Sapete dirmi come funziona l'elastomero?

In questo spazio è possibile confrontarsi sulle procedure diagnostiche, sui trattamenti e sui loro effetti collaterali, sui centri oncologici e sulle terapie palliative e del dolore, sempre attenendosi al regolamento del forum e in particolare agli articoli 2 e 3.
Rispondi
sole
Membro
Messaggi: 47
Iscritto il: dom 9 giu 2013, 15:33

Messaggio da sole » mar 23 lug 2013, 13:16

Ho un dubbio

A mamma NON è stata cambiata la terapia.
L'unica cosa diversa è che hanno cambiato la durata da 98 a 48 ore della carica.

1) Doveva essere dimezzato anche il dosaggio?

2) Possibile che una carica di durata minore crei una crisi che faccia venire solo voglia di dormire? E nel mini risveglio (perchè poi si riaddormenta) confusione?
I casi sono 2:

1) o mia mamma non sopporta l'elastomero con carica "ravvicinata"

2) o sono di fronte all'ennesimo disservizio, si sono dimenticati di dimezzare il dosaggio
Succede ogni volta che viene cambiato qualcosa con l'elastomero. Mamma va in una specie di crisi e dorme. Sia che si cambi solo la terapia, sia che si cambi solo la durata della carica.


iside26
Membro
Messaggi: 118
Iscritto il: mer 17 lug 2013, 7:48

Messaggio da iside26 » mar 23 lug 2013, 21:31

onestamente a mio padre è stato messo solo in ospedale. ma tu sei proprio.sicura chla sonnolenza sia dovuta all'accorciamento dei tempi? informati con l'oncologo o con l'algologo


Desi_85
Membro
Messaggi: 77
Iscritto il: dom 3 feb 2013, 2:38

Messaggio da Desi_85 » mer 24 lug 2013, 22:44

Ciao Sole, mio padre l'elastomero lo ha ormai da diversi mesi e ora l'hanno raddoppiato, quindi ne ha due di pompe.

Immagino ci sia morfina anche in quella di tua madre, diciamo che la morfina porta a confusione, stordimento e anche sonno, mio padre ha questi sintomi ma l'anestesista dice che tutto è normale!! Ci sono persone però che possono avere questi sintomi anche con una quantità minima, anche perchè il corpo non reagisce allo stesso modo per tutti!!

Le pompe vengono ricaricate ogni giorno in modo che non si trovi scoperto e comincino nuovamente i dolori fortissimi!!...

Dovresti avere comunque il dosaggio della pompa, almeno a me lo scrivono direttamente nell'elastomero.


sole
Membro
Messaggi: 47
Iscritto il: dom 9 giu 2013, 15:33

Messaggio da sole » ven 26 lug 2013, 13:58

Ciao,

si, ormai sono sicura che mamma ha problemi con l'elastomero caricato solo a 48 ore.
Questa è la sequenza degli ultimi giorni.

Hanno caricato l'elastomero a 48 ore. La mattina è stata messa sulla sedia a rotelle e le hanno tagliato le unghie dei piedi. Lei deve essersi tenuta tesa come non mai e quando era sfinita l'hanno messa sul letto e si è addormetata (tanto che non ha nè pranzato, nè cenato). Ha dormito tutto il giorno inizando a svegliarsi verso le 18. Sono riuscita a darle una mini cena (qualche cucchianio di purè e di brodino) poi si è riaddormentata.
Il giorno dopo che ha dormito ed erano passate le 48 ore, l'elastomero è stato caricato a 96. L'hanno presa dal letto, lavata e rimessa sul letto... l'operatrice ha fatto una faticaccia "solo" perchè mamma si teneva stretta e rigida. Poi per tutto il giorno mamma è stata sveglia e vigile fin troppo... ho faticato a starle dietro, anche se è ferma a letto.

Ieri era confusionata e le era venuta la fissa che ogni 30 minuti doveva bere l'acqua (figuratevi che voleva che il bicchiere fosse versato nell'ago del flebo).

E pensare che il dosaggio è il "minimo sindacale" (a parte che lei non ha mai parlato di dolore, anzi non si sapeva nemmeno che era ammalata): morfina mcl 20 mg - desamet - serenase da tre mesi.
Più che altro dovrei avere un corso su come si parla e ci si comporta con chi ha la morfina in corpo.

E nella struttura dove l'hanno messa ora (l'Hospice) di solito c'è un'infermiera ed una operatrice a turno di 8 ore... il medico c'è in caso di malati terminali, come pure la psicologa....


Desi_85
Membro
Messaggi: 77
Iscritto il: dom 3 feb 2013, 2:38

Messaggio da Desi_85 » ven 26 lug 2013, 16:31

Sole, non ti servono corsi, ti serve molte volte capire quando è il momento e cercare di tranquillizzarla e distoglierla dal pensiero per esempio dell'acqua ecc e assecondando alcune volte. Io faccio così e credimi che funziona... poi si rilassa e riposa nuovamente!!

Molte volte serve solo umanità e cuore!!

Io ho imparato da sola a ricaricare la morfina nella pompa e anche se non posso farlo lo faccio quando lui sta proprio male e me lo chiede, molte volte i dosaggi erano troppo bassi. Mio padre mi chiama la notte mi sveglia e mi chiede cose che non c'entrano nulla in qual momento, tipo dice che l'hanno sequestrato e dovrei avvertire i carabinieri o che deve cambiare una lampadina, scambia la lampada del comodino come se fosse il mio cane e lo chiama per nome.... tutte cose che per il quantitativo di morfina sono normali... non mi spavento, cerco di assecondarlo e gli propongo di riposarsi o altro che lo distoglie dal pensiero in quel momento. Funziona, mi ascolta e mi da retta!!...Molte volte le OSS e le infermiere hanno meno tatto di noi parenti, proprio perchè nel loro lavoro magari devono avere la freddezza, ma credimi che io l'ho riportato a casa perchè li non gli facevano più nulla ormai... A casa ho chiamato l'assistenza domiciliare e con un'anestesista hanno messo l'elastomero, via via hanno aggiunto sempre di più, vengono tutti i giorni!!...

Ovviamente dipende se tua madre deve fare altri cicli di altro in ospedale ecc non so perchè l'hanno messa li, vedi un pò... Anche se il dosaggio è il " minimo " dipende sempre dalla persona, povera con tutto quello che ha fatto e sta facendo è normale che sia anche troppo sensibile alla morfina nonostante il dosaggio sia " basso"


sole
Membro
Messaggi: 47
Iscritto il: dom 9 giu 2013, 15:33

Messaggio da sole » lun 29 lug 2013, 13:39

Dopo aver capito che con la carica a 48 ore c'è la reazione che mia mamma si addormenta per una giornata intera, ho visto che la stessa cosa succede quando le danno le pastiglie macinate: ieri sera è stata sveglia fino a quando non le ha prese così, poi di colpo si è addormentate. E pensare che di solito quelle purghe le prende intere.
Inoltre... Come sentirsi un'idiota all'hospice, anche dalle piccolezze..... Visto che raramente al mattino davano i biscotti grattuggiati da mettere nel latte, ho portato da casa il pane grattuggiato (tra l'altro gradito da mamma) Ebbene, non solo lo hanno sostituito arbitrariamente (non risulta per il cibo che ci siano delle limitazioni) ma buttato il pane.... Già non so più cosa ordinarle, perchè anche il prosciutto risulta duro.... e non so (ammesso che funzioni) a questo punto se posso portare da casa il frullatore ad immersione o il tritatutto...
Mia mamma non ha fatto nè farà nulla in ospedale... nel senso che prima del 24 aprile sembrava sana come un pesce a parte la tosse verso marzo e poi si è scoperto che c'era il tumore con una tac all'addome che fortunatamente ha visto i polmoni (bisognerebbe chiedere al medico di base perchè escludeva a priori i polmoni). Niente chemio, niente radioterapia, solo cure palliative.

E non l'ho mai mista soffrire, nè prima nè durante sto mega ricovero che sa di "sequestro"


angiame
Membro
Messaggi: 2785
Iscritto il: lun 11 giu 2012, 21:21

Messaggio da angiame » lun 29 lug 2013, 15:37

Sole scusami tanto, tua mamma è all'hospice per un tumore ma dove??

E perché non hanno mai fatto chemio??

Certe volte rimango allibita... Perché sono passati direttamente alle cure palliative??

Sole io non so... Ma cerca di capire qualcosa!! Perché io passo capire che la mamma sia grave... Ma così in questo modo non capisco...

Un bacio immenso e uno stritolo grande grande

Ambra


sole
Membro
Messaggi: 47
Iscritto il: dom 9 giu 2013, 15:33

Messaggio da sole » mar 30 lug 2013, 15:00

Il tumore è a tutti e due i polmoni. Si chiama adenocarcinoma. A placche, in stato avanzato. Confermato dalla broncoscopia del 26 aprile 2013.

Ho sentito tossire male mia mamma solo il mese di marzo, ed ho attivato il medico di base che ha provveduto a farle fare degli esami....

So che in ospedale hanno deciso che era inutile metterla nel reparto di oncologia (per l'impossibilità di curarla, parole loro "è inutile") e che bisognava fare solo cure palliative.

Non posso dire altro semplicemente perchè non so altro.

Fino a febbraio sembrava sana.

Ed ora nessuno sa finchè vivrà perchè il male avanza lentamente vista l'età, 66 anni.


benedicta
Membro
Messaggi: 375
Iscritto il: lun 24 giu 2013, 21:43

Messaggio da benedicta » mar 30 lug 2013, 16:27

sole ciao! Anche mamma ha un tumore, partito dal polmone destro e con metastasi al polmone sinistro, in stadio avanzato ed in più c'è il coinvolgimento dei linfonodi della trachea...lei è in cura al gemelli ma ti dico che sono intervenuti subito con le chemio ed ora dopo averlo scoperto ad aprile siamo all'ultima chemio, a fine agosto ripeterà la pet di controllo. Anche mamma ha avuto solo un pò di tosse tra febbraio e marzo e dopo gli esami la brutale notizia. Mamma nn ha mai fumato ed è stata sempre in salute...ti dico xò ke dopo le chemio la tosse è bruscamente diminuita e i linfonodi del collo sono quasi scomparsi...il medico dice che questo fa ben sperare e che le chemio forse hanno determinato una riduzione della massa tumorale. Come è possibile che da marzo ad oggi a tua mamma nn sia stata fatta nessuna chemio????:o


Rispondi

Torna a “Affrontare i tumori: trattamenti e riabilitazione”