguito prende la capecitabina. Gli effetti collaterali ci sono ma è anche vero che ogni organismo reagisce a modo suo, da un altro post mi pare di aver capito che tua madre dovrà prendere soltanto le pastiglie, è già tanto perché la flebo e soprattutto l'idea della flebo e quindi di recarsi in ospedale ad intervalli così brevi e regolari mette un'angoscia tremenda, per non parlare dei vari controlli.
Invidio tantissimo chi non conosce e non conoscerà mai questa bestia e il baratro in cui trascina il malato e i suoi familiari, perché è una tortura infinita, non vivi più
Noi siamo come farfalle che battono le ali per un giorno pensando che sia l’eternità.

hinagiku
Membro
Messaggi: 87
Iscritto il: ven 13 set 2013, 10:18

Re: Ma esiste qualcuno che ha rifiutato la chemio

Messaggio da hinagiku » mer 22 nov 2017, 10:09

Hai detto bene Solidea non si vive più. Nessuno capisce. Tutti ti esortano a reagire.

Avatar utente
Franco953
Membro
Messaggi: 3243
Iscritto il: ven 31 lug 2015, 9:57

Re: Ma esiste qualcuno che ha rifiutato la chemio

Messaggio da Franco953 » mer 22 nov 2017, 18:29

E' vero hina, nessuno capisce, Nessuno capisce perchè la distanza tra chi assiste un malato di cancro e il malato di cancro è abissale.
Ma noi che assistiamo cerchiamo di fare il possibile, Certo, se vogliamo essere chiari il malato di cancro rischia la vita e chi lo assiste, forse affronterà una vita di inferno per il dolore e la mancanza. Poi c'è chi dice, giustamente, che preferirebbe soffrire che morire. Ma questi poi diventano discorsi che rasentano la filosofia, la religione ecc. Lasciamo perdere.
Ma il problema non stà qui.
Il problema , come hai detto giustamente, stà nel modo in cui la maggior parte delle persone, compresi i familiari, si rapportano con chi ha il cancro
Le esortazioni (forza, devi reagire, devi riprenderti ecc),la maggior parte delle volte , indispongono chi stà male. Hanno in realtà un effetto contrario a quello che si vorrebbe
Credo invece che il miglior modo per stare vicino a chi soffre sia una presenza umile
" So che stai soffrendo. Io sono qui. Dimmi tu come posso aiutarti"

Un abbraccio

Franco
“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”

hinagiku
Membro
Messaggi: 87
Iscritto il: ven 13 set 2013, 10:18

Re: Ma esiste qualcuno che ha rifiutato la chemio

Messaggio da hinagiku » mer 22 nov 2017, 20:47

Franco esatto...bisognerebbe dire così...ma se lo chiedessi a me non saprei cosa risponderti. Non so come mi si potrebbe aiutare. Perché far sparire il tumore non si può. Riavere la mamma come prima o riaverla indietro nemmeno. E quindi? La risposta è che si è destinati a soffrire e basta....

Avatar utente
Franco953
Membro
Messaggi: 3243
Iscritto il: ven 31 lug 2015, 9:57

Re: Ma esiste qualcuno che ha rifiutato la chemio

Messaggio da Franco953 » mer 22 nov 2017, 20:57

hina , in realtà tu non sai cosa rispondere perchè non sei qui di fronte a me
Non c'è contatto, non ci sono due occhi che si guardano, che comunicano
Penso , invece, che se noi fossimo uno di fronte all'altro, le parole uscirebbero e un modo per aiutarci a vicenda lo troveremmo
A volte la sola presenza di un'altra persona ci può alleviare la sofferenza. A volte persino le parole sono di troppo,

Un abbraccio

Franco
“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”

ritaelle
Membro
Messaggi: 3
Iscritto il: mar 21 nov 2017, 21:43

Re: Ma esiste qualcuno che ha rifiutato la chemio

Messaggio da ritaelle » mer 22 nov 2017, 21:32

Solidea ha scritto:
mar 21 nov 2017, 22:28
Ciao Rita, mia madre fa una flebo di oxaliplatino ogni 21 giorni, poi per 14 giorni di seguito prende la capecitabina. Gli effetti collaterali ci sono ma è anche vero che ogni organismo reagisce a modo suo, da un altro post mi pare di aver capito che tua madre dovrà prendere soltanto le pastiglie, è già tanto perché la flebo e soprattutto l'idea della flebo e quindi di recarsi in ospedale ad intervalli così brevi e regolari mette un'angoscia tremenda, per non parlare dei vari controlli.
Invidio tantissimo chi non conosce e non conoscerà mai questa bestia e il baratro in cui trascina il malato e i suoi familiari, perché è una tortura infinita, non vivi più
Grazie per aver risposto. Si deve prendere solo pillole e siamo già molto fortunate. ho tanta paura e ho aspettato prima di comvincermi a somministrargliele. dovrebbe fare un ciclo di 4 mesi . aspetto di vedere come va con i primi 14 giorni. grazie ancora

Zoe nic
Membro
Messaggi: 13
Iscritto il: dom 7 ott 2018, 0:04

Re: Ma esiste qualcuno che ha rifiutato la chemio

Messaggio da Zoe nic » dom 7 ott 2018, 0:38

Io mi sono scoperta un nodulo a dicembre 2013. La mammografia fatta a ottobre era negativa. Mi hanno operata per un carcinoma duttale
infiltrante T1 grado III i primi di marzo 2014.
Volevano farmi un bell’annetto di chemio, biologica, radio e naturalmente, tampxifene & affini per 5 anni. Mi hanno detto che ero fortunata. Meno male. Io piangevo senza ritegno davanti a quell’oncologo che invocava per me l’assistenza psicologica. Sono scappata via dall’ospedale chiedendo tempo per decidere. Una sola cosa avevo in testa: non avrei fatto quella schifezza. Pensavo mi avrebbero fatto solo la radio ma la chemio no. Ho visto mia madre distrutta dagli oncologi e non volevo fare la sua fine dolorosa e disperata. Triste. Così ho passato notti intere su internet a leggere testimonianze su cosa avessero patito. E sentivo dolori ovunque. Ci vuole coraggio a rifiutarsi di fare quello che vogliono gli oncologi. Mentre dall’alto della loro autorità ti predicono sciagure se non farai le loro terapie assassine. Che quando starai male per avere rifiutato le loro pietose e umane (🤣) cure, verrai rifiutata dagli ospedali. Che quando soffrirai come un cane, non ci sara’ alcuna struttura sanitaria o medico che ti prenderà in carico... ecco, tutti questi argomenti usano per minacciare chi vuole sottrarsi all’inferno dell’oncologia. Chi sopravvive e’ fatto di ferro, io penso. Comunque ho pregato il buon Dio di indicarmi la strada e l’ho trovata. Integratori. Non ho più visto un ospedale tranne per i controlli. Sono passati quasi 5 anni e non ho avuto un dolore, non ho rovinato il sistema immunitario che mi protegge da ogni malattia, non ho avuto nemmeno un male di gola o un raffreddore. 👍 anzi con gli integratori l’ho rafforzato. Lo so, dipende dai casi, le persone non sono tutte uguali. So solo che l’idea di vedere e sentire quell’ago malefico entrare nelle mie vene mi era odiosa e insopportabile. Così ho scelto il minore dei mali, ovvero essere padrona del mio destino , invece di affidarmi a gente senza scrupoli che mi avrebbe fatta soffrire e poi morire molto prima. Se dovevo morire, avrei scelto una morte migliore, non in mezzo alla sofferenza come mia madre. Ora non so quale sia la mia aspettativa di vita a quasi 5 anni da quell’intervento. So solo che li ho vissuti benissimo senza dentro e fuori dagli ospedali. Senza soffrire. Coi miei capelli in testa e il fegato pulito!!! Ho goduto della vita, sorridendo mentre andavo in moto a fare un bagno al mare, mangiando cio’ che voglio ( con moderazione) fumando sigarette percje’ mi piace ( con moderazione). Sono contenta di vivere normalmente. Perche’ do che quando sara’ Il momento me ne andro’ come tutti, ma moriro’ contenta, non nella disperazione. Ognuno segue il proprio percorso. Per parte mia, meno farmaci si assumono, meglio si vive.

Solidea
Membro
Messaggi: 900
Iscritto il: gio 31 ago 2017, 18:04

Re: Ma esiste qualcuno che ha rifiutato la chemio

Messaggio da Solidea » dom 7 ott 2018, 4:00

Grazie Zoe, la tua testimonianza è stata per me molto preziosa.
Posso contattarti in prrivato?
Noi siamo come farfalle che battono le ali per un giorno pensando che sia l’eternità.

Utente2018
Membro
Messaggi: 19
Iscritto il: lun 2 lug 2018, 2:46

Re: Ma esiste qualcuno che ha rifiutato la chemio

Messaggio da Utente2018 » dom 7 ott 2018, 6:08

ritaelle ha scritto:
mar 21 nov 2017, 22:19
qualcuno o qualche suo parente ha fatto chemio con capecitabina??? mamma sta per iniziare il primo ciclo e sono molto preoccupata. adesso sta bene e non vorrei che a seguito dell'assunzione di questo farmaaco potesse avere effetti collaterali, ha 82 anni grazie a tutti
Ho 47 anni ed a febbraio mi hanno diagnosticato carcinoma epiteliale grado 2 al basso retto..terapia: 32 sedute di RT più capecitabina tutti i giorni mentre facevo RT,quindi l’ho presi per 2 mesi tutti i giorni tranne sabato e domenica !

Effetti Collaterali ...nausea e un po’ de debolezza ,solo quello ne anche i capelli della testa sono caduti, un po’ se spezzavano ma non li ho persi, quindi non ho sofferto per la capetitabina...la RT invece mi ha fatto tanto male!!

15gg fa ho fatto la prima risonanza magnetica(3 mesi dopo che ho finito le terapie ) per vedere come era andata ...la massa tumorale si è ridotta Ma purtroppo non sono guarita anzi ho guadagnato altri due tumore di 8 mm nella zona che prendevo le radiazione cioè nei glutei quindi oltre al quello primario nel canale anale ho altre due :( colpa della radioterapia ??? Boh

L’altro ieri ho fatto biopsia nel tumore primario e Lunedì porterò alla oncologa il risultado della risonanza e vedere se c’è ancora qualcosa da fare visto che la terapia come mi avevano detto i medici era definitiva ,dovevo essere guarita ai primi giorni di settembre ma purtroppo non sono guarita anzi da agosto mi è pure tornato i dolori e sono costretta a prendere gli antidolorifici ogni sera prima di dormire...

Alla fine non so se ho fatto bene o fatto male in accettare queste cure ,perché ho solo sorfettto e non sono guarita purtroppo ma almeno ci ho provato però adesso penso che sia meglio per me lasciare la vita seguire il suo percorso naturale ...sono 8 mesi che soffro ogni giorno e non è facile !

Rispondi

Torna a “Affrontare i tumori: trattamenti e riabilitazione”