Tumore alla prostata

ROSARIO
Membro
Messaggi: 4
Iscritto il: dom 21 nov 2010, 22:57

Messaggio da ROSARIO » mer 24 nov 2010, 5:07

GRazie a Kenf69 e Lillo

le vostre esperienze stimolano ottimismo e francamente ne ho bisogno.....

Spero quanto prima di raccontare com'è andata affinchè altra gente possa attingere ottimismo anche dalla mia esperienza . L'unica cosa che non riesco a comprendere è il fatto che i medici sostengono che la continenza è un problema risolvibile in tempi ragionevolmente brevi.... mentre per "ALTRO" ci vuole molta pazienza. Da quello che leggo mi pare di capire che la pazienza ci vuole per entrambi i casi e con tempi tutt'altro che ragionevoli... Comunque grazie.... a presto


ROSARIO
Membro
Messaggi: 4
Iscritto il: dom 21 nov 2010, 22:57

Messaggio da ROSARIO » mer 24 nov 2010, 5:14

GRazie a Kenf69 e Lillo

le vostre esperienze stimolano ottimismo e francamente ne ho bisogno.....

Spero quanto prima di raccontare com'è andata affinchè altra gente possa attingere ottimismo anche dalla mia esperienza . L'unica cosa che non riesco a comprendere è il fatto che i medici sostengono che la continenza è un problema risolvibile in tempi ragionevolmente brevi.... mentre per "ALTRO" ci vuole molta pazienza. Da quello che leggo mi pare di capire che la pazienza ci vuole per entrambi i casi e con tempi tutt'altro che ragionevoli... Comunque grazie.... a presto


liviomes
Membro
Messaggi: 8
Iscritto il: dom 25 lug 2010, 5:58

Messaggio da liviomes » gio 25 nov 2010, 7:13

ho subito anch'io la stessa operazione con il robot e ha distanza di due mesi e mezzo dall'operazione le cose cominciano ad aggiustarsi , pur non avendo patito nè l'operazione nè l'anestesia ho subito colpo morale ha causa dell'incontinenza .Adesso il problema inizia a risolversi ho ripreso ha lavorare e ha condurre una vita quasi normale sarà grazie agli esercizi di ginnastica pelvica ma sono passato dai 4/5 pan al giorno ad 1/2 di adesso, per quanto riguarda la D.E. preso com'ero dal problema dell'incontinenza non ho avuto troppo tempo per pensarci ma credo che ci voglia tanto tempo e pazienza anche per quanto mi riguarda dovrò fare una serie di sedute di radio terapie. Comunque Rosario volevo dirti che a parte dei momentini di caduta di morale sto di nuovo bene e anzi visto che la vita non si sa mai cosa ci riserva dopo parecchi anni che per motivi di lavoro non sono più riuscito ad andare in ferie domani parto per Catania per un paio di giorni di riposo.Comunque facendoti gli auguri ti dico che bisogna caricarsi psicologicamente e mettersi in testa che cisaranno momenti duri ma che poi comunque la vita ci riserverà ancora momenti piacevoli . CIAO e in bocca al lupo


ROSARIO
Membro
Messaggi: 4
Iscritto il: dom 21 nov 2010, 22:57

Messaggio da ROSARIO » gio 25 nov 2010, 22:43

Grazie Liviomes per le riflessioni

bisogna caricarsi psicologicamente ...... non è facile ....ma non è impossibile......fai bene a distrarti ....

Volevo chiederti ma questi esercizi di ginnastica pelvica per gestire la continenza è possibile visionarli su internet e su quale sito ?

Un grazie comunque a tutti voi per i contenuti delle vostre risposte : Inizialmente quando ho avuto il terribile referto ho pensato solo a quanto tempo mi rimaneva da vivere ... poi pian piano ho inquadrato la situazione ....... c'è solo da combattere e per fare questo devi avere forza ... forza che spesso puoi attingere anche attraverso uno schermo dove vi sono le testimonianze di persone che hanno vissuto e vivono il tuo stesso disagio.... spero che anche io possa a breve offrire il mio contributo


david52
Nuovo membro
Messaggi: 2
Iscritto il: mer 8 dic 2010, 19:51

Messaggio da david52 » mer 8 dic 2010, 20:17

Aggiungi un posto a tavola...........

E' capitato anche a me: Psa alto ... biopsia ... Gleason 9 ... tumore confermato aggressivo ... operazione radicale a gennaio 2011

Questa la parte tecnica. Ma tutto il resto da affrontare non è facile. Positività ...positività..positività! Mah! Alti e bassi di morale ; certi giorni più bassi che alti. Fa bene sentire anche altri che stanno affrontando o hanno affrontato già il problema (tumore : fa paura a volte pronunciarlo). Soprattutto fa paura il dopo operazione. Le conseguenze .Speriamo bene.

E pensare che quando stavo bene (o almeno credevo) ho letto un mucchio di libri sulla positività.

Saluti a tutti


GIUSEPPE
Membro
Messaggi: 734
Iscritto il: gio 14 ott 2010, 20:26

Messaggio da GIUSEPPE » gio 9 dic 2010, 3:19

Caro David,

apprezzo quello che scrivi.

In effetti così come ho letto in un libro: "Il cancro-anche quando curato con successo-porta con sè una percezione del nostro futuro e del suo valore diverso da come lo percepivamo prima, quando eravamo senza-il cancro".

Sai da quando mi venne diagnosticato(febbraio 2006)l'ho accettato come cancro cioè a dire una malattia curabile e in molti casi guaribile. Nel 2006 dopo l'intervento chirurgico mi sottoposi a sei mesi di trattamento chemioterapico dopo di che controlli periodici. Sto bene!..e continuo a contare anni 4 e mesi nove dall'intervento.. Certo l'ansia e l'angoscia di una recidiva continuo a viverla in occasione dei controlli sanitari periodici. Finita la terapia nel 2006 mi sentivo smarrito, anche i mie cari erano cambiati: in realtà eravamo e siamo semplicemente noi stessi,esseri fragili, con pò di paura postcancro ma con tanta tanta voglia di vivere.

Sono un appossionato di saggistica, per riguarda l'atteggiamento positivo mi piace questa definizione: "Essere positivo non è mostrarsi sempre scoppiettanti e iperattivi; è andare avanti, continuando ad affrontare le cose..

Un grande abbraccio

Pino


framar10
Nuovo membro
Messaggi: 2
Iscritto il: mar 14 dic 2010, 18:28

Messaggio da framar10 » mar 14 dic 2010, 23:31

scrivo per tutti quelli che hanno bisogno di attingere notizie e sopratutto confrontarsi con altri casi simili per capire che cosa ci aspetta .

ho 56 anni e sono stato operato di prostatectomia radicale nel giugno 2010 con sistema laperoscopico " robot da vinci".

psa iniziale 8,3 gleason 3+3 (successivamente l'esame biotico su refferto il gleason è passato a 4+3)

Dopo l'intervento ho dovuto portare il catetere per un mese oltre i sette giorni canonici,in quanto l'anastomosi uretro/vescicale non era ben salda.

A cinque mesi di distanza la continenza non è ancora perfetta ma grazie agli esercizi pelvici sto recuperando (un solo pannolino al giorno ).

Al momento psa azzerato ...il prossimo a gennaio vedremmo...

per quanto riguarda la potenza c'è da dire che nonostante la tecnica "nerve sparing" purtroppo ancora non ci siamo ma riesco ad ottenere buoni risultati con le prostaglandine iniettate direttamente sul pene (il farmaco si chiama caverjet ).

In ogni caso mi è stato detto che bisogna fare ginnastica peniena (erezioni con farmaci ))subito dopo l'intervento altrimenti quando ritorneranno le erezioni spontanee c'è il rischio che il pene non sia in grado di supportarle.

Per quanto riguarda l'umore devo dire che è altelenante ma rimanendo impegnato sul lavoro riesco a non pensare....ma ad ogni misurazione del psa l'incubo si presenta...

Spero di essere stato utile e se visitando il forum individuerò qualche situazione a cui posso rispondere lo farò volentieri.

coraggio a tutti


kamper
Membro
Messaggi: 35
Iscritto il: mar 21 dic 2010, 4:30

Messaggio da kamper » mar 21 dic 2010, 4:41

il 04 gennaio 2011 sarò operato per un carcinoma prostatico gleason 3+3 con robot da vinci, non vi dico la paura ma con il passare del tempo rassegnazione.

Mi informo tantissimo divoro internet mi vedo video sull'operazione mi leggo statistiche ecc. però l'esperienza diretta da voi è l'esempio più concreto che io possa attingere.

Grazie a quanti scrivono questo ci permette di confrontarci e sentirci un pò più forti.

Da parte mia cercherò di fare la mia parte appena avrò info.

Auguri a tutti


kenf69
Membro
Messaggi: 28
Iscritto il: dom 26 set 2010, 23:20

Messaggio da kenf69 » ven 24 dic 2010, 3:15

ciao kamper, noi ci siamo gia' passati e purtoppo sai come lo sapevamo noi che non c'e' scelta. anch'io chiaramente cercavo e leggevo tutto quello che trovavo, e ti capisco. un sincero in bocca al lupo, come vedi le testimonianze sono diverse. personalmente penso di essere piuttosto giovane ma che questo mi abbia anche aiutato, infatti non ho particolari problemi, a parte chiaramente la de per la quale comunque ho ottime prospettive. ho ripreso una vita normalissima e l'intervento mi sembra lontanissimo anche se sono passati pochissimi mesi. quello che posso dirti e' che certamente avrai momenti di sconforto nei giorni subito successivi all'operazione. stringi i denti, passera' tutto. io sono ancora convinto che il da vinci sia la miglio scelta, a patto che sia comandato da una persona con ampia esperienza, considerazione peraltro valida nel caso di qualsiasi intervento. ciao!


kamper
Membro
Messaggi: 35
Iscritto il: mar 21 dic 2010, 4:30

Messaggio da kamper » sab 25 dic 2010, 3:31

Ciao kenf69 sei molto giovane non pensavo che anche alla tua età ci si potesse ammalare, io ho 53 anni e sinceramente mi consideravo giovane per questa malattia invece mi devo ricredere, scusa la mia curiosità se mi puoi rispondere quando sei stato operate che grado gleason avevi? io sono di Padova tu di dove sei? cosa intendi per "de"? dopo quanto sei ritornato al lavoro? scusa se ti faccio troppe domande ma comprendimi

Grazie ciao e Auguri di Buon Natale


 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Tumore alla prostata”