La speranza di guarire....

Sterpy
Membro
Messaggi: 4
Iscritto il: lun 12 ott 2015, 15:18

La speranza di guarire....

Messaggio da Sterpy » mar 20 ott 2015, 17:53

Ciao a tutti… entro in questo forum perché anche nella mia famiglia il cancro è venuto a farci visita e trovo solo ora, a distanza di due settimane, la forza di scrivere.
A mia mamma di 72anni in seguito a perdite di sangue nelle feci è stato diagnosticato un polipo maligno di 6 cm al retto.
La dottoressa che le praticò la colonoscopia fu schietta con me e mio fratello (forse un po’ troppo perché avrebbe dovuto anche informarci di come è possibile curare e perché no anche guarire).
Ci disse: “è maligno” .. io ebbi la forza di chiederle come facesse a dire che era maligno e lei mi rispose che la sua esperienza ventennale le dava certezza che non si trattasse di nulla di buono e che inoltre ci era passata da poco con il padre. A quel punto non ebbi il coraggio di chiederle come fosse andata a finire con il padre.
Uscimmo sconvolti dall’ospedale, volevamo piangere ma non potevamo perché mia madre non aveva capito la gravità della sua situazione e ad oggi posso dire che nemmeno noi avevamo capito nulla e quella dottoressa ci aveva mandato in confusione …
Passammo il sabato più brutto della nostra vita… il giorno dopo, la domenica, uno dei miei due fratelli decise che forse era opportuno andare a parlare con il chirurgo che fino a quel momento aveva seguito mia madre. Così facemmo, ci recammo in ospedale dove il chirurgo era di turno quel giorno. Ci accolse con gentilezza nonostante non ci eravamo presentati durante l’orario delle visite.
Con calma ci spiegò tutto. Ci disse che mia mamma aveva questo polipo e che ragionevolmente dalle dimensioni si prospettava maligno, che doveva essere asportato chirurgicamente, che temporaneamente (all’incirca una ventina di giorni) in seguito all’intervento avrebbe portato una sacca per raccogliere le feci, che avrebbe dovuto fare prima dell’intervento un ciclo di chemio con pillole che non avrebbe alterato il suo aspetto e contemporaneamente avrebbe fatto radioterapia. Solo dopo 8 settimane dal termine di questa terapia avrebbe fatto l’intervento.
Continuò dicendo che avrebbe dovuto fare, prima di iniziare tutta la terapia, una TAC per verificare se le metastasi avevano raggiunto altri organi. Ma ci disse anche che tutte le analisi fatte a mia mamma il giorno in cui fu ricoverata in ospedale per le perdite di sangue, avevano degli ottimi valori e che presumeva “vista la sua ventennale esperienza” che c’erano buone probabilità che fosse tutto a posto.
Ci rincuorò, ci chiese di non abbatterci e di sperare perché vi erano i presupposti per farlo e ci mandò a casa chiedendoci di portare il giorno seguente mia mamma a parlare con lui perché non aveva intenzione di mentirle e che ogni cosa doveva essere fatta solo con il suo consenso.
I giorni che ci separarono dalla tac sembrarono interminabili, l’ansia a mille e la paura non ci davano tregua. Per fortuna la tac non ha indicato metastasi agli oltri organi. Mia mamma è pulita..questo è il termine che usarono in ospedale per spiegarci in sintesi la tac.
Il chirurgo è fiducioso, dice che mia mamma ha una buona partenza e che può guarire.
Anche io, i miei fratelli, mio padre e ovviamente mia madre vogliamo crederci.
Ci hanno spiegato che se tutto va bene ci vorranno mesi prima che mia madre ritorni in forma, ma non ci interessa il tempo che ci vorrà …ma speriamo che la mia mamma vinca la battaglia.
Caratterialmente è una donna molto ansiosa e spesso dice: “non ce la faccio”.
Io le ripeto: “mamma dimmi che hai paura anche tutti i giorni, ma non mi dire che non ce la fai..tu ce la devi fare!!”
Non so se sbaglio il mio approccio con lei, ma quando il cancro ti viene a far visita ti coglie impreparato ed è un po’ come essere genitori…non sai mai se stai facendo la cosa giusta…
Ringrazio chi ha avuto la pazienza di leggere fino alla fine ciò che ho scritto e se qualcuno vorrà raccontarmi le sue testimonianze in caso di cancro dello stesso tipo sarò felice di leggerle.
Grazie di cuore a tutti…..

Avatar utente
Franco953
Membro
Messaggi: 2664
Iscritto il: ven 31 lug 2015, 9:57

Re: La speranza di guarire....

Messaggio da Franco953 » mar 20 ott 2015, 18:59

Caro Sterpy ciao
mi spiace anzitutto quello che sta accadendo alla tua famiglia ed in particolare a tua madre
Capisco la situazione e le preoccupazioni che avete
Tuttavia il medico , quello che già aveva in cura tua madre, mi sembra sia stato chiaro sulla diagnosi e sulla prognosi.
Non devi assolutamente disperare , la TAC ha dato dei buoni risultati per cui, ci sono buone probabilità di uscire dalla malattia
Certo non ti nascondo che è una strada a volte lunga , piena di difficoltà e lastricata di tensioni e sofferenze ma , se l'impegno dei medici, del malato e dei famigliari è coordinato e assiduo , i risultati sono positivi
Ora devi stare vicino alla mamma per aiutarla ma soprattutto per darle la forza di reagire e seguire con puntiglio le indicazioni e le cure dei medici.
Oggi. grazie alla ricerca, il tumore non è più sinonimo di morte sicura. Ci sono buone possibilità di uscire dal tunnel della malattia, forse con qualche difficoltà rispetto a prima , ma continuando a vivere
Ma le cure, pur essendo importanti e determinanti ,devono essere accompagnate dalla ferma volontà della persona colpita di vincere la malattia
E' una battaglia che dovete portare avanti insieme con la mamma . Una battaglia di volontà, impegno e speranza . Sono tre armi potenti e in grado di fare fronte alla malattia e di integrare le cure mediche.
Cerca quindi di "caricare" il morale della mamma perchè dovete essere forti e determinati nei prossimi mesi, quando dovrete , a volte, affrontare delle difficoltà e dei momenti di scoramento. Non lasciatevi , però, abbattere ma reagite, non lasciate spazio al tumore
La "bestia" , come la chiamiamo noi, aspetta solo di avere libero campo, in un corpo fiaccato, per prendere il sopravvento
Noi siamo qui anche per te e se hai bisogno di aiuto di una frase, una parola di conforto, scrivici e noi ti risponderemo.
Tienici informati sulla salute della mamma

Ti lascio con una famosa frase del prof Veronesi che ritengo importante
Un abbraccio
Franco

"Personalmente non credo che la psiche abbia un ruolo nella comparsa e nello sviluppo dei tumori. Credo invece nell’influenza che l’atteggiamento psicologico del malato può avere sulla sua reazione alla cura. L’esperienza clinica ci insegna che un malato psicologicamente forte reagisce meglio ai trattamenti, perché è capace di aderire alla cura con coscienza, sistematicità e determinazione. L’atteggiamento individuale quindi, anche se non influisce sulla prognosi finale, certamente può influire sulla fasi del decorso della malattia. Un paziente aiutato da un atteggiamento ottimistico guarisce di più anche perché segue meglio le cure, s’impegna a osservare meglio le indicazioni del medico, s’impegna a voler guarire."
(Umberto Veronesi)
“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”

Sterpy
Membro
Messaggi: 4
Iscritto il: lun 12 ott 2015, 15:18

Re: La speranza di guarire....

Messaggio da Sterpy » mar 20 ott 2015, 19:26

Grazie Franco per la tua risposta e per il tuo supporto.
Sono certa che in questo forum si può trovare tanta gente con cui condividere le stesse paure ma anche, in momenti difficili, trovare chi "virtualmente" ti da una pacca sulla spalla e t'incoraggia ad andare avanti.
Stavo girando su questo forum e leggevo un po' di storie. Ho visto che intervieni spesso e immagino che anche tu sei qui perché hai avuto a che fare con la "bestia" direttamente o indirettamente.
Se ti va o quando ti va raccontami anche la tua storia.
Grazie ancora e un abbraccio anche a te...

Avatar utente
Franco953
Membro
Messaggi: 2664
Iscritto il: ven 31 lug 2015, 9:57

Re: La speranza di guarire....

Messaggio da Franco953 » mar 20 ott 2015, 20:56

Grazie Sterpy
primo o poi lo farò , ti racconterò "la mia storia" anche se , facendo un giro tra i diversi messaggi, probabilmente la trovi.
Non è nulla di particolare e poi..... è noiosa .......ora pensa a te e a tua madre che siete decisamente più importanti.
Ciao

Franco :mrgreen:
“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”

Alessandra68
Membro
Messaggi: 317
Iscritto il: mer 15 lug 2015, 21:30

Re: La speranza di guarire....

Messaggio da Alessandra68 » mar 20 ott 2015, 21:28

Non sono medico (purtroppo) ma credo che Veronesi abbia ragione rispetto la reazione alla cura, alla terapia. Poi ci vedo anche altro..la psiche io credo influisca sul sistema immunitario, sulle reazioni di questo agli agenti "esterni"..la mamma del mio fidanzato, alla morte del figlio, ha messo nel cassetto quella forza che per circa 20 anni le aveva consentito di reagire ad un tumore al sistema linfatico. Morì a distanza di qualche anno..per la disperazione che seppe nascondere ai figli, marito e me. Secondo me é un maledetto mix di variabili ma la nostra forza psichica é determinante nella reazione alle cure! Mai mollare!! Poi ci sono certi medici che, in quanto persone (nonostante alcuni abbiano diliri di onnipotenza), si lasciano andare in malo modo. Semplicemente senza pensarci o perché anch'essi vivono esperienze simili..da capire ma non giustificare. Fortunatamente ce ne sono molti altri che sono umani e professionali. E a loro bisogna affidarsi. E poi é importante tirar fuori le emozioni..brava Sterpy..sei tanto brava e, come dice Franco, affianca tua madre. É fondamentale. É fondamentale anche stare tutti vicini, come famiglia, non solo accanto a lei ma anche tra di voi.....si può guarire di cancro. Si può riprendere a vivere. In modo diverso, ma si può.
Un grande abbraccio.

ila79
Membro
Messaggi: 7
Iscritto il: ven 21 ott 2016, 22:20

Re: La speranza di guarire....

Messaggio da ila79 » ven 21 ott 2016, 22:44

Ciao Sterpy e ciao Franco..ho letto il vostro dialogo e mi sono commossa..grazie.
La mia storia prende il via giovedì scorso con la colonscopia fatta a mio marito che ha 39 anni. Diagnosi: polipo al retto di 6 cm. Panico! Una struttura ospedaliera ci ha consigliato subito l'intervento chirurgico seguito da un ciclo di radio e chemio, un'altra l'opposto..abbiamo scelto la seconda..prima interveniamo sulla riduzione della massa poi operiamo.
Sono i giorni più brutti della mia vita..non so cosa pensare, cosa dire..stiamo aspettando di fare la TAC, la RMN e individuare i markers della malattia che faremo la settimana prossima.
Mio marito é forte, io meno! Abbiamo due bimbi: 4 anni uno, 1 anno e mezzo l'altra.
Non riesco ad andare a lavorare serena, penso di prendermi un periodo per stare vicina a mio marito..in alcuni momenti sono davvero disperata!
Scusate lo sfogo!
Grazie per aver letto la lettera fino a qui!

Avatar utente
Franco953
Membro
Messaggi: 2664
Iscritto il: ven 31 lug 2015, 9:57

Re: La speranza di guarire....

Messaggio da Franco953 » sab 22 ott 2016, 12:57

Bene Ila
ed ora devi salire insieme a lui sul carro "della battaglia"
Fai in modo che non ci resti solo lui
Lo devi accompagnare, devi essere il suo sostegno , la sua forza , la sua speranza
Lo so, hai voglia di piangere e sei piena di disperazione. Fallo, piangi pure, , è normale ma non davanti a lui
Ritagliati dei piccoli momenti da dedicare solo a te stessa.
Devi essere convinta,però, che insieme non solo potete vincere la battaglia ma anche la guerra
E' una convinzione che devi infondere in lui se non c'è
Lui è in prima linea, ed è lui che deve combattere direttamente contro il male che ha dentro.
Ma per vincere deve essere convinto di batterlo il cancro, di lottare con impegno e decisione, di distruggerlo
Bene le cure, bene l'appoggio familiare ma è importante anche la carica psicologica di tuo marito
In questo lo devi sostenere , lo devi incentivare.
Stagli vicino e non lo mollare e avanti a tutta forza
Fai anche tu del nostro motto una ragione di vita:
LOTTA DURA SENZA PAURA.
Siamo qui se hai bisogno. Scrivi e cercheremo di aiutarti e di sostenerti

Un abbraccio

Franco
Ultima modifica di Franco953 il sab 22 ott 2016, 15:25, modificato 1 volta in totale.
“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”

ila79
Membro
Messaggi: 7
Iscritto il: ven 21 ott 2016, 22:20

Re: La speranza di guarire....

Messaggio da ila79 » sab 22 ott 2016, 13:52

Franco grazie! Non riesco ad esseee forte..mi viene da piangere praticamente sempre! Devo forse ancora rielaborare quanto ci sta succedendo?
Mi chiedo in continuazione se facendo la colon prima potevamo intervenire più rapidamente!! Doveva andare così..
Ora attendiamo le visite fissate per la settim pross e vediamo cosa dicono..
Grazie a questo gruppo che mi dà forza e coraggio#

Avatar utente
Franco953
Membro
Messaggi: 2664
Iscritto il: ven 31 lug 2015, 9:57

Re: La speranza di guarire....

Messaggio da Franco953 » sab 22 ott 2016, 14:20

Attendiamo notizie sulle visite fissate
E' unitile chiedersi se ..............
Non serve a nessuno e men che meno a te.
Hai ben altri compiti più importanti. L'auto-tortura lasciala ad altri
E' andata così, probabilmente perchè era destino che andasse così. Ora dovete affrontare la situazione
Forza. Non siete soli

Franco
“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”

ila79
Membro
Messaggi: 7
Iscritto il: ven 21 ott 2016, 22:20

Re: La speranza di guarire....

Messaggio da ila79 » sab 22 ott 2016, 15:00

Grazie Franco! Mi stai dando molta forza!! Ne ho bisogno!!
Vi tengo aggiornati!!!

 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Tumore al colon-retto”