In un tunnel senza via d'uscita :(

RaffaellaGrimaldi
Membro
Messaggi: 9
Iscritto il: ven 12 apr 2013, 22:52

Messaggio da RaffaellaGrimaldi » ven 12 apr 2013, 23:33

Non ho mai scritto in un forum, mi sono appena iscritta, questo forum mi è capitato per caso facendo una ricerca sui tumori dato che mia nonna di 74 anni (quindi non molto anziana) si è ammalata di tumore al pancreas... una brutta bestia , nel giro di giusto 2 mesi oggi non si è capito nulla... il 12 febbraio comparsa di ittero... il giorno dopo ha fatto subito gli esami del sangue con markes ma no è comparso nulla. Poi ha fatto un'ecoaddome dove presentava una piccola massa di circa 3cm vicino alla coleicisti... successivamente ha fatto 2 tac a contrasto senza nessuna particolare rilevanza apparte i calcoli alla coleicisti, una risonanza magnetica ed una gastroscopia. Dato la non-presenza di nessun problema è stata ricoverata per l'asportazione della coleicisti. per due settimane è stata curata x l'ittero e le hanno diagnosticato k la massa era un piccolo tumore benigno che sarebbe stato rimosso durante la coleicistectomia. All'intervento la sorpresa... tumore al pancreas in stato avanzato di almeno 3 anni che abbracciava l'intestino, con metastasi al fegato e al colon. L'intervento è stato di rimozione di: coleicisti, duodeno, metastasi al fegato, un piccolo pezzo di colon. Il pancreas non è stato toccato perchè pieno. Risultati: l'intervento in linea di massima è andato bene ma era meglio che non si sarebbe operata perche una volta "preso aria" cammina molto velocemente. Aspettativa di vita: 3 mesi. Convalescenza: ipertensione e diabete alto (senza che ne abbia mai sofferto prima), piaghe post operatorie. Dall'ultima tac a contrasto risultano essersi riformate 6 metastasi al fegato ed il liquido del midollo spinale al ventricolo cerebrale quindi rischio di un aneurisma cerebrale. Lei ovviamente non sa che le resta poco da vivere, anche se legge sui nostri volti le speranze e i verdetti. Il problema è che lei si è lasciata andare a causa che 10 anni e mezzo fa mia zia, è morta di cancro al seno inoperabile (alla scoperta aveva già metastasi alle ossa, ai nervi e agli organi vitali, sono stati 4 anni di lotta contro il tempo) quindi il dolore di essere sopravvissuta ad una figlia l'ha lacerata lentamente, ed oggi agli esordi di questa nuova "tragedia" l'unica cosa che lei riesce a fare e cadere sempre più giù in questo tunnel senza via d'uscita. Oggi vive a casa mia, il medico ritiene che tra gli affetti quotidiani si possa riprendere almeno con l'umore, non vuole mangiare e non vuole assumere farmaci nonostante non sa la sua reale sorte. Vogliamo rimetterla in sesto con l'aiuto di un nutrizionista biologo specializzato in casi oncologici di tipo gastrointerologi e l'assunzione di vitamine per rimettere in sesto tutti i valori, e dato che a quanto pare fare una chemio sarebbe devastante vorremmo provare il metodo "Di Bella" per migliorare la qualità dei giorni che le restano...

L'idea che piano piano questo male la sta divorando, e non l'avrò vicino per i miei giorni futuri mi uccide anche perchè lei è il pilastro portante della mia famiglia mi fa male... ma la fatica quotidiana nell'assisterla è non poter fare nulla per aiutarla...

La vita le ha tolto tanto, è rimasta vedova subito, ha perso la figlia, ed altre malattie in famiglia...dolori che non ha mia superato realmente nonostante ha sempre fatto la dura!

Scusate per lo sfogo


angiame
Membro
Messaggi: 2785
Iscritto il: lun 11 giu 2012, 21:21

Messaggio da angiame » sab 13 apr 2013, 0:58

Raffaella che dire... Mi spiace... Tanto!

Purtroppo la bestia quando colpisce non guarda in faccia nessuno

Capisco il tuo dolore e le tue paure...

Vivi di lei ora che puoi... Io la mia mamma l'ho persa a novembre non aveva solo 61.

Non ti scusare per lo sfogo hai fatto bene... E fa bene... Quando vorrai scrivere fallo ancora

aiuta tanto tanto!!

Ti stritolo forte forte

Ambra


RaffaellaGrimaldi
Membro
Messaggi: 9
Iscritto il: ven 12 apr 2013, 22:52

Messaggio da RaffaellaGrimaldi » sab 13 apr 2013, 1:14

Grazie... <3


Sarah
Membro
Messaggi: 343
Iscritto il: sab 23 feb 2013, 14:35

Messaggio da Sarah » sab 13 apr 2013, 1:25

Posso solo dirti che mi spiace tanto tanto, il cancro non ti lascia scegliere, ti mette di fronte a delle situazioni e basta. Ti ripeto quindi quello che ha detto Ambra, goditi la tua nonna, fa che i suoi giorni siano il più possibile lievi, falle sapere che la tua vita porta la sua impronta e che le vuoi bene. Non credo tu possa fare di più, e questo è già molto, credimi. Un abbraccio a te e alla nonna..


RaffaellaGrimaldi
Membro
Messaggi: 9
Iscritto il: ven 12 apr 2013, 22:52

Messaggio da RaffaellaGrimaldi » sab 13 apr 2013, 1:31

Il problema è che vive nella sofferenza dove non ti riesci a godere gli ultimi istanti che velocemente ma allo stesso tempo troppo lentamente per chi soffre scorrono via... se almeno non soffrirebbe fosse molto più semplice mentire che tutto vada bene e godersela appieno...

Ormai dopo l'esperienza prima con mia zia ed ora con mia nonna non mi chiedo nemmeno più "perchè a noi" tanto non otterrei risposta...

Grazie Sarah


Sarah
Membro
Messaggi: 343
Iscritto il: sab 23 feb 2013, 14:35

Messaggio da Sarah » sab 13 apr 2013, 1:38

Il cancro è uno sporco ladro di tempo e di momenti, viene tanta rabbia! Spero che trovino il modo di alleviare un po' la sofferenza di tua nonna. A te auguro di trovare la forza per sorriderle e darle un po' di felicità nonostante tutto.

Coraggio.

Qui almeno si può parlare delle proprie paure senza doversi vergognare e si trova sempre una spalla a cui appoggiarsi.


RaffaellaGrimaldi
Membro
Messaggi: 9
Iscritto il: ven 12 apr 2013, 22:52

Messaggio da RaffaellaGrimaldi » sab 13 apr 2013, 2:39

La forza o la trovi o la trovi... Grazie di tutto <3


GIORNOPERGIORNO
Membro
Messaggi: 1155
Iscritto il: lun 18 ott 2010, 16:08

Messaggio da GIORNOPERGIORNO » sab 13 apr 2013, 3:34

Ciao Raffaella,

io credo che farla vivere accanto a voi in questi mesi sia molto importante, e sia quello che potete fare: affetto e attenzioni.

Per quanto riguarda la sofferenza, ricordati che ci sono le terapie del dolore che ci possono aiutare in questi momenti. Rivolgiti con fiducia al tuo centro oncologico e pretendile.

Ti abbraccio e scrivi, serve tanto a te per poter essere forte per il tuo caro.


eli47
Membro
Messaggi: 242
Iscritto il: gio 31 gen 2013, 14:56

Messaggio da eli47 » sab 13 apr 2013, 3:58

Ciao Raffaella,mi dispiace per tua nonna e per tutti casi che leggo qui continuamente.Io mi chiedo ancora perchè.Io faccio un continuo lavoro di autoconvincimento,perchè queste sono situazioni troppo pesanti che ti sconvolgono la vita.Non ci resta che sperare che le cose facciano il loro corso nel modo meno doloroso possibile.A quanto pare questa sarebbe già una grande fortuna quando si deve convivere con questi mali.Siamo troppo coinvolti emotivamente per riuscire ad accettare e l'unica cosa possibile è dimostrare sempre l'amore ai nostri cari.


RaffaellaGrimaldi
Membro
Messaggi: 9
Iscritto il: ven 12 apr 2013, 22:52

Messaggio da RaffaellaGrimaldi » sab 13 apr 2013, 4:13

grazie mille GXG... si lo stiamo prendendo già in considerazione... anche perchè così non può continuare ad andare avanti... ci sono momenti che, nonostante non sa che le rimane poco da vivere (anche se lo ha capito), desidera solo la morte che arrivi subito... è uno strazio per noi vederla così ma sono consapevole per lei che lo prova è molto peggio... l'unico problema è che siamo nella fase in cui non vuole assumere nessun tipo di farmaco, non essere praticata nessuna iniezione e quant'altro... ha un rifiuto totale verso i medicinali anche per delle sole semplici vitamine per rimetterla in sesto con i valori... noi speravamo che almeno potevamo provare la cura "Di Bella" per migliorarle la qualità degli ultimi giorni che le sono rimasti... ormai ci si aggrappa a tutto, esattamente come ha fatto lei x 4 anni con mia zia, prima che la "bestia" se la portasse via!!!


Rispondi

Torna a “Tumore al colon-retto”