Tumore alla prostata

Paolo65
Membro
Messaggi: 26
Iscritto il: mer 9 gen 2013, 1:17

Messaggio da Paolo65 » ven 1 nov 2013, 3:38

Buonasera a tutti i frequentatori del forum. Anche a quelli che, proprio come me, scrivono pochissimo o mai. Senza dimenticare neppure coloro che leggono, apprendono, magari si divertono (si, avete visto bene, si divertono) ma non "parlano" mai.

Ma stasera, perdonatemi, devo dire la mia, sperando di non conferire tristezza a nessuno, non è il mio fine. Qualora invece ciò dovesse accadere, mi scuso mille volte con colui o coloro che avessero metabolizzato le mie quattro baggianate a tal punto ed in modo da minare la loro (spero raggiunta) tranquillità. La mia seguente esternazione, seppur votata da una rabbia e da un rancore incessanti nei "riguardi" di un destino beffardo che ha voluto fornirmi un'induzione alla riflessione, magari una sveglia da un torpore esistenziale al quale forse mi ero lasciato andare, vi assicuro che non ne sarà da loro influenzata. Ciò che dirò, forse annunciato da un pizzico di melassosa solennità, non vuol ovviamente significare che debbano metaforicamente rullare i tamburi nelle vostre orecchie, durante la lettura delle mie sciocchezze. Vengo ora al dunque, rivolgendomi soprattutto al "nuovo compagno di trincea" tale Mauribis. Caro Mauribis, a me l'anno scorso, dicembre 2012, dopo un anno di perdite di tempo, a sentire puttanate patentate di un urologo del sassarese, a seguito di biopsia, mi è stato detto di essere portatore di un gleason 3+3. Dopo, un augusto e CONOSCIUTISSIMO, ripeto CONOSCIUTISSIMO urologo che opera nella città di Milano, a seguito di sua palpazione alla mia ex prostata (ha preteso la somma di euro 250,00 - euro duecentocinquanta), nonché a seguito di lettura del mio personalissimo referto bioptico con gleason 3+3, mi aveva detto di stare tranquillo, CHE ADDIRITTURA POTEVO ATTUARE LA FATIDICA VIGILE ATTESA!!!!!!!! Io, conoscendo la mia incredibile sfortuna (non mi riferisco "solo" al tumore alla prostata, ma anche ad assurdi accadimenti vitali che rasentano il grottesco e il fantasioso), non mi sono fidato e sono andato da un altro urologo meneghino (anche lui comunque mi aveva detto che mi avrebbe guarito?!?!?!) che ha deciso di operarmi, da lì ad un mese. Il referto istologico finale recita che, nonostante ci si sia allargati un po' a sinistra (è un tumore comunista il mio), un margine operatorio è positivo!!! Certo, non ho bisogno per ora di alcun medicinale per l'erezione, non lamento incontinenza, ma, la parte più importante, cioè quella oncologica dalla quale non sono guarito, cosa mi riserverà????? Certo caro Mauribis, vi sono pure nostri "colleghi" che alla biopsia presentano un gleason 4+4 e il loro tumore se la dorme, prima di valicare il famoso confine prostatico, permettendogli una guarigione pressoché certa, ma io, che ho il deretano solo per defecare e non per avere un briciolo di fortuna, con un tumore maledetto che è voluto nascere ai bordi, per poi subito andarsene a girovagare per il mio corpo da 48enne, rendendo (spero proprio di no) vana ogni corsa terapeutica effettuata a riguardo, se avessi ascoltato il CONOSCIUTISSIMO benché esimio professore di Mediolanum........cosa sarebbe successo? brrrrrrr....... Di nuovo scusa a tutti, tanto non preoccupatevi, ognuno ha una storia a sé. Ciao


Avatar utente
Fabrizio55
Membro
Messaggi: 152
Iscritto il: sab 19 mag 2012, 3:13

Messaggio da Fabrizio55 » ven 1 nov 2013, 4:04

Paolo65..scusa ma ti leggo con difficoltà! Non perchè tu non riesca ad esprimere correttamente le tue impressioni ma perchè...francamente..NOn ti capisco! Massima solidarietà per quelle che sono le vicissitudini arcane concomitanti della tua vita, per carità, ma per quanto riguarda la tua malattia prostatica..che dire. I mostri sacri della medicina sappiamo benissimo di che pasta sono fatti, ma in sostanza a priori e con una semplice palpazione prostatica non avrebbero mai pronosticato un tumore confinato a sx e infiltrante la capsula..o no. Non voglio difenderli, ma nemmeno accusarli di incapacità..poi l'esame istologico e la reale estensione del tumore sono dati di indagine imprescindibili da qualcunque valutazione sommaria di visita anche se da € 250...Non ci dici il psa d'esordio, ma un gleason 3+3 non è così bastardo e NON è detto, come tu pessimisticamente supponi, che sia già a girovagare per il tuo corpo...avrai fatto anlisi di linfondi, vescichette seminali e se questi sono negativi è assolutamente improbabile (pur con il margine positivo...focale?) che tu sia già invaso dal tumore...dai rasserenati! Avrai fatto anche un psa post intervento..se prossimo allo 0,01 sei già a metà dell'opera...e allora? Dai, calma, purtroppo qua in questo forum, se lo hai letto attentamente, avrai notato situazioni molto, ma molto peggiori della tua...a titolo statistico ti dico che , nella tua situazione, hai circa l'85% di probabilità di sopravvivere a 15 anni alla tua patologia tumorale...ovvero è più facile che muori di vecchiaia.

Un salutone e tranquillizzati.


topote
Membro
Messaggi: 174
Iscritto il: ven 23 mar 2012, 21:13

Messaggio da topote » ven 1 nov 2013, 15:50

Caro Fabrizio55 voglio sperare che Giuseppe Laisa .... l'abbia fatto in senso benefico ed altruista, in caso contrario (e spero che mi LEGGA) voglio tanto sperare di portarglielo io da Cuba perchè gli servirà moltissimo (e non so se gli basterà......).

Il mondo metà è da vendere e metà da comprare, tante volte qualcuno lo fa disonestamente.....

Viva la FEDE e la correttezza!!!!!!


mauribis
Membro
Messaggi: 7
Iscritto il: mar 22 ott 2013, 15:47

Messaggio da mauribis » ven 1 nov 2013, 15:59

Grazie di nuovo per la tua risposta fabrizio si vede che sei al dentro della materia, questo mi fa stare relativamente calmo,infatti devo prendere una decisione e ti assicuro sono molto indeciso sul da farsi;intanto ho la possibilita' di farmi operare da 2 dottori che sembrano saper fare il loro mestiere in quanto uno luminare in robotica l'altro testato da mia cugina (anestesista )che me lo ha consigliato vivamente per la manualita' indiscussa sempre in robotica .l'alternativa e' proprio quella che tu mi prospetti data da un'altro mio parente direttore generale di un ospedale che consultato mi dice che devo stare calmo e di non agire che i chirurghi vogliono togliere perche' fanno il loro lavoro.sono 5 mesi che ho scoperto il psa alterato a 5 e che rimane li fermo a tuttora,la cosa che mi frulla in testa e' quella di eliminare con le conseguenze del poi,ma certo rimanere intatto ed aspettare,considerando che tutto funziona a meraviglia mi fa stare in apnea.ecco perche' la tecnica hifu...non capisco ma se andasse male(tra l'altro e' ripetibile)non potrei sempre fare la stessa cosa dopo cioe' asportare? saluti e grazie perche' sei qui insieme agli altri a darci consigli e farci sfogare.che non e' poco in questi momenti,almeno per me.


libeccio
Membro
Messaggi: 91
Iscritto il: ven 20 gen 2012, 22:58

Messaggio da libeccio » ven 1 nov 2013, 20:57

Ehilà. Finalmente qualcuno ravviva la discussione.... e che questo accada nei giorni deputati alla commemorazione dei defunti... è davvero singolare.
Mi riferisco alla discussione neta per quel strano post di tale GiuseppeLaisa. Concordo appieno con il proverbio citato da Topote. Io aggiungerei "Tante teste, tante idee, tanti sederi, tante chiappe". Ed anche questo: "Il bel tempo e la bella gente non stancano mai". Caro commentatore Giuseppelaisa, qui in questo forum , frequentato prevalentemente da persone che sono accomunate da una semplice verità: La paura di morire. Eh già caro amico, qui non sentivamo certo la mancanza e non ce nè bisogno di qualcuno che specula e perciò convincimi e spero vivamente che tu faccia parte e che condividi con noi il timore di cui parlavo. Se così non fosse, beh allora non credo che sia il posto per te.
Inoltre mi inserisco volentieri nella discussione iniziata da Paolo65 per ciò che attiene i dubbi e le incertezze sulla "SORVEGLIANZA ATTIVA", a cui dico subito che non è vero assolutamente che sia così sconosciuta. Io personalmente inizialmente alla diagnosi (ovviamente avvenuta con esiti istologici e certamente non con una sola visita medica) sono stato inserito in un programma simile (se perdi un pò di tempo a leggere i miei post vecchi ne troverai conferma). In italia ti informo che c'è un programma in itinere all'Istituto Nazionale Tumori di Milano ed oltre ad essere molto rigido perchè risponde a criteri stabiliti dal Ministero della Salute e da organismi Internazionali. (Il protocollo ha il nome Protocollo PRIAS SIUrO ITA e risale al 2009) Essenzialmente riguarda i soggetti con un rischio che non rappresenta una minaccia per lo stato di salute e che presentano tumori localizzati, a rischio molto basso e bassa progressione. (Per esser chiari pazienti con T1 - T2a e con non oltre il 10% di frustoli negativi).

Ad oggi, circa il 70% dei pazienti è ancora in trattamento, e ci rimane. Si parla quindi di 7-8 pazienti su 10. E questo poichè il tumore non ha modificato la sua stadiazione. Come si può immaginare l'utilità di questo è dettata dal fatto che questi soggetti (se reggono allo stress naturalmente) probabilmente non moriranno mai di tumore. I controlli a cui ci si sottopone sono rigidi (esame del PSA ed esplorazione rettale ogni 3 – 6 mesi; la biopsia prostatica). Nel mio caso, nonostante il così basso livello, a meno di unanno dalla diagnosi, è stata registrata una progressione del tumore e sono immediatamente uscito dal programma per essere sottoposto ad intervento con Da Vinci risolutivo e gli esiti attuali a distanza di 15 mesi li ho condivisi di recente con il forum.
Questo volevo dire sulla sorveglianza attiva.
Ciao a tutti


francoc
Membro
Messaggi: 24
Iscritto il: sab 18 mag 2013, 14:11

Messaggio da francoc » ven 1 nov 2013, 23:35

un saluto a tutti. la condizione di paziente mi è scomoda. a volte non ci penso proprio. poi mi sveglio e mi ricordo. e quasi non ci credo. e vado avanti così fra un risveglio e un torpore. non ci voglio pensare. ma di tanto in tanto torno a leggere.


ANTONIO59
Membro
Messaggi: 228
Iscritto il: lun 6 feb 2012, 17:33

Messaggio da ANTONIO59 » lun 4 nov 2013, 14:44

Per i frequentatori del forum....

Riguardo al fatto di comunicare in Privato condivido il vostro pensiero, ma è consigliato dai moderatori del Forum se non addirittura non consentito fare nomi di medici con recapiti telefonici . Per quanto riguarda il resto è ovvio che qualunque notizia possa essere utile ai "fruitori" di questo importante servizio vada resa pubblica.

Per Peppe 88....se non inserisci un titolo ai messaggi in privato non possono essere letti.


piccolina84
Membro
Messaggi: 137
Iscritto il: ven 28 giu 2013, 16:24

Messaggio da piccolina84 » lun 4 nov 2013, 18:15

Anche se non intervengo molto ultimamente presa da tante preoccupazioni per il mio papà,

vi leggo sempre e mi emozianate continuamente....

Per chi già lo sapesse, il mio papà ha 63 anni ed è affetto da carcinoma alla prostata non operabile, nel 2007 scopriamo il male, è stato curato con radioterapia ed ormonoterapia....Il male fu bruciato e il psa ritorno' nella norma...

GIUGNO 2013 : psa in rialzo, esami, risultato : il male si sta risvegliando, panico totale....Riparte l'ormonoterapia, per chi non lo sapesse, è una siringa al mese a base di ormoni per abbattere il testosterone che alimenta il tumore.....

A gennaio 2014 seguiranno nuovi esami, con controllo mensile del psa e visita dall'oncologo con i nuovi risultati....

Il nodo della questione è un altro, il ns.oncologo disse vicino a mio padre che doveva essere affiancato da un urologo, così ando' a visita da un urologo-oncologo dell'istituto tumori Pascale di Napoli che visitandolo e guardando gli ultimi esami gli disse che potrebbero esserci metastasi intorno alla prostata e che tra un paio di mesi dovrebbe fare la PET che il ns. oncologo non ci ha mai prescritto...e gli ha dato una cura totalmente diversa da quella del ns. oncologo....Mio padre che purtroppo andò solo, preso dallo spavento non gli disse che sta già facendo una cura ed è piombato, insieme a noi figli, nello sconforto piu' totale perchè non sappiamo cosa fare...Ora abbiamo telefonato il ns. oncologo stamattina e abbiamo preso un appuntamento per sabato 9 novembre perchè siamo del parere che dovrà conoscere cio' che l'urologo gli ha prescritto...

Siamo a un bivio, non sappiamo quale strada seguire, abbiamo fiducia nel ns. medico

ma abbiamo anche qualche "ma e se" nella testa e temiamo sempre piu' per ns. padre.......Qualche parere, consiglio?

Ringrazio tutti, soprattutto chi mi leggerà e vorrà rispondere, scusate se mi sono dilungata...Sapete tutti che calvario affrontiamo oggi giorno nel combattere questo mostro...sono disperata...sento che stiamo perdendo ns. padre....che il male stia vincendo.... daniela


 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Tumore alla prostata”