Tumore alla prostata

Rispondi
Mic54
Membro
Messaggi: 20
Iscritto il: mar 2 apr 2013, 22:41

Messaggio da Mic54 » sab 5 ott 2013, 16:45

Cari amici rieccomi qua dopo qualche tempo passato "alla finestra". Ho appena ritirato (sempre stesso laboratorio ospedaliero) il 2° PSA dopo l'intervento e, rispetto al primo che era 0,03, siamo passati a 0,09. In pratica, anche essendo ancora in zona sicurezza, il valore è triplicato in un periodo di circa 4 mesi. Il prossimo a Dicembre.. e speriamo bene perché comincio ad avere una certa ansia. Qualcuno di voi ha avuto dati simili o sa darmene una corretta lettura? per ciò che riguarda la fornitura Cialis e simili comunico che ho ottenuto (Regione Lazio) una nuova fornitura per ulteriori 6 mesi passando (su mia richiesta) al Levitra: 10mg 2 volte a settimana. Saluti carissimi.


Avatar utente
ernestus
Membro
Messaggi: 352
Iscritto il: gio 20 set 2012, 16:07

Messaggio da ernestus » sab 5 ott 2013, 22:44

ciao mic. considera che io dopo 3 mesi dall'operazione,ciavevo 0,10 ng/ml poi dopo un anno è stabile a 0,04ng/ml.come sicuramente saprai l'allarme scatta a 0,20ng/ml.nella mia infinita ingnoranza mi sembra che stai ancora sufficentemente in zona non a rischio a 0,09. ci sono altre ghiandole che producono psa.a questo punto io farei il psa ogni mese ,per vedere l'andazzo.saluti dal comandante.


Mic54
Membro
Messaggi: 20
Iscritto il: mar 2 apr 2013, 22:41

Messaggio da Mic54 » sab 5 ott 2013, 23:34

Ciao Comandante e grazie. Grazie soprattutto perché con una mezza frase mi hai rincuorato. Hai voglia ad informarti, leggere tra le righe di ogni commento... ma quando arriva il fatidico momento di leggere sto ca...o di referto vado in tilt fino a che metabolizzo. So che il valore, in assoluto, non è alto ma essendo in salita (in quattro mesi è di un bel 0,06 in più) già mi sono fatto tutto il mio bravo film compresa la regia. Seguirò certamente il tuo consiglio così almeno mi rendo conto se la tendenza è questa. Vista la tua esperienza ci andrò con un poco più di ottimismo. In ogni caso ci sentiamo. A presto.


rubenz
Membro
Messaggi: 10
Iscritto il: mar 8 ott 2013, 5:11

Messaggio da rubenz » mar 8 ott 2013, 7:28

Ciao a tutti,sono uno nuovo del blog,ho letto con piacere le vostre esperienze,e se la mia puo' a qualcuno essere di sostegno lo faccio con tutto il cuore.MI sono operato alla prostata nel 2007 con il robot,allora le tecniche erano un pochino piu' indietro che ora, ma comunque è sempre la mano del chirurgo che conta,che magari puo' avere il piu' bel curriculum che vuoi ma se non si è attenti,e professionali al massimo nascono guai.la mia prostata era per fortuna ancora tutta intatta ma bisognava toglierla .Dopo tutte le belle parole del primario che mi ha operato la realta'si è dimostrata unaltra.EREZIONE,ORGASMO,INCONTINENZA,KO--KO!!!Vi dico la mia versione,come dice un vecchio proverbio, il miglior medico della nostra salute siamo solo noi e cosi dopo controlli visite ,i migliori dottori ho speso un sacco di soldi,allora per l'erezione,punturina sul penenon è affatto dolorosa e subito fa effetto e non occorre aspettare non ti mette in ansia aspetti,aspetti ma non si MUOVE,E POI CHE SIA IL VIAGRA O ALTRO,va sempre in circolo nel sangue quindi i battiti del cuore aumentano e tu cominci a preoccuparti,e l'ansia aumenta cominci a pensare ,ODDIO ecco l'infarto stai male ,e pensi ma ne vale la pena per una sc.....ta?percio' punturina .Invece quello che mi ha rovinato la vita ed il lavoro 'e l'incontinenza, ne ho fatte di tutto ,ginnastica di ogni tipo niente ,finche non ho fatto una RM MIRATA ,e si è scoperto che è stata tagliata troppo troppo e che la vesciga contiene meno,quindi devo andare sia di giorno che di notte ho delle perdite anche quando mi metto in ginocchio scende senza che io mi accorga e quindi mi bagna (nonostante il pannolino)i pantaloni e purtroppo non posso piu' fare quel lavoro,facevo fiere,stand,sale mostra e insegnare la posa in opera delle ceramiche,mi ha creato un danno sia economico che psisico pazzesco ,mi sembra sempre che chi sta vicino senta lodore della mia pipi comunque ragazzi io oramai ci convivo e non ci penso piu' come prima sara'quel che sara vivete la vostra vita come prima,fate attensione alle pastiglie,punturina e via!!!poi la prossima vi diro'nel caso capiti una SC....TA estra coraggio,dobbiamo essere piu'forti del cancro che abbiamo avuto un abbraccio a tutti RUBENZ.


topote
Membro
Messaggi: 174
Iscritto il: ven 23 mar 2012, 21:13

Messaggio da topote » mar 8 ott 2013, 20:07

che bello leggerti così naturale! Penso tu sia uno di quelli con maggiori anni post prostatectomia e mi fa piacere sentirti libero da ogni dubbio (dicono che debbano passare 5 anni..... e tu ne hai fatti 6: complimenti, spero di raggiungerti). Circa l'incontinenza ti segnalo (se ancora non l'hai fatto) che esiste un intervento "correttivo" post prostatectomia con l'inserimento di un particolare che a quel punto ti fa "contenere". Se vuoi aopprofondire fammi una p.m. perchè non posso far nomi.

Per il resto su col morale, l'importante è la vita, condita anche da fede. Un abbraccione a tutti, e - come dice Rubenz: buona sc...ta!!!!


gianni64
Membro
Messaggi: 12
Iscritto il: mar 8 ott 2013, 2:38

Messaggio da gianni64 » mer 9 ott 2013, 14:56

ciao riporto qui quello che avevo postato prima ma avevo sbagliato forum...

ho 49 anni ma chiamo Gianni. 10 anni fa mi hanno tolto il testicolo dx per un seminoma e dopo la radioterapia ho vissuto bene fino a un anno e mezzo fa.

carcinoma di alto grado g3 alla vescica operato dopo 15 gg mi viene tolta la vescica e la prostata e ricostruita la vescica tramite 70 cm. di intestino dopo un mesetto dall'operazione avvenuta il 7 settembre 2012 mi tolgono drenaggi catetere e piano piano mi riprendo in attesa della chemio terapia. dopo 12 fleboni di chemio sono a terra completamente stanchissimo ma piano piano finiti i cicli dopo un mesetto riprendo a lavorare tutto sembra andare bene ma la testa non gira.

non per paura di una recidivo, ma per l'impotenza.

mi sento un mezzo uomo, non funziona più. ho provato con i farmaci orali ma nulla

e la settimana prossima provo con la puntura peniena. ho chiesto al mio medico se fosse valida la soluzione della protesi ma me la sconsiglia lui mi dice che la cosa migliore sono le punture la cosa mi spaventa un po' qualcuno che le ha provate mi può dare qualche delucidazione? grazie ciao e

un grosso in bocca al lupo a tutti

lottare sempre mollare mai!


gianfpgn
Membro
Messaggi: 48
Iscritto il: mar 22 gen 2013, 19:45

Messaggio da gianfpgn » mer 9 ott 2013, 23:36

x Gianni....

Ciao, io sono stato operato quasi 5 anni fa per K prostata. Intervento "allargato" con conseguente perdita totale e irreversibile dell'erezione. Le ho provate tutte, veramente tutte!! Ho risolto con la protesi semitìrigida. Nessun problema ti assicuro. Se ti fai un giro su internet te ne farai una cultura, se vuoi farmi domande sono a tua disposizione. Un saluto


Avatar utente
ernestus
Membro
Messaggi: 352
Iscritto il: gio 20 set 2012, 16:07

Messaggio da ernestus » gio 10 ott 2013, 1:55

benvenuto rubenz dal comandante.sono mancato 2 giorni causa formattazione pc.rubenz non ho' capito che hanno tagliato di troppo ( l'uretra). da come dici pare che hanno asportato un pezzo di vescica. salutoni dal comandante.


Avatar utente
Fabrizio55
Membro
Messaggi: 142
Iscritto il: sab 19 mag 2012, 3:13
Località: Ancona

Messaggio da Fabrizio55 » gio 10 ott 2013, 2:31

Nuovi arrivi, nuovi "sfigati", tutti con la complicità del K prostatico.

Riflettevo sul fatto che la tecnologia moderna (internet) ci da modo di confrontarci, parlare, scambiare opinioni e..siatene realistici: ci confortiamo a vicenda, credo sia bello tutto questo, pur nella consapevolezza di dover condividere una neoplasia! Ognuno di noi, io per primo, ci specchiamo sulla situazione del "nuovo" arrivato..verifichiamo il gleason, psa, istologico, lo confrontiamo con il ns. personalissimo bagaglio di situazione e interagiamo, ci confrontiamo, ci aiutiamo vicendevolmente...carissimi amici, anche se non vi conosco personalmente, è come se fossi vostro amico da una vita, nella ns. triste vicenda (attenzione..ce ne sono di ben peggiori...attenzione!!)la comunicazione e la reciproca solidarietà è quanto di più bello e significativo si possa esprimere..magra consolazione direte voi..ma, pensateci, è così ed è estremamente significativo.

Qua troviamo modo di reagire, di restituirci alle ns. banalità quotidianee, di avere la forza di affrontare tutto quello che il destino ci riserverà...sono riflessioni che facevo nella mia mente e ho voluto condividerle con voi..!

Poi...si vabbè, il ns. fratellino non è più quello dei vent'anni, le punturine, i Viagra - Levitra e chi più ne ne metta..ma io sul piatto della bilancia metterei la sopravvivenza, si amici miei, non fatevene un cruccio se le sc..te non sono quell di un tempo, imparate a vivere il quotidianeo e le piccole soddisfazioni che ci da! Indubbio che dopo la prostatectomia a livello anatomico molte cose sono cambiate, rispetto tutti coloro che ne fanno il problema principale, ma...credetemi, vi prego, credetemi...in altre situazioni questo non è l'argomento prioritario bensì il sopravvivere e godersi giorno x giorno tutto quanto la vita ci riserverà !

Un abbraccio a tutti...godetevi la vita!

Fabrizio


ANTONIO59
Membro
Messaggi: 228
Iscritto il: lun 6 feb 2012, 17:33

Messaggio da ANTONIO59 » gio 10 ott 2013, 14:20

Cari amici, rieccomi dopo una lunga assenza...ma il contatto con il forum l'ho sempre tenuto....semplicemente ho preferito così...

In settembre l'ultimo controllo PSA ha dato come valore < 0,04,per cui sono abbastanza tranquillo, dico abbastanza perchè come sapete tutti, non bisogna mai abbassare la guardia.

Condivido in pieno le parole di Fabrizio, chi ha letto di me nei post precedenti lo sa, ho sempre dato la priorità al "vivere", però....cari amici ,non tutti i giorni sono uguali.

Il vivere quotidiano, il lavoro, la famiglia, le preoccupazioni, ci "aiutano" in qualche modo a tenere lontano il pensiero, "quel pensiero"...a volte però non basta. Le pulsioni, il desiderio ,la voglia di sentirsi "normali" prendono il sopravvento ed è lì che ci sentiamo vulnerabili e fragili.

Le variabili di comportamento poi, a mio avviso, sono diverse per ciascuno di noi.

C'è l'età, c'è il carattere, c'è il "pregresso" ovvero che tipo di vita si conduceva prima..

E' del tutto ovvio che la cosa più importante è sopravvivere e che c'è davvero di peggio intorno a noi,però permettemi di dire che a volte è difficile accettare la situazione.

Vi saluto


 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Tumore alla prostata”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite