Tumore alla prostata

Rispondi
ANTONIO59
Membro
Messaggi: 228
Iscritto il: lun 6 feb 2012, 17:33

Messaggio da ANTONIO59 » gio 16 ago 2012, 22:24

ciao topote....a settembre anch'io farò i controlli e successiva visita dall'urologo/andrologo...spero dia anche a me qualcosetta....mi raccomando facci sapere qualcosa

auguri


topote
Membro
Messaggi: 174
Iscritto il: ven 23 mar 2012, 21:13

Messaggio da topote » mar 21 ago 2012, 4:48

Per Antonio59: ho provato ad inviare un msg p.m., leggilo e dammi conferma. ciao


jo
Membro
Messaggi: 72
Iscritto il: dom 19 feb 2012, 0:00

Messaggio da jo » mar 21 ago 2012, 14:25

Voglio ringraziare in particolare, Domenic52 per le sue parole di speranza e per i suoi consigli.

Io sono uno che si trova al sesto mese dopo l'intervento e ha ancora l'incubo dell'incontinenza.

Sono felice di sentirti dire che all'ottavo mese (dopo avere insistito con gli esercizi) sei riuscito a vincere questa battaglia.

Ora insistero' di piu' con gli esercizi, mi sa che ho battuto un po' la fiacca, perche' io gli esercizi, li sto faccendo solo 2 volte al giorno.

Comunque da un paio di settimane a questa parte ho iniziato a prendere lezioni di equitazione e l'andatura del cavallo mi muove tutta la parte interessata e devo dire (senza dirlo troppo forte) che comincio a vedere qualche risultato, non so se e' il montare a cavallo o se e' per altro ma sembra che qualcosa stia cambiando.

Speriamo bene, per quanto riguarda la DE, sono ancora lontano anni luce, ma anche io non mi preoccupo troppo con questo aspetto del problema, sara' quello che Dio vuole.

Grazie a tutti per le vs parole di conforto e speranza.

j


up55
Membro
Messaggi: 6
Iscritto il: gio 23 ago 2012, 21:22

Messaggio da up55 » gio 23 ago 2012, 21:50

Sei anni fa circa, la prostatectomia radicale retropubica.Finalmente un luogo dove condividere le mie esperienze con quelle di altri compagni di strada.Ne avevo fortemente bisogno in quanto nessuno riesce a capire intimamente la difficoltà di superamento dell'abisso in cui sono caduto nel 2006.Ho ripercorso la strada a ritroso attraverso la lettura dei vostri messaggi e nonostante i disagi che ancor oggi devo superare non mi arrendo.E' un buco profondo ma la luce è talmente forte e rassicurante, che mi spinge a salire un gradino dopo 'altro con accanimento. Non ci riesco tutti i giorni, ma non mi arrendo.Un abbraccio a tutti voi.


Avatar utente
Fabrizio55
Membro
Messaggi: 143
Iscritto il: sab 19 mag 2012, 3:13
Località: Ancona

Messaggio da Fabrizio55 » ven 24 ago 2012, 3:01

ciao UP55... e "benvenuto" nel ns. club esclusivo....scusami ma ovviamente la mia è un battuta.

Devi scusarmi, ma leggere il tuo post denuncia da parte tua un certo senso di angoscia, di insofferenza...si insomma qualcosa che ancora ti provoca disagio.

Direi che, a distanza di 6 anni, leggere una tua testimonianza è già un buon segno...sai ci si accontenta di poco chi vive tale situazione...e poco non è.

Comunque magari ci (mi) piacerebbe conoscere la tua pregressa situazione (Psa di esordio - Gleason - tecnica chirurgica utilizzata e dove fatta) per capire meglio la tua situazione del momento e quali sono le tematiche di insofferenza attuali (ipotizzo DE e/o incontinenza).... vedi, mi sono reso conto io per primo, frequentanto questo forum (e credi ne avrei voluto ben volentieri farne a meno) che FORSE parlandone ed esponendo le proprie situazioni si aiutano gli altri a meglio comprendere e soprattutto si aiuta se stessi a meglio accettare quello che ci è capitato.

Se te ne va, se ne hai voglia...facci capire.

Un abbraccio sincero.


up55
Membro
Messaggi: 6
Iscritto il: gio 23 ago 2012, 21:22

Messaggio da up55 » sab 25 ago 2012, 4:53

Ciao Fabrizio55,hai ragione,avrei volentieri fatto a meno di frequentare questo forum ma è andata così.Forse abbiamo la stessa età, 57 anni, quindi la sintonia è doppia.Ho un miliardo di cose da dire ma mi limiterò al minimo indispensabile.La mia storia in breve.I primi fastidi li ho avuti nel 2004, quando mi accorsi che il getto della mia pipì non aveva "pressione". Mi preoccupai, ovvio, ma non potevo sospettare che oltre alla ipertrofia "qualcosa" tramava nell'ombra.Il PSA sin dall'inizio assumeva valori ballerini,6.62,7.24 e con qualche farmaco per curare l'ipertrofia tornava a 6.0 , ma .....dopo ripetuti tentativi di abbassare il PSA, un giorno toccai 9.25.Il tumore me lo scoprirono a Trieste.A giugno del 2006.Su dieci prelievi il nono risultò infiltrato da "adenocarcinoma medioacinoso(pG4, 2+2).Mi consigliarono la Prostatectomia radicale con fiducia e mi feci consigliare il nome del miglior chirurgo sulla piazza.Non sono ricco, anzi, ma ho fatto un mutuo per potermelo permettere.La vita è una e la volevo preservare dal punto di vista qualitativo al meglio possibile.Non posso rivelare il nominativo del professore qui, pubblicamente, ma posso farlo in via privata.L'umanità di quell'uomo mi dava forza per combattere.Ha mantenuto tutte le promesse che mi fece prima dell'operazione.Tutte.Che Dio lo preservi e lo assista per tutti i giorni ancora della sua vita. Il PSA prima dell'operazione fissata per settembre a Roma presso una clinica privata, era 9,35.Il 16 settembre ho parlato con Dio.Al mio risveglio il professore mi sorrise quando gli chiesi ancora semincosciente se mi aveva preservato i nervi.Mi rispose di si.Gli volli bene immediatamente. Sono stato dimesso tre giorni dopo e l'esame istopatologico rivelò un Gleason superiore a quello che diagnosticarono a Trieste (2+2).Il valore riscontrato fu 3+3.Ghiandola,vescicole,linfonodi e margini chirurgici indenni.Da quel giorno sono passati quasi sei anni.


up55
Membro
Messaggi: 6
Iscritto il: gio 23 ago 2012, 21:22

Messaggio da up55 » sab 25 ago 2012, 5:13

Fabrizio55 sono ancora qua.Dal giorno dell'operazione dopo circa due mesi, anche meno, cominciai a "toccarmi".Prendevo il Cialis per favorire la rivascolarizzazione dei corpi cavernosi e sotto il suo effetto "sentivo" qualcosa.Con la contrazione dei muscoli perineali cercavo di pompare sangue nei corpi stessi e intanto facevo ginnastica, come la chiamava il prof.Dovrei scrivere di particolari molto intimi e con termini espliciti, ma non so se posso su questo forum.La continenza, dal giorno che tolsi il catetere, faceva pena.Dei due problemi di cui tu parlavi ancora oggi mi da pensiero.Il pomeriggio se sono stanchi(i muscoli perineali)perdo urina in quantità esigue.Molte e molte gocce per intenderci.Ma perdo.La quantità e l'orario dipendono da quanto tempo e per quanto tempo ho fatto la ginnastica Kegels.Su questo aspetto mi piacerebbe confrontarmi con chiunque voglia farlo.Bene.Avremo modo di risentirci, anche con altri compagni di viaggio.Un abbraccio anche a te.


piccone65
Membro
Messaggi: 49
Iscritto il: lun 14 mar 2011, 14:18

Messaggio da piccone65 » sab 25 ago 2012, 6:15

Ciao Up55, la mia storia puoi andarla a leggere nei miei post precedenti.

Comunque, in breve, ho dieci anni meno di te, operato a novembre 2010 a cielo aperto, esame istologico pT3a gleason 3+4 - margine chirurgico apicale positivo - vescicole e linfonodi indenni e capsula superata. PSA dopo due mesi 0,052 e dopo 18 mesi 0,10 (controllato ogni 4 mesi, il prossimo controllo a settembre prossimo). Al momento non ho ancora fatto radioterapia (mi hanno detto di aspettare che il PSA raggiunga almeno 0,2- 0,4).

Continenza in pratica quasi subito ok. DE invece usato da dopo un mese cialis da 20 mg tre volte alla settimana senza particolari effetti. Da 11 mesi dopo operazione ho cominciato con levitra da 20 mg al bisogno con maggiori effetti (riuscivo a penetrare inizialmente senza però mantenerlo fino alla fine). Attualmente, a 21 mesi dall'operazione, con levitra da 5 mg riesco ad avere un rapporto completo come prima dell'intervento e senza aiutino riesco a penetrare, mantenerlo per un pò ma non riesco ad averlo completo.

Premesso ciò, ti vorrei chiedere: tu a sei anni dall'operazione, quale è la tua situazione attuale in fatto di erezione e quale è il valore del PSA ultimo che hai fatto ?

Ti ringrazio se mi vorrai rispondere, anche perchè non c'è niente di male se racconti la tua esperienza per quanto riguarda la funzione sessuale negli stesi termini in cui ti ho raccontato la mia.


jo
Membro
Messaggi: 72
Iscritto il: dom 19 feb 2012, 0:00

Messaggio da jo » sab 25 ago 2012, 14:01

Ciao a tutti,
Devo confessare che leggendo le parole di up55 sono stato assalito dall'angoscia.

Io speravo che dopo 6 anni, il problema fosse ben alle spalle e la brutta esperienza fosse quasi dimenticata.

Invece intravedo dalle sue parole una sofferenza ancora presente a distanza di tutti questi anni.

Mi piacerebbe sapere se ci sono altri amici qui nel forum che hanno fatto l'intervento da cosi tanto tempo e possono dirci parole piu' confortanti?

Adesso che le cose cominciavano ad andare bene per me, le parole di up55 mi fanno venire dei dubbi.

Il mio intervento come sapete e' di febbraio scorso (a 58 anni) e solo ora comincio a vedere dei buoni risultati per quanto riguarda l'incontinenza e ho la speranza di riuscire a chiudere il "rubinetto" completamente.

Fino ad ora la mia preoccupazione principale e' stata quella dell'incontinenza, tant'e' che la DE non aveva occupato i miei pensieri piu' di tanto, il medico mi aveva consigliato di prendere cialis 2 volte alla settimana e mi ha anche dato dei campioncini che sono ancora dentro al cassetto, avevo deciso di non usarli, tutto doveva avvenire in modo naturale, altrimenti pace.

Poi questa settimana, improvvisamente c'e' stato un risveglio spontaneo, e per 2 giorni consecutivi ho ripreso la mia vita sessuale con la stessa intensita' di prima dell'intervento.

Come sapete, ho attribuito questo mio ricupero agli esercizi ippici che sto facendo ultimamente.

Dopo queste esperienze, i commenti di mia moglie sono stati: "devi continuare ad andare a cavallo" ;)

A inizio settembro devo fare il secondo controllo del PSA (ogni 3 mesi) speriamo che tutto stia andando bene anche da quel lato.
j

ps:

Ma la ginnastica perineale, la si deve fare per tutta la vita?


up55
Membro
Messaggi: 6
Iscritto il: gio 23 ago 2012, 21:22

Messaggio da up55 » dom 26 ago 2012, 3:09

Chiedo scusa a tutti gli amici che si sono un pò angosciati per l'amarezza delle mie parole.Non era mia intenzione. Purtroppo ricordo quel tempo ogni volta che una goccia di urina esce indesiderata per i fatti suoi. La situazione, voglio precisare e tranquillizzare è per me ottimale.Almeno fino alle 17.00-18.00 di ogni giorno.Se sono stanco a quell'ora mi deprimo un pò. Perdonate, ma non riesco a girare pagina.Cerco di essere ottimista ma per me è dura perchè sono stato pessimista tutta la vita. Mi rifugio in Dio, la sera, e ciò mi dà forza.La ginnastica perineale secondo me va fatta per tutta la vita. E' come andare in palestra. Se vuoi i muscoli potenti e delineati li devi allenare. Altrimenti perdono tono ed efficacia.Almeno questo è il mio parere.La continenza, l'avete capito, è il mio cruccio.Si, sono stato istruito su come dovevo fare gli esercizi di Kegel, cosa dovevo contrarre e cosa dovevo tenere immobile.Forse li faccio male e quindi il risultato non è soddisfacente(questa è la mia speranza)e stavo perfino pensando di rivolgermi ad una struttura specializzata.Se risolvessi questo problema, l'operazione con quello che l'ha preceduta e poi seguita sarebbe solo un brutto sogno.Passato.Le funzioni sessuali le ho recuperate al 100%.Prendo meno Levitra io che i miei amici che hanno ancora la prostata al loro posto.Per me è fonte di grande soddisfazione.Penso sempre al mio professore.Me lo aveva promesso.La dose di Levitra è 3/4 di pillola da 5 mg. 3,75 mg quindi.E mi sembra di avere ancora 18 anni.La cosa, se mi consentite una piccola divagazione tra il mistico e il religioso,e non pensate "questo è pazzo",è andata esattamente come io l'avevo chiesta al Padreterno.Sul lettino, mentre mi portavano in sala operatoria.Gli ho chiesto ancora un pò di vita e spingendomi oltre, anche il mantenimento delle mie funzioni e poi la continenza.Eccomi, quindi, sono così come Lui ha voluto.A me sta bene.Non ditemi quindi" beh di cosa ti lamenti?".Non mi lamento, ma sicuramente il mio pessimismo, rafforzato da questa esperienza vissuta a 51 anni, si è moltiplicato ed ulteriormente radicato.Non riesco semplicemente a farmela scivolare addosso. Ah...il mio PSA a maggio scorso contava 0,07.Confermando l'uguale valore di sempre.


 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Tumore alla prostata”