Tumore alla prostata

peppe58
Membro
Messaggi: 40
Iscritto il: gio 30 ago 2012, 6:16

Messaggio da peppe58 »

grazie jo per il link effettivamente come dice sara e' tutto molto utile

peppe58
Membro
Messaggi: 40
Iscritto il: gio 30 ago 2012, 6:16

Messaggio da peppe58 »

grazie ernestus sei stato molto utile,in effetti ho sentito l'urologo che mi ha operato e mi ha confermato il tutto

bonnyprimo
Membro
Messaggi: 42
Iscritto il: dom 4 dic 2011, 17:30

Messaggio da bonnyprimo »

per ernestus per quanto ne so io al San Raffaele Turro dove sono stato operato, al giorno prima delle dimissioni ti tolgono il catetere senza cistografia e al giorno dopo te ne vai, sempre che non ci siano complicazioni ad esempio non riesci a urinare in questo caso te ne accorgi dopo un paio d'ore un saluto a tutti

Avatar utente
ernestus
Membro
Messaggi: 366
Iscritto il: gio 20 set 2012, 16:07

Messaggio da ernestus »

per bonny meno 44 all'intervento un saluto a tutti

bonnyprimo
Membro
Messaggi: 42
Iscritto il: dom 4 dic 2011, 17:30

Messaggio da bonnyprimo »

OK ernestus in bocca al lupo vedrai che andrà tutto bene comunque ci sentiamo ancora prima dell'intervento

libeccio
Membro
Messaggi: 91
Iscritto il: ven 20 gen 2012, 22:58

Messaggio da libeccio »

Per Peppe 58. Auguri per il tuo recupero. Anche io nelle prime settimane dopo l'intervento ho sentito la necessità di andare spesso al bagno, questo senza mai soffrire però di incontinenza, seppur effettuando regolarmente gli esercizi che dando i risultati sperati, mi hanno poi permesso anche di resistere al bisogno e di urinare quando ve ne era la possibilità. Confermo anch'io la cistoscopia all'ospedale di Pisa dopo una settimana di catetere. In bocca al lupo Ciao

ANTONIO59
Membro
Messaggi: 228
Iscritto il: lun 6 feb 2012, 17:33

Messaggio da ANTONIO59 »

topote, ti ho mandato un pm...ciao

topote
Membro
Messaggi: 174
Iscritto il: ven 23 mar 2012, 21:13

Messaggio da topote »

anch'io per te Antonio59. Ciao

Dan
Membro
Messaggi: 3
Iscritto il: gio 18 ott 2012, 10:20

Messaggio da Dan »

Un saluto a tutti.

Ho 65 anni. Due anni fa operato di prostatectomia radicale intraperineale con metodo tradizionale.

Ricovero ordinario, dolore quasi inesistente e tenuto sotto controllo farmacologico.

Nessun trattamento chemio o radio.

Ad oggi PSA 0,001.

Incontinenza post operatoria preoccupante nei primi 6 mesi, con graduale riduzione fino ad essere oggi quasi inesistente. Solo qualche gocciolina con sternuto o sforzi.

Nessuna esigenza di erezioni a causa di patologie della partner.

Poi in conseguenza di una nuova relazione è nato il desiderio.

Su consiglio dell'Urologo che mi ha operato ho provato il Caverject, 5 mcg e con la prima iniezione (tanta fifa ed impressione, ma poi niente dolore e facile da farsi), ho ottenuto un'erezione attorno al 80/90% sufficiente per una soddisfacente penetrazione, ed a due anni di distanza vederlo resuscitare è stata una grande soddisfazione. Con le prossime dovrebbe esserci anche un certo miglioramento, me lo auguro, ma è anche possibile aumentare leggermente la dose.

Effetti negativi nessuno. Quindi per ora posso solo consigliarlo, e soprattutto non attendere tanto quanto ho fatto io ma cominciare fin da poco tempo dopo l'intervento, a tutto vantaggio del recupero.

In bocca al lupo a chi deve sottoporsi all'intervento e buon proseguimento alla riabilitazione a chi lo ha già fatto.

Avatar utente
ernestus
Membro
Messaggi: 366
Iscritto il: gio 20 set 2012, 16:07

Messaggio da ernestus »

PER DAN . SONO CONTENTO CHE DICI DOLORE DOPO L'INTERVENTO QUASI INESISTENTE. IL 3 DICEMBRE DOVRO' ESSERE OPERATO CON SISTEMA TRADIZIONALE. QUELLO CHE MI FA PENSARE è IL CATETERE.MA SU QUESTO FORUM, MI ANNO DETTO CHE SI GESTISCE ABBASTANZA BENE. CERTO COL CAVERJECT SI VA ALLA GRANDE ANCHE A 80 ANNI, SEMPRE SE SI HA LA MATERIA PRIMA?. ADOPERANDOLO SPESSO DICONO CHE SI FORMANO DELLE CALCIFICAZIONI. SE QUALCUNO LO ADOPERA DA PARECCHI ANNI ,SAREBBE INTERESSANTE SAPERE LA SUA ESPERIENZA,UN SALUTONE A TUTTI

 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Torna a “Tumore alla prostata”