BIOPSIA PRONTA

paolo60
Membro
Messaggi: 242
Iscritto il: ven 5 ott 2012, 16:34

Messaggio da paolo60 » gio 21 mar 2013, 19:05

Scusa la domanda eli.... posso sapere se non chiedo troppo quanti anni ha il tuo babbo ??

Credo che quando si parla di malattie serie di questo tipo sia molto importante è che lo sia ancora di più quando una persona deve scegliere.


paola85
Membro
Messaggi: 87
Iscritto il: dom 18 mar 2012, 11:53

Messaggio da paola85 » gio 21 mar 2013, 19:13

Ciao Eli.

È da un mesetto che non venivo più sul forum, e faccio fatica a trovare i tuoi vecchi messaggi, mi affido solo alla lettura di questo post e alle informazioni che vi trovo, e mi scuso se scriverò cose fuori luogo quindi.

Adenocarcinoma di quale organo, del polmone intendi? Con metastasi ossee? Le metastasi ossee in genere sono dolorose e quindi la chemio o la radio potrebbero aiutarlo in questo senso.

Ma quello che volevo dirti è che, a mio avviso, a volte tirare i remi in barca, scegliere di «non lottare» nel senso che scrivi tu è un atto molto coraggioso; magari tuo padre cambierà idea nei prossimi giorni, riguardo alla chemio; magari no. Non sono mai stata malata di cancro, non so cosa farò quando mi capiterà, che scelta farò; ma mi dico che a volte sono più gli effetti secondari delle cure (nausee, stanchezza, ecc) che non gli effetti benefici. Non si può sapere finché non si prova, i corpi sono uno diverso dall'altro, ma a volte ci sono dei dati oggettivi, che variano secondo il medicamento. Tuo padre ha anche il diritto di scegliere di non curarsi, può essere terribile da accettare per i parenti, ma è così; a volte i malati accettano molto più certe dinamiche e prospettive, rispetto a noi parenti/amici/vicini. Magari è solo spaventato, e domani avrà cambiato idea, non si sa. Ma non ricattarlo emotivamente. Sta già vivendo qualcosa di abbastanza difficile. (Io ho perso, perché malati di tumore, due persone a me vicine che erano mio papà e il mio compagno; entrambi avevano scelto di provare con le chemio; ma le ultime chemio fatte a mio papà erano assolutamente senza senso, e mi sembrava di vedere un uccellino che sbatte sbatte le ali per cercare di uscire dalla finestra, e non vuole vedere il vetro, o non riesce a vederlo. Ma era il mio punto di vista. Ci vogliono un amore e un rispetto incredibili, e non è semplice.)

Un bacione. Pao


eli47
Membro
Messaggi: 242
Iscritto il: gio 31 gen 2013, 14:56

Messaggio da eli47 » gio 21 mar 2013, 19:33

CIao Paolo e Paola...mio padre ha 66 anni.Lo so che magari avrò sbagliato ma trovo sia ingiusto non provare a lottare,le cure comunque aiutano e non dobbiamo pensare agli effetti collaterali.Mio padre ha un carattere molto forte ma penso che la sua sia intanto una chiusura mentale riguardo al problema.Credimi lui è una persona molto combattiva nella vita ma ha bisogno di capire che non si può lasciare allo sbaraglio una bestia del genere(adenocarcinoma polmonare con metastasi ossee).io proverò in tutti i modi di convincerlo perchè lo faccio solo per il suo bene.Grazie Paola capisco quello che vuoi dire ma senza cure...non si può contrastare


risha
Membro
Messaggi: 47
Iscritto il: sab 16 feb 2013, 1:51

Messaggio da risha » gio 21 mar 2013, 19:58

Io ti dico che se tornassi indietro, non farei fare nessuna chemio a mio padre....premetto che a lui o meglio a mio fratello, l'oncologo disse che gli restavano circa 6-8 mesi quindi quando comunque sai che devi morire, perchè aggiungere altra sofferenza.... mio padre con la chemio stava malissimo e con la radio ancora peggio, e i dolori li aveva lo stesso. Questa ovviamente è la mia esperienza e il mio parere. Cerca di parlare con tuo padre, ma non forzarlo se lui non se la sente. Un abbraccio a te e al tuo papi.


eli47
Membro
Messaggi: 242
Iscritto il: gio 31 gen 2013, 14:56

Messaggio da eli47 » gio 21 mar 2013, 20:14

Risha cara grazie dei consigli.Qui però ancora nessuno ha parlato di tempo rimanente.i medici hanno detto che con le cure si hanno ottimi risultati e allora mi chiedo...perchè?sprecare questa opportunità???poi hai detto bene non si può tornare indietro.


risha
Membro
Messaggi: 47
Iscritto il: sab 16 feb 2013, 1:51

Messaggio da risha » gio 21 mar 2013, 20:27

Spero che qualunque cosa scegliate, sia la cosa più giusta per tuo padre. E' importante che lui senta e capisca che farete di tutto per aiutarlo.


eli47
Membro
Messaggi: 242
Iscritto il: gio 31 gen 2013, 14:56

Messaggio da eli47 » gio 21 mar 2013, 20:37

per me la cosa giusta è solo cercare di intervenire,a prescindere dagli effetti collaterali.Capisco anche come si possa sentire lui...mannaggia così però lo si da già vincente in partenza!!!!!!


risha
Membro
Messaggi: 47
Iscritto il: sab 16 feb 2013, 1:51

Messaggio da risha » gio 21 mar 2013, 20:57

Ma non vi hanno proposto qualche terapia a bersaglio molecolare? Almeno non è devastante come la chemio


eli47
Membro
Messaggi: 242
Iscritto il: gio 31 gen 2013, 14:56

Messaggio da eli47 » gio 21 mar 2013, 21:12

devono fare il test...si ma con molta probabilità essendo fumatore non potrà optare per questa cura.Aspettiamo di vedere i risultati


GIORNOPERGIORNO
Membro
Messaggi: 1155
Iscritto il: lun 18 ott 2010, 16:08

Messaggio da GIORNOPERGIORNO » gio 21 mar 2013, 21:27

Ciao Ely 47,

io ti posso riportare la mia esperienza.

Mio papà ha due tumori primitivi : prostata con metastasi ossee, colon con metastasi polmone.

Anche a noi (e a lui) hanno detto che è CURABILE ma NON GUARIBILE.

Significa che faranno delle cure per un buona qualità di vita fino a quando si potrà.

Ha effettuato la radioterapia a novembre per il rafforzo delle ossa.

Consapevoli del fatto che non guarisce ma prolunga un buon livello di tenuta della struttura, mio papà si è sottoposto alla cura.

La radioterapia alle ossa non ha portato problemi di dolore o effetti collaterali.

Ora siamo seguiti con tac trimestrali.

Si chiama follow up.

Nel momento in cui il tumore polmonare dovesse dare fastidio, o si dovessero formare nuove metastasi invasive si procederà con una chemio.
Eli ... secondo me la cosa essenziale è parlarsi chiaramente con l'oncologo.

Il nostro parla di qualità di vita. Se le cure possono migliorarla è bene seguirle, se la chemio deve trascinare ... lascia la libera scelta al papà.

Non mi sembra comunque il vostro caso ....
Se papà è confuso o rifiuta le cure, forse è il caso di farlo parlare nuovamente con l'oncologo.
Forza Ely !! Mi raccomando


Rispondi

Torna a “Tumore alla prostata”