Tumore alla prostata

Avatar utente
poldo59
Membro
Messaggi: 40
Iscritto il: lun 6 gen 2014, 6:01

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da poldo59 » gio 11 dic 2014, 23:51

una buona serata a tutti
caro Fabrizio55
il mio istologico biopsia pre-intervento data 04/09/2013 e recita "Gleason score 6 (3+3) infiltrante il 30% con psa 4,61 e diagnosi adenoK prostata
operazione a "cielo aperto", prostatectomia radicale con asportazione vescichette, dotti e margine laterale del collo vescicale
l'istologico post-operatorio parla di Gleason score 7 (4+3) infiltrante entrambi i lobi ma con focale superamento extracapsulare sino al margine di exeresi (taglio). Esenti vescichette e margine vescicale. pT3a.

Col senno di poi avrei potuto prender tempo e cercare altri specialisti, solo dopo ho conosciuto AIMAC!
Ma oggi sono contento di aver chiuso quel conto.
Devo ricordarmi ogni tanto gli esercizi per la tenuta idraulica perfetta e devo periodicamente ricercare l'aiutino del cialis 5mg
Si sa che il controllino va portato avanti sempre, ma ho da voi imparato che con questo male si può convivere ma consapevolmente.

Auguri a tutti noi e pure a me di non schiattare di stress lavoro correlato.
Buon Natale ad ognuno di voi

bonnyprimo
Membro
Messaggi: 42
Iscritto il: dom 4 dic 2011, 17:30

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da bonnyprimo » ven 12 dic 2014, 22:27

un caloroso augurio di Buon Natale e Felice Anno Nuovo da bonny

Webonline
Membro
Messaggi: 12
Iscritto il: gio 11 dic 2014, 5:51

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da Webonline » sab 13 dic 2014, 7:11

Carissimi,
Mercoledì devo fare la risonanza magnetica MULTIP.
Con il mio psa a 5 a 54 anni vivo l'attesa con tanta anzia .. Non dormo più e leggo sempre questo forum.

È sicuramente un Natale diverso triste, malinconico, insonne.....

Un abbraccio

ANTONIO59
Membro
Messaggi: 228
Iscritto il: lun 6 feb 2012, 17:33

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da ANTONIO59 » sab 13 dic 2014, 10:51

Caro amico Webonline....stai sereno ....se è vero che leggi sempre questo Forum dovresti aver capito che il "nostro amico" è meno aggressivo di tanti altri...è già una fortuna !!!
Tutto si risolverà, devi avere pazienza e fiducia....
Cerca , se puoi, di stare per un pò lontano dal Forum....soprattutto in questo periodo.
So che è difficile, ci siamo passati tutti, ma affliggerti prima del dovuto mi sembra inutile.
Vivi serenamente il Natale con i tuoi cari e non ti abbattere.
Il mio amico l'ho scacciato via 3 anni or sono....certo non posso dirti che ritornerà tutto come prima, mentirei, ma come già detto nella sfortuna la fortuna
che ci è toccata la prostata...
un augurio a voi tutti cari amici di un sereno Natale e di uno splendido 2015.
Antonio

Webonline
Membro
Messaggi: 12
Iscritto il: gio 11 dic 2014, 5:51

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da Webonline » sab 13 dic 2014, 11:11

Grazie Antonio .... un sereno Natale .... In effetti è difficile stare lontani dal forum... Un abbraccio .

maddalena
Membro
Messaggi: 850
Iscritto il: mer 11 giu 2014, 15:05

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da maddalena » sab 13 dic 2014, 15:43

Innanzitutto è doveroso un saluto , ciao. Ogni tanto vengo a leggere i vostri problemi anche se argomenti patologici maschili. Leggendo il consiglio dato da Antonio59 a Webonline59, dove gli dice di stare lontano dal forum per un pò , mi e balzata alla mente la stessa frase, identica ,che mi han suggerito sia la psicologa che la psicoterapeuta. Ma come si fa a stare lontano da tutti ,dalle esperienze che vengono raccontate, informazioni su centri specialistici idonei per certe patologie, condividere paure, è come restare isolati da persone che han tanto da dire e ti aiutano, chi ci è passato ha convissuto e ce l'ha anche fatta e amareggiata, a dirlo, chi no purtroppo. Alle sedute che frequento mi dicono che mi faccio del male e che per me tutto questo è un ossessione e non guarirò mai da questa depressione e finche mio marito ha nel corpo questo invasore forse cosi non guarirò è troppo un colpo del cosi grande , sempre li in attesa che succeda l' irreparabile per lui , lui che affronta alla grande ogni giorno nuovo , si in realtà è cosi ma se io dovessi staccare dal forum sarei meno consapevole di tutto quello mi circonda meno notizie su ciò che comporta la malattia di mio marito ,le cure ect., Il conforto che sento leggendovi un po' di speranza , la vostra compagnia e la mia famiglia. Un caro saluto Maddalena.

Webonline
Membro
Messaggi: 12
Iscritto il: gio 11 dic 2014, 5:51

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da Webonline » sab 13 dic 2014, 16:37

Maddalena,
Antonio ha ragione ma io sono sempre qua e abbraccio te e tuo marito che è così forte... Beato lui.
Un caro saluto.

maddalena
Membro
Messaggi: 850
Iscritto il: mer 11 giu 2014, 15:05

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da maddalena » lun 15 dic 2014, 0:11

Grazie Web. , mi fa piacere.

ANTONIO59
Membro
Messaggi: 228
Iscritto il: lun 6 feb 2012, 17:33

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da ANTONIO59 » lun 15 dic 2014, 11:55

Mi riferivo prevalentemente a chi si accinge a fare l'intervento....siccome è capitato anche a me "TALE E QUALE"...
Prima di fare l'intervento credo sia necessario essere sereni e fiduciosi.
Riempirsi la testa di informazioni, di consigli, e quant'altro ,per carità sono senz'altro utili ma , a mio avviso, non nei giorni che precedono l'intervento .
Ovviamente la mia è un'opinione personale.

Avatar utente
mutilatoeinfelice
Membro
Messaggi: 34
Iscritto il: ven 12 dic 2014, 21:08

Re: Tumore alla prostata

Messaggio da mutilatoeinfelice » mar 16 dic 2014, 11:18

libeccio ha scritto:Un caro saluto a tutti gli amici del forum. Sono stato parecchio assente per lunghi impegni dovuti alle gare di ballo. E riparto fra qualche giorno. Ogni tanto guardo il forum anche dalla camera d'albergo all'estero e vedo con dispiacere nuovi amici colpiti anche in modo serio dalla sofferenza. Ma è proprio leggendo i loro post che ho deciso di fornire un contributo positivo se ci riesco.

E rispondo a webonline.

Sono passati piu' di 2 anni dall'intervento e con il valore del Psa sempre costante ogni tre mesi < a 0,01, comincio a dimenticare la malattia.

Leggo che sei interessato ad un centro e un urologo in Toscana. Io vivo sulla costa livornese e sono stato operato a Pisa

Mi ritengo ultra fortunato (ma credo che il merito sia senza dubbio del chirurgo). Ho interamente recuperato la sfera sessuale riportando l'apprezzamento alla vita a valori alti.

Non conosco la tua situazione (sia anagrafica che clinica) ma credo sia meglio incoraggiarti, fosse solotanto ad evitare l'ansia. Così è successo con me daltronde.

Questa la mia storia: Visita con l'urologo a Pisa a novembre 2011 e dopo un periodo di programma di sorveglianza attiva, operato a Pisa dallo stesso professore che mi ha visitato (ci mancherebbe altro) presso ospedale pubblico e con l'uso del Robot Da Vinci, a luglio 2012.

Mai avuto il problema della continenza (se non episodi di goccine nei primi giorni) e interamente recuperato il problema della DE.

Ed il merito è certamente della mano che ha condotto il robot... oltre che certamente alla tipologia del tumore che ha permesso di preservare i nervi, ma anche e nondimeno alla straordinaria semplicità e convinzione di chi mi ha operato e condotto nel post-intervento al recupero totale.

Per me e per tutti quelli che ho incontrato nelle sale d'attesa di questo straordinario uomo, una così tale presenza nel servizio sanitario italiano è davvero incoraggiante.

Dopo 15 gg. dall'intervento ho avuto il recupero totale della continenza.

Un po’ di più per la De.

A distanza di un anno (con una graduale e continua ripresa iniziando il cialis 20 mg. ogni tre gg. già dopo 30 gg. dall'intervento) il problema che assale, dopo l'asportazione del tumore e le ansie del pericolo di morte iniziali, è la ripresa della sfera sessuale, che è abbondantemente superato e da molto tempo non utilizzo piu’ alcun farmaco. Addirittura le confezioni che mi erano avanzate le ho regalate.


Nell'attesa delle decisioni che prenderai aggiungo che il miglior compagno di viaggio è l'ottimismo.

Con messaggi privati, ricordandoti di mettere obbligatoriamente l'oggetto, possiamo scambiarci ogni riferimento (nome dell'urologo, clinica, n. di telefono etc...).

A presto.
La mia esperienza -tragica - è estremamente diversa ed opposta. Alla fine del 2009 ho eseguito (nell'ambito di esami di routine, non mi pentirò mai abbastanza di averlo fatto, al PSA che risulta appena superiore a 4). Da qui inizia la discesa agli inferi. Avevo 57 anni (sono nato nel 1952) ed in perfetta salute. Va da se che mi hanno consigliato la biopsia prostatica. 1 frammento su 12 risulta positivo: Gleason 3+3. Leggo molto, moltissimo. Avrei fatto la sorveglianza attiva. Ma purtroppo sono stato per così dire "spinto" all'intervento. Una pressione insostenibile. Totalmente asintomatico, senza alcun disturbo... Ma i medici dicono " la tua aspettativa di vita è 85 anni e tu ne hai neanche 58; se avessi 70 anni ti consiglieremmo la radioterapia o anche la sorveglianza attiva... ma a questa età..." L'ospedale della mia città ha un'ottima urologia e avrei potuto scegliere questa soluzione per una prostectomia radicale come consigliatomi (ma è la parola giusta? Quasi obbligatomi). Ma io volevo "il meglio". Mi rivolgo ad un grande centro universitario dove c'era il robot Leonardo da Vinci. Volevo avere meno effetti collaterali possibili... e questo mi era stato assicurato. Vengo considerato "paziente ideale" per questo tipo di intervento e l'11 marzo 2010 (non dimenticherò mai tale data) vengo sottoposto a prostatectomia radicale robotica. Non l'avessi mai fatto. A parte il dolorosissimo postoperatorio (12 ore di intervento!) legato soprattutto alla improvvida legatura degli arti inferiori dato che l'intervento è eseguito a testa in giù e altri problemi che non staò a dire. Dopo l'intervento "nerving sparing" ho una incontinenza urinaria gravissima, totale. Mi dicono di avere pazienza 3 mesi, di fare la ginnastica di Kegel ecc ecc. Tutto inutile. Incontinenza totale è una invalidità che può immaginare solo chi l'ha provata. Depressione totale assoluta. Qualità di vita spaventosa. Ho pensato al suicidio ogni giorno. Dopo 1 anno di incontinenza totale mi viene proposto di mettere uno sling. Sono andato dall'urologo che l'ha inventato e con tutta franchezza mi ha dato 80% di possibilità. Questo presidio è spesso risolutivo nelle incontinenze leggere e medie. Non in quelle gravi. Ma naturalmente ho fiducia in questa persona. L'intervento (piuttosto pesante il post: non portare pesi, non fare certi movimenti, non andare in bicicletta...) riesce... ma per 2 mesi. Dopo ritorna l'incontinenza urinaria, dapprima minima, poi lieve, poi sempre più anche se fortunatamente la posso considerare "media". Mi viene riproposto un reintervento ma ho qualche perplessità. Intanto il problema della DE che nel primo anno non avevo neppure considerato causa la gravissima incontinenza urinaria si ripropone sempre più forte. Inutili le varie pastiglie (cialis, viagra, levitra) che mi danno solo effetti collaterali. Non mi sento di provare le iniezioni di prostaglandine. Inoltre il pene risulta di proporzioni dimezzate sia in lunghezza che in circonferenza. Una sensazione terribile. Mi sono chiesto se non valesse la pena l'impianto di una protesi ma sono comunque terrorizzato. Intanto sono passati quattro anni e mezzo. Mia moglie che non sopportava più l'astinenza sessuale, mi ha dapprima solo tradito e poi abbandonato. Sono solo, infelice, invalido, impotente. Avrei preferito subire l'amputazione di una gamba, mi sento molto più mutilato. Anche con una gamba sola sarei un uomo. Non passa giorno/ora/minuto in cui non desiderei essere scappato dall'ospedale la sera prima dell'intervento. E poi un tumore alla prostata è lento. nella mia famiglia nessuno ne ha mai sofferto. Non avessi fatto niente forse avrei avuto un'aspettativa di vita (teorica) minore, ma potrei morire comunqued'infarto o di altra patologia. A nessuno consiglierei mai un'esperienza come la mia. Maledico il giorno che mi sono sottoposto al PSA e non lo consiglierei a nessuno. Che vita è questa? I medici scrollano la testa e mi dicono solo " eh ma tu sei stato molto molto sfortunato". Maledetti tutti.

 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Tumore alla prostata”