Tumore IV stadio

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
gioviale1956
Membro
Messaggi: 43
Iscritto il: gio 12 dic 2013, 20:41

Messaggio da gioviale1956 »

Sto vivendo una situazione simile con la mia compagna di 54 anni , carcinoma anale squamoso al quarto stadio con secondarismi lnfonodali e epatici . Ora dopo 18 cicli di chemio , al fegato non risultano piu visibili le 2 piccole metastasi ma all'ano il carcinoma seppure ridotto c'è sempre , oggi ha iniziato il 19°ciclo con taxolo ,ifosfamide e cisplatino .Purtroppo deve convivere anche con una maledetta fistola che sanguina di frequente e la rende spesso anemica . La speranza però io l'ho sempre.

Lucia47
Membro
Messaggi: 50
Iscritto il: lun 17 feb 2014, 3:42

Messaggio da Lucia47 »

xgioviale 1956

E' vero, la situazione della tua compagna è molto simile a quella di mio marito.

Mi sembra di capire che anche lei non sia stata operata.

Ma i medici ritengono di non operarla anche se tutto si è ridotto?

e quanto tempo è che lo ha scoperto?

Noi lo abbiamo scoperto ad agosto scorso e da allora non c'è più vita.

19 cicli di chemioterapia sono tantissimi. Tu hai la speranza come penso che la abbiano tutti, ma con te i medici che dicono?

Quelli di mio marito non si sbilanciano, mi dicono che ogni fisico reagisce differentemente alle cure e che lui sta rispondendo molto bene. Poco per l'angoscia che mi tormenta.

Un caro saluto a tutti i cari amici di questo forum

gioviale1956
Membro
Messaggi: 43
Iscritto il: gio 12 dic 2013, 20:41

Messaggio da gioviale1956 »

xLucia47

ti ho mandato un messaggio privato per rimanere in contatto se vuoi, i medici oncologici non sembrano molto propensi all'intervento ,i chirurghi sono piu favorevoli ,difficile capire chi ha piu ragione.Ha scoperto la malattia circa un anno fà ,era il 23 marzo 2013, poi ha subito la stomia al lato sinistro , la fistola è molto estesa e questo complica la vita ancor di più.Anche nel suo caso nessuno si sbilancia , ci sono tante variabili in gioco ,speriamo bene.

Lucia47
Membro
Messaggi: 50
Iscritto il: lun 17 feb 2014, 3:42

Messaggio da Lucia47 »

Ammiro la forza che traspare dalle parole di molti di voi, cari amici, tutti voi, ma in particolare di Erika 76 che riesce sempre a trovare delle parole meravigliose delle quali la ringrazio dal mio cuore.

Trovare la forza.....difficile quando vedi la persona amata sofferente e vorresti veramente essere al suo posto. In particolare in questi giorni mio marito non riesce a riprendersi dalla ultima chemio e lui, che fino ad adesso era stato veramente combattivo, si sta lasciando andare.

Qualsiasi parole gli si dica è sbagliata, qualsiasi gesto è sbagliato, veramente diventa sempre più difficile e doloroso.

Un caro saluto a tutti

gioviale1956
Membro
Messaggi: 43
Iscritto il: gio 12 dic 2013, 20:41

Re: Tumore IV stadio

Messaggio da gioviale1956 »

Buondi a tutti ,la mia compagna stà facendo un ciclo di panitumumab, c'è qualcuno tra di voi che ha fatto un trattamento simile?
Erika76
Membro
Messaggi: 1209
Iscritto il: mar 9 lug 2013, 23:45

Re: Tumore IV stadio

Messaggio da Erika76 »

Cara Lucia,
sì è difficile, ricordo che spesso mi sedevo vicino a Dani senza dire una parola, perché come te, mi rendevo conto che qualsiasi cosa dicessi probabilmente non sarebbe stata la cosa giusta. Aspettavo che fosse lui a parlare e poi le parole partivano da sole. Comprendo il tuo dolore, quel senso d'impotenza, quell'angoscia costante che non lascia spazio a nulla. Non posso dirti molto, se non che a distanza di 9 mesi leggendo le vostre storie, rivivo la mia e mi rendo conto con sempre più forza di quanto Dani abbia sofferto nel portare avanti una lotta che era più mia che sua, credo che lui ne avesse abbastanza già da tempo. Spesso mi chiedevo cosa pensasse all'idea di dover perdere tutto, ma solo oggi mi rendo conto che aveva già perso tutto. La possibilità di muoversi, la sua indipendenza, l'essere uomo, marito e padre. Cosa gli ero rimasto? Il mio profondo amore al quale aggrapparsi ed è quello che gli ho dato, stringendolo forte come in un abbraccio fino all'ultimo secondo, altro non potevo fare e per te immagino sia lo stesso.
Lucia47
Membro
Messaggi: 50
Iscritto il: lun 17 feb 2014, 3:42

Re: Tumore IV stadio

Messaggio da Lucia47 »

Cara Erika76
ancora grazie per le tue belle parole. Quanto dolore hai provato! Le tue parole mi aiutano molto, soprattutto adesso che le cose stanno, anche se fortunatamente lentamente, peggiorando. Mio marito ha sempre meno forze, nonostante le analisi siano buone. Martedì prossimo inizierà il suo ultimo, per ora, ciclo di chemio e poi vedremo cosa decideranno i medici. E' sempre più difficile.............
Erika76
Membro
Messaggi: 1209
Iscritto il: mar 9 lug 2013, 23:45

Re: Tumore IV stadio

Messaggio da Erika76 »

Sì difficile... ma tu sei lì al suo fianco e credo che lui non desideri che questo. Sai, ho ancora dei rimpianti e dei sensi di colpa. La malattia di Dani è durata l'arco di quasi 3 anni. Io ne avevo 34 quando si è ammalato e Lollo aveva 3 anni. C'erano giorni, specie durante i lunghi ricoveri in cui davvero sentivo le forze scemare. La mattina mi svegliavo in quell'immenso letto e lui non c'era, allora mi alzavo, gli mandavo un sms per sapere come andava al quale solitamente non rispondeva (la morfina lo teneva sempre in uno stato di costante dormiveglia). Portavo Lollo a scuola, andavo in ufficio. Alle 12 andavo in ospedale e ci stavo fino alle 13.30, poi ufficio. Alle 18 staccavo e andavo in ospedale fino alle 8 di sera, poi andavo dai miei a prendere Lollo e tornavo a casa. Mi sembrava d'impazzire. E alcune volte non riuscivo a stare lì, ero stanca, triste, demoralizzata e andavo via prima. E ancora ho sensi di colpa per le volte che lui avrebbe desiderato che mi fermassi di più, magari perché con la sedie a rotelle lo portassi in terrazza, ma mi chiamavano dall'ufficio.... e la sera avevo Lollo e insomma, un gran casino. Ma c'ero, lui sapeva che c'ero in ogni attimo, anche quando fisicamente non ero lì. Ma faceva male. Adesso sai, so che non ho nulla da rimproverarmi perché 3 anni sono lunghi, difficili e pesanti e ora Lollo è sereno e lo è perché sono riuscita a trasmettergli un ricordo positivo del suo papà. La vita va avanti sai, sembra incredibile Lucia, ma va avanti e riserva cose inaspettate, nel bene e nel male e tu, stai affrontando un percorso difficile, ma sei esattamente dove dovresti essere e questo un giorno, spero il più tardi possibile rappresenterà il tuo nuovo punto d'inizio.
Lucia47
Membro
Messaggi: 50
Iscritto il: lun 17 feb 2014, 3:42

Re: Tumore IV stadio

Messaggio da Lucia47 »

Grazie Erika, grazie per le tue parole che mi sono sempre di aiuto.
E' notte, sono sola, mio marito è in ospedale per il suo ultimo, per il momento, ciclo di chemio. Non so cosa decideranno di fare i medici dopo, sono in ansia, penso che faranno un'altra tac total body e in base ai risultati decideranno il da farsi.
Lui è sempre più debole, soprattutto i muscoli delle gambe lo stanno lasciando e ho paura che la sedia a rotelle si avvicini sempre di più.
Erika76
Membro
Messaggi: 1209
Iscritto il: mar 9 lug 2013, 23:45

Re: Tumore IV stadio

Messaggio da Erika76 »

Lucia, ti capisco. Anche per Dani la soluzione della sedia a rotelle alla fine è arrivata... non volevo, mi sembrava una rinuncia, un fallimento, ma ricordo ancora che un giorno mi guardò negli occhi con le lacrime che gli rigavano il volto e mi disse: "non prendiamoci in giro, io non camminerò più. Ogni ricovero, ogni terapia è una mazzata. L'unico rimpianto sarà lo sguardo pietoso di chi mi circonda". A quel punto l'ho guardato e gli ho detto "vada per la sedia a rotelle, ma mai e poi mai dovrai pensare che chi ti circonda abbia pietà di te, perché chi ti conosce ammira la tua forza, il tuo coraggio e non può che provare stima e rispetto Dani". Alla fine Lucia, la sedia l'avremo usata due volte, perché lui era praticamente immobilizzato sul divano e non aveva la forza di uscire... Le gambe non funzionavano più. Dormiva sul divano perché non poteva fare le scale per arrivare in camera da letto. A volte chiedeva anche a me di dormire sul divano... altro rimpianto.... io non riuscivo a dormirci, mi spezzava la schiena e sapevo che avevo bisogno di dormire un po' decentemente perché poi accadeva sempre più spesso che di notte avesse bisogno per le stomie.... insomma come vedi non è mai facile, qualsiasi cosa si faccia Lucia, restano sempre dei rimpianti, delle cose non dette e non fatte. Il vero punto è che tu sei lì con lui, lui adesso ha te, sei il suo conforto, la sua ancora. Sorridigli tutte le volte che puoi, tranquillizzalo anche se sei angosciata. Non so come finirà, ma so che tu questo ricorderai se dovesse andar male, che eri lì e lui lo sapeva.
 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Torna a “Raccontiamoci”