Tumore al peritoneo

Rispondi
fra01
Nuovo membro
Messaggi: 1
Iscritto il: ven 22 lug 2011, 2:21

Messaggio da fra01 » ven 22 lug 2011, 2:32

Ciao a tutte/i mi chiamo Francesca, ho 55 anni e sono di Milano.

Voglio, in breve, raccontare la mia storia affinchè con la mia esperienza possa contribuire ad aiutare gl'altri che sono stati colpiti come me da questo male, chiamato PSEUDOMIXOMA PERITONEI, e dare speranza a chi la persa.

Durante l'anno 2007 avvertivo dei problemi all'apparato digerente e all'intestino,

e attribuivo all'alimentazione le cause di questi disturbi, seppure non sono

un' amante di abbuffate e bevande alcoliche.

Grazie ad una amica ho conosciuto una ginecologa che non si limita a una semplice "visita di cortesia" ma approfondisce e analizza in modo dettagliato i disturbi riscontrati. Quindi la dottoressa mi ha fatto fare un' ecografia all'addome attraverso la quale ha subito notato che qualcosa non andava.

Il risultato è stato: scarsa visibilità dell' ovaio destro a cui si è aggiunta

la presenza di una ciste ovarica sull'ovaio sinistro.

Quindi mi ha fatto fare ulteriori esami per valutare dei marcatori tumorali,

i quali in effetti erano al limite. A distanza di pochi mesi mi sono sottoposta ad un intervento chirurgico per togliere la ciste diagnosticata. Il dottore che mi ha operata, anch'esso ginecologo, non ha riscontrato con i suoi macchinari nessun problema all'ovaio destro. Ma durante l' operazione ha scoperto che oltre alla ciste c'era del materiale mucinoso nella cavità addominale; quindi ha tolto quel materiale e l'ha fatto analizzare.

Il ginecologo, data la situzione che si stava delineando, ha

passato il compito di approfondire gli esami all'oncologo dell'ospedale, il quale

con onestà mi ha detto che si trattava di un tumore maligno raro, il tumore al peritoneo, e che lui non era specializzato per quel tipo di malattia.

Cosi mi ha indirizzato verso uno specialista per quel tipo di tumore. Il Dottore ha diagnosticato e confermato, con i risultati degl'esami precedenti, la presenza del tumore e mi ha detto che il materiale mucinoso sembrava che provenisse dall'appendice ed era in fase di espansione all'interno dell' addome.

L'8/05/2008 mi hanno ricoverata con le seguenti procedure:

Peritonectomia totale, Omentectomia, isteroannessiectomia dx, resezione fondo

ciecale con appendicectomia splenectomia, colecistectomia, resezione della glissoniana

+ chemio ipertermia intra peritoneale.

Mi hanno dimessa il 22/05/2008.

Dal quel giorno e tuttora soffro di vari problemi all' apparato gastrointestinale.

Con la cadenza di un mese e mezzo/2 mesi si presenta il seguente problema:

tutto comincia con una forte secchezza alla bocca, poi un forte mal di stomaco,

bruciore di stomaco e conseguente vomito, spesso noto la presenza di bile nel materiale espulso; questo dura circa 24 ore.

Poi riprendo a stare meglio.

Accanto a questo problema si aggiunge una forte stipsi con la quale combatto

giorno per giorno usando tutti i sistemi possibili oltre a seguire un alimentazione ricca di fibre. Nonostante tutte le attenzioni del caso ho avuto una occlusione intestinale che fortunatamente si è risolta senza operarmi, circa 1 anno fà.

Nonostante tutto mi ritengo fortunata e sono convinta che la ricerca sul cancro farà passi importanti grazie al sostegno di milioni di persone che hanno un grande cuore.

Con questa mia cronistoria intendo per quanto possibile, scambiare informazioni utili con chi ha avuto la stessa malattia con problematiche post-operatorie connesse, con chi deve affrantarla e chiunque vuole darmi un consiglio, nella speranza di poter vivere al meglio. GRAZIE


poki
Nuovo membro
Messaggi: 1
Iscritto il: gio 1 mar 2012, 3:05

Messaggio da poki » gio 1 mar 2012, 4:19

bunasera cara francesca,mi chiamo cristina stavo cercando il mio gancio in mezzo al cielo ed ho trovato la tua storia cosi simile aquella dimia mamma LINA 68 annni.Ti racconto brevemente se risco la sua storia.Agosto2010 fortissimi dolori addominali trascinati per tre settimane curati con fermenti lattici febbraio 2011 presenza di mucose nelle urine curati per 2 mesi con antibiotici totalmente inefficaci.Stanca di non trovare soluzine dopo insistenza con il medico ecografia visita urologo TAC cistoscopia con biopsia conclusione il 16 agosto la mazzata carcinosi peritoneale in mucocele appendicolare.IL 23 agosto 2011 intervento chirurgico esattamente come il tuo con resezione vescica dato chela sinpatica appendice aveva perforato lasuddetta . Dimessa li9 settembre 25 giorni per gli esiti istologici tumoere al 2 stadio senza metastasi grazie aDIO.Premetto che mammma,ha avuto nella sua vita numerosi interventi cardiaci il primo nel 1959al NIGUARDA...è soppravvissuta a numerosi altri interventi è portatrice diP.MAKER come si dice lafortuna è cieca ma lasfiga civede benissimo.Sono passati 6mesi e qualche effetto collaterale che conosci benissimo tipo si presentano fortissimi dolori addominali e vomito.Nonostante tutto anche lei si ritiene ancora fortunata di aver trovato ancora medici che hanno saputo aiutarla.il30 gennaio ho ritirato gli esiti di esami del sangue e TAC tuttoOK PROSSIMA VISITA 22GIUGNO .Nel frattempo ha ripreso il lavoro abbiamo da23annni una sartoria mamma lavora da 50 anni ed èla migliore medicina per lei ènonostante tutto entusiasta della vita che a avuto il suo motto è nonè finita fin qundo non è finita.Spero dinon essermi dilungata troppo forse avevo bisogno io di riordinare tutto quello che èsuccesso negli ultimi mesi ansia paure pianti.TI abbracccio forte forte non smettere mai di sperare di lottare Cristina


Luca Giordano
Nuovo membro
Messaggi: 1
Iscritto il: mer 16 mar 2016, 22:00

Re: Tumore al peritoneo

Messaggio da Luca Giordano » mer 16 mar 2016, 22:03

Vorrei mettermi in contatto con lei se non le crea problemi, il mio numero é 339 31 76 669. Ho un caso analogo in famiglia e non so come muovermi.

 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Tumore peritoneale”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite