Tumore alla prostata

paola51
Membro
Messaggi: 514
Iscritto il: gio 6 mag 2010, 15:08

Messaggioda paola51 » dom 19 gen 2014, 16:16

@apis io invece capisco questa scelta: quando sto male, male sul serio, non voglio nessuno. Anche mio padre era cosi'. Il motivo e'semplice: non voglio che la mia famiglia si preoccupi, vorrei tenerli (per quanto riguarda me, la mamma) sotto una campana di vetro nella quale non penetrano le brutte notizie. Se invece c'e' da invitarli a cena o da festeggiare qualcosa li tartasso finche' non ci mettiamo d'accordo sul giorno e l'ora. Voglio condividere con chi amo solo le cose belle. Capisco razionalmente che forse e' sbagliato ma emotivamente non mi riesce proprio. Paradossalmente in quei casi mi trovo piu' a mio agio con estranei. Giusto per dire che questo atteggiamento e' abbastanza diffuso anche se e' una minoranza. ciao a tutti amici carissimi del forum


raggiox
Membro
Messaggi: 35
Iscritto il: mar 19 nov 2013, 16:42

Messaggioda raggiox » lun 20 gen 2014, 17:41

Amici, ho iniziato da circa 20 giorni la terapia ormonale e per il momento non ho notato effetti collaterali importanti, forse un po di stanchezza. Volevo chiedere a chi ci è già passato se il peggio deve ancora arrivare o se si sarebbero già dovuti presentare questi effetti collaterali ( per es vampate, sudorazione influenza sull' umore ecc. ). Io assumo casodex 50 e enantone. Grazie buona giornata.


Apis
Membro
Messaggi: 35
Iscritto il: sab 7 dic 2013, 22:26

Messaggioda Apis » lun 20 gen 2014, 22:01

Ciao a tutti,

rieccomi per ringraziare Paola e Auderesemper, per il loro interessamento al mio caso. Preziose anche le loro riflessioni che mi aiuteranno in quella che sarà la mia decisione finale.

Sono sempre in attesa della "chiamata". Nel frattempo il 27 Gennaio, dietro consiglio del mio urologo, dovrò sottopormi ad una tac con contrasto, mentre il 3 Febbraio mi aspetta una scintigrafia. Questo per fissare un punto fermo pre operazione.

Vorrei condividere con voi il percorso da me fatto sinora e riguardante il solo valore PSA.

Settembre 2013 esame Psa 3,88, più alto di quello rilevato nell'agosto del 2012 ... 3,17.

Questa differenza mi ha portato ad approfondire, quindi....esplorazione rettale, ecografia, biopsia che ha diagnosticato l'adenocarcinoma 3+4 e, in quella occasione, il psa rilevato è risultato essere pari a 3,78.(Novembre 2013)

Psa rilevato nuovamente il 15 gennaio 2014; valore 3,71.

Ma il PSA non è da considerarsi normale entro il valore di 4,00 ?????
Un abbraccio a tutti


ANTONIO59
Membro
Messaggi: 228
Iscritto il: lun 6 feb 2012, 17:33

Messaggioda ANTONIO59 » lun 20 gen 2014, 23:05

Evidentemente il solo valore risultante dalle analisi, pur rientrando nei limiti, può non essere sufficiente.

Il tuo caso lo dimostra...valore nei limiti (non conosco la tua età) immagino una 50ntina.......

Per fortuna i medici hanno approfondito ....se ti fossi fermato lì....al PSA nei limiti ,intendo, la situazione si sarebbe complicata ancor di più....invece sai che c'è un problema che affronterai e supererai con successo...

Colgo l'occasione per comunicare che il 17 u.s. anche mio fratello ha fatto l'intervento... per ora tutto ok....per i dettagli aspetto l'esito istologico.

auguri a te caro APIS ed un caro saluto a tutti


libeccio
Membro
Messaggi: 91
Iscritto il: ven 20 gen 2012, 22:58

Messaggioda libeccio » mar 21 gen 2014, 1:42

Ciao Antonio. Un grande in bocca al lupo per tuo fratello ed un abbraccio a te.


fumarz54
Membro
Messaggi: 20
Iscritto il: mar 24 dic 2013, 0:34

Messaggioda fumarz54 » mar 21 gen 2014, 2:49

E' passato un mese esatto dalla notizia (gleason 3+3 psa 9,70). Oggi ho fatto la TAC con liquido di contrasto e giovedì' scintigrafia. L'urologo mi aveva proposto la sorveglianza attiva, mi sa che era stato un po' ottimista, le analisi propedeutiche agli esami hanno evidenziato un psa salito a 13. i primi di febbraio altro consulto e poi penso intervento in robotica. Grazie a tutti, i post mi sono stati di notevole aiuto, in particolare alle persone che poi ho contattato direttamente. Vi terro' informati e saluti a tutti.


Avatar utente
Ilconter
Membro
Messaggi: 26
Iscritto il: dom 10 nov 2013, 0:49
Località: Marche

Messaggioda Ilconter » mar 21 gen 2014, 3:32

Buona sera a tutti, mio marito ha scritto su questo forum qualche settimana fa. Ci siamo, domani si opera a cielo aperto, la robotica per noi non è possibile. Ha solo 45anni. La vita ci è cambiata travolgendoci totalmente. Non so come aiutarlo, vorrei fare tanto ma sento impotente. Vorrei tranquillizzarlo come posso fare.


Avatar utente
Fabrizio55
Membro
Messaggi: 142
Iscritto il: sab 19 mag 2012, 3:13
Località: Ancona

Messaggioda Fabrizio55 » mar 21 gen 2014, 4:03

Il conter..in bocca al lupo! se ti operi dove mi dicevi in PM sappi che sei in ottime mani, di meglio in Italia non c'è..vai sereno!


francoc
Membro
Messaggi: 24
Iscritto il: sab 18 mag 2013, 14:11

Messaggioda francoc » mar 21 gen 2014, 13:25

ciao gruppo


francoc
Membro
Messaggi: 24
Iscritto il: sab 18 mag 2013, 14:11

Messaggioda francoc » mar 21 gen 2014, 13:38

riprendo l'argomento della solitudine nella malattia. o meglio dell'affrontare da soli senza pesare troppo su chi è intorno. difficile. improbabile fare tutto da soli. però mi domando come ci riesce chi ce la fà. dopo una serie di avversità la mia famiglia si è ridotta al piccolo nucleo di noi 3 , io mia moglie e mia figlia. dopo l'operazione mi sono state vicino , ma vedo che soffrono. vorrebbero dimenticare , pensare positivo ma sopratutto ad altro. adesso che devo riprendere cure e accertamenti vorrei essere meno esigente, far da solo, nascondere. ma come si fa? io sono forte ma ...... nascondere o rivelare la mia fragilità a loro che sono altrettanti fragili?



 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Torna a “Tumore alla prostata”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 2 ospiti