Tumore al polmone, sono distrutta ma cerco di non darlo a vedere

eli47
Membro
Messaggi: 242
Iscritto il: gio 31 gen 2013, 14:56

Messaggio da eli47 » dom 17 mar 2013, 5:45

Hai detto bene...ma prima anche se cercavo sempre di immedesimarmi in queste situazioni,magari anche io mi sarò persa d'animo per cose stupide

e adesso in questa situazione + grande di me mi sento quasi congelata e impotente e l'unica soluzione che sento possibile è affrontare e ogni giorno chiedo tanta forza per il futuro.Facciamoci forza!!!


Sarah
Membro
Messaggi: 343
Iscritto il: sab 23 feb 2013, 14:35

Messaggio da Sarah » dom 17 mar 2013, 18:44

Verotdc, quanto sono vere le parole che riporti..eppure siamo umani e continuiamo a prendercela per le piccole cose, nonostante una parte di noi sappia perfettamente che c'è di peggio.

Smettiamo di prendercela solo quando nel "peggio" ci andiamo a sbattere il muso.

Eppure in quei momenti troviamo in noi delle forze, una resistenza, che non avremmo mai ritenuto possibili solo fino a poco tempo prima.

Un abbraccio a tutte/i voi e, per quanto possibile, che sia una serena domenica.


Wasp
Membro
Messaggi: 314
Iscritto il: gio 25 ott 2012, 18:32

Messaggio da Wasp » lun 18 mar 2013, 5:49

A volte mi arrabbio per stronzate forse per non pensare alla paura che provo. Non esco perchè ho paura di divertirmi e temo che se io sto bene 1 giorno, il destino si vendicherà facendo stare male mia madre.E' strano ma quando mi rinchiudo in camera e piango disperata mi sembra che mia madre dopo stia meglio,forse devo stare male io per star bene lei.Forse sto impazzendo?


linetta
Membro
Messaggi: 1892
Iscritto il: mar 15 mag 2012, 23:41

Messaggio da linetta » lun 18 mar 2013, 6:15

Bea anche io sono caduta in queste trappole della paura, oltre che di una certa solitudine.. Fosse cosi' semplice, che solo a farsi un po' male loro stessero meglio..

Purtroppo non funziona cosi', ma forse e' più utile il contrario e cioè riservarsi un piccolo spazio per recuperare le energie.. Facile a dirsi, lo so..

Tutti ci arrabbiamo per cose che terribili non sono, quando stiamo bene.. Poi ne sentiamo la mancanza quando le cose veramente terribili ci sovrastano.. Ecco, vedi, già le esperienze dure arrivano da sole...non e' il caso di privarsi di tutto..

Ti abbraccio

Linetta


Sarah
Membro
Messaggi: 343
Iscritto il: sab 23 feb 2013, 14:35

Messaggio da Sarah » lun 18 mar 2013, 14:17

Bea, credo che sia normale avere pensieri di questo tipo, anche io avevo delle specie di rituali scaramantici, facevo e non facevo delle cose perchè in un modo irrazionale credevo che questo potesse tenere lontano le cose brutte.

Però concordo con Linetta, meglio recuperare energie, se stai male anche tu difficilmente riuscirai a fare stare bene tua mamma. Lo so che razionalmente è così, ma quando ci muove il dolore, la razionalità va a farsi friggere. Non stai impazzendo sono solo dei meccanismi di difesa che mettiamo in atto, perchè così ci sembra di avere un minimo di controllo sulla situazione.

Sai un po' di tempo fa in biblioteca ho visto un libro in cui si parlava di un uomo che venuto conoscenza della grave malattia che aveva colpito una sua amica si metteva in viaggio a piedi, convinto che finchè avesse camminato, la sua amica sarebbe stata meglio...

E' la storia di tutti noi, la storia di chi non si arrende di fronte un destino che ci strappa le redini delle nostre vite dalle mani.

Coraggio Bea..un bacio.


angiame
Membro
Messaggi: 2785
Iscritto il: lun 11 giu 2012, 21:21

Messaggio da angiame » lun 18 mar 2013, 15:58

Bea la rabbia ci accomuna un po tutti... Soprattutto davanti a stress davanti ad una vita che non vorremmo ma che invece abbiamo.... Perché a noi... Perché alla nostra mamma? Perché al nostro papà ?? Perché alla nostra famiglia?????

Per me sono state solo due settimane e in queste due settimane sono uscita solo 2 volte per andare il farmacia... La prima volta dopo 5secondi ho ricevuto la chiamata semi isterica di mia sorella che puntura faccio?? Noi e solo noi sappiamo cosa fare davanti a qualsiasi problema!!!

E la seconda beh è stata quella della fine.... Mmmmm

poi parli di pianto!!! Non è che è se tu stai male lei sta meglio... Siamo noi che dopo un bel pianto vediamo in modo migliore... Quando dicono piangi che ti fa bene... È vero Bea.... Un bel pianto toglie lo stress ci da nuova forza...

Dai Bea non mollare! Noi siamo qui per te...

Ti stimo tanto Bea...

Tua Ambra


distanisla
Membro
Messaggi: 3
Iscritto il: mar 4 giu 2013, 22:03

Messaggio da distanisla » mar 4 giu 2013, 22:22

ciao Vero a me è successa una cosa molto simile alla tua nel 2007 con mio padre..... stesso tipo di rapporto stessa famiglia felice e io avevo avuto da circa due anni un bellissimo bimbo..... questa notizia ci ha gettato nel panico totale..... dopo giorni di disperazione mi sono rimboccata le mani ho smesso di piangere e mai davanti a mio padre (l'ho fatto solo il giorno che gli ho dovuto comunicare la triste notizia).

Sono stata presa dal vortice delle cose da fare che come dici tu non avevo neanche il tempo per pensare.... e stranamente stavo bene perchè insieme stavamo combattendo... mio padre alla fine è stato operato.... decisione difficilissima perchè abbiamo insieme scelto di farlo con il parere negativo di due medici su tre e con più del 70% di possibilità che non avrebbe superato l'operazione......e invece (ricordo quella mattina ci siamo salutati come fosse l'ultima volta che ci saremmo visti.... il momento più terribile della mia vita)ancora oggi mio padre fà il nonno quasi a tempo pieno.... non ti dico che è stato facile ... momenti difficile ce ne sono stati e ce ne saranno ancora la sua e la ns vita sono cambiate, ma lui sta vedendo crescere suo nipote (la sua ragione di vita) ha visto sposarsi mia sorella e da due anni è di nuovo nonno da parte di mia sorella.

insomma non abbandonare mai la speranza non permettergli di mollare trova qlc che per lui vale più della sua vita (nel mio caso suo nipote) e faccelo aggrappare con le unghie e con i denti.

in bocca al lupo


GZ
Membro
Messaggi: 56
Iscritto il: lun 25 feb 2013, 23:38

Messaggio da GZ » mar 4 giu 2013, 22:34

Ciao Vero, ti riporto qui sotto quello che è capitato a me e che avevo gia' scritto in un altro post. oggi pero' dopo 15 chemio e decine di visite, all'ultima Tac il mio amico mostro si è ridotto a un nodulino di 2,3 cm e Venerdi verro operato.

Certo non è assolutamente finita e ho pure paura.... ma sto lottando e i risultati ci sono.... stai vicina a tuo padre, fallo stare bene e dagli forza...

con le persone care, i dottori e le terapie si puo' guarire o almeno vivere il piu' allungo possibile.....

Un abbraccio e si forte.... :)
Postato a Marzo 2013
cercando su internet info sui tumori, ho trovato questo forum e ho pensato di iscrivermi. Ho 45 anni, sposato con due figli e un anno sono stato ricoverato per delle flebiti alle gambe e ne sono uscito con la seguente diagnosi :neoplasia broncopolmonare sx con istologia Adenocarcinoma EGFR non mutato; anti-ALK-1 positivo in non fumatore ( polmone sx plirifocale: cT4 ) con sostituzioni linfodenali N1, N2, N3 ( stadio IV per sopsette localizzazioni ala iliaca sx in PET iniziale ). Quadro trombotico paraneoplastico d'esordio, venoso superficiale e profondo in arti inferiori, con tromboembolia polmonare. Tante parole e sigle per dire che ho un tumore ai polmoni esteso.

Ho cominciato a fare chemio 3 cicli con Carbonplatino+Alimta e tre cicli con Cisplatino+Alimta, la mia vita purtroppo è cambiata causa i sintomi della terapia che mi buttavano a terra, sopratutto ho il problema che dopo ogni ciclo i miei globuli bianchi sono a terra e devo farmi delle ignezioni di fattori di crescita che anche loro mi danno dei problemi alla schiena. Fino ad Agosto sono riuscito anche a rimanere al lavoro, essendo un libero professionista, poi un po la crisi, i vari impegni ospedalieri e la mia salute ho dovuto rinunciare a lavorare. Finito i 6 cicli.. visto che il tumore sta regredendo e la cura sta dando i suoi risultati, ho cominciato un nuovo ciclo di chemio di mantenimento solo con Alimta che pur se meno tossica mi da sempre i soliti problemi di abbassamento delle difese immunitarie, stanchezza, nausea ecc....... Oggi sono alla mia 15 seduta di chemio.. e devo confessarvi che non ne posso più, mi sento sempre più stanco e a casa quando non sto bene pure inutile. Il problema è che il tumore non è operabile ( risulta qualcosa anche nella colonna vertebrale ) e come mi ha detto il dottore con un esempio: pensa che il tuo tumore è una macchina con il motore acceso, ora abbiamo spento il motore ma la macchina rimane sempre li e noi dobbiamo tenerle spento il motore..... quindi non ho una fine a tutto questo e il 6 marzo si riparte con un altra chemio... uffi...

Immagino che molti di voi in prima persona o per famigliari abbiano vissuto una simile esperienza quindi mi fa piacere condividere tutto questo....

un saluto
Pubblicato 3 mesi fa #


eli47
Membro
Messaggi: 242
Iscritto il: gio 31 gen 2013, 14:56

Messaggio da eli47 » sab 8 giu 2013, 23:49

In bocca al lupo GZ!!


 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Tumore al polmone”