Tumore alla prostata

Rispondi
ANTONIO59
Membro
Messaggi: 228
Iscritto il: lun 6 feb 2012, 17:33

Messaggio da ANTONIO59 » mar 12 mar 2013, 13:54

Per Rosy e Leo...

carissimi, leggendovi è facile intuire che siete una coppia molto unita e questo credetemi è davvero importante...caro Leo vedrai che questo brutto momento passerà...proprio l'anno scorso di questi tempi ho iniziato il ciclo di radioterapie...ne ho fatte 33...è stata dura ...ma mia moglie non mi ha lasciato neppure per un attimo...proprio come fa Rosy con te...Durante il ciclo ho fatto delle esperienze "bellissime" dal punto di vista umano....ho conosciuto persone meravigliose che,purtroppo, sono state meno fortunate di noi...da queste persone ho imparato che nella vita bisogna guardare sempre avanti ma bisogna voltarsi anche indietro.

Durante la radio mi sono voluto mettere alla prova e ho iniziato a camminare, una sorta di "forrest gump"....da allora non mi sono più fermato...iniziai con 2-3 giri di campo , adesso arrivo a fare 30, anche di corsa ....In agosto poi dal 17 al 22, ho percorso a piedi 150 km per far visita a dei luoghi per me importanti.Se vorrai saperne di più avremo modo di farlo. La D.E. si può combattere, per fortuna ci sono i mezzi...adesso devi solo pazientare, non è il momento di abbattersi, hai cose più importanti a cui pensare....un passo alla volta, ma dopo, vedrai, con l'aiuto della tua compagna,riuscirete a trovare il vostro equilibrio e la vostra complicità.E' inutile dirti che durante il ciclo di radio non è il caso di "provarci",una zona già aggredita con l'intervento e successivamente con la radio, deve avere il tempo di riprendersi dalla batosta. Fai dell'altro e non pensarci...Io ti capisco benissimo,lo sai...ma non c'è altro modo.

Ti/vi consiglio vivamente di ascoltare una canzone di Renato Zero...si intitola "Sorridere sempre"...a me ha aiutato molto...a volte basta poco!!

un abbraccio affettuoso


bonnyprimo
Membro
Messaggi: 41
Iscritto il: dom 4 dic 2011, 17:30

Messaggio da bonnyprimo » mar 12 mar 2013, 17:08

CIAOOO CICCIO 66 non immagini che piacere mi fa sentirti di nuovo nel forum, ho letto le tue disavventure, capisco la tua depressione, verrebbe a chiunque ti hanno tolto la vescica e pure danneggiato l’aorta del rene certo non si può dire che ne hai passate di belle speriamo che con il prossimo intervento le cose vadano a posto, e un po’ di fortuna non guasta non credi?, non aver paura dell’operazione oramai sei un veterano dovresti averci fatto il callo con tutto quello che hai passato speriamo che sia l’ultima. Purtroppo stiamo vivendo una vita di speranze e sfogarsi nel forum oppure con persone a te vicine ci da sostegno e sollievo morale ai nostri problemi.

mi scordavo di me, da un anno e tre mesi che mi hanno operato Psa 0.03 incontinenza zero ma l’uccello vola basso mi sa che devo venirti a trovare per mettere la pompetta hahahah.

Ciao ciccio ti auguro un( in bocca al lupo) e tienici aggiornati .

Un grande abbraccio forza e coraggio BONNY


ciccio66
Membro
Messaggi: 34
Iscritto il: gio 22 dic 2011, 16:48

Messaggio da ciccio66 » mer 13 mar 2013, 0:37

ciao bonny,mi sei mancato tantissimo.il morale sembra che piano piano stia tornando.la settimana scorsa sono andato in urologia a cambiare il catetere che mi hanno inserito nel rene destro (l'unico rimasto) e ho visionato i risultati dell'analisi fatte .vanno tutte benino e anche il psa e sceso da 57 a 29.ho approfittato della visita per chiedere se la pompetta e il relativo intervento fossero ancora a carico della asl e questi mi ha risposto che per le marche è ancora a carico della asl ma in numero limitato pertanto bisogna mettersi in lista d'attesa.dopo l'intervento che dovrò affrontare ora a marso ci farò un pensierino anchio.devi venirmi a trovare con tua moglie anche se l'uccello (speriamo presto)riprenda a volare alto.un grande abbraccio ciccio66


k_leo54
Membro
Messaggi: 65
Iscritto il: gio 29 nov 2012, 23:09

Messaggio da k_leo54 » gio 14 mar 2013, 0:04

x Antonio59..ciao carissimo amico,bravo! e' bellissimo tutto quello che hai fatto,io e Leo facciamo un ora di cammino al giorno(poco in confronto a te)..quando vorrai potrai scriverci delle tue esperienze,e' molto bello sapere che esiste tanta solidarietà ed è un pò come se ci conoscessimo personalmente.Mi fa piacere sapere che anche tu hai una bella famiglia che ti sostiene e ti è vicina. Ti abbracciamo e Leo ti ringrazia tanto x il sostegno..Rosy e Leo.


Avatar utente
Blade_Runner
Membro
Messaggi: 186
Iscritto il: mer 21 nov 2012, 8:07
Località: Napoli

Messaggio da Blade_Runner » gio 14 mar 2013, 6:14

Ciao amici, ero stato un po' in disparte per far calmare le acque nel forum ma vedo che fortunatamente siamo tutti adulti, maggiorenni e... vaccinati e le cose sono andate a posto con calma.
Mi domando una cosa: operato il 21 Gennaio in robotica, incontinenza in lento ma progressivo calo, DE totale, nel senso che non si muove nulla... mi avevano suggerito di prendere del Viagra una volta a settimana dopo una decina di giorni dall'operazione ma non ho ancora fatto nulla. La mia perplessità è la seguente: devo prendere il Viagra indipendentemente dal fatto se ho o meno rapporti? Il chirurgo mi aveva suggerito questo aiuto anche e soprattutto per migliorare l'ossigenazione del pene, oltre ovviamente per un aiuto nei rapporti. Quindi avrebbe un senso e uno scopo l'assunzione di questo farmaco?
Grazie a chi potrà suggerirmi qualcosa, ciao a tutti!

I vecchi sogni erano dei bei sogni, non si sono avverati ma sono contento di averli coltivati

mauri54
Membro
Messaggi: 12
Iscritto il: gio 6 dic 2012, 16:58

Messaggio da mauri54 » gio 14 mar 2013, 16:12

X Blade Ciao. Sono stato operato in robotica il 3 gennaio scorso. Il mio grosso problema a tutt'oggi è l'incontinenza. Sto facendo riabilitazione ed elettrostimolazione, ma i risultati...non li vedo ancora. Della DE non ne parliamo nemmeno. Un mio amico urologo, che mi segue assiduamente mi ha consigliato 5mg di Cialis al giorno proprio per l'ossigenazione, anche per l'incontinenza. Stiamo a vedere.
Ciao


bonnyprimo
Membro
Messaggi: 41
Iscritto il: dom 4 dic 2011, 17:30

Messaggio da bonnyprimo » ven 15 mar 2013, 0:32

x Blade_Runner

volevo dirti che io e altri che ho conosciuto nel novembre 2011 al San Raffaele Turro operati di prostata quando siamo stati dimessi a tutti hanno dato la ricetta per assumere il cialis 5mg per tre mesi appunto per migliorare e spronare la circolazione del sangue nel pene tieni presente che il cialis 5mg e una dose bassa e diciamo che il costo si fa per dire non è esagerato 130 euro 28 pastiglie. l'urologo che mi segue dopo tre mesi mi ha dimezzato la cura una pastiglia cialis 5mg a giorni alterni e una pastiglia viagra100mg 30 minuti prima di usare il volatile. non avere premura vedrai che più passa il tempo e più farai progressi,certo che quelli giovani hanno maggior ripresa UN saluto A TUTTI


libeccio
Membro
Messaggi: 91
Iscritto il: ven 20 gen 2012, 22:58

Messaggio da libeccio » ven 15 mar 2013, 19:25

Rispondo a Blade.

Io ho 54 anni e sono stato operato a luglio del 2012. A 15 gg giorni dalle dimissioni il mio urologo mi ha prescritto il cialis 20 mg ogni tre gg.

Il risultato è stato evidente e non in termini di erezioni dovute a stimolazione bensì in quelle cd. notturne che sono state essenziali per non far atrofizzare la parte.
Dopo tre mesi di questa terapia, sia naturalmente che sostituendo il cialis con il viagra 100 (le parole del mio urologo sono state le seguenti""""" diamogli una svegliata perchè se l'impianto funziona nel senso che sono stati risparmiati i nervi allora dobbiamo cominciare a vedere il risultato""""), e le cose sono iniziate effettivamente ad andare diversamente e l'organo iniziava a rispondere anche alle stimolazioni bensì la durata e la consistenza... diciamo all'80 per cento.
A distanza di 8 mesi risponde bene alla stimolazione, le erezioni notturne sempre presenti e i rapporti completi accettabili e soddisfacenti ma molto piu' completi se utilizzo il viagra.
Il mio parere è che in ogni caso non ti devi aspettare niente nell'immediato ma insistere nell'utilizzo del cialis per i primi due o tre mesi per una funzione ossigenatrice indispensabile.
Saluti a tutto il forum


CHIVOLAVALE
Nuovo membro
Messaggi: 1
Iscritto il: ven 15 mar 2013, 19:03

Messaggio da CHIVOLAVALE » sab 16 mar 2013, 0:56

Salve a tutti. Sono nuovo come registrazione, ma seguo il forum da tempo, avendo anch'io avuto il problema che ben conoscete. Vorrei riportare la mia esperienza, a beneficio di chi dopo l'intervento ha gli inevitabili disturbi. Sono stato operato con il Da Vinci dieci mesi fa, fortunatamente con diagnosi precoce perché ho sempre fatto i check-up. Nonostante la mia non tenera età (72 anni), non ho avuto che lievi e presto superati problemi di incontinenza, anche grazie al mio giusto peso corporeo (peso da sempre come a 20 anni) e ad una tonica muscolatura addominale e pelvica . Altro discorso la DE. Dopo la solita cura di tre mesi con Cialis 5mg ho fatto sconfortanti esperienze con Viagra 100 e Cialis 30 che avevano su di me lo stesso effetto di un bicchiere di acqua fresca. Solo dopo 6-7 mesi sono tornato ad avere erezioni notturne sempre più frequenti e successivamente erezioni anche diurne ma di breve durata. Da qualche settimana ho erezioni quasi normali senza ricorso a farmaci. Se alla mia età posso dire di avercela fatta, vorrei dare messaggi rassicuranti a chi operato da poco lamenta problemi: il tempo nella maggior parte dei casi lavora a favore, ma solo dopo un annetto si possono vedere i progressi sperati. In bocca al lupo a tutti!


libeccio
Membro
Messaggi: 91
Iscritto il: ven 20 gen 2012, 22:58

Messaggio da libeccio » sab 16 mar 2013, 15:05

Caro amico Chivolavale (il tuo nick è già una ventata di ottimismo), ti ringrazio per il tuo apporto al forum. Effettivamente si è sentita in passato la mancanza delle esperienze post intervento datate di almeno un anno, tali da fornire le indicazioni a così lunga distanza dall'intervento, perchè i messaggi di prima - carichi di paura - e subito dopo l'intervento - sono la maggior parte ed i piu' intensi.
Anche se qualche post c'è stato, il tuo è incoraggiante per quanti vivono la situazione dell'immediato con una tale angoscia che pregiudica lo stato psico-fisico. Ed invece arrivi tu alla tua ""non tenera età di 72 anni come dici tu"", a dirci che bisogna avere pazienza.
Forse è proprio dalla tua ""tenera età"" che potevano giungere consigli ed indicazioni così ottimisti.
Naturalmente noi tutti colpiti da questa infausta sventura, oltre a temere per la vita, superato questo timore, stiamo affrontando - chi piu' chi meno - la DE con l'esigenza della condivisione.
Ad esempio trovo eccezionale e splendida la partecipazione al forum di qualche donna, moglie e compagna di vita.
Chivolavale, continua così a leggerci e dire la tua. Noi speriamo tutti di volare e di valere.
Ciao


 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Tumore alla prostata”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti