Tumore alla prostata

giorgio_2013
Membro
Messaggi: 18
Iscritto il: sab 9 nov 2013, 22:03

Messaggio da giorgio_2013 » lun 18 nov 2013, 1:44

Ernestus

Libeccio
Beati voi....buon appetito.


Avatar utente
ernestus
Membro
Messaggi: 365
Iscritto il: gio 20 set 2012, 16:07

Messaggio da ernestus » lun 18 nov 2013, 2:49

gianni non essere disperato.cè sempre l'intervento tipo BERLUSCA.


ernesto62
Membro
Messaggi: 110
Iscritto il: dom 17 nov 2013, 20:52

Messaggio da ernesto62 » lun 18 nov 2013, 5:09

Ragazzi .. Grazie .. grazie delle vostre parole Natale 55 e Libeccio. purtroppo vorrei tutti noi non ci trovassimo in questa situazione... .Ma , la vita e' anche questa. Nella mia vicenda inziata Martedi 12 Novembre 2013 , questi pochi giorni mi ha fatto vedere la vita sotto aspetti che prima erano sfumati..... ho pero' delle perplessita' : Nell'ospedale in cui e' nata questa vicenda, se da un lato devo rimgraziarli per avermi scoperto il male tramite biopsia, dall'altro ho preso una teribile paura e la cosa è stata gestita dal punto di vista piscologico nei miei confronti direi poco felice: Dopo aver fatto il colloquio con il primario, Egli mi ha messo una paura addosso come se, da un momento all'altro ci possa lasciare la pelle.Tanto è vero la stesa mattina del ricevimento per l'esito dell'esame istiologico mi si è detto che il rischio una cellula tumorale possa entrare nelle ossa e' una corsa contro il tempo. Morale; Subito varcato la porta del suo ufficio di corsa a fare i prelievi del sangue , radiografia toracica, esame elettrocardiogramma... scheda anastesista.. e in ultimo .. Scintografia , per operarmi Giovedi........E dire che, a Gennaio dello stesso anno la visita presso lo stesso ospedale dall'Urologo , questt'ultimo mi aveva fatto una ecografia transrettale e risulto' a suo dire solo un ingrossamento del lobo destro ma senza rilevare tracce di formazioni di tumore....dopo di che la prenotazione per una ulteriopre visita fatta a Settembre e da li la richiesta della Biopsia dopo visita tattile dall'Ano. E ora mi si dice po' che sono in una corsa contro il tempo..... Non credete abbiano esagerato? Infatti l'altro Urologo di Peschiera del garda che ho contattato al tel e che ho spedito per fax tutta la documentazione mi ha detto di stare tranquillo. Ragazzi.. che spavento che ho preso...... Mi hanno fatto intendere che il rischio di entrare in metastasi è alto A sentire quelli dell'Ospedale per me, ero gia' spacciato o quasi. Inoltre la mia compagna , quando io ero nei reparti a fare i vari esami , ha richiesto con gli uroligi che volevano operarmi un colloquio e da qui' è emerso hanno messo in evidenza delle contradizzioni.In un primo colloquio, infatti mi si sopiegava che mi avrebbero preservato l'erezione per assicurarmi una vita relazionale ancora valida. Poi a loro dire , dopo pochi minuti ricredersi perche' il lobo destro compromesso , con il rischio di aver il nervo Sparting( si chiama cosi' quello che permette il flusso sanguineo al pene? ) anche del lato sinistro forse con il 50% di salvezza. Insomma.. disperazione totale da parte mia a questa notizia nell'arco di poche ore. Prima un tumore.. poi l'operazione di urgenza, senza perder tempo, poi la notizia che basta una molecola solo che esca dalla capsola e sei fottuto per sempre. Infine la forte possibilita' di perdere anche l'erezione Per fortuna la telefonata con l'altro Urologo di Peschiera del Garda e, Dio.. mi sono sentito piu' sereno seppur non e' facile accettare sapere che dentro hai una schifosa e maleddetta cosa..... Potessi debellarla lo farei anche entrando dentro me stesso e combatterla a calci in culo. Cosi' come vorrei aiutare tutti voi.. Mettiamoci nelle mani di Dio e da questi agli uomini giusti affinche' possiamo rivivere la nostra vita che e' il dono piu' grande e la vera ricchezza..... Invece a tutti quelli che stanno attraversando il periodo post operatorio vi dico forza ragazzi, vi sono vicino.. e vi abbraccio tutti.. Ce la faremo tutti... e anche io ce la faro'..... perche' Dio ci ha dato la vita e lui non permettera' che un male cosi subdolo possa portarci cio' che lui ci ha donato .Se pensiamo cio', sono sicuro , ce la faremo tutti. vI abbraccio tutti con tanto affetto


topote
Membro
Messaggi: 174
Iscritto il: ven 23 mar 2012, 21:13

Messaggio da topote » lun 18 nov 2013, 5:46

Caro Ernesto62, sei sulla strada giusta in tutti i sensi. Continua così e ricordati che l'erezione è (per me "era") una cosa bella; ma sapere che con l'intervento hanno PULITO TUTTO è (e sarà) ancor più bello. Visto che le vuoi prendere "a calci in culo", non aver timori a pensare alla menomazione futura, ci sono tante altre cose di cui potrai godere.. il sesso gradatamente passerà in second'ordine.

Per tutti invece chiedo: perchè consideriamo sempre il "cielo aperto" e il "Davinci" quando invece esiste un'ottima possibilità intermedia che si chiama "laparoscopia manuale" Guardate che anche in questo modo in Italia esistono dei "maghi" (non da ultimo quello di Peschiera). Questi maghi del Davinci si sono "costruiti" sulla laparoscopia manuale e l'operazione in laparo consente una valutazione anch'essa approfondita "seonco per secondo" in base alle situazioni ed iai tessuti che man mano il chirurgo tocca. Vi dico cosìperchè dal mio chirurgo (nord Italia) arrivano molte persone anche dal Sud, spesso rinunciando al Davinci. Comunque auguro a tutti di proseguire con tanta salute, serenità e... speriamo poca DR, ma va bene ugualmente.


ernesto62
Membro
Messaggi: 110
Iscritto il: dom 17 nov 2013, 20:52

Messaggio da ernesto62 » lun 18 nov 2013, 12:08

Ragazzi, siete fantastici. Ho scoperto ieri il forum e, l'umanita' che si ricolma in voi è un vero toccasana nei miei confronti.... Ripeto, da martedi a Giovedi, fino a che l'esito della Scintigrafia è stato negativo, ho vissuto i giorni piu' brutti della mia vita.Per fortuna ho avuto a me vicino i miei parenti familiari e, in special modo la compagna. Pero' voi siete piu' esperti di me, che fino a solo meno di una settimana fa' io ne sapevo niente sulla prostata e la relativa malattia....Ebbene, voi appunto che ne sapete di piu', visto il porsi degli urologi dell'Ospedale con una prognosi molto severa nei miei confronti, parlando di" corsa contro il tempo" , posso stare tranquillo? Ovviamente senza dormirci su'!!!!Venerdi ho il colloquio con l'altro Urologo. Quest'ultimo mi ha detto di stare piu' sereno poiche' il " focolaio" e' dentro .Ma a sentire il Professore dell'Ospedale di Palermo sembra che da un momento all'altro il tumore si possa espandere anche nelle ossa..... Riporto l'esito dell'esame Biposia fatta il 30 ottobre 2013 :
Adenocarciroma prostatico scarsamente differenziato

grado di Gleason combinato = 7 (3+4)

Area interessata il 50% nella sez A1 e meno ndel 5% nella sez A2.

Necrosi neoplastica assente.

Si osserva focaia invasione neoplastica dei linfaciti perineurali.

Reazione linfocitaria peritumorale: Lieve

I rimanenti cilindri di parenchima prostatico (A3, A4) sono indenni.
Cilindri di parenchina prostatico esenti da localizzazzione neoplastica.

Presenza di PIN "HI GRADE"
Valori del Sangue; PSA 5,02

PSA Freee 0,32
Ragazzi, ci capite qualcosa in piu' di me? Lo so' che Venerdi avro' la risposta dall'Urologo , ma se sapessi qualcosa in piu' ve ne sarei grato. In ospedale, scusate se insisto su questa cosa mi hanno lasciato intendere piu' volte, seppur non detto a chiare lettere di esser in pericolo di vita gia' da adesso , quindi il mio stato d'animo non è certo molto tranquillo.Pero' grazie a Dio, forse hamno esagerato. Ora la mia domanda è: Nelle condizioni attuali, tenendo conto che a Gemnnaio avevo fatto una ETG rettale e il medico non mi ha riscontrato tumore( almeno a suo dire) da come mi dite per ora non rischio la vita , giusto?

Qui' al Sud , purtroppo ho capito è difficile trovare grandi chirurghi...... e sinceramente nonostante la grande paura che mi hanno messo , forse è stato meglio per me, poiche' in questo modo mi si sono aperte altre soluzioni piu' efficaci con professionisti piu' serrati. Per quanto oggi, l'intervento alla Prostata è una operazione non gravosa dal punto di vista scientifico e medico, per noi lo è .Ed è importante non solo salvarsi la vita , ma come giustamente dice l'amico Libeccio, e' altrettanto importante il dopo dell'operazione. Siamo uomini ..... non macchine. e sesso o non sesso conta il fattore pscologico, specie anche in relazione all'eta' con la quale e' ancora maggiormente proporzionale.

Ok! Per ora mi urge sapere, pero' se sono in umo stato molto molto rischioso. A parere dell'Ospedale della mia citta' si! Voi che mi sapete dire? Mi fido!!!! Cavolo, chi, meglio di voi che ci siete da piu' tempo( ahime!, purtroppo) in questa situazione puo' darmi delucidazioni? Grazie a tutti carissimi amici.Vi voglio bene


ANTONIO59
Membro
Messaggi: 228
Iscritto il: lun 6 feb 2012, 17:33

Messaggio da ANTONIO59 » lun 18 nov 2013, 14:26

Ciao Ernesto, purtroppo ,seppure "esperti a malincuore", non siamo medici. L'unica cosa che possiamo fare è raccontarti la nostra esperienza, ma credo ce l'ultima parola spetti sempre al medico e naturalmente "A TE".

Ho scoperto il mio "amico" a 51 anni,proprio come te e proprio come te per caso, due anni or sono.

Ovviamente mi prese il panico ed ero disperato. La mia "decisione" fu di togliere il tumore quanto prima.Non conoscevo ancora nè il forum nè tutti gli amici del forum.

A novembre scoperta del male, il 7 dicembre fui operato in "OPEN", tutto bene, ho fatto la radioterapia e adesso vado avanti con caverjet (le famose punture) per avere "una vita normale"...

Cosa posso consigliarti? Prenditi del tempo , ovviamente non tanto, valuta per bene le possibilità, ascolta più di un medico, verifica gli ospedali più accreditati per il tipo di intervento da fare e non lasciarti intimorire dalla distanza.....Tutto poi passa.

E' vero, la vita avanti ad ogni cosa, ma "TU AVRAI UNA VITA ANCHE DOPO...E LUNGA...PERCIO' FA CHE QUESTA VITA , SIA DAL PUNTO DI VISTA QUALITATIVO LA MIGLIORE POSSIBILE"....ovviamente e compatibilmente con il problema da affrontare.

Ti faccio i miei migliori ed affettuosi auguri


libeccio
Membro
Messaggi: 91
Iscritto il: ven 20 gen 2012, 22:58

Messaggio da libeccio » lun 18 nov 2013, 14:35

Caro amico che vivi in una città favolosa,comprendo il tuo evidente stato ansioso che certamente cesserà non appena parlerai con un altro urologo, però qui nel forum non ci sono medici anche se siamo diventati esperti purtroppo. Io ti invito a contattare un centro e prenotare una visita. Non è raro che un urologo ti dica cose diverse dal precedente. È successo a me ma anche ad altri. Ciao


gianfpgn
Membro
Messaggi: 48
Iscritto il: mar 22 gen 2013, 19:45

Messaggio da gianfpgn » lun 18 nov 2013, 16:10

X Giorgio_2013.....tranquillo! Stessa mia identica situazione.... L'intervento a cielo aperto è preferibile proprio in questi casi come il tuo, come il mio! Non temere, l'unico fastidio in più è il post operatorio, ma nient'altro. Del resto se se lo stronzone è particolarmente esteso è necessario un intervento allargato per maggior sicurezza, anche a discapito dell'erezione!!!
X Gianni 64.....ti capisco!!! In un primo tempo è un problema al quale non abbiamo dato rilevanza in quanto la maggior attenzione era rivolta a sconfiggere il male. Un volta che ci sente più tranquilli il problema della DE emerge. Anche per me nessuna iniezione è servita ma, come ti è stato già suggerito, esistono altri sistemi. Se vuoi ne possiamo parlare.
X Ernesto62 ........Tranquillo Ernè, stesso Gleason e stesso PSA con in più una metastasi in un linfonodo....a 53 anni. Operato a cielo aperto intervento "allargato", radioterapia e dulcis in fundo, quasi 2 anni di terapia ormonale. Inutile dirti che sul tavolo operatorio ho lasciato quella cosa molto cara a noi maschietti, ma a distanza di quasi 5 anni sono ancora qua!!!!! Mangiati un bel cannolo da parte mia!!!!!!
X Leo....un salutone enorme a te e ......un abbraccio a Rosy! :)
Un affettuoso saluto a tutti!!!!!!!!


ANTONIO59
Membro
Messaggi: 228
Iscritto il: lun 6 feb 2012, 17:33

Messaggio da ANTONIO59 » lun 18 nov 2013, 16:46

Gentile Moderatore, grazie infinite per la risposta.

Tuttavia, forse a causa del msg troppo lungo,non riesco a leggere l'ultima parte che chiarisce la nota 75 relativamente ai farmaci in fascia C.

Con riconoscenza ,saluto cordialmente


ernesto62
Membro
Messaggi: 110
Iscritto il: dom 17 nov 2013, 20:52

Messaggio da ernesto62 » lun 18 nov 2013, 18:03

Ragazzi un grazie a tutti veramente.In particolare ad Antonio , Libeccio, el'amico che si firma nel suo Nik Gianfpgn.

Tutti voi date un senso di umanita' che mi da' ristoro almeno nel morale.....

Avete ragione; Non siamo medici noi.. Pertanto ognuno puo' dare un parere che si avvale delle proprie esperienze, ma vi assicuro, per certi aspetti è una cosa che colpisce di piu' dei pareri tecnici.E' chiaro che, come al pari di tutti voi che gia' ci siete passati, la voglia, l'ansia di sapere magari notizie confortanti anche in me è sempre pressante. Venerdi incontrero' questo Professore e da li' valutero' e avro' forse in modo migliore il quadro della situazione piu' chiara.cio' che mi fa paura( lo so'.. sono apprensivo come persona) è se posso aspettare due tre mesi di attesa in caso di operazione( anzi.. e' sicuro a questo punto, tranne un miracolo che devo toglier la Prostata )Dicevo..... la mia paura , installata dai medici dell'oSpedale in cui mi hanno fatto la Biopsia è relativa al fatto che sto focolaio possa uscire fuori da un momento all'altro. Il Prof di Peschiera Del garda mi ha detto fidarmi che non è a questo punto critico come invece sostengono gli Urologi di Palermo. Cè una cosa da considerare.A Palermo opererebbero con il Robot Da Vinci, mentre se vado a Peschiera Del garda , si opterebbe in via larascopica..... Di certo ho dei dati .. 50 interventi fatti in totale credo di aver capito all'anno con il Robot Da Vinci a Palermo.. e non so' invece quanto esponenzialmente maggio numero da questo Professore che Opera in Larascopia a Peschiera.Si parla di 1600 interventi laparascopici prostatici e in totale 4000 interventi laparoscpici generali..... In pratica un Guru nel campo.. Ecco.... Venerdi' aspetto con ansia il colloquio con quest'ultimo e gia' al tel seppur un minuto di chiaccherata mi ha tranquillzzato che questa urgenza dimostrata dall'Ospedale di Palermo è stata esagerata. Resta in me pero' non essendo io un medico, e, quindi non consapevole totalmente della situazione , avere una paura della Madonna.. Vabbe? Dai! Forza e coraggio, Rimbocchiamoci le maniche e affrontiamo questa situazione.Pesante, ma affrontiamola....


 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Tumore alla prostata”